SEZIONE TEMI SCUOLE ELEMENTARI

 

 

Scuola Elementare Italiana di Buie – Croazia  

Victoria Savron  - Classe IV

Un sacco di patate dalla terra gialla – racconto basato sulla tradizione orale    

 

 

Sscuola Elementare Italiana di Buie – Sezione di Verteneglio – Croazia 

Martina Lakošeljac - Classe IV

I nostri veci ne conta                                                                                                 

 

 

Scuola Elementare Italiana “Bernardo Benussi” di Rovigno – Croazia 

Ilaria Poropat - Classe V

Il nonno racconta                                                                                                      

 

 

SElementare Italiana “Belvedere” di Fiume – Croazia 

Lea Segnan - Classe VIII

Nonna                                                                                                                      

 

 

Scuola Elementare Italiana “Gelsi” di Fiume – Croazia 

 

Albert Merdžo - Classe VI

I ricordi della mia prozia                                                                                            

 

Marta Močinić - Classe VI

I ricordi di mio nonno Vittorio                                                                       

 

Federica Sirsen - Classe VII      

I miei nonni raccontano…                                                                                         

 

 

Martina Baricević - Classe VIII

La giovinezza e i divertimenti di due fiumani -

intervista a mio nonno Mario e mia nonna Rina                                               

 

Edvin Calderara - Classe VIII

La nonna ai tempi della scuola                                                                       

 

Luca Dessardo - Classe VIII

Una voce in contrasto                                                                                               

 

Morena Oštarić - Classe VIII

Mia nonna da giovane                                                                                   

 

 

Scuola Elementare Italiana “San Nicolò” di Fiume – Croazia

 

Nina Kundić – Filčić Classe III

I nostri nonni ci raccontano...                                                                                    

 

Odri Stanković - Classe III

I nostri nonni ci raccontano...                                                                                    

 

Valnea Ivašić- Classe IV

I nostri veci ne conta...                                                                                  

 

Dora Persić - Classe VI

I nostri nonni raccontano...                                                                                        

 

 

Scuola Elementare Italiana “Galileo Galilei” di Umago – Croazia 

Lina Kodela Pacenti - Classe VII

I nostri nonni ci raccontano                                                                                       

 

 

Scuola elementare Italiana “Giuseppina Martinuzzi” di Pola – Croazia

 

Anna Buić - Classse III      

Il nonno racconta - Antonio Smareglia,

un personaggio meritevole della mia città                                                                   

 

Lorna Šabić - Classe III

La nonna mi racconta                                                                                                

 

Istvan Tapai - Classe IV

I nostri veci ne conta                                                                                                 

 

Bianca Koležnik - Classe V

Fasana nei ricordi di mia nonna                                                                                 

 

Debora Moscarda - Classe V

I nostri nonni ci raccontano                                                                                       

 

Roberta Sandri - Classe V

I nostri nonni ci raccontano                                                                                       

 

Valentina Slipčević - Classe V

Giochi di una volta                                                                                                    

 

Sara Ušić - Classe V

I nostri veci ne conta…                                                                                             

 

Roberta Banko - Classe VI

I nostri nonni ci raccontano                                                                                       

 

Sara Prpić - Classe VI

I giochi che facevano i miei nonni                                                                               

 

Stefano Revelante - Classe VI

I nostri nonni ci raccontano                                                                                       

 

Elena Vian - Classe VI

I nostri nonni ci raccontano                                                                                       

 

Natali Frlan - Classe VII

I nostri nonni ci raccontano                                                                                       

 

Isabella Matticchio - Classe VII

I nostri nonni raccontano

                                                                                             

Maura Runco - Classe VII

I nostri nonni ci raccontano                                                                                       

 

 

Scuola elementare Italiana “Giuseppina Martinuzzi “ di Pola - Sezione di Gallesano – Croazia

 

Melania Duras               Me nono picio

Cristina Moscarda         Me nono a pascolà i mansi e le vache

Marina Matticchio         Me nono moré

Classe III                                                                                                                 

 

 

SEI “Dante Alighieri” di Isola d’Istria - Slovenia

 

Massimiliano Bevitori  - Classe III

Go imparà una lesion                                                                                                

 

Victoria Bižal - Classe III

I ricordi della mia bisnonna                                                                                        

 

Miguel Frumen - Classe III

La cucina isolana                                                                                                       

 

Eleonora Cvetkovič e Sabrina VasičClasse IV

I soghi de una volta                                                                                                   

 

Sebastian Božič - Classe VI

E me nona me ga contà                                                                                             

 

Michele Bevitori - Classe VIII

El porto no xe più quel                                                                                  

 
 

UN SACCO DI PATATE DI TERRA GIALLA

Racconto basato sulla tradizione orale

 

3 ° PREMIO Categoria  Scuole Elementari Italiane  Slovenia - Croazia 1° - 5° classe

 

 motivazione: Nessuno potrebbe pensare che in un sacco di patate cresciute nella “terra rossa” istriana, portate in spalla da Gambozi fino a Trieste vi potesse essere tanta “storia”. Il lavoro per farle crescere, la speranza che il raccolto servisse a “tirar avanti una famiglia per una settimana”. Il viaggio, l’attesa per la vendita ad un cliente che non sapeva apprezzarne la qualità. E’ un po’ la storia della vita che si ripete all’infinito, quando ci si vede costretti dalla stupidità umana, a mentire pur di affermare la qualità del proprio lavoro e quando  . . .  una patata raccolta nella “terra rossa”  per sembrare più buona, deve sembrare coltivata nella terra gialla. L’uomo resta protagonista di questa infinita difficoltà del vivere, sempre dibattuto tra l’essere o l’apparire.
 
Victoria Savron

Classe IV - Scuola Elementare Italiana

 Buie - Croazia

 

Questo è un racconto vero. Così me l’ha raccontato mio padre che a sua volta l’ha sentito dire da un vecchio signore di Gambozi che chiameremo Piero. Questo signore non è più con noi e quello che gli è successo avvenne tanti tanti anni fa, all’inizio del secolo scorso quando da queste parti si andava ancora a Trieste con la Parenzana. Questo sì che era un bellissimo treno e questo è un bellissimo racconto. Ora ve lo dico:

 

“Fio mio, una volta no iera come ogi, tute queste machine e tute queste boteghe. Una volta se tirava avanti con un saco de patate,“ diceva il signor Piero.

Per “tirare avanti”, cioè per vivere dignitosamente, bisognava ogni tanto vendere qualche prodotto dalla campagna. Il Signor Piero così ogni tanto vendeva qualche sacco di patate. Questo però non era così facile. Bisognava caricare il sacco in spalla e portarlo da Gambozi fino a Caldania dove c’era la stazione della Parenzana. Li si prendeva il treno e si andava a Trieste dove bisognava vendere le patate come uno sapeva. Un giorno il signor Piero fece proprio così: portò il sacco a Caldania, prese la Parenzana e andò a Trieste. A Trieste trovò dei signori che volevano comprare le patate. Vedendo però che queste provenivano dalla terra rossa dell’Istria non le vollero:

“Noi volemo le patate de tera giala!” dissero, e il povero Piero dovette caricare di nuovo il sacco di patate sulle spalle e, di nuovo con la Parenzana, ritornare a casa.

In quei tempi, chissà perché, a Trieste non apprezzavano i prodotti agricoli dalla terra rossa. Forse la gente di città s’intende poco della campagna. Basta dirvi che qualche anno fa è arrivato a Buie un bambino di dieci anni dalla città di Milano. Vedendo l’uva che bolliva nei tini, l’uva che fermentava, si è messo a cercare il fuoco sotto la botte! Ma questa è un’altra storia. Ritorniamo dal signor Piero. Lui sì che l’aveva dura perché Gambozi è situato in pieno Carso dove non c’è terra gialla. Cosa fare per “tirare avanti?”

Arrivato a Caldania gli venne un’idea brillante. Lì c’era un pozzo d’acqua per dare da bere agli animali. Quella volta, ma questa è una tradizione che risale agli antichi istri, nei pozzi d’acqua del Carso si metteva l’argilla, la terra gialla che non lascia passare l’acqua. Questa sigillava le pareti del pozzo e l’acqua rimaneva lì finché non era consumata dagli animali. Allora il signor Piero prese un bel pezzo d’argilla e ritornò a casa.

Durante la notte sciolse l’argilla in un po’ d’acqua e con questa lavò le patate, una per una. Il giorno dopo prese di nuovo il sacco di patate e ritornò a Trieste. Andò dai signori che volevano le patate e disse:

“Siori, ve go portà le patate de tera giala!”

Visto le patate gialle, i signori le comprarono e lui poteva così fare la spesa per tirare avanti.

Dopo una settimana, o due, il signor Piero doveva di nuovo andare a Trieste per fare la spesa. Di nuovo lavò le patate con acqua e argilla e partì. Arrivato a Trieste i signori gli vennero incontro dicendogli:

“Finalmente sior! Noi lo spetemo giorno dopo giorno. El ga ancora quele bonissime patate? No gavemo mai magnà patate cussì bone!”

Da allora il signor Piero ritornava a Trieste ogni settimana con un sacco di patate e si tirava avanti piuttosto ben. Che io sappia, lui non ha raccontato a nessuno questa storia al di fuori che a mio papà. Forse aspettava che tutta la gente di città apprendesse il gusto delle patate gialle coltivate nella terra rossa del Carso di Buie.


 

I NOSTRI VECI NE CONTA...

Martina Lakošeljac

Classe IV

Scuola Elementare Italiana di Buie – Croazia

Sezione periferica di Verteneglio

 

I nostri veci ne conta che vignerà la fine del mondo, “mille non più mille”.

I veci ne ga dito che non i volesi eser vivi quando la galina farà l’ovo dopo pranzo perchè non porta ben.

I veci ne contava che i giovani no i ga più tempo per niente perchè i lavora sempre, inveze i veci el sabato i fazeva festa e la domenica i andava a messa.

Quando i vedeva i grandi usei che svolava i diseva che iera i grandi aparechi.

I diseva che vignerà le caroze senza i cavai e infati se vegnude le veture.

Del 50-55 la gente andava via de casa a Trieste, Milano ecc. Un uomo el gaveva dito che i se perderà e iera proprio cusì.

A quei tempi i iera contenti perchè iera magnar naturale, pulenta e scrobuli bianchi.

Col lardo se fazeva el savon. Con la lana della piegura se fazeva le maie, le calze, le braghe ecc. Quela volta non iera i tratori per lavorare in campagna, ma iera i manzi.

L’acqua non iera in casa e se la portava a casa con le brente sule spale o sulla testa con la mastela. El pan se fazeva casa perchè iera poche boteghe e la gente gaveva pochi soldi.

Per magnar la carne bisognava mazar un porco perchè in te le boteghe iera carne, ma la costava sai. El fien se lo ingrumava col rastel e se lo menava a casa in tel caro.

Con le foie del formenton se fazeva el paion. Tuto questo che i veci ne conta non proveremo più.

 

Testimonianze orali:      Elda Turina,  anni 54

                                   Anita Palčić, anni 84

Raccolte da:    Martina Lakošeljac, anni 10


 

IL NONNO RACCONTA

 

2 ° PREMIO Categoria  Scuole Elementari Italiane  Slovenia - Croazia 1° - 5° classe

 

  motivazione: Nulla di un passato difficile, solo la poesia di una vita vissuta nell’amore. Amore per la nipote che coinvolge nel suo meraviglioso mondo che “respirava a pieni polmoni” fatto de  . . .  “l’odor salmastro del mare, i gabbiani e poi, se c’era il vento e le onde, e la risacca, il profumo del pino silvestre, e il frinir delle cicale e infine eccolo  . . . il mare”. Particolarmente apprezzabile l'immediatezza del fresco dialetto istrioto di Valle nei dialoghi tra nonno e nipotina.

 

 

Ilaria Poropat

Classe V Scuola Elementare Italiana “ Bernardo Benussi”

Rovigno - Croazia

 

Ci andavamo spesso con nonno Piero per quella strada tortuosa bianca e polverosa che da Valle porta alle Canole dove il nonno ha la campagna. Quanta polvere ricordo, mangiavamo mentre le nostre bici, scendevano veloci senza pedalare. Nonno mi lasciava sempre davanti facendomi credere che io fossi più veloce di lui. Oggi invece so’, mi lasciava davanti perché non mangiassi la polvere che avrebbe alzato la sua bici. Talvolta, quando essa era particolarmente asciutta nonno, furbacchione per non essere avvolti in una nuvola di polvere mi diceva:- Speta picia zemo pian che ti conti na’storia. Daghe de contrapedal:- Io allora frenavo e lui pure:- Dai nonu contami sta storia:-

Intanto la polvere come d’incanto spariva. Allora il nonno rideva sotto i baffi. Furbacchione il nonno. :- Una bella maitina ie sta a ingruma i sparizi, iera za pasade za le gnove d’un colpo la ie vista, la durmiva, la iera bella ma pericoloza, iera una carsedana:- Io essendo piccola non sapevo cosa volesse dire carsedana:- Ma nonu che ze la carsedana?:- Lui rispose:- Picia meia la carsedana ze un serpo velenoz però, nosta a intrigami e speta che finisi da favela:- Io allora essendo impaziente non aprivo bocca ma i miei occhi di bambina curiosa brillavano nell’ascoltar. Allora il nonno con voce rauca continuava:- Allora ie sta a cio el baston, ie sta drio de iela e con el baston ghi ie da per el cao:- Come mi sembrava forte coraggioso il mio nonnino come quello dei cartoni animati. E intanto si sentiva l’odor salmastro del mare i gabbiani e poi, se c’era il vento le onde, e la risacca, e il profumo del pino silvestre, e il frinir delle cicale e infine, eccolo il mare. Com’era bello, limpido. Nonno scendeva dalla bici prima di me, come amava lui quel mare e quella spiaggia di ciotoli bianchi. Sembrava ritornar bambino. :- Dai su picia zemo al mol grando a cata qualche granso povero:- Respirava a pieni polmoni. Era quello il suo mondo. La natura incontaminata. Era bello correre dietro a nonno. Sembravamo due bambini. Lì in lontananza, le isole delle Brioni, più vicino gli scogli di Gustigna e Saiba. Qualche barchetta con pescatori. E poi via salivamo sulle nostre bici contenti; Le Canole ci aspettavano. Son passati gli anni non tanti, io sono ormai cresciuta, nonno è un po’ più vecchio la neve ha ormai coperto i suoi capelli. E ride solo raramente. Al mare non ci va più perché non c’è più quella strada tortuosa bianca e polverosa ne si sente più l’odor del pino silvestre ne frinir delle cicale, ne il gabbiano. Hanno costruito alberghi, cemento, ringhiere, parcheggi e non è più quello il suo mondo. Gliel’hanno portato via.


NONNA

Lea Segnan

Classe VIII

Scuola Elementare Italiana “ Belvedere ”

Fiume - Croazia

 

 Mia nonna spesso afferma che Fiume è la più bella città al mondo. Ogni sabato mattina si reca in centro, per fare una passeggiata lungo il Corso e poi va a bere un caffè, in uno dei tanti bar o pasticcerie. Mi piace quest’abitudine della nonna, così vado speso con lei. Allora lei si mette a raccontare di com’era la sua gioventù e com’era una volta la città che tanto ama.

La nonna è nata in un piccolo paesino in Italia. Assieme al fratello e ad altre due sorelle ha trascorso l’infanzia sulle rive dell’Isonzo. C’era la guerra e molta povertà e sebbene talvolta ci fosse solo polenta da mangiare, la nonna dice di aver trascorso un’infanzia felice.

Suo papà, prima della guerra, lavorava nei cantieri navali di Monfalcone. Non voleva iscriversi al partito fascista e per questo motivo rimase senza lavoro. Tirava avanti con dei lavoretti saltuari che trovava di tanto in tanto. Anche a lui, come a tutti gli adulti, piaceva ricordare la sua giovinezza e spesso parlava di una città dove aveva fatto il militare. Era una città ricca di magnifici palazzi, d’ampi viali e piazze, di parchi e fontane, di cinema e teatri. Si trovava sul mare e aveva un grande porto, sempre pieno di navi. La città era attraversata da un confine che il nonno, come militare, non poteva attraversare, così con il binocolo guardava l’altra parte, che apparteneva ad uno stato diverso.

Ascoltando i racconti di suo padre, su questa città bella e ricca, la nonna spesso fantasticava della vita lì. Nei suoi sogni immaginava le signorine ben vestite e i giovani che danzavano nelle sale da ballo, numerose in quella città. Vedeva le persone che passeggiavano lungo il Corso o che si recavano a fare il bagno d’estate. Cercava di raffigurarsi il grande teatro e le opere che vi erano rappresentate, oppure i tè danzanti, con tanti giovani, che lì si tenevano.

Finita la guerra suo padre venne a sapere che in questa città c’era bisogno d’operai per il cantiere. Partì e trovò subito lavoro. C’era tanto da fare e ben presto anche il fratello maggiore seguì le orme del padre. Alcuni mesi più tardi anche la nonna intraprese il primo viaggio della sua vita per arrivare nella città tanto fantasticata. Aveva allora quattordici anni ed era entusiasta. La città era anche più bella di quanto lei aveva immaginato.

Erano molti quelli che erano venuti a Fiume in cerca di lavoro, ma purtroppo erano ancor più numerosi quelli che abbandonavano le proprie case. La nonna era troppo giovane e troppo felice, per capire quanto i tempi fossero difficili e quanto gravi le sventure che avevano colpito la città. Quando i suoi genitori cominciarono a pensare di fare ritorno in Italia, lei si oppose fermamente, dicendo che sarebbe rimasta qua. E così rimasero tutti. Ben presto ottennero un quartiere in Corso, abbandonato da una famiglia che si era trasferita in Italia. Mentre suo padre temeva di rimanere di nuovo senza lavoro, perché non voleva iscriversi nel partito comunista, la nonna felice, dalla finestra della sua stanza, guardava il mare, le navi e le persone che passeggiavano lungo il Corso.

Finì la scuola e trovò lavoro. Ad un ballo conobbe un bel giovane, di buone maniere, del quale s’innamorò. La gioventù, l’amore e la città facevano sperare in un futuro migliore. La nonna era felice e non ha mai rimpianto che la città dei suoi sogni è diventata realtà.


 

I RICORDI DELLA MIA PROZIA

Albert Merdžo

Classe VI

Scuola Elementare Italiana “Gelsi”

Fiume - Croazia

 

Il Carnevale è da sempre stato festeggiato da grandi e piccini.

La prozia mi ha raccontato che ai suoi tempi, il Corso si riempiva di persone mascherate di ogni età, tutte allegre e festose. Venivano organizzate delle magnifiche sfilate nelle quali si potevano veder comparire le più svariate maschere e travestimenti: Pierrot, marinai, moretti, personaggi storici come Napoleone, signori e dame del Settecento, Rondinelle ... Si organizzavano cortei immensi con carri allegorici spettacolari che facevano il giro della città e andavano fino ad Abbazia. Il Corso era tutto addobbato da nastri, bandiere e coriandoli, perciò i servizi del Comune avevano un gran da fare per ripulirlo. Vi erano balli in maschera per i bambini alla fine dei quali la maschera più originale veniva premiata. I balli per gli adulti venivano di solito organizzati presso il Palazzo del Governatore oppure all’aperto, su grandi terrazze.

Da Castua scendevano i cosiddetti “zvončari”, con una maschera di toro, la pelliccia di capra e una campana appesa alla schiena. Era abitudine che si recassero a bussare di porta in porta e la gente donava loro denaro, oppure frittole, crostoli e krapfen, dolci tipici di questo periodo.

I vecchi fiumani amavano molto il Carnevale e sapevano divertirsi in allegria. La mia prozia non era proprio il tipo di persona che le piaceva ballare e fare pazzie. Gli amanti del Carnevale erano i suoi fratelli più piccoli, che si mascheravano e andavano volentieri al ballo.


 

I RICORDI DI MIO NONNO VITTORIO

Marta Močinić

Classe VI

Scuola Elementare Italiana “Gelsi”

Fiume - Croazia

 

Mio nonno Vittorio è ormai in pensione da parecchi anni, però ha sempre qualcosa da sbrigare. Lavora nell’orto, ripara qualcosa in casa, oppure fa la spesa, legge il giornale oppure, fa semplicemente compagnia alla nonna.

Io, un bel giorno, ho deciso di rubargli qualche minuto per fargli una piccola intervista sugli usi e costumi della nostra città. E' inutile precisare che il nonno è stato ben lieto di aiutarmi con i suoi ricordi.

 

Nonno, mi puoi raccontare come trascorrevi il tuo tempo da giovane?

“Guarda, era il periodo dopo la II Guerra mondiale. C’era la fame, bisognava lavorare molto e pensare a un futuro migliore. Purtroppo, erano anche gli anni dell’esodo e i miei migliori amici se ne stavano andando uno dopo l’altro. Alcuni partivano per l’Italia e altri invece oltre Oceano. Con tutta la confusione che c’era, in città si trovava, per fortuna, anche un po’di tempo per lo svago e il divertimento.”

Ti piaceva ballare?

“Si, mi piaceva tanto ballare con le nostre ragazze fiumane, che per me restano sempre le più belle al mondo. Io abitavo ai Pioppi e il sabato uscivo a ballare. Se c’erano soldi si prendeva il tram, in caso contrario, si andava a piedi. Mi piaceva andare ai Giardini dove suonava l’orchestra e dove spesso c’erano le feste tradizionali: quella dei pompieri, dell’uva…

Più tardi mi sono comprato la vespa e dopo, la mia prima automobile, una Topolino grigia. Allora si che giravo fino a Volosca, Abbazia e, a volte, Castua e Grobnico per le feste di paese.”

Quali balli ti piacevano e che canzoni ascoltavi?

“Mi piaceva ballare il walzer, la mazurca e il tango. Ballavo con “La mula de Parenzo” e adoravo tutte le canzoni di Modugno e di Gino Latilla.”

E per Carnevale, che cosa succedeva a Fiume?

“Faceva sempre freddo e qualche volta nevicava. Però, il Carnevale era il massimo. Tutta la “mularia” si mascherava, bastavano pochi stracci e il viso sporcato di carbon dolce per essere allegri. Si andava in giro per le case dove ci offrivano crostoli, fritole e un bicchiere di vino. Nella “Sala Bianca” si organizzava il concorso per le maschere più originali e i premi erano sempre scherzosi. Il giorno delle Ceneri si bruciava Mate, il pupazzo fatto di stacci, da Samarich a Zamet. Si mangiava, beveva e cantava con la fisarmonica pensando che tutte le disgrazie erano finalmente finite. Questo era il vero folclore fiumano.”

Quali erano le feste più belle in città?

“Le vere feste erano Natale e Pasqua. Ricordo per Natale i regalini, lo strudel e l’oresgnaza di mia madre, fatta con molta pasta e poche noci.

Il profumo lo ricordo ancora. E poi, per Pasqua le pinze e i siseri. Si andava a Messa con il vestito nuovo, ben stirato. Il Lunedì dell’Angelo, di solito impiegavo qualche oretta a scambiare quattro chiacchiere con gli amici in osteria a Valscurigne.

Ma la festa più bella era San Vito. Partecipavo sempre alla processione. Ricordo la piazzetta San Michele tutta adornata. C’era la tombola e il ballo serale in piazza Dante.”

Nonno, hai ancora qualche ricordo?

“Mi piaceva tanto andare al cinema “Armonia” perché il biglietto d’entrata costava poco, oppure al “Fenice”.

Le giornate al mare, riempivano di gioia l’estate. Noi fiumani ci trovavamo al bagno “Nettuno”. Poi ricordo le salite domenicali sul Monte Maggiore e le gite in Istria.”

Ma il tuo passatempo preferito?

“Il calcio, il mio grande amore. Lo stadio di Cantrida la domenica. Tifavo con tutto il cuore per la mia “Olimpia” e oggi il nostro “Rijeka”. Se la squadra del cuore vinceva, si beveva qualche bicchierino in più e si tornava a casa tardi la sera allegri.”

E oggi, oltre ai ricordi, che cosa rimane?

“Restano le passeggiate per Cantrida, per il nostro Corso, qualche chiacchierata con gli amici. Ogni tanto il gioco della briscola e del tressette. Trascorro le mie giornate serenamente, con i ricordi che mi fanno compagnia. In essi rivedo tutti i miei amici, alcuni vivi, altri sparsi per il mondo o purtroppo scomparsi. Questi bei ricordi non me li ruba nessuno.”


 

I MIEI NONNI RACCONTANO…

Federica Sirsen

Classe VII    

Scuola Elementare Italiana “Gelsi”

Fiume - Croazia

 

Ho fatto una piccola intervista ai miei nonni su come, in gioventù trascorrevano il tempo libero e su quali erano i giochi preferiti delle ragazzine e dei ragazzini di sessant’anni fa.

Sarà solo una mia impressione, ma sembra che, il solo tornare indietro nel ricordo degli anni, faccia sparire dal viso dei nonni qualche ruga di troppo e vi faccia invece apparire un sorriso di compiacimento.

Una pagina meravigliosa di vita, la fanciullezza.

Ad iniziare è nonna Silvana, quartiere San Nicolò, punto dei giochi: “la rotonda”.

“Si trattava di un girotondo con una bambina nel bel mezzo e si cantava una filastrocca che diceva più o meno così

… ma quante stelle avete madama del re… se le ho me le tengo. Ma la più bella me la prendo madama del re…   ecc. Il girotondo spensierato e gentile proseguiva ed era ben più lungo di quanto ricordo ancora.

Il salto della corda in gruppo, era un gioco vivace, brioso e molto impegnativo. La corda veniva roteata alle due estremità e la difficoltà consisteva nell’entrare e uscirne seguendo un ritmo ed una velocità beni precisi e costanti. Il salto della corda al singolo, era gioco di bravura e resistenza. Il gioco fiumanamente detto “a nascondiglio” esaltava l’idea nel trovare il posticino più recondito dove nascondersi. Immaginarsi le sorprese, gli strilli indispettiti di noi bimbi e la corsa sfrenata a perdifiato verso la “poma” per porsi in salvo. E poi “el ti ti la gà” che ci faceva correre più veloci che mai.

Ma il gioco “dei pegni” ci faceva stare con il cuore in sospeso. Vi partecipavano ragazzini d’ambo i sessi. Ognuno era rappresentato incognitamente da un aggettivo che venivano poi mescolati. Il “capobanco” sentenziava: “Questo oggetto ha l’obbligo di dare la mano alla prima persona che passa per la via… Quest’altro oggetto deve dare un bacino al possessore di quest’oggetto qui” (naturalmente era una bambina !!). Figurarsi l’imbarazzo e l’ilarità generale. Il gioco era molto interessante se il capobanco era fantasioso e bizzarro.

L’estate ci portava al mare e liberi da impegni scolastici (mamma, che fatiche inumani!). Era un tuffarsi e rituffarsi dalla grotta preferita con il simpatico gioco dei numeri. Sulla spiaggia, più tardi, con il rinfrescante maestrale, le bambine si destreggiavano nel giochetto dei sassolini. Cinque sassolini tondi, tondi venivano gettati a turno in aria e recuperati con l’aiuto di una sola mano. Questo era un gioco di abilità.”

Notoriamente chiacchierone il nonno ha seguito a ruota la nonna nel suo racconto. “I nostri giochi – dice- si differenziavano da quelli delle “mule”. Al primo posto, a fare da padrone, era il calcio. Il pallone era la “bala de straza”, confezionata in casa e il grande problema era trovare la … materia prima, cioè un bel paio di calze. La calza abilmente lavorata e riempita di stracci era il surrogato del mitico pallone. Le regole del gioco? Tre corner equivaleva ad un rigore e per le altre infrazioni veniva applicata la legge del più forte.

Il gioco delle “s’ciafete” era un po’.. “vivace”. A turno si rifilava uno schiaffo sulla mano messa sul retro della schiena. Si doveva indovinare l’autore della “menata”. Le “s’cinche” o “vetrize”, ovvero le biglie, ci impegnavano seri, seri, accovacciati come ranocchi.

Simpatico il gioco delle cartine che venivano recuperate dalla pubblicità d’allora, con vari personaggi in auge all'epoca. Le cartine venivano lanciate con un tocco delle dita per farle arrivare il più lontano possibile e si concludeva con un sorteggio.

Pesantuccio il gioco dello “zucchero e caffè”. Sei o sette ragazzi piegati sul tronco e stretti uno all’altro, formavano una coda quanto più corta possibile. Gli altri saltavano a cavalcioni sopra questa coda di schiene. Se cedevano si gridava “Caffè!” e se si resisteva “Zucchero!”. Poco lontano, magari, le bambine si divertivano con il gioco dello “zip – zop”: Saltando su un piede spingevano un sassolino su uno schema disegnato sull’asfalto, oppure si esibivano ne “Le belle statuine”.

C’erano poi giochi messi su dalla fantasia, ispirati dai vari romanzi d’avventura d’allora o dai film Hollywoodiani. I parchi si trasformavano in estese praterie, un tronco trovato in mare, diventava un misterioso vascello.

Più tardi giunse un altro bel “gioco”, sulle note di tante canzoncine, quindi dei primi passi di danza. Numerose le salette da ballo allora a Fiume. Forse oggi sembra inconcepibile, ma allora le ragazzine venivano seguite, magari da lontano, dallo sguardo delle loro mamme. Tra le note musicali dei valzer, dello slow e dello swing non ci accorgemmo di essere ormai vicini alla fine di quel meraviglioso, magico periodo, chiamato gioventù.”


 

LA GIOVINEZZA E I DIVERTIMENTI DI DUE FIUMANI

(Intervista a nonno Mario e a nonna Rina)

 

3° PREMIO Categoria Scuole Elementari Italiane  Slovenia - Croazia VIª - VIIIª classe

 

 motivazione: In questa lunga intervista a Nonno Mario e a Nonna Rina , veci fiumani, la nostra Martina riesce con una serie stringata di domande a far parlare i nonni dei più vari aspetti della loro lontana infanzia.. Ne esce un quadro di una Fiume antica, con il rispetto radicato verso gli adulti e le autorità, con le scuole in ungherese, le inevitabile marachelle di ragazzini pieni di vita di cui facevano le spese insegnanti e.... fighere. I bagni, i primi balli, insomma i piccoli divertimenti di una muleria povera ma spensierata a cui  ” bastava un nonnulla per far festa in piazza”.

 

Martina Baricević

Classe VIII - Scuola Elementare Italiana “Gelsi”

Fiume - Croazia

 

Mio nonno Mario è un vecchio fiumano. Da sempre, e cioè da novant’anni, vive a Fiume e può dire di averla vista cambiare e trasformarsi in ciò che è oggi. Come pure la nonna. Interessandomi al modo di vivere di una volta, ho voluto fargli alcune domande sulle tradizioni fiumane che ormai sono sparite o stanno scomparendo velocemente, e sul modo di vivere di tanto tempo fa.

 

Nonno, com’era quando tu eri bambino?

Cara mia figliola, una volta, i bambini non venivano assolutamente considerati, e non avevano voce in capitolo. Gli si diceva regolarmente: “Sta zito, bruto mulo” e se venivi a casa con la storia che qualche adulto ti aveva mollato una sberla, anche se ingiustamente, a casa come risposta ne prendevi un’altra. Tanto era il rispetto verso gli adulti.

 

Suppongo che anche al di fuori della famiglia non era niente meglio?

Sì, purtroppo anche a scuola era abitudine punire gli alunni se erano indisciplinati o non sapevano le lezioni. E la mia infanzia è piena di episodi abbastanza tristi perché sono nato nel 1912 e quelli erano gli anni della miseria.

Erano gli anni della Prima guerra mondiale e molte persone erano morte, come tra l’altro mio padre, così la famiglia era caduta in miseria ed io sono finito all’orfanotrofio. E' stata un’infanzia triste e piena di stenti, però mi ha aiutato a finire le scuole, cosa che invece non avrei fatto se restavo a casa perché non avevamo i soldi neanche per un uovo.

La gioventù di quella volta era costretta a diventare matura prima del tempo e molti, per aiutare la famiglia, andavano a lavorare molto giovani. Ti ricordi che la nonna sempre dice che lavorava come aiuto commessa già a 11 anni? La vita nell’orfanotrofio si articolava tra tanti stenti e preghiere continue. Dopo le lezioni, si giocava nel cortile aspettando la preghiera serale e la cena. Però, sai, i bambini sono uguali dappertutto, portano allegria anche nelle situazioni più difficili. E’ l’allegria della gioventù, della vita.

Ma nonostante tutti gli stenti eravamo pur sempre dei bambini, e all’orfanotrofio chiamato “Ricovero Branchetta”, facevamo pure delle birichinate e ci divertivamo fra di noi. Per esempio, durante le continue preghiere, spesso non imparavamo quello che dovevamo, e così, alle domande del prete durante la messa, uno dei ragazzi al “Sussum corda” severo del prete, rispose: “Cori per la corda”, perché si era dimenticato cosa doveva rispondere. E noi, tutti via con le risate. Facevamo birichinate anche durante il Padre nostro. Tutti in coro dopo l’”In nome del Padre, del Figlio” continuavamo “e dello Spirito spanto in drogheria”. E di nuovo allegria!

 

Ma che bravi! Nonno, ti ricordi anche di altri episodi?

Certo. Mi ricordo di quella volta quando abbiamo “fatto fuori” i fichi del vicinato. Nelle immediate vicinanze del Ricovero crescevano alcuni alberi di fico – detti “figheri” in fiumano. I fichi maturi attiravano noi orfanelli desiderosi di tutto. Tutti e 50 corremmo all’assalto dei sei poveri “figheri” del vicino e, in men che non si dica, i frutti scomparvero. I maestri gridavano, il fischietto fischiettava furiosamente e sui “figheri” c’erano più ragazzi che fichi.

Nessuno ci ha mai detto niente, perché era troppo ovvio che avevamo fame.

 

E a scuola? 

Eh si! In prima classe frequentavamo la scuola ungherese. Siccome nessuno capiva neanche una parola di questa lingua, correvamo per la classe e la maestra, che era molto giovane, ci correva dietro. Fu una confusione generale.

Poi, alle superiori, mi ricordo dell’episodio con il maestro di geografia. Quella volta, le aule erano molto spaziose, con alti soffitti. Vicino alla lavagna c’era una grandiosa carta geografica che pendeva su una croce – dal soffitto fino al pavimento. Il maestro ci interrogava e io non ero preparato. Devi sapere però, che mio padre da piccolo mi picchiava ogni tanto perché non sapevo l’ora. Perciò, quando il maestro tentò di tirarmi una sberla, io mi scansai e la sua mano pesante centrò in pieno la carta geografica che cadde e coprì mezza classe. Da sotto la carta si sentì la voce del maestro che diceva: “Va, al tuo posto Mario, se vede che ti son abituado a ciaparle!”

 

Andavate qualche volta in gita?

Qualche volta ci portavano in gita. Di queste rare volte mi ricordo di una che mi è rimasta impressa. Mi ricordo che siamo andati alla spiaggia di Medea. Tutti quanti. Il molo era affollato di ragazzi. Purtroppo, siccome non ero dei più forti, mi hanno spinto, perché volevano tutti vedere il mare, e sono caduto giù. Però, non sapevo nuotare. Nessuno purtroppo nella mischia generale ha notato che io stavo affogando. Avendo visto prima gli altri come nuotavano, non mi sono perso di coraggio e sbattevo le mani e le gambe in tutte le direzioni, più forte che potevo. Bevevo acqua, andavo su e giù ma non mollavo. Ad un tratto capii che non affogavo più, avevo imparato a nuotare e mi ero salvato da solo.

Da quella volta ho fatto mio il motto: Chi fa da sé, fa per tre.

 

E come vi divertivate nel tempo libero?

Quando ero già più grande e non mi trovavo più al Ricovero, mi ricordo che nelle rare occasioni mi portavano a guardare le partite di calcio delle squadre del cuore, l’amata “Olympia” e il “Gloria”. Quale festa per gli occhi ed il cuore! Che tifo! Quello genuino. Mi pareva di toccare il cielo con un dito. Altro che la “bala de straza”!

D’estate andavamo anche molto al bagno. Dapprima al “Nettuno” e più tardi al “Quarnero”. Ci passavamo giornate intere. Nuotavamo e guardavamo i grandi che nuotavano “con stile” e cercavamo di imitarli. Ai miei tempi al “Quarnero” c’erano delle vasche divise per uomini e donne (per quelli che non sapevano nuotare tanto bene). C’erano le cabine di legno. E noi avevamo i “tricò”. Noi “nuotatori” ci riposavamo sulle tavole, “plozze” di legno che stavano al largo.

Che nuotate! Che divertimento! Eravamo tutti neri e magri come dei baccalà.

Ci divertivamo anche in città. I miei amici facevano vere gare di pattinaggio vicino al teatro. La nonna, invece, dice che loro facevano giochi tipicamente femminili come "zip – zop, giro giro tondo, belle statuine". Quella volta non ci servivano tanti “attrezzi” per giocare. Subito appariva una “bala de straza” e via scalzi su terreno pieno di sassi a “far una partida”, che qualche volta finiva anche a pugni se c’erano delle ingiustizie. Nelle tasche c’erano sempre alcune “spigole” per giocar nella polvere.

Devi sapere che i giochi erano semplici e non avevamo giocattoli. Fortunato era colui che possedeva una bici. Tutta la “citavecia” era nostra, correvamo su e giù e giocavamo sempre in gruppo, c’era tanta “mularia”.

 

Io so che a te piace tanto il teatro! Cosa mi dici a questo riguardo?

Ah si, il teatro. Mi ricordo che frequentavamo tanto il teatro! Era un vero rituale andarci. Si sapeva già che si andava solamente ad occupare i posti in galleria. Tutti i fiumani conoscevano le opere. Il mio miglior amico si chiamava Ernani.

In galleria c’erano il “popolino” e i giovani. E si partecipava focosamente alle rappresentazioni degli attori, perché si andava decine di volte a una stessa recita e la si sapeva a memoria. Che spasso!

Andavamo anche al cinema, che all'epoca proiettava solamente film muti. Le immagini erano in bianco e nero, gli uomini si muovevano in modo strano, il testo era scritto e nel fondo sala c’era l’accompagnamento musicale dell’organetto.

Eravamo tutti abbagliati dalla tecnica rivoluzionaria!

 

Andavate a ballare?

Mi ricordo che si cantava molto spesso in casa e nelle strade. Mio fratello Francesco suonava il mandolino e con i nostri amici facevamo certe serate musicali e ci divertivamo un mondo.

A me non piaceva ballare però si faceva musica, si cantava e si ballava tanto. Era un modo di fare festa tutti assieme. Per ogni santo, per ogni festa popolare c’era subito una festa in piazza e ci andavano tutti – vecchi e giovani.

Però, quando ero in tenera età mi ricordo, e anche la nonna può confermarti, che i balli non erano per niente simili a quello che voi considerate ballo oggi. Ma devo dire che anche allora le cose cambiarono e i balli diventarono più “liberali”. Per esempio, quando la nonna era ragazzina (era la più giovane di quattro sorelle) andavano tutti assieme al ballo. La bisnonna si sedeva al centro e tutte le figlie attorno e i ragazzi venivano a invitarle. Tua nonna, per non sfigurare davanti alle sorelle maggiori, a casa faceva “pratica” con la scopa.

 

Come vi divertivate ancora?

Un posto dove si andava spesso la domenica erano i Giardini. Lì si facevano le feste in ricorrenza dei pompieri. Le famiglie passeggiavano, gli adulti chiacchieravano, giocavano a carte, a bocce e i bambini correvano e giocavano. C’era “l’albero della cuccagna” sul quale erano appesi i regali. I giovani s’arrampicavano e se erano capaci, arrivavano ai regali e li vincevano, si tirava la corda e tanti altri divertimenti, c’era la musica e la fiera con i lecca – lecca.

La nonna, invece, si ricorda  che per “el Santo” c’era la festa popolare a San Cosmo, nelle vicinanze di Fiume. Le famiglie più ricche ci andavano col treno. Invece il “popolino” andava “tutto a piedi”. Prima si ascoltava la messa e poi c’era la fiera. La bisnonna vi portava regolarmente tutte le figlie perchè la tradizione diceva che a San Cosmo si andava a pregare il buon Dio “per un bon marì”.

 

E le nostre tradizionali maschere?

Per le maschere invece, non ci voleva tanto. Chi aveva bisogno delle maschere vere? Bastavano un po’ di carbone e alcune “straze vecie” e ci si mascherava. Di solito i ragazzi si mascheravano da donne, le donne da zingare o da uomini, e si andava a trovare il vicinato. Si ricevevano le frittole, i crostoli, le uova.

Più tardi c’erano delle feste e dei balli mascherati alla famosa ed oggi storica “Sala bianca”, in Talia.

 

Per finire?

Cara figliola mia, questa è stata un’ampia intervista, forse perché le persone che hanno vissuto tanto, hanno visto tanto, ed avrebbero ancora tanto da raccontarti. Però, io volevo farti partecipe di quel tempo lontano e così diverso della nostra bella Fiume, che tu conosci oggi come la tua realtà.

Come hai sentito, era caratterizzato dalla povertà, dalle famiglie numerose, dalla città piccola dove si conoscevano tutti nel bene e nel male. Dopo una giornata dura di lavoro, nella quale lavoravano anche molti ragazzi giovani, la miseria non permettava grandi cose e divertimenti, così al “popolino” bastava un nonnulla per far “festa in piazza”.

Insomma, volevo dirti che per il divertimento, indipendentemente dalle epoche, serve solamente il cuore.


 

LA NONNA AI TEMPI DELLA SCUOLA

Edvin Calderara

Classe VIII

Scuola Elementare Italiana “Gelsi”

Fiume - Croazia

 

Da quanto mi ha raccontato la mia nonna paterna, sono venuto a sapere che ai suoi tempi l’asilo era obbligatorio per tutti i bambini d’età prescolare, ed il suo orario era dalle otto del mattino fino a mezzogiorno. Il pranzo non era incluso, soltanto la merenda, e i grembiuli erano bianchi sia per le bambine che per i bambini.

La mia nonna ha frequentato la scuola “San Nicolò”, che al suo tempo si chiamava “Anita Garibaldi”. Dopo le elementari, gli allievi frequentavano le medie superiori, che si trovavano tutte in centro città. La nonna ha frequentato fino alla fine della II Guerra mondiale la scuola commerciale “Emma Brentone” che si trovava vicino all’albergo “Bonavia”.

I maestri erano molto severi, non davano confidenza agli alunni, i quali dovevano salutarli con il saluto romano pure fuori dalla scuola. Soltanto al sabato, i maestri accompagnavano gli alunni nel cortile per fare ricreazione fisica ed imparare i passi di marcia. Gli altri giorni non si usciva dalla scuola ma in silenzio si passeggiava lungo i corridoi e si mangiava la merenda distribuita dalla bidella. La merenda consisteva in pane e marmellata e da una scodella di cacao. Naturalmente, i genitori non pagavano nulla. Più tardi i bisognosi pranzavano a scuola, sempre gratis.

La mia nonna ricorda sempre il mese di vacanze alle colonie diurne, alle quali prendevano parte tutti gli alunni. Al mattino con il tram si recavano a Cantrida, al lato del campo sportivo c’erano le colonie dove, sotto sorveglianza, i bambini andavano al mare, mangiavano, riposavano e di sera, ritornavano a casa.

Quando mia nonna frequentava le elementari e le medie, le classi erano rigidamente divise in femminili e maschili. Ogni sabato, dopo le lezioni, gli alunni si recavano in palestra a vedere i filmini di Topolino, Stalio e Olio, oppure Ridolini, ed era una grande festa. I bambini che per vari motivi erano stati castigati, non potevano essere presenti alle proiezioni ma rimanevano in classe.

Ho ascoltato attentamente mia nonna. Avevo la sensazione mi stesse parlando di un mondo a me molto lontano, molto diverso. Le cose che mi raccontava mi sembravano "strane", ma di fronte al mio stupore c'erano gli occhi felici di mia nonna, lo sguardo sereno, pieno di gratitudine nei miei confronti perché le ho dato l'opportunità di ricordare e raccontare!


 

UNA VOCE IN CONTRASTO

Luca Dessardo

Classe VIII

Scuola Elementare Italiana “Gelsi”

Fiume - Croazia

 

Secondo me è inutile dire e raccontare i consigli del nonno e della nonna, visto che i tempi sono cambiati e i consigli non sono più in “voga”, ma principalmente perché purtroppo non c’è nessuno che li ascolti…

Ed è proprio di questo che vorrei parlare, dire un mio punto di vista su questo tema.

Certo, i costumi, le usanze, tutto cambia, ma in fondo questo è naturale e non rappresenta alcun problema, ma è lo spirito della tradizione che deve continuare ad esistere, uno spirito che si deve rinnovare nel tempo, che va mantenuto e non dimenticato…

Ed è qui che vengo al dunque, con una triste ma reale osservazione: I giovani fiumani di oggi non sono più fiumani, e la tradizione fiumana va disperdendosi, tanto che ormai disperati provvedimenti urgono per non trasformare la Comunità in un “posto de veci”. La lingua, il dialetto fiumano, o almeno la lingua italiana non sono più in uso tra i giovani, tanto che nelle scuole è ormai comune l’eccheggio della voce dei professori che ci raccomandano di parlare l’italiano.

Ma, sarà inutile o no, questo disperato ultimo grido d’aiuto della nostra tradizione? Questo dipende solamente da noi giovani…

 


 

MIA NONNA DA GIOVANE

Morena Oštarić

Classe VIII

Scuola Elementare Italiana “Gelsi”

Fiume - Croazia

 

Guardando come ogi i giovani se diverte, me vien de domandarme come se divertiva i mii noni una volta, quando i jera giovani lori. Cosa i faceva per pasar el tempo libero, se ogi da noi che semo pieni de televisori, video giochi, celulari ne xe noioso e non se sapemo divertir?

Pensando in questo senso, me xe vegnuda l’idea de farge un’intervista ala nona proprio su questo argomento. 

Ve era bel quando ti gavevi, dizemo la mia età?

“Per quei tempi, parlemo dei ani ’50, non era mal, ma quando adeso guardo poso dir che forsi ne jera più bel che a voi adeso, perché ne bastava una picoleza per acontentarne, invece voi ogi non se mai contenti!”

Cosa facevi per divertirse?

“Speso se andava a balar in “Mjesna zajednica”, opur se trovavimo noi dela compania e ciacolavimo, e de domenica andavimo in cità. Tuto somado, poso dir che me era bel e che ero contenta.”

Esisteva in quel tempo discoteche?

“Ma che discoteche! Noi se arangiavimo sempre, l’importante xe che se anojavimo mai. Quando era el tempo dele maschere, se mascheravimo e andavimo a ingrumar ovi per le case, non gavevimo mai vergogna. E invece de estate andavimo a piedi al bagno Riviera de Cantrida, e la stavimo tuto el giorno.”

Con chi ti andavi fora?

“Andavo fora sempre con le amiche de scola, ma de sera anche coi masci. Se sentavimo sul mureto e ciacolavimo. Queste era le nostre uscite.”

Te lasava i tui andara fora? Fino a che ora ti potevi star fora?

“Si, i me lasciava sempre. Se andavimo in cità dovevo eser a casa ale oto, e se erimo al ballo intorno ale dieci.”

Se poteva gaver el moroso a quel tempo? Cosa faceva i masci per divertirse?

“No, non se poteva gaver el moroso, ma ti potevi gaver simpatie. I masci de solito giogava a bala e a carte.”

Con cosa giogavi quando ieri più pici?

“Quando erimo più pici giogavimo a corda, a cip – cop e con la bala, chi la gaveva perché se pol dir che ai quei tempi era un lusso gaver una bala vera, de cuoio.”

Ti eri contenta de sto tipo de divertimento? Ti ga provà a fumar? Era questo parte del divertimento?

“Noi erimo contenti de come pasavimo el tempo libero. Per quel che riguarda el fumar, le femine non gaveva sta abitudine, ma i masci sì che se comprava le sigarete, se nascondeva e i fumava.”  

Vegno ala conclusion, in quel tempo i giovani se la pasava come noi ogi, anzi forsi ancor mejo perché ghe bastava veramente poco per eser contenti.


 

I NOSTRI NONNI CI RACCONTANO…

Nina Kundić

Classe III

Scuola Elementare Italiana “San Nicolò”

Fiume - Croazia

 

“…quando ero una piccola bambina mi piaceva correre per i campi e i prati inseguendo farfalle colorate.

Spesso non mi accorgevo che stava calando la sera e allora avevo un po’ di paura così scappavo subito in casa e mi sedevo vicino al focolare, scaldandomi i piedi perché ero scalza.

Le scarpe servivano solo per le occasioni speciali, durante i giorni caldi camminavo scalza e se c’era freddo o pioggia allora portavo zoccoli di legno.

Appena fui più grandicella dovetti cominciare ad aiutare i genitori nelle faccende di casa.

Non c’era l’acqua corrente in casa a differenza di oggi, perciò andavo a prenderla alla cisterna che stava davanti alla nostra abitazione.

Portavo l’acqua con dei secchi, era acqua piovana che veniva raccolta nella cisterna e serviva per bere, cucinare, per la pulizia…

Poi davo da mangiare alle galline e portavo la nostra Pupa, una capretta, a pascolare. Le volevo molto bene, era tutta bianca e molto docile.

All’età di sette anni andai a scuola. Facevo ogni giorno dieci chilometri a piedi. Era proprio brutta quando c’era la pioggia e la neve.

Non c’erano strade asfaltate e corriere per il trasporto ma soltanto strade polverose e impervie. A scuola imparai a scrivere, a leggere e a fare di conto.

La scuola durava cinque anni e poi si andava a lavorare. Si cercava di imparare un mestiere facendo l’apprendista per due anni e solo dopo si prendeva il primo stipendio. Così ho trascorso molti anni lavorando fino alla pensione.  Mi sono sposata felicemente, ho avuto due figli e quattro nipoti e pur avendo trascorso molte primavere mi sento ancora molto bene e sono felice di vivere, perché ci sei tu a cui poter lasciare i miei ricordi”.


 

I NOSTRI NONNI CI RACCONTANO…

Odri Stanković

Classe III

Scuola Elementare Italiana “San Nicolò”

Fiume - Croazia

 

Quando dormo dalla nonna spesso mi racconta di quando era piccola…

Questi ricordi assomigliano a delle favole tanto sono belli. La domenica andava con la sorellina ed i genitori a passeggiare fino a Costabella.

La loro grande gioia era il gelataio che spingeva il carretto e cantava a squarciagola: “Che bel che bel che xe andar su e xo e guarda el Monte Magior…”

Ai loro tempi non c’era la TV e così giocavano spesso e volentieri all’aperto. Le famiglie allora erano numerose e non c’era verso che i bambini non avessero con chi giocare. Il gioco preferito si chiamava “Cordon de San Francesco”. Le bambine si disponevano in cerchio tenendosi per mano. Quella che era designata dalla conta:

 

Ai bai

Ti me sta

Tie mie

Compagnie

Trico traco

Ai bai buf!

 

Entrava in mezzo ed il gioco cominciava:

 

Cordon cordon de San Francesco

la bela stela in mezo

la fa un salto

la fa un altro

la fa la riverenza

la fa la penitenza

la ciude i oci

la basa chi che la vol…

 

lei poi doveva eseguire quanto le altre cantavano e poi finalmente chiusi gli occhi baciava una di quelle che giravano e che poi prendeva il suo posto.

I maschietti invece preferivano il gioco detto “AI ZOTI”. Uno faceva da zoppo saltando con un solo piede e inseguendo così gli altri. Se correndo toccava terra veniva escluso dal gioco per un giro, coloro che venivano inseguiti gli correvano attorno gridando:

                       “Cori, se ti me vol ciapar!”

il “zoto” rispondeva:

                       “Son zoto de una gamba, non posso caminar”

 e gli altri:

                       “Un, do, tre, fin che coro non me ciapè”

 e si ricominciava.

Alla mia nonna piaceva anche stare alla finestra e aspettare il vaporetto che andava da Fiume ad Abbazia. Era tutto illuminato e si sentiva anche la musica che a bordo allietava i gitanti festosi. Vi posso assicurare che la nonna è felicissima di raccontarmi del suo passato di bambina perché quando lo fa gli occhi le diventano più dolci e luminosi. Ed allora anche a me viene voglia di prendere il suo posto e di fare insieme alle mie amiche i giochi del passato senza dovermi preoccupare dei pericoli che oggi purtroppo ci sono e che fanno dire alla mia mamma:

                       “resta in casa che xe meio e gioga con le pupe”


  

I NOSTRI VECI NE CONTA…

Valnea Ivašić

Classe IV

Scuola Elementare Italiana “San Nicolò”

Fiume - Croazia

 

Ogni volta che vado a Cherso el mio nono me conta cossa el faceva de picio. El portava a pascolar le pecore in giro per l’isola. Un giorno lo ga cominciado a seguir tuto el tempo un agnelin che el iera diventado orfano. Poveretto de mama! El nono che el ghe voleva ben ai animali lo ga adotado. Quando el xe diventado una pecora el bisnonno la ga venduta. Che pianti! El iera anche molto bravo a giogar a spigole. El ghe ne aveva una verde che lo faceva vincer sempre. De questo el iera veramente convinto. Prima de cominciar la partida de spigole cantava:

 

Gobo gobo tondo

Coss’ti fa in sto mondo?

Fazzo quel che posso

co’ la goba adosso.

Gobo fa i zimbali

zimbali de carta

gobo salta in barca,

barca piena de fregole,

fregole de pan,

gobo fiol d’un can!

 

Ai suoi amici che era stufi de ascoltarlo el ghe diceva de star boni perché la canzon del gobo ghe portava fortuna come la sua spigola verde.

Quando faceva scuro el tornava a casa sul suo monopattino de legno invidiado da tuti. Se volè, domani ve conterò ancora del mio nono che…


 

I NOSTRI NONNI RACCONTANO

Dora Persić

Classe VI

Scuola Elementare Italiana “San Nicolò”

Fiume - Croazia

 

Mi è sempre piaciuto sentire i racconti della mia bisnonna Giorgia, che alla veneranda età di 92 anni, ama ancora “tener banco” con noi familiari. La sua carica di simpatia colpisce grandi e piccini e le sue “ciacole” rimangono impresse nella memoria.

Da quando ero piccina la mia bisnonna mi portava in giro ad ammirare le bellezze della mia città e mi ripeteva sempre: “Guarda qua la Perla del Quarnero!”. Era questo l’appellativo che fu dato alla mia città all’epoca dell’Impero austro-ungarico.

I miei genitori mi hanno insegnato ad amare la mia città natia: mi hanno insegnato che apprezzare la mia città significa apprezzare se stessi, la propria famiglia, le proprie tradizioni.

Io ho la fortuna di abitare in un bellissimo palazzo la cui costruzione risale al lontano 1883, la “Casa Veneziana” appunto.

Nel lontano 1883, con l’arrivo di Giovanni Ciotta a sindaco della città di Fiume, inizia l’assestamento dell’odierna via Dolac, all’epoca chiamata Clotilda inferiore, che doveva collegare il complesso del Municipio con la via San Andrea. Tutti i lavori per tracciare la via e poi per costruirvi palazzi di grande valore furono finanziati da Robert Whitehead con il sostegno cittadino. E’ rilevante il fatto che tutti gli edifici della via Dolac, tranne l’albergo “Bonavia”, sono stati progettati da Giacomo Zammattio, noto architetto triestino che per Fiume è stato il più fertile,  il più importante e il più valoroso di tutti gli architetti della fine del XIX secolo.

Il primo progetto di Zammattio per ordinazione di Whitehead, l’inventore inglese che nel 1866 presentò il primo prototipo di un’arma che stravolse completamente il modello di guerra, ovvero il siluro, e che in veste di padrone del Silurificio fiumano, abitò ed operò nella nostra città, riguardava il progetto per l’abitazione privata della sua famiglia, che proprio per lo stile di costruzione neogotica è stata chiamata Casa Veneziana.

Zammattio realizzò nella stessa via, per conto della città di Fiume, ancora due edifici scolastici: la scuola maschile (l’odierno Liceo) e la scuola femminile (l’odierna Biblioteca scientifica e la Galleria Moderna). Tutti questi edifici sono considerati monumenti di alto storicismo, e all’epoca hanno portato alla città di Fiume un’aria di modernizzazione e notevole vanto.

La Casa Veneziana si distingue però, per la lussuosa decorazione floreale nello stile veneziano gotico, e non solo per la varietà di forme usate, ma anche per il rosso dei mattoni impiegati. Tutta la facciata è piena di vari elementi decorativi sulle finestre a forma biforale, sulle logge neogotiche. Il centro dell’edificio è segnato da balconi con trifore, leggermente ritirati rispetto alla facciata, sotto i quali si trova il monumentale portone principale della casa, in una magnifica lavorazione di ferro battuto. Si arriva poi al portone dilegno massiccio, con decorazioni a rilievo e sbarre di ferro battuto, ritirato di qualche gradino, che forma così l’atrio illuminato da uno splendido lampadario di ferro battuto, che sembra fatto di merlo nero.

Ho sempre ammirato la mia casa con silenzioso stupore. Un giorno la mia bisnonna si è svegliata e mi ha detto “Picia mia, se ti sapesi cosa go sognà stanote. Me go sveiado de colpo e non capivo un tubo. Me go sognado che el Whitehead me diceva de andarlo trovar in cimitero perché l’era triste che nisun de noi se ricordava più de lui. Picia mia, dovemo andar a Cosala”.

Detto fatto, mi ha preso per mano e ci siamo recate al cimitero di Cosala a visitare il mausoleo di Whitehead che dall’alto dei cieli ammira il nostro Golfo.

Quando sono tornata a casa, sono entrata nell’atrio e con rigoroso silenzio sono salita al quarto piano e con assoluta fierezza mi son detta di essere felice di abitare in un palazzo del genere ed ancora una volta mi sono ricordata del racconto della mia bisnonna che nel lontano 1947 varcava il maestoso portone della Casa Veneziana…


  

“I NOSTRI NONNI CI RACCONTANO…”

Lina Kodela Pacenti

Scuola Elementare Italiana “Galileo Galilei”

Umago – Croazia

Classe VII

 

Oggi è il nove agosto 2003, fa un terribile caldo e sono morta di noia. Ho trascorso ben tredici anni in questo paesino vicino a Umago e ancora non mi sono abituata al clima. Anche se adoro l’estate questo caldo mi soffoca. Che fare? Il mare è in “fiore”, gli amici in vacanza da qualche parte, la bici ha la ruota bucata, i roller sono ormai troppo piccoli, il cane è troppo viziato ed il sole è giallo cocente. Mi chiedo cosa avrei fatto tre anni fa, probabilmente avrei chiesto al nonno di raccontarmi una storia che parla della sua gioventù. Ehi, che idea! Ma come mai non ci avevo pensato prima? Il nonno!

I nonni vivono sotto lo stesso tetto. Corro a chiedere al nonno un piccolo favore. Lui non è né troppo alto né troppo pesante. E’ giusto.

Senza troppi capelli in testa, non una ruga sul bel volto, uomo d’affari, anche se con una certa età. Questo è mio nonno. Quando guardo le vecchie foto vedo che era molto bello. Anche mia nonna lo era. Lo trovo che legge un giornale di caccia. Tempo fa era un cacciatore, uno vero. Rispettava la natura e gli animali e cacciava rispettando le regole. Oggi è meno attivo, anche se ogni tanto va ancora in giro.

-“Nonno”, comincio,”per favore, potresti raccontarmi qualcosa? Però solamente se hai tempo”-.

Mette giù il giornale e mi chiede: ”Ma quanti anni hai?

-“Bella domanda”, rispondo, ”forse otto, quindi ho ancora bisogno delle tue storie.”

-“E cosa vuoi che ti racconti?”

-“Non lo so, ma mi sto veramente annoiando. Immagina che io sia una sconosciuta, una giornalista alla quale tu racconti la tua vita, o le cose più importanti”.

“Va bene. Essendo nato qui nel 1935 non ho avuto una vita facile, e spesso ho corso dei pericoli dei quali mi sono reso conto solamente molti anni dopo. Cose che oggi sono fatti storici allora erano fatti di vita quotidiana.

Come sai sono nato in una famiglia semplicissima, di contadini, in una di quelle vecchie case costruite in pietra, la bellissima pietra istriana, usata anche per la costruzione di Venezia. Fino a quasi tre anni ero avvolto in fasce perché così si usava allora, un po’ perché si credeva che così le ossa sarebbero più robuste, un po’ perché così gli adulti potevano lavorare senza badare a noi. A quattro anni sapevo tener d’occhio le mucche sui pascoli. Camminavo scalzo per i boschi e nei campi, le scarpe erano una rarità. Non solo mi alzavo alle quattro di mattino per portare le mucche al pascolo, ma poi dovevo anche aiutare la mamma nelle faccende domestiche e badare a mio fratello di due anni. Per non parlare di come si comportavano i fascisti … vivevamo sempre in paura.

A sei anni ho iniziato ad andare a scuola. Uno dei miei compagni sia di classe che di banco era il famosissimo scrittore istriano Fulvio Tomizza. I maestri allora erano severissimi e punivano duramente gli alunni a bacchettate sulle mani. Oppure li facevano stare in piedi davanti alla lavagna, disegnando due orecchie e scrivendo “ASINO”. La punizione più severa era quando ci facevano inginocchiare sul sale grosso per delle ore. Un prete invece una volta per punire una ragazzina la sollevò di peso e la mise a pendoloni dalla finestra… Non ti dico la sua vergogna e lo spavento!

Parlando di preti, lo sai che io ho fatto due cresime in un giorno? E che ho fatto anche il prete mentre facevo il pretino? Un giorno dopo la messa in chiesa eravamo rimasti solamente io ed i miei amici. Dopo un po’ è arrivata una vecchia signora che voleva fare la comunione. Le abbiamo detto che era tardi e che il prete era andato via, ma lei non voleva capire. E così ho deciso di fare il prete. Mi preparai, e andai all’altare. Le feci la comunione e lei, finalmente contenta ci ha dato un soldino con il quale ci siamo comperati un gelato.

Le due cresime, invece, le ho fatte l’otto settembre 1943. Quella mattina per la messa c’era anche il vescovo e quando ha voluto accarezzarmi il volto io mossi la testa convinto che avrei preso un ceffone. Siamo rimasti male tutti e due. Più tardi, dopo la messa, io ed i miei compagni siamo andati a Buie perché i fascisti erano in fuga e abbandonavano tante cose in strada. Siamo arrivati un po’ in ritardo perché tutte le cose di valore erano già state prese dagli adulti. Noi ci siamo accontentati di certi strani “palloncini”. Ognuno di noi ne ha preso un paio. Sono tornato a casa fieramente mostrando il mio “bottino” … e ho guadagnato due grossi ceffoni da mio padre che sono stati la mia “seconda cresima”. Quelli non erano “palloncini” bensì granate, delle pericolose granate che potevano esplodere facilmente”.

Lo interrompo: ”Ma il bisnonno che lavoro faceva in quel periodo?”

Il bisnonno lavorava nelle miniere di Albona e ci andava ogni giorno a piedi. Puoi immaginare andare a piedi da Materada ad Albona per lavorare! Poi, per un po’ ha lavorato anche nelle miniere in Slovenia. Era proprio una vitaccia, piena di stenti e con soldi che non bastavano neanche per sfamarci…

Dopo la Guerra io sono andato a studiare a Zagabria e cercavo sempre di imparare il più possibile e di guadagnarmi qualcosa…

In quel periodo l’Istria non apparteneva a nessuno. Poi è diventata parte della Croazia nell’ex Jugoslavia, conservando sempre gran parte della sua cultura precedente: danze, canzoni e canti, strumenti, opere d’arte …ma pian pianino tutto sta scomparendo”.

- Si, nonno, è vero che tutto sta scomparendo”, lo interrompo, “però finché ci saranno i nonni come te ci saranno anche i ricordi. Se non ti dispiace oggi mi fermerei qui. Mi hai dato molto per pensare. Grazie nonno”.


 

 

Il nonno racconta… ANTONIO SMAREGLIA

UN PERSONAGGIO MERITEVOLE DELLA MIA CITTA’

Anna Buić

Classe III

Scuola Elementare Italiana “Giuseppina Martinuzzi”

Pola – Croazia

 

E’ un bel giorno di sole, e anche per oggi le lezioni sono finalmente finite. Decido di andare a trovare la mamma che lavora in Piazza Foro. Mentre cammino,  una casa attira la mia attenzione. Forse perche’ sul muro c’e un bassorilievo con il ritratto di un uomo che mi incuriosisce e voglio sapere chi e’.

Sotto il ritratto c’e’ scritto:

 

            “QUI NACQUE

     ANTONIO SMAREGLIA,

ILLUSTRE COMPOSITORE

CHE CON LA SUA ARTE NOBITITO’ LA TERRA ISTRIANA”.

 

Ma questo nome Antonio Smareglia non mi e’ nuovo, chissa’ dove l’avro’ mai sentito… Ma certo, e’ anche il nome della via dove a Dignano abitava la mia bisnonna Minina e poi i miei nonni e la mia mamma. Infatti, quando da piccola andavo a trovarla,  la bisnonna mi raccontava  che in quella via tanto tempo fa visse Antonio Smareglia, un celebre personaggio istriano.

Ma chi sara’ stato questo Antonio Smareglia?

Decido di chiedere informazioni al nonno che e’ amante della musica e sicuramente conosce bene anche questo personaggio.  Il mio nonno che ha sempre  idee strane mi propone di immaginare che lui sia Antonio Smareglia e di fargli un’intervista. Accetto il gioco. Le sue parole mi trasportano nel passato. 

 “E lei chi e’?”

             “Sono Antonio Smareglia” mi risponde il nonno cercando di avere un’aria triste.

Anna: “Antonio Smareglia? Ma una via della mia citta’ e anche la via dove abitava la mia bisnonna a Dignano porta questo nome! Io invece sono Anna, e sono un’alunna della terza classe e ho 9 anni. Piuttosto perche’ ha l’aria cosi’ triste?”

Il nonno (Antonio Smareglia): “Mia cara bambina sono triste perche’ come vedi sono ammalato e quasi cieco.  Ma non sempre e’ stato cosi’.” 

Anna: “Racconti, racconti!…”

A.Smareglia: “Alla tua eta’ ero un bambino molto vivace e allegro che come te, facevo le birichinate ai genitori. Vivevo nella tua citta’ e giocavo con i miei amici a pallone e acchiappino. Invece quando sono cresciuto un po’ i miei genitori mi hanno mandato a scuola perche’ volevano che studiassi per diventare un ingeniere.” 

Anna:“Allora tu non sei un compositore, ma un ingeniere!”

A.Smareglia: “Ma no, sono un compositore! E tu Anna sai chi e’ il compositore?” 

Anna: ”Ma certo! L’abbiamo imparato a scuola: il compositore scrive la musica. Ma tu, come sei diventato compositore?”

A.Smareglia: “Abbi pazienza, te lo racconto. Quando studiavo a Vienna mi piaceva andare a teatro  ad ascoltare le musiche di compositori importanti. Da quei giorni mi sono appassionato alla musica  e mi sono iscritto al conservatorio.” 

Anna: “E come mai sei diventato cosi’ conosciuto?

A.Smareglia: “Perche’ ho scritto tante composizioni che sono piaciute a molta gente.”

Anna: “Mi puoi dire quali sono?”

A.Smareglia: “Mah… Per me le piu’ belle sono: Oceana, La Falena, Abisso, Nozze Istriane.” 

Anna: “Io so cos’e’ la falena!  L’abbiamo imparato a scuola. E’ una piccola farfalla notturna.”

A.Smareglia: “Ma la mia non e’ una farfalla! E’ un mostro simile a una donna che fa suoi prigionieri gli uomini. Purtroppo anche il re Stellio e’ vittima del suo incantesimo… 

Anna: “ Ma questa storia e’ simile al cartone animato La Sirenetta che a me piace tanto dove infine tutti vissero  felici e contenti…”

A.Smareglia: “Invece la mia opera ha un finale triste. Pero’ ho scritto anche un’altra opera che e’ simile alla tua Sirenetta e finisce bene. Si chiama Oceana. Oceana e’ una semidea che dopo tante avveture finalmente sposa il dio del mare.” 

Anna: “E Abisso parla anche lui degli abissi del mare?”

A.Smareglia: “Ma no, parla di una triste storia d’amore.” 

Anna:“Uffa… Ma le tue opere devono essere sempre tristi?”

A.Smareglia: “Sono tristi perche’ le opere tristi commuovono la gente e alla gente piacciono le storie commoventi. Ma mi dicevi che la tua bisnonna era una mia vicina di casa? Sai che anch’io ho vissuto a Dignano e la mia opera “Nozze Istriane” si svolge nella piazza di Dignano?” 

Anna: “Racconta, di che cosa parla?

A.Smareglia: “Di Lorenzo e Marussa che si volevano bene, e di Nicola, un giovane ricco che era anche innamorato di Marussa…” 

Anna: “Questo mi ricorda mio nonno che durante le feste ogni tanto canta: Butite sul barcon Marussa bela, ca xi el to primo amor ca te favela… e tutti cantiamo con lui.

Sai sono molto orgogliosa che nella mia citta’ sia nata una personalita’ cosi’ importante.

A proposito, comme finiscono le “Nozze istriane?”

A.Smareglia: “Cara Anna lo so che ti arrabbi, ma anche questa opera finisce male…” 

Ad un tratto sentiamo qualcuno che ci sta chiamando a gran voce. E’ la mia mamma… Ritorniamo al presente e corro dalla mamma e le racconto di aver parlato con Antonio Smareglia, ma lei mi dice: “Anna  avrai sognato!” Io pero’ sono contenta di aver conosciuto questo personagio attraverso questo gioco con il nonno. Il mio nonno e’ proprio speciale.


 

LA NONNA MI RACCONTA

Lorna Šabić

Classe III

Scuola Elementare Italiana “Giuseppina Martinuzzi”

Pola - Croazia

 

La mia nonna Silvana e’ originaria di Dignano e in casa  ha sempre tenuto conto degli usi e delle tradizioni  del suo luogo natio. Lei da giovane ballava nel gruppo folcloristico  del suo paese e quando vado a trovarla mi racconta sempre tante cose interessanti. Loda i bei costumi e specialmente le acconciature delle “Marusse”. Sfogliando l’album, infatti, la nonna e’ straordinaria. Sulla fronte ha le “cape” che un tempo si facevano con l’acqua e lo zucchero mentre oggi si adopera la lacca pe capelli. La “banda” con “piroli”, “tremoli” e “spada” sono come un’ aureola sulla sua testa.

La mia nonna inoltre ha una bella voce e ama cantare le vecchie canzoni, quelle che cantavano i suoi genitori e prima ancora i suoi nonni.

Tra queste mi piacciono quelle spiritose:   “ La me morosa per un pra la core

                                                                                   la’ che la mete un pie nase un fiore.

                                                                                   La’ me morosa me na fato una

                                                                                   de sul barcon la m’e’ mostra’ la luna”.

Oppure: “Surenela varda che i te bate

                el caligher el to porta’ le scarpe

                una drita e una storta

                Surenela versighe la porta.”

 

La nonna mi ha insegnato qualche passo della furlana, il ballo piu’ antico di Dignano e mi ha insegnato pure il canto che lo accompagna:

“Sto carneval che se marideremo

            le bote de bon vin le spinaremo.

            Butite sul barcon Marusa bela

            ca xi el to primo amor ca te favela.”

 

La nonna pero’ sa ballare  anche la villotta, la bersagliera  e la monferina che sono i balli tradizionali. Lei e’ una ballerina bravissima. I balli sono accompagnati dal “violin” e dal “leron”.

A volte, quando piove, canta “La piova” e io penso ai contadini che si bagnavano nei campi quando andavano in campagna “col caro e col samer”. Oggi invece si va con il trattore. Questa bella canzone  d’amore  dice cosi:

“ La piova vignaro’sula sulana

             la bagnaro’ el me ben ca xi’ in campagna.

             Se ti savesi  el ben che te voio  

             mi te magnasi el cor frito nel oio.”

 

Anche quando la mia nonna si e’ sposata alla sera gli sposi hanno fatto il giro del paese con i “torsi” (fiaccole) e quando sono arrivati a casa  hanno saltato oltre il fuoco. Per strada cantavano: “Fate largo che pasa i novisi…”

La mia nonna dice che un tempo si cantava di piu’ perche’ la gente era piu’ allegra. Oggi questi canti si intonano raramente. Lei desidera che io impari non solo i canti ma tante altre cose che parlano del passato. A me le cose del passato piacciono assai e ascolto la nonna molto volentieri.


 

I NOSTRI VECI NE CONTA

 

1 ° PREMIO Categoria  Scuole Elementari Italiane  Slovenia - Croazia 1° - 5° classe:

 

motivazione: fresco racconto che fa parlare, o meglio brontolare, in prima persona la simpatica nonna Maria. In un godibile dialetto veneto-istriano si tratteggia il quadro di un passato povero ma felice in cui senza le tante "diavolerie moderne" dei nipoti di oggi la mularia di un tempo trovava il modo di divertirsi. Ma ecco che in questo quadretto spunta direttamente il nostro Istvan ch'el fà la spia: anche la nonna brontolona "buta l'ocio" su internet ed il cerchio si chiude... la nonna si modernizza mentre il nipotino ne ascolta incantato le storie di un tempo.

 

 

Istvan Tapai

Classe IV - Scuola Elementare Italiana “Giuseppina Martinuzzi”

Pola - Croazia

 

Eh, sta mularia de ogi no la ze più come una volta, cussi mia nonna Maria appena la pol e la ne vedi la comincia contar e anche brontolar a mi e ai mii tre cugini.  

Quando gavevo i vostri anni no gavevo niente, ma iero più contenta de voi. Se gavè fame ve manca cips, hot dog, cheese burger, pizze, chetchup e ancora tante de queste robe che mi no go mai gusta e nanche no so pronunziar. De matina mi magnavo brodo brustolin: su un poco de oio se brustolava un poco de farina se zontava acqua e un ninin de sal e che bon che iera,  dopo magnavimo polenta coi fazoi e minestra. Bevevo acqua del pozzo che iera davanti la casa e che el ze ancora là. D’estate l’acqua la mancava  perchè pioveva poco  e allora la mamma con la brenta  sulla schiena la la andava a cior in un buzo lontan tre chilometri  dove la rane  le fazeva el concerto  e dove le mucche, i asini e le piegore le vigneva bever. Altro che voi Coca Cola, arranciata e tutte ste robe che fa i baloni, cussi anche voi vegnarè bei tondi.

Mi fino grande no go visto la cioccolata nanchè in sogno, dopo la magnavo solo per le grandi feste per Pasqua e Nadal e noi spettavimo ste feste perché allora magnavimo le frittole e le pinze.  Voi inveze gavé Pasqua e Nadal tutto l’ anno mii fantolini. Quando ne finiva la scuola andavimo tutti i compagni assieme in pineta a giogar, giogavimo bandiera, zip-zop, le pignatte  e el diavolo nero e dopo contenti andavimo a casa, mi fazevo i compiti  e giogavo  con la puppa de strazze.

Voi inveze co finisi la scola andè a casa forsi studiè un poco e  dopo se sente davanti quella cassetta ciamada computer  e allora daghe zo  www  per ore e ore e mi ve digo  che ve vegnarà el cul quadrato. In cine a guardar i bei film no andé.  Noi invece andavimo sempre no perdevimo nanche uno. Per ciapar i biglietti  fazevimo anche due ore de fila e se sburtavimo chi pol de più. Una de ste volte  povera mi go perso una scarpa perché mia mamma che la me duri tanto la me gaveva compra tre numeri piu grandi  cioè el 38 adesso che son grande porto el numero 37. Son tornà a casa pianzendo e zottando.

Mi la borsa de scola la gavevo de carton  e quando pioveva iera pericolo che la andassi in tocchi. Voi mii cari gavé una ogni anno de supermen, de pochemon, del grande fratello,  dopo gave play station, game boy, video game, cd, dvd e tutta sta roba indiavolada. Fioi mii come vivevimo noi in paze senza problemi senza ste robe. Solo una roba son contenta  che go 4 bravi e boni nipoti specialmente il più piccolo di nome Istvan ciamado Cocco (questo sario mi ) el me ze el più bravo el più bon e mi ghe compro sempre qualche diavoleria.  

Fine della brontolada de nonna Maria.

Adesso parlo mi.

Ghe voio ben a mia nonna Maria perché anche se la se rabbia, pian pian la diventa moderna e la butta l’ ocio sul computer la vol navigar anche ela perché la ze curioza e mi ghe insegnarò. W la nonna moderna.


 

 

FASANA NEI RICORDI DI MIA NONNA

Bianca Koležnik

Classe V

Scuola Elementare Italiana “Giuseppina Martinuzzi”

Pola – Croazia

 

Mia nonna Aurora è nata a Fasana nel 1927. La nonna mi racconta spesso della sua infanzia e della sua giovinezza con tanta nostalgia.

Il paese, compreso i dintorni, Valbandon e Puntisela, contava circa 1200 abitanti. A Puntisela c’era la scuola degli aviatori, e per i bambini era uno spettacolo meraviglioso vedere gli aerei volare a bassa quota. Tutti alzavano le mani in aria per salutare i piloti, sperando di essere visti.

Nel paese tutti andavano d’accordo, non c’era invidia tra le famiglie, tutti si aiutavano, i poveri e gli ammalati venivano sempre aiutati dagli altri.

Gli uomini si occupavano soprattutto di pesca, ma molti lavoravano anche al cantiere navale Scoglio Olivi di Pola; le donne invece lavoravano nella fabbrica di sardine, dove c’era sempre tanto lavoro e si lavorava anche di notte. Oltre alle donne fasanesi, in fabbrica lavoravano anche donne che venivano dai paesi vicini, Gallesano, Dignano e Peroi. Loro andavano a lavorare a piedi, solo le più fortunate avevano la bicicletta. C’era anche una fabbrica di liquori e una di aceto, e lì lavoravano circa cinquanta persone.

Fasana era un bellissimo paese, non tanto grande, ed era molto pulito ed ordinato. Il paese era conosciuto perché si trovava davanti all’arcipelago Brioni. Nel 1893 proprietario di Brioni diventò l’industriale austriaco Kupelwieser, che costruì alberghi di lusso e rese l’isola un paradiso terrestre per i nobili europei. Molti paesani trovarono lavoro a Brioni.

La scuola elementare di Fasana è stata fatta costruire dal principe Umberto di Piemonte, che era venuto all’apertura solenne della scuola con la moglie Maria Josè del Belgio. Una delle sorelle di mia nonna, Bianca, essendo la più brava della classe, ebbe l’onore di consegnare alla principessa un mazzo di fiori. La principessa, in quella occasione, distribuì a tutti gli scolari delle caramelle e cioccolatini ed era tanto felice per lo spettacolino che era stato preparato per lei. Si erano divertiti tutti ed erano felicissimi d’aver trascorso alcune ore in compagnia di una principessa che non si vantava di esserlo perché era tanto gentile, semplice ed allegra.

A Fasana, pur essendo un paese piccolo, non mancava niente. Il paese aveva l’asilo, e oltre alla scuola elementare c’erano anche i corsi serali post elementari, corsi di ricamo e di cucito. Nel paese c’erano due panifici, diversi negozi di generi alimentari e di frutta e verdura, un negozio di stoffe. Non mancavano le osterie, dove gli uomini si trovavano ogni sera per un bicchiere di bevanda e la partita di briscola. C’erano due ristoranti di lusso, dove mangiavano i signori che andavano sulle isole Brioni. Quattro volte al giorno c’era la corriera per Pola e viceversa; un camion trasportava ogni giorno il pesce al mercato di Pola, mentre un carro trainato da cavalli portava il pesce a Dignano. A Fasana c’era anche un taxi, un’officina per riparare le biciclette e due carrozze trainate da cavalli che i signori affittavano per andare a Pola ai concerti.

Gli abitanti più benestanti del paese avevano l’acqua in casa, mentre gli altri dovevano attingere l’acqua ad una fonte che era a disposizione di tutti.

Ogni sabato e domenica si ballava accompagnati dalla musica dei dischi che si mettevano al grammofono, e due volte alla settimana c’era il cinema, al pomeriggio per i piccoli e la sera per gli adulti. I film erano muti, le scene erano commentate da didascalie scritte in fondo alle immagini.

Il cognome da nubile di mia nonna è Fabretto, e nella sua famiglia c’erano anche i Ferro, e questi erano i cognomi della maggior parte delle famiglie in paese. Venivano poi i Marini, i Radolovich, i Berghitz e gli Arlich.

Il mio bisnonno si chiamava Angelo, la mia bisnonna Marcella.

Avevano quattro figlie: Regina, Bianca, Marcella, Aurora. Il mio bisnonno era pescatore, aveva il peschereccio più grande di Fasana. Lo chiamavano “el Mago”, perché era grande e forte, e poteva fare quello che gli altri non potevano. Egli era in grado di uscire con la barca anche quando c’era il maltempo e gli altri avevano paura, conosceva i venti e le correnti marine e sapeva dove si trovava il pesce. La sua famiglia viveva bene, non erano ricchi ma avevano tutto quello di cui avevano bisogno. La casa della nonna si trovava proprio in riva al mare, nel centro del paese.

La mia bisnonna era casalinga, e nelle faccende domestiche veniva aiutata dalle figlie. Il loro gatto, Freddi, conosceva il suono del motore del peschereccio del suo padrone, e tutti sapevano quando Angelo doveva arrivare perché il gatto era ad aspettarlo sulla riva, facendogli una gran festa come un cagnolino. Freddi faceva la guardia alle cassette con i pesci e nessun altro gatto doveva avvicinarsi. Dopo aver selezionato il pesce, il mio bisnonno dava i pesciolini a tutti i gatti.

L’infanzia e la giovinezza di mia nonna sono state felici. La seconda guerra mondiale ha portato nel paese tante brutte cose. Molti giovani sono morti in guerra, Fasana non era più quel paese dove risuonavano le risate dei bambini e i canti dei pescatori.

Con la venuta della Jugoslavia quasi tutti i fasanesi optarono per andare in Italia, e con loro tutta la famiglia della nonna. Voleva andarsene anche lei, ma una sua zia, sorella di suo padre, che non aveva figli ed era tanto affezionata a mia nonna, la pregò di rimanere. Così la nonna, che si trovava sul treno, non se la sentì di abbandonare la zia nella sua disperazione e rimase a Fasana.

La nonna ebbe un buon lavoro, si sposò con un ufficiale della marina jugoslava. I suoi genitori si stabilirono a Gorizia, le sorelle più lontano, una in Ighilterra e due in America. La nonna ha sofferto sempre per la loro lontananza. Dopo il matrimonio la nonna visse ancora un po’ di tempo a Fasana, e poi a Spalato dove lavorava mio nonno, infine a Pola. Mio nonno è sepolto a Fasana, nella tomba di famiglia e la nonna va a Fasana solo per andare al cimitero. Dei vecchi fasanesi sono rimasti solo pochi: gli altri sono partiti con l’esodo o sono morti. La  nonna ricorda con tanta nostalgia ed amore i suoi amici d’infanzia, il maestro di scuola, il mare limpido e pulito. Del paese di una volta è rimasta solo la parte vecchia con la piazza e la chiesa.

Tutto il resto sembra appartenere ad un altro mondo, che non ha niente da spartire con quello delle cartoline antiche di Fasana, che mantengono la storia di un paese ridente e pulito, pieno di gente laboriosa, umile e cordiale.


I NOSTRI NONNI CI RACCONTANO...

Debora Moscarda

Classe V

Scuola Elementare Italiana “Giuseppina Martinuzzi”

Pola – Croazia

 

Spesso nelle lunghe serate d’inverno succede che i miei nonni si divertano a raccontarmi fatti e avvenimenti a loro molto cari, legati ai ricordi della loro infanzia.

Per questo motivo ho deciso di raccontarne un paio.

Mio nonno ha 60 anni e si chiama Guido, mia nonna ne ha 58 e si chiama Antonia. Ai loro tempi non c’erano ancora computer, playstation, la TV e altre cose meccaniche e per questo motivo passavano quasi tutto il loro tempo libero all’aria aperta. Andavano a scuola a Dignano. Si svegliavano di mattino presto e con gli altri amici e coetanei andavano a piedi fino a Dignano, sfidando il bello e il cattivo tempo. D’inverno c’era spesso la neve e durante il loro cammino verso la scuola si divertivano a fare gli “stampi” sulla neve e cioè a buttarsi nella neve e lasciare la sagoma del loro corpo. In una certa qual maniera erano anche fortunati perchè non avevano molti libri da portare a scuola, come ai tempi d’oggi che abbiamo gli zaini molto pesanti, come si ci fossero dentro dei sassi. Loro avevano dei semplici astucci di legno e un maestro assai severo che non voleva vedere questi oggetti e così li nascondevano sotto il banco. Un giorno capitò che uno degli scolari si era dimenticato di riporlo al sicuro e l’insegnante, afferrato l’indesiderato oggetto, lo scagliò a terra. Fra le altre cose, i miei nonni mi raccontano che per poter andare in colonia bisognava fare la vaccinazione e mio nonno che ne aveva paura, giunto in fila se la diede a gambe levate quando vide l’infermiera. Andò a finire che non ebbe il permesso di andare assieme ai suoi amici. Per merenda avevano del pane e pancetta, la frittata, la panna del latte con lo zucchero e spesso succedeva che si scambiassero la merenda con gli altri compagni. Giunto a casa non c’era molta speranza di scelta per quel che riguardava il cibo: ogni giorno trovavano pronta o la minestra o la polenta. Per giocare uscivano all’aria aperta e si inventavano sul posto i giochi da fare. I più frequenti erano il gioco con le mandorle, la tria, saltavano la corda. I giocattoli se li costruivano da soli, come ad esempio il monopattino. Esisteva sempre però il problema di riuscir a trovare le rotelle, le tavole di legno e il resto dell’occorrente. Si costruivano pure il carretto, sul quale uno stava seduto e l’altro spingeva di modo che il veicolo andasse sempre più veloce.

Avevano però anche i loro obblighi lavorativi in famiglia: aiutavano i genitori nei lavori dei campi, come per esempio nella mietitura del grano nei mesi più caldi e la raccolta delle olive nei freddi mesi di novembre e dicembre. Tra i lavori di campagna il più atteso era sicuramente la vendemmia.

La famiglia che vendemmiava chiamava i parenti e gli amici e facevano il possibile per finire il lavoro in un giorno.

Lavoravano molto, ma si divertivano anche, perchè cantavano e i più anziani raccontavano delle storie o delle leggende. A mezzogiorno si andava a mangiare sotto l’ombra della “fighera”, cioè l’albero dei fichi che nelle vigne gallesanesi non manca mai. Il piatto tipico della vendemmia era la minestra di farro e fagioli, condita con “crodighe de porco”, ovvero le cotiche del maiale.

C’era sicuramente molto allegria anche in altri particolari momenti dell’anno, durante i quali tutti abbandonavano il lavoro e si dedicavano ai festeggiamenti. Così era pure anche durante il Carnevale, che i ragazzi aspettavano con gran ansia. Grandi e piccoli si travestivano con dei vestiti improvvisati. Un gruppo di persone andava per le case cantando e divertendo la gente, così essi davano alle maschere delle uova, il vino e “luganighe”, cioè le salsicce.

Verso sera tutti si radunavano in piazza e bruciavano un fantoccio – el Carneval – per cacciare via tutti i malanni e dopo si continuava con danze e canti popolari.

Dopo quaranta giorni c’era di nuovo una grande festa, la Pasqua. Per tradizione, come ancora oggi si usa fare, si dipingevano le uova e si facevano le “fugasse”, ossia le focacce. Per i bambini i “busoladi” e per le bambine le “pupe”: i primi erano a forma di ciambella, le seconde a forma di treccia. Nel mezzo avevano un ovetto. Per pasqua ogni famiglia cercava di procurarsi un agnello che poi veniva mangiato secondo un preciso rito religioso. Nelle ore pomeridiane della domenica pasquale si giocava con l’”ovo”: uomini, giovani e bambini cercavano di conficcare un soldino, tirato da una determinata distanza, nel guscio dell’uovo sodo. Chi ci riusciva conquistava l’”ovo” e il denaro. In questo modo si divertivano molto.

L’infanzia dei miei, pur essendo stata molto dura è stata anche serena, spensierata e molto allegra.


  

I NOSTRI NONNI CI RACCONTANO

Roberta Sandri

Classe V

Scuola Elementare Italiana “Giuseppina Martinuzzi”

Pola – Croazia

 

I nostri, o meglio i miei nonni quand’erano piccoli giocavano a biglie, ad acchiappino, a mosca cieca, a sasso – carta – forbici, a pallone, alcuni disegnavano, andavano sulle altalene, amavano correre e fare scherzi ed erano tanto allegrei e pieni di vita. A quei tempi la TV non esisteva e sicuramente neanche il computer e i cellulari. Secondo me questo è anche il motivo per cui riuscivano a divertirsi di più. Mi è stato raccontato anche un fatto terribile, una cosa che mio papà combinò quand’era piccolo: la nonna, cioè sue madre era andata a prendere l’acqua al pozzo perchè in casa non ne avevano e lui aspettandola strozzò tutti i pulcini. Non con l’intenzione di ucciderli, ma ... lo fece.

Tutta la famiglia di mio papà viveva a Dignano ed i mezzi di sostentamento erano basati soprattutto sulla coltivazione delle olive per l’olio e delle viti per il vino. A quei tempi non c’erano tanti negozi, ma ogni primo sabato del mese c’era, e questa tradizione è continuata fino ai giorni nostri, la fiera. A questa fiera vengono venduti animali, vestiario e altre cose d’utilità quotidiana. Le cose in genere erano piuttosto costose e anche quelle che servivano per la scuola tipo righelli, che erano di legno, penne, pennini, carta e quaderni. Tutto era più difficile, però la gente era più semplice e forse qualche volta si accontentava di poco ed era più felice.


 

 

 

GIOCHI DI UNA VOLTA

Valentina Slipčević

Classe V

Scuola Elementare Italiana “Giuseppina Martinuzzi” Pola – Croazia

 

Mio nonno è nato il primo aprile del 1921. Quando era piccolo, me l’ha raccontato lui, i bambini non avevano tutto quello che abbiamo noi. In quei tempi c’era molta miseria. La maggior parte delle famiglie era molto povera e tra queste anche la sua.

Era il primo di cinque figli. Lui ricorda che l’unico giocattolo che ha mai avuto era una piccola automobile di latta che aveva ricevuto in regalo da sua zia una volta quando si era gravemente ammalato di polmonite. Gli altri giocattoli che mio nonno aveva a disposizione erano i rocchetti dei fili, stecchini e ghiande con i quali poi costruiva degli animaletti. La scuola era obbligatoria fino alla quinta classe. Pochi ragazzi potevano proseguire gli studi, anche se avevano dei bei voti, perché i genitori non potevano pagare le tasse scolastiche. Finiva così che la gran parte dei ragazzi dopo la quinta classe doveva rassegnarsi ad andare a lavorare. A dodici – tredici anni dovevano andare ad aiutare i genitori nei campi, andare a fare l’apprendista in città, o aiutare in qualche negozio di alimentari. Anche mio nonno a tredici anni andò a fare il garzone del fornaio. Si recava al lavoro con una vecchia bicicletta e faceva cinque chilometri d’andata e cinque di ritorno, sia con il bel che con il brutto tempo.

Vita difficile quella dei nostri nonni, bella forse solamente per noi nipoti che ci incantiamo ad ascoltare le loro storie vere di un tempo per noi ormai lontano e impossibile da comprendere.


 

I NOSTRI VECI NE CONTA…

Sara Ušić

Classe V

Scuola Elementare Italiana “Giuseppina Martinuzzi”

Pola – Croazia

 

Me nona se ciama Claudia. Deso la jo 69 anni. Volentieri la se ricorda dei tempi pasadi.

La so fameja jera granda. Ela la jera sesta fia de oto fioi. So pare (me bixnono) lavoreva n’acquedotto, cusì i viveva bastansia ben. La se ricorda dei bei vestitini che ela e le so’ sorele meteva par zi n’scola. Ela jo finì sinque clasi elementari, che quela volta jera obbligatorie. No i veva tante materie: scienza, matematica, italiano, geografia, religione e disegno. I veva pochi libri e quaderni. Scola se zeva con un quaderno xota al braso e con una matita; la pena e el calamaio resteva sempre a scola. De lundi se porteva al diario ntal qual se scriveva robe sucese de sabo e de domeniga. Se zeva n’scola anche de sabo. De matina, pena vignudi scola, dopo che la maestra jo fato l’apello, tuti se feva al segno dela crox. E dopo se feva al saludo al Duce e al Re. La zeva ben n’scola, la se tromenteva. I maestri jera severi, i dopereva volentieri la bacheta. Al preto iera severo più de tuti. Se no se lo scolteva al te meteva dedrio la lavagna n’zenocion sul granturco o sul sal. Una so amica de clase iera dixordinada ntal quaderno (caxa la veva pecore e altre besce) e al maestro ge dixeva: “Fedel, hai rovesciato la ricotta sul quaderno?)

Al riposo durava meza ora e par merenda i se porteva de caxa quel che i veva. Durante al riposo i se zogeva: i saltava la corda, la tria, i zogeva la bala fata de strasa. A me nona ge piaxeva zogà al zogo de rinoceronte: se buteva la bala sul muro e se dixeva:

 

“Rinoceronte, che passa sotto

il ponte, che salta, che balla,

che gioca alla palla, che sta

sull’attenti, che fa i complimenti,

che dice buongiorno girandosi

attorno, le gira, le gira, la testa

mi gira che non ne posso più

palla d’oro cadi giù!

 

I  masci ge piaxeva zogà al zogo  del pandolo. Dopo dela scola i zeva jutage ai zenitori lavorà la tera, vardà le vache o le pegore.

De domeniga tuti zeva a mesa. La caxa dei mei bixnoni jera ordinada ma con pochi mobili. N’cuxina jera al fogoler e de inverno i se senteva n’torno e i se scaldeva. Me bixnona Ana anche la cuxuneva n’ sima. No i veva ‘l bagno n’caxa, ma i se laveva ntal cadin. I scaldeva l’acqua ntal pignato e dopo i travaxeva sta acqua ntal secio. Per me nona quei jera bei tempi.


 

I NOSTRI NONNI CI RACCONTANO...

Roberta Banko

Classe VI

Scuola Elementare Italiana “Giuseppina Martinuzzi”

Pola – Croazia

 

Un giorno i miei nonni decisero di raccontarmi com’era diversa la loro infanzia dalla nostra. Fin da bambini portavano al pascolo tacchini, mucche, e altri animali domestici. Per loro questa non era un’attività faticosa o noiosa, anzi, andavano in gruppo e si divertivano molto. Mentre gli animali pascolavano, loro giocavano con le piastrelle o con le biglie, o anche si cantava e si scherzava mentre qualcuno suonava l’armonica a bocca.

A Pasqua, la mamma e la nonna facevano bollire le uova: i bambini, dopo, cercavano di colpirle con un soldo e chi riusciva a prenderne di più si aggiudicava tutte le monete.

La domenica si andava a messa e dopo andavano a giocare in campagna. I loro divertimenti erano molto semplici e si svolgevano in campagna o nel cortile.

Di solito si possedeva un orto davanti o dietro la casa dove crescevano alberi da frutto e loro vi si arrampicavano, mangiandone le polpe succose.

Le ragazze imparavano dalle madri e dalle nonne a cucire, rattoppare, cucinare, ricamare ed altro ancora.

I ragazzi che frequentavano la scuola italiana avevano un colletto bianco e un grembiule nero; le ragazze indossavano un grembiule azzurro. Non erano molti i genitori che sapevano parlare l’italiano e quindi gli scolari dovevano arrangiarsi da soli per i compiti domestici. Mio nonno conosceva molto bene la lingua italiana e pertanto aiutava i compagni che avevano delle difficoltà.

Siccome la televisione non c’era, i ragazzi trascorrevano molto tempo all’aperto. Andavano nei boschi dove si divertivano arrampicandosi sugli alberi, costruendo fischietti con il legno d’acero; le ragazze raccoglievano fiori.

Alla fine i miei nonni aggiunsero che la loro era stata un’infanzia felice, pur essendo stata priva di televisione o computer. Io non so se essere d’accordo con loro perchè, lo ammetto, mi piace troppo stare sdraiata sul divano a guardare la TV...


 

I GIOCHI CHE FACEVANO I MIEI NONNI

Sara Prpić

Classe VI

Scuola Elementare Italiana “Giuseppina Martinuzzi”

Pola – Croazia

 

Quando i miei nonni erano piccoli non c’erano giochi da comperare, ma si giocava con ciò che si aveva. Nei pressi delle case, quando il cielo era sereno, l’aria pulita, tutti assieme giocavano ad acciappino, a mosca cieca. Giocavano pure a fare le corse con i sacchi, con gli aquiloni. C’era il gioco del cerchio: un cerchione da bicicletta e un bastone che messo nel mezzo girava come una ruota. I ragazzi possedevano le fionde che erano il terrore di tutti gli uccellini. Facevano i soldatini con un fucile fatto di legno, mentre gli altri si divertivano con delle sciabole, fatte pure di legno.Le bambine facevano le mamme con le bambole di pezza che erano molto belle. L’altalena piaceva invece a tutti e ci si divertiva molto anche con le biglie. Quando si giocava a biglie il terreno era tutto a buchi. Anche quella volta si faceva la raccolta di figurine, di tappi di aranciata, e ci si divertiva anche a carte.

Il vero divertimento però iniziava con l’estate quando si andava al mare. Lì le ragazze giocavano a manette.

Tutti questi giochi a me sembrano affascinanti, per i miei nonni invece erano passatempi quotidiani, comuni. Giocare a “quattro cantoni”, ”al pandolo”, ”ai colori” a me paiono addirittura giochi esotici. E invece erano divertimenti di chi sapeva arrangiarsi e divertirsi con quel poco che aveva. Altro che noi…


 

I NOSTRI NONNI CI RACCONTANO...

Stefano Revelante

Classe VI

Scuola Elementare Italiana “Giuseppina Martinuzzi”

Pola – Croazia

 

E’ la nonna che mi racconta:

 

Le mie origini sono a Dignano, che è un centro cittadino di stile e gusto veneziano con calli, volti, androni e case antiche dalle bifore fiorite. C’è la piazza dalla quale partono a raggiera le viuzze strette. C’è il Duomo, la chiesa di S. Biagio con il maestoso campanile che la sovrasta. Dignano è posta su un altipiano, circondato da campi, boschi, viti e ulivi, di fronte al mare: le isole Brioni sembrano a due passi. La sua gente, i bumbari, sono laboriosi, cordiali, ingegnosi, arguti di spirito, forse un pò rudi, ricchi di sapienza popolare e di proverbi.

Tutti i miei antenati sono nati a Dignano. Abitavano a San Giacomo, il borgo più antico: una casa di sasso dai muri spessi, molto accogliente, con il cortile, la cisterna e tanti animali domestici perchè la mia era una famiglia contadina. Il babbo lavorava nei campi, la mamma spesso lo aiutava e la mia sorellina ed io eravamo accudite dalla nonna Lussita, la mia favolosa nonna Lucia. Era lei che ci raccontava le favole, e una favola mi sembra adesso sia stata la mia fanciullezza. Un’infanzia felice, spensierata: non c’erano la TV, il computer, nessun elettrodomestico, neanche la radio avevamo, eppure ripenso a quel periodo con molta nostalgia.

D’inverno ci si riscaldava vicino al fogoler, seduti attorno al fuoco mentre la mamma cucinava. Erano cibi genuini, sani, come la polenta. Alla vigilia di Natale, le frittole erano squisite, l’odore di pinoli e cannella riempiva la cucina. Poi, a mezzanotte, tutti in chiesa. A carnevale si friggevano i crostoli, a Pasqua invece le pinze, un panettone dolce che la mamma preparava a casa e poi portava al forno grande di Pitacco. Si stava fino a notte tarda perchè la pasta doveva lievitare bene. Le donne del borgo si riunivano sedute sui banconi al crepitio del fuoco, alimentato dal legno di ginepro. Noi bambini si ascoltava le loro incredibili storie di fantasmi, di rumori strani, di catene trascinate. Non ti dico la paura che ci incutevano!

Nei giorni di festa, sulla piazza Italia si svolgeva il passeggio: sulla Grisia la banda cittadina suonava, ed arie celebri si innalzavano dagli ottoni luccicanti.

Ricordo come mi sentii importante quando incominciai a frequentare l’asilo. C’erano le suore che ci insegnavano molte cose e soprattutto giocavamo, d’estate, nel bellissimo parco, all’ombra dei maestosi castani.

In seguito iniziai ad andare alla scuola elementare: eravamo in trentaquattro bambine. Ricordo la mia adorata maestra, che era stata pure la maestra di mia mamma, la signorina Gaspard. Mi voleva bene ed io le raccontavo tutti i miei segreti. Avevo tante amichette: la Minima, la Etta, l’Annamaria, la Mariucci...

Un brutto giorno, ero allora in seconda classe, le mie compagne non vennero a scuola: la classe stava svuotandosi. Era successo che tutte le famiglie al completo lasciavano Dignano per andare in Italia. In breve il paese si spopolò, la mia classe si vuotò. In quegli attimi non capivo cosa stesse succedendo. Quando lo compresi mi piombò tutto addosso; in breve il mio mondo dorato si era frantumato. Tutti se n’erano andati: i parenti, le amiche, la mia carissima zia Viola, la cugina Lina... 

Quando la nonna terminò il suo racconto, le luccicavano gli occhi.


 

I NOSTRI NONNI CI RACCONTANO...

Elena Vian

Classe VI

Scuola Elementare Italiana “Giuseppina Martinuzzi”

Pola - Croazia

 

Quando i miei nonni erano piccoli i giocattoli se li costruivano da soli. Per le bambine uno straccio vecchio poteva diventare una bellissima bambola. Le cucivano un pò di lana gialla in testa e diventava una fata turchina. I ragazzi, invece, con un paio di vecchi calzini e un pò di carta di giornale potevano giocare a pallone. Quando tornavano da scuola potevano sempre giocare sulle belle distese erbose che a quel tempo non erano piene di immondizia, ma erano fresche e pulite.

Pensandoci bene, credo che se la godessero più di noi, erano sempre all’aria aperta e non davanti al computer. Anch’io adesso il mio tempo provo a trascorrerlo molto di più all’aria aperta e con gli amici che davanti la TV o al computer. Ogni volta che i miei nonni mi vedono seduta davanti allo schermo del televisore mi mandano fuori a giocare. A volte mi canticchiano le canzoncine di una volta e mi raccontano le storie che sentivano dagli adulti. Non è che abbia sempre tempo di ascoltarli, ma per le storie e ciò che combinavano ai loro tempi un attimo lo trovo sempre. E’ molto bello avere dei nonni che ti coccolano e ti viziano. Anche loro erano bambini che, come ogni bambino, vedevano sempre qualcosa di positivo amche nelle cose brutte.

Spensierati, liberi, gioviali, le ragazze aiutavano in casa, i ragazzi davano una mano fuori casa nei lavori maschili. Erano sicuramente ragazzini con più obblighi, forse più provati dalla vita, ma ugualmente desiderosi di giocare.


 

I NOSTRI NONNI CI RACCONTANO...

Natali Frlan

Classe VII

Scuola Elementare Italiana “Giuseppina Martinuzzi”

Pola - Croazia

 

Ogni estate vado dai nonni che abitano in un minuscolo paese situato tra Parenzo e Cittanova: Torre. Mi diverto molto in loro compagnia, li aiuto e ciò mi fa sentire utile, perchè sono spesso soli e il più delle volte si annoiano. Così, dopo una lunga giornata trascorsa al mare con la nonna, scende la sera. Durante le calde serate estive siedo con il nonno sul balcone ed egli inizia a raccontarmi la vita ai suoi tempi e della sua infanzia...

Si svegliava di prima mattina e andava con suo padre e il fratello a lavorare i campi. In campagna avevano una casita dove tenevano gli attrezzi; tutti i campi erano delimitati da muri in sasso costruiti da suo padre e da suo nonno. Nel frattempo la sorella e la mamma svolgevano i lavori domestici. A quei tempi mancavano gli elettrodomestici e i negozi scarseggiavano perciò la gente doveva procurarsi il cibo lavorando la terra, cacciando e sfruttando gli animali domestici. Per questo motivo la famiglia di mio nonno possedeva molti animali: una mucca di nome Carolina, un asino col quale andavamo a prendere l’acqua, molte galline e una cagna di nome Aica. Aica era un cane da caccia molto ubbidiente e voleva bene ai suoi padroni. Delle volte mio nonno andava a caccia con il mio bisnonno e Aica.

A volte mi parla anche di suo nonno, che era molto forte fisicamente ed era un gran lavoratore che amava molto i nipoti.

Per quanto riguarda la scuola, questa era molto distante dalla casa e quindi il nonno doveva farsi una lunga camminata. A quei tempi, a causa della guerra, in una classe stavano alunni di diversa età. I maestri erano molto severi e sapevano usare la bacchetta.

D’estate, durante le vacanze, mio nonno andava da una zia che abitava a Trieste e lì si faceva delle enormi scorpacciate di cioccolato.

In aprile, se il tempo lo permetteva, andava con gli amici al mare, anche se i suoi genitori non ne erano proprio entusiasti visto che l’acqua era ancora molto fredda. Così, dopo il pranzo, mio nonno era costretto a farsi il sonnellino pomeridiano assieme al padre, con la porta della camera chiusa a chiave. Appena il padre si addormentava, lui si avvicinava pian piano alla finestra e saltava fuori, con i piedi scalzi. Tornava a casa la sera, infreddolito e con le labbra bluastre.

A volte il nonno mi fa quasi piangere parlandomi di tutte le morti di persone care a cui ha assistito e delle speranze che non si sono avverate...


 

I NOSTRI NONNI CI RACCONTANO...

Isabella Matticchio

Classe VII

Scuola Elementare Italiana “Giuseppina Martinuzzi”

Pola – Croazia

 

Spesso i nonni mi raccontano della loro infanzia ed adolescenza. Io ascolto con piacere ed attentamente i loro racconti e le loro esperienze giovanili. Naturalmente mi accorgo delle molte differenze che passano tra i tempi tanto a noi remoti e quelli odierni. Ad esempio, una volta gran parte della popolazione viveva in campagna e si occupava di agricoltura e di altre attività legate alla terra, come ad esempio la vendemmia: festa campestre per ecellenza, alla quale venivano invitati parenti e conoscenti. Si lavorava molto, ma i canti non mancavano. Il tocco delle campane annunciava la merenda, che durava all’incirca da mezzogiorno all’una. Alla fine ciascuno si portava a casa, in ricordo ed a compenso per il lavoro svolto, un mucchio di uva, unita ancora a tralci. E’ un dato di fatto che da sempre si è lavorato soltanto per vivere e non per vendere, come al giorno d’oggi.

Erano inoltre molti i giochi praticati dai ragazzi. A Pasqua, ad esempiosi divertivano a colpire le uova, lanciando delle monetine e chi vinceva le raccoglieva tutte. I fanciulli più piccoli, invece, giocavano a costruire delle torte di fango.

I nonni, oltre a narrarmi del genere di vita che si svolgeva a quei tempi, mi narrano anche di quando andavano a scuola. Per cartella avevano una borsa di tela, con qualche pezzo di matita nell’astuccio, mentre come penna stilografica usavano un bastoncino di legno avente sulla sommità una fessura per il pennino, e una boccetta d’inchiostro. Le classi disponevano di poche sedie e altrettanti banchi, ma non c’erano neanche tanti libri né quaderni.

Nell’abitazione dei miei nonni non c’era l’elettricità e di conseguenza erano costretti a fare i compiti alla luce del lume a petrolio. Non c’erano neanche autobus nè automobili, si viaggiava invece con delle biciclette oppure con carri trainati da cavalli.

Tutto sommato la vita dei miei nonni è senza dubbio stata molto difficile ma anche abbastanza felice.


 

I NOSTRI NONNI CI RACCONTANO...

Maura Runco

Classe VII

Scuola Elementare Italiana “Giuseppina Martinuzzi”

Pola – Croazia

 

“C’era una volta”... di solito iniziano così le favole. Però “c’era una volta” lo dice pure mio nonno. Racconta la sua infanzia lontana, ma veramente lontana, perchè è un vecchietto di 91 anni. C’era una volta... e fatica a ricordare, Ci pensa un pò e continua...

 

Il mio paesetto, erano una decina di case, si trova nella parte centrale dell’Istria. Eravamo tutti bambini perchè le famiglie a quel tempo erano numerose. La domenica pomeriggio ci trovavavmo sotto un grande albero di noce: eravamo poveri ma sapevamo divertirci... Si faceva la conta e s’iniziava con la mosca cieca. Essendoci tanto spazio era difficile acchiappare qualcuno. Succedeva spesso di inciampare nelle radici delle piante o nei sassi e così eravamo riconosciuti non dal tocco ma dallo strillo. Il pomeriggio era lungo e giocavamo pure a pallone. Ne avevamo uno piccolo, di gomma ed erano rari, a quei tempi. Nascondino era il gioco più divertente. Aspettavamo il tramonto: le ragazze erano molto paurose e questo di certo ci induceva a fare loro qualche scherzo.

Mi ricordo che la Pasqua era la festa che si attendeva con più entusiasmo. Tutti in paese avevano delle galline e tante uova e per Pasqua queste si coloravano in due colori, marrone e verde. Dopo la messa e il pranzo ci radunavamo tutti, piccoli e grandi, sul balador, dove si trovava la cisterna. Noi bambini portavamo un grande cesto pieno di uova colorate: eravamo felici perchè consapevoli che avremmo guadagnato qualche soldino. Come si giocava? Le uova si posavano davanti al muro e venivano bersagliate con i nostri soldini...

 

L’infanzia del nonno si svolse dopo la Prima Guerra Mondiale ed ecco perchè quei giochi e quei divertimenti non si possono paragonare a quelli della mia generazione. I nostri giochi sono vari, tantissimi, eppure ci sono dei momenti nei quali non sappiamo cosa fare e ci annoiamo...


PREMIO SIMPATIA

 

motivazione : per la fresca simpatia di questi piccoli racconti scritti nel bell'istrioto di Gallesano

 

Me nono picio

Melania Duras

cl. III  GALLESANO

 

'N giorno me nono al me jo racontà che quando el jera picio el seva a scola con doi libri ligadi e na matita de quatro centimetri.

Quando che 'l torneva de scola, so nona lo speteva che 'l magna. Quando 'l veva finì de magnà, la lo meteva sul samerol picio e la lo mandeva pascolà le pegore e i mansi. Sul samerol el studieva e el vardeva le bes'cie fino che no vigneva scuro.

Quando che 'l torneva a casa, so nona lo tireva so del samerol, perché me nono jera tropo picio e no 'l podeva si né sò né su.

                    

Me nono a pascolà  i mansi e le vache

Cristina Moscarda

cl. III GALLESANO

 

Me nono, quando 'l jera picio, el se alseva ale sinque per si a pascolà i mansi e le vache. E poi, quando jera le oto, el seva coi mansi e le vache nela stala; poi el coreva a casa a ciò la borsa per si a scola. Despoi, quando 'l jera vignun a scola, el sentiva el campanel e 'l siva nela soja clase.

A me nono ghe piaseva più pascolà i mansi e le vache che si a scola.

 

Me nono morè

Marina Matticchio

cl. III GALLESANO

 

Quando me nono 'l jera morè de sete, oto ani, la matina 'l seva a pascolà le vache, e quando soneva la campana 'l vigneva casa. El caseva le vache in stala e le ligheva co le cadene. Poi 'l cioleva doi libri e doi quaderni e 'l seva presto a scola.


 

GO IMPARÀ UNA LESION

 

 

Massimiliano Bevitori

Classe III

Scuola Elementare Italiana “Dante Alighieri

Isola d’Istria - Slovenia

 

Me ciamo Massimiliano e go oto ani. Anca mi son andà a l’incontro dei giovini dela Comunità Dante Alighieri, quando che i ne ga invità a partecipar a sto concorso. Co son tornà a casa son andà subito a trovar un me visin de casa che oramai a ga 84 ani , ma lu a se ricorda duto de quando che a iera picio e mi lo scolto sempre tanto volentieri. Co a me ga visto a me ga subito dito: “Che bel giuboto che te ga, Massi!” E mi ghe lo go mostrà duto orgolioso. Ma subito dopo lo go visto coi oci tristi e alora ghe go domandà cosa che a pensava. E sior Mario, cusì se ciama sto mio amico ansian, a ga tacà a parlar.

“Eh, Masimiliano, fasile per voi che se sovini. Gavè duto quel che volè, se visiai dei vostri genitori, vistì roba bela, de marca. Altro che co iero picio mi. Ara, me recordo come che fusi ogi. Stavo sempre in sta contrada, ma me mare no gaveva soldi per comprarme de vistir e mi, che iero l’ultimo fio, dovevo meteme duto quel che me pasava l’ultimo fradel. Ma anca lu gaveva roba vecia, perché in famea ierimo sinque mas’ci. Alora te pol imaginar cosa che me rivava a mi: roba frugada e piena de tacamachi. In poche parole iero duto el giorno in braghe curte, con una maia sbrisa, una bareta in testa e quasi sempre discalso. Ma mi no iero una mosca bianca. Duti i mii amici iera in ste condisioni, cusì che ierimo duti convinti che questo modo de vistir iera più che normale. Me ricordo però che do volte in vita mia, co iero fio, me mama ga fato salti mortai per farme far bela figura. Xe sta el primo giorno de scola e el giorno dela me prima comunion. Iero proprio bel, anca se no me pareva gnanca de eser mi e iero asai imbranà co caminavo dentro quela montura: braghe longhe, giacheta, camisa bianca e parfina una cravata. Povera mama, la se gaveva fato imprestar duto de certe famee benestanti. Fin che vevo adoso sto vistito no la faseva altro che dirme: Marieto varda come che te camini! Marieto varda indove che te meti i pie! Marieto no sta sentarte! Marieto fin che ti ga indoso sto vistito no magnar gnente! E ancora tanti Marieto cusì e Marieto culì. Insoma, invese de eser contento e de star ben, no vedevo l’ora de spoiarme e de meterme i mii pani. Ah, no iera sicuro come adeso che i soveni no se meti una maia se no la xe de marca.”

A me ga fato pecà, povero sior Mario e co son tornà a casa, ricordandome le sue parole, go impicà ben la giaca e metendo in ordine le me robe go pensà a quanto che son fortunà.


  

I RICORDI DELLA MIA BISNONNA

Victoria Bižal

Classe III

Scuola Elementare Italiana “Dante Alighieri

Isola d’Istria - Slovenia

 

Mia nonna è ancora giovane e allora io mi sono rivolta alla mia bisnonna per sapere qualcosa di più sulle abitudini di una volta.

Tanti, ma tanti anni fa i miei bisnonni vivevano in un piccolo paesino istriano di otto case che si chiama Ipsi, vicino a Montona. Gli abitanti si costruivano da soli le case con le grosse pietre bianche d’Istria. Vicino alla casa dei miei bisnonni, dove abitavano anche i miei trisnonni, c’era un frantoio per la spremitura delle olive che gli abitanti del luogo chiamavano “toclaria”. Lì si produceva molto olio d’oliva, perché questo frantoio serviva per tutto il vicinato. Nel periodo della spremitura, vicino alla casa della mia bisnonna, arrivavano tanti asinelli con brente cariche di olive. Il torchio era costruito con pietra e legno. In legno c’era una specie di cavalletto al centro un grosso palo. La parte alta di questo palo veniva chiamata candela e nella parte bassa aveva delle scanalature e, con l’aiuto di una specie di manico, veniva girato per spremere le olive. Il lavoro veniva fatto a mano dalle persone oppure con l’aiuto degli asini. Naturalmente le olive stavano nella parte bassa, dentro a un grosso recipiente di pietra, munito di una scanalatura, che serviva per far scorrere l’olio che andava a depositarsi in un altro recipiente di pietra. Le olive venivano pigiate con l’aiuto di una pietra che girava. (Per farmi capire meglio aggiungo anche un disegno). Per questa procedura serviva l’acqua bollente e siccome non c’era acqua corrente si servivano di quella di un pozzo che c’era là vicino. L’acqua del pozzo veniva adoperata anche per abbeverare gli asini e le mucche e per lavare. Per avere l’acqua potabile invece bisognava fare quasi tre chilometri. Era una fonte molto ricca e l’acqua sgorgava dalla roccia. Per portarla a casa la gente del luogo si serviva degli asinelli. Li munivano di due brente coperte perché questo prezioso liquido non esca o non si sporchi. L’acqua è sempre stata un bene molto prezioso. Quando gli asini erano occupati in altri lavori, le donne andavano a prendere l’acqua con secchi o altri recipienti. A volte facevano anche il bucato, perché la sorgente formava pure un torrente e l’acqua era sempre pulita. Di solito queste donne portavano in testa i recipienti con l’acqua o con la biancheria lavata. Dovete sapere ancora che non era proprio facile arrivare a questa sorgente perché non c’era una strada. Non solo mia bisnonna, ma anche mia nonna si ricorda di essere andata a prendere l’acqua con i secchi, quand’era piccolina. Tutti dovevano aiutare perché, come ho già detto, la strada era lunga e difficile. Questa sorgente esiste ancora e non è mai rimasta senza acqua.

Forse noi non ci rendiamo conto di quante comodità e privilegi abbiamo nella vita.


 

LA CUCINA ISOLANA

Miguel Frumen

Classe III

Scuola Elementare Italiana “Dante Alighieri

Isola d’Istria - Slovenia

 

Per conoscere un po’ meglio la cittadina in cui vivo sono andato a trovare la signora Anita Moscolin, isolana patoca (purosangue) che mi ha raccontato tante cose che non sapevo. Mi ha parlato della produzione di pesce, dei due grandi conservifici “Ampelea” e “Arrigoni” che dopo la seconda guerra mondiale hanno cambiato nome e, in parte, anche la produzione, degli artigiani: calegheri (calzolai), sarti, carrettieri, barbieri, gelatai, vendarigoli (commercianti in frutta e verdura), botegheri (negozianti), e tanti altri. La maggior parte della popolazione era costituita da campagnoi (agricoltori) e pescadori (pescatori). Ma tra le tante cose che mi ha raccontato mi è piaciuta particolarmente la descrizione della cucina.

Le case a Isola d’Istria erano di piccole dimensioni e costruite in pietra. Al pianterreno, oltre alla cantina, c’era quasi sempre una stalla per l’anemal (l’asino), indispensabile mezzo di trasporto. Al primo piano si giungeva dall’esterno con una scala stretta e ripida. Qui c’era la cucina che costituiva l’ambiente più importante della casa, dove la famiglia passava la maggior parte del tempo, soprattutto d’inverno e quando pioveva. Era il posto più caldo perché in essa c’era el fogoler (il focolare), generalmente costruito con mattonelle e serviva per cucinare e riscaldare l’ambiente. Siccome non esisteva il bagno, la gente si lavava in cucina. Accessori indispensabili erano le gradele (graticole) e i trepie (treppiedi) che sorreggevano le pentole di terracotta. Poi c’erano le molete (molle) e la paleta (paletta) per spostare i ceppi e la cenere. Sopra el fogoler c’era la napa (cappa), attorno alla quale correva una mensola di legno che veniva ornata con un camufo (gala) o anche in carta crepe e sopra venivano collocati vari piccoli recipienti di terracotta oppure el masinin (macinino) per il caffè. Dal camino pendeva una cadena (catena) che serviva per agganciare el bronsin (grande paiolo di rame o di bronzo). Ai lati e davanti al fogoler stavano scagneti (sgabelli) e una panca. Poi c’era el banco de l’aqua, un armadio basso dove venivano sistemate le mastele (recipienti per l’acqua). Più tardi, con l’arrivo dell’acqua corrente nelle case in cucina entrò la scafa (acquaio in pietra, murato in una parete). In mezzo alla cucina o appoggiata al muro c’era la tola (tavola) con un casetin (cassetto) per mettere le posade (posate), cioè i pironi (le forchette), i cuciari (cucchiai), i cortei (coltelli), el casiol (il mestolo) e intorno a la tola c’erano le careghe (sedie) con il sedile impagliato. In cucina c’era ancora la credensa (armadio da cucina) e una scansia (uno scaffale) per i crepi (le stoviglie). A Isola molte famiglie usavano trasformare la cantina in cucina estiva così che d’estate la famiglia si trasferiva al pianterreno per stare più fresca.


 

I SOGHI DE UNA VOLTA

Eleonora Cvetkovič e Sabrina Vasič

Classe IV

Scuola Elementare Italiana “Dante Alighieri

Isola d’Istria - Slovenia

 

Semo do amiche, dute do in quarta. Stesa clase e stesa scola: la “Dante Alighieri” de Isola e “Dante Alighieri” se ciama anca la nostra Comunità indove che de quatro ani recitemo e cantemo in isolan nel Gruppo Folk Giovanile. Quel che presentemo ghe piasi a duti e ciapemo sempre tanti aplausi. Anca per questo semo inamorade del dialeto e de la storia de Isola, ma semo propio apasionade dei soghi de una volta. Per sto motivo ve contaremo cosa e come che se sogava una volta.

El sogo che ne piasi de più xe LE MANETE. Bisogna gaver sinque sasolini e po un se lo buta in alto e, intanto che a xe in aria, se devi ingrumar prima un a la volta i altri quatro, dopo do e do, po tre e un e in ultima duti quatro. Par facile ma no xe cusì.

I nostri noni se divertiva anca a far le SISIOLE in mar. Per far sto sogo bisogna procurarse un poche de piere piate, quele lisade dele onde del mar e che le se trova in riva. Po se le tira con forsa sul pel del mar. Quel che ariva a farghe far più salti a la piera, vinsi. Xe interesante che ogni logo de l’Istria ghe da un nome diferente a sto sogo. Presempio a Capodistria i ghe dir “petole” e a Piran “parindole”.

Per I QUATRO CANTONI bisogna eser in cinque. Un sta in meso e i quatro che xe nei cantoni devi scambiarse de posto. Se a xe sgaio, quel che xe in meso aprofita per ciapar el posto de un dei quatro. Alora quel che resta sensa canton devi andar in meso e se soga avanti.

I mas’ci sogava anca col SERCIO. I se procurava un sercion de bicicleta o un sercio de bota e i lo sburtava con un bastonsin. Corendo per le viuse de Isola i faseva rodolar el sercio che doveva restar sempre in pie.

Le femene invese sogava a la SCALA. Col geso se disegna par tera diese quadrati e se ghe meti i numeri. Po ogni fia devi gaver una piera piata e a turno tirar sta piera nei vari numeri e saltar con una gamba nele casele, ingrumar la piera e tornar indrio. Chi che toca la riga sbalia.

E po i mas’ci sogava ancora ai CICLISTI co i tapi dele aranciate, a la CAVALINA saltando oltra la schena de quei che stava piegai in do, con le VAGHE che iera una spece de sogo de le boce in picio. Interesante iera el sogo del PANDOLO. Bisognava gaver dei bastoni e procurarse un legno de circa 15 – 20 centimetri. Sto legno se ciamava “pandolo” e de solito a vigniva ricavà de un manego de scova vecia. A le do estremità de sto legno i ghe faseva la ponta e proprio su ste ponte po se bateva col baston. Alora el pandolo saltava in aria e el sogador lo bateva ancora una volta per butarlo lontan.

Le femine invese sogava co le PUPE che le iera fate de strasa, fasendo magari le cune con scatole vece che le strasinava con un spago,  po le sogava a la CORDA, a le BELE STATUINE, ai COLORI indove che una fia iera l’angelo e una el diavolo, a SPION CHI GA L’ANEL.

E dopo iera i soghi per duti come CORERSE DRIO, SOGAR A SCONDERSE, TELEFONO SENSA FILI e tanti soghi co la BALA che magari iera de strasa. Ghe ne saria ancora tanti altri, ma se ve li contemo duti femo note. Cusì se fermemo qua.

Ma prima de finir dovemo dir ancora una roba. Sti nostri noni i iera sensa sogatoli, ma i saveva divertirse come che se devi, perché i gaveva asai fantasia. Noi invese semo abituai a trovar duto pronto e se no gavemo un bel sogatolo sotoman, bel moderno, comprà in botega, no savemo sogar.


 

… E ME NONA ME GA CONTÀ

 

 1° PREMIO Categoria Scuole Elementari Italiane  Slovenia - Croazia VIª - VIIIª classe

  motivazione: anche qui il nipote Sebastian fa raccontare direttamente alla nonna Lilia, Isolana patoca, le sue memorie... Il quadretto che ne esce è veramente  godibile, con i gustosi "babessi" della zia e delle cugine, tutte operaie nella fabbrica Arrigoni che inscatolava il pesce. Sembra quasi di avvertirne l'odore intenso che si attaccava alle vesti di queste donne lavoratrici che non dimenticavano però la loro femminilità, la loro civetteria, i gustosi pettegolezzi. Un mondo oramai passato ci appare vivido grazie ai freschi ricordi di nonna Lilia che conclude in maniera un pò nostalgica ricordando che quello era sì un piccolo povero mondo ma ricco di tanta umanità e "de bona armonia".

 

Sebastian Božič

Classe VI - Scuola Elementare Italiana “Dante Alighieri

Isola d’Istria - Slovenia

 

Mi chiamo Sebastian Božič, abito a Isola d’Istria e frequento la sesta classe della Scuola Elementare “Dante Alighieri” che corrisponde alla prima media in Italia. Mia nonna Lilia è isolana “patoca”, con il suo dialetto isolano e i suoi tanti ricordi. Spesso mi racconta di quando era bambina e io mi diverto ad ascoltarla. Ora vi racconterò qualche suo ricordo, naturalmente nella forma dialettale.

 

Mi de picia stavo de me nona, perché me mare e me pare i lavorava duto el santo giorno. A casa de me nona stava anca me sia, la sorela de me mare e le so fie che le lavorava in fabrica Arrigoni, indove che se lavorava el pese. Povarete! Le spusava de pesi che no te digo. Quela volta, in casa, no iera miga come adeso. No se gaveva miga el bagno! E ste povere ragase che lavorava in fabrica, per cavarse duta la spusa che le portava a casa, a turno le se lavava intun cadin e le usava el savon de la lisia, ma no oni giorno, perché sarìa sta grando spreco. Te sa, co iero picia, no gavevimo a casa l’aqua corente e le sovene le doveva andar co le mastele a fontana fora, indove che iera la sorgente più granda. Acioché la mastela ghe staghi in equilibrio le usava una spece de busolà fato de strase che se ciamava “sesta” e, impinide le mastele de aqua, le le meteva in testa, le tornava a casa. Iera granda fadiga, ma la gioventù, in un certo senso iera anca contenta, perché fasendo sto lavor le podeva andar fora de casa, far la pasegiata co le amiche e magari incontrar anca el moroso. Ma no solo l’aqua, anca el savon andava usà con parsimonia, perché anca quel costava, o soldi, o lavor per chi che se lo faseva in casa.

Te devi saver che a l’epoca i divertimenti iera sai pochi. No iera miga come adeso. Un dei pasatempi più in uso per le done de dute le età iera quel de sparlar i altri. Iera una spece de radio vivente. Ste me cugine, co le rivava a casa de la fabrica, no le se fermava mai de parlar e mi, curiosa, me metevo intun canton per scoltar. Me piaseva tanto sentir duti sti babesi. Per mi, scoltar, iera un grando divertimento E pensa che lore le iera cusì infervorade in sti discorsi che no le se acorseva gnanca de mi, e quando che ghe domandavo qualcosa, le me dava un per de silele per farme taser. E daghe, sparla de duti: “Te ga visto la Lina? La ga gambià de novo moroso! Adeso la parla con Giovanni. Che poco de bon che la xe. El moroso che la ga lasà morirà de crusio. Ma quanti la ghe ne ga lasà fina ‘deso? Va ben, no la xe bruta, ma no se pol far strase dei omi. A pa’ la madona, basta che la vedi un per de braghe e la va subito in brodo de giugiole. E Bepi? Te ga savù che Bepi se ga meso co la Maria, dopo solo un ano che so molie xe morta, che Dio ghe brasi l’anema. E cos’ te credi che sta Maria se lo ingrumarà con duti i fioi? Mi no so se la sarà cusì tonca. Se capisi che l’omo no ghe la fa più a strasinar avanti la casa, i fioi, el lavor, ma listeso me par tropo presto. Sì, ma xe stada sta Maria a farghe le freghe. Te la ga vista come che la vien in fabrica sta vergognosa? La se meti fina la camiseta co le maneghe curte, sta poco de bon, cusì che duti i omi ghe vardi i brasi. Se capisi che sto povero Bepi ghe xe cascà. La xe proprio una siveta. Sì, la xe duto el contrario de la molie de Toni che la xe ancora una bela dona, ma la se vesti sempre duta de nero, involtisada intel so fasoleton, quele poche volte che la va fora de casa. Ah, se capisi! So suocera la xe tremenda. Co sta povera disgrasiada la ‘riva a andar in strada, so suocera, de scondon, la ghe va drio per vede indove che la va e cosa che la fa. Sta povera disgrasiada la xe diventada la serva de duti in casa. Se saria mi al so posto molaria baraca e buratini e tornasi de me mare. Tanto no la ga gnanca fioi! Sì, ma te sa el scandalo che la faria? Duta Isola parlasi de ela. Saria la più granda vergogna che ghe podesi capitar…” E cusì, ste me cugine, netando la casa o spelando le patate o cusindo, insoma fasendo qualsiasi lavor, le se lavava la boca sparlando de duti e de duto. E co le veva finì i argomenti de la giornada, co no le veva più cosa dir, le scominciava a becarse fra de lore: “Silvia, cosa te ga ciolto ti ogi le papuse bone. Sta matina me ga tocà meteme quele col buso. E xe sparì anca el mio fasoleton. Quando te te abituarà a lasar in pase le mie robe? Ogni giorno xe la stesa vita.” E la sorela: “Ah, benedeta, chi che se alsa prima ciapa el meio. Imparete a no dormir come un ghiro. De matina son mi che te dismisio, si no ti no te andasi gnanca a lavorar. Se te saria più sveia te vedaria subito che go adoso le to bele papuse e el to fasoleton. Xe solo to dano.”

Te sa Sebastian, co mi iero picia, a Isola la gente no usava capoti. I omi gaveva un sacheton, che saria una spece de giaca grosa e le done el fasoleton, un sial quasi sempre nero che le coverseva de la testa fina a soto i senoci. Ma le done e i fioi i no portava  gnanca le scarpe. Questo iera un luso che se meteva solo co iera festa. Per ogni giorno se usava le papuse che le vigniva fate in casa usando tochi de stofa de veci capoti o vestiti. E de estate i fioi che sogava in strada iera quasi sempre discalsi. Solo i omi usava scarpe o stivaleti, ma un pèr ghe durava quasi una vita. Anca i vistiti vigniva pasai de fio in fio, ma anca de parente a parente e, co i iera ben frugai, se li rivoltava per darghe un’altra vita, prima de diventar strase. Te vedi, Sebastian, iera miseria, no se gaveva gnente e se viveva con poco, ma forsi la gente saveva goderse la vita meio de ogi, i se contentava de poco e, grasie al fato che duto vigniva riciclà, no iera gnanca el groso problema che sentìmo sempre in duti i telegiornali: ‘lo smaltimento dei rifiuti’. E po la gente se iutava e, anca se iera ciacole in giro come che te go contà, in fin dei conti l’amicisia iera sacra e a Isola se viveva in bona armonia.”


 

EL PORTO NO XE PIÙ QUEL

 

2° PREMIO Categoria Scuole Elementari Italiane  Slovenia - Croazia VIª - VIIIª classe

 

 motivazione: Il messaggio sereno e pacato offre al lettore la libertà di confrontare ed accostare passato e presente. I “tre edifici importanti la cesa, la pescaria e l’ostaria” rappresentano l’essenza della vita del luogo. I riferimenti all’onore, alla parola data, al rispetto del frutto del lavoro, alla fratellanza sono i valori di vita che vengono sottolineati. Rimpianto e malinconia sono superati da quel sospiro che riporta alla mente la giovinezza, per tutti, tempo di spensieratezza e speranza.

 

Michele Bevitori

Classe VIII - Scuola Elementare Italiana “Dante Alighieri

Isola d’Istria - Slovenia

 

A casa nostra riva sempre el giornal “La Colomba” de la Comunità degli Italiani “Dante Alighieri” de Isola, indove che mi e me fradel Massimiliano frequentemo el Gruppo Folk Giovanile e el Gruppo dei Minicantanti (sto ultimo adeso go dovù lasarlo perché son in periodo de muta). Ben, in sto giornal, prima de duto vardo cosa che i scrivi dei nostri spetacoli, ma subito dopo me piasi leger “I racconti della signora Rita”, quele storiele vece che conta de Isola, dela so gente, dela so storia. Me ga incuriosì in modo particolar quando che sta siora Rita, che sto ano la farà 90 ani, la contava del porto. Mi per saver un poco de più son andà a trovarla. Me spetavo una persona più de là che de qua, ma no xe sta cusì. Duta contenta la me ga invità in casa, la me ga fato sentar e la me ga risposto con richesa de particolari a dute le domande che ghe fasevo. In poche parole la me ga fato un quadro del porto che me par de verlo davanti i oci e adeso sercarò de presentarlo col suo linguagio.

 

“Te devi saver, anema mia, che una volta el porto iera diferente de come che a xe adeso. Ghe iera un straso de barche de pescadori: caici, bragosi, sacaleve, batei, batele e in quel tempo el mar iera pien de pesi. Ma de pesi sani, sa picio, miga come quei che xe adeso, duti pieni de nafeta. Le barche le rivava in porto che pareva che le saria piene de argento, co duto sto movimento de sardele, sardoni, scombri, orade, bransini e altri pesi del color de l’argento. E po le iera cusì careghe che l’orlo dela barca a iera a pel del mar per el grando peso che le portava. A do pasi iera do, ansi tre edifici importanti: la cesa de Sant’Andrea, che iera proprio dei pescadori, la pescaria indove che lori portava subito duto sto ben de Dio apena pescà e l’ostaria, indove che, dopo la fadiga de ore e ore de lavor i andava a bever un bicer. Ben, no iera proprio un solo bicer. Ansi, quasi sempre i andava dentro sfinii de stanchesa e i tornava fora imbriaghi come strase. Ma cosa te vol, in quela volta no iera tropi divertimenti e per lori, andar in ostaria a sogar a carte e a bever el quartus che po diventava litrus, iera el più grando svago. Adeso no xe più la cesa e gnanca l’ostaria. Xe restada la pescaria, anca se là no se vendi più pesi. Saria però asai bel se quel logo tornasi a gaver la funsion de una volta. Una roba curiosa iera anca quando che sti pescadori i faseva i contrati in orecia. Sa quela volta no ocoreva timbri e firme, come che xe adeso e ancora cusì i te imbroia. Una volta bastava una strenta de man. Co te gavevi dà la parola d’onor no ti podevi tornar più indrio coi ripensamenti. Cusì i nostri pescadori, con una strenta de man, i patuiva el preso e la vendita. Però te devo dir che iera tanta concorensa fra i pescadori e che a casa i portava i pesi più pici e i vendeva duto quel che i podeva. Sì, perché i pescadori no pol pescar duti i giorni de l’ano. Xe periodi anca longhi che i no pol andar fora, e anca quela volta la famea devi magnar. Per questo bisognava far sempre risparmi, anca se la pescada iera bona. Iera anca asai bel vederli co i iera in tera. El porto iera pien de rede impicade a sugar e lori sentai per tera, coi aghi de legno che i consava le rede. Te sa picio cosa che vol dir consar? Vol dir cusir, insoma ramendar i busi che i pesi provoca sia col peso, sia perché i tenta de scampar.  Co se pasava per de là iera bel sentirli ciacolar, ma anca cantar. Noi sovene andavimo volentieri in porto perché là gavevimo i moroseti. Ma aguai se i vigniva a saver a casa, perché una volta no se podeva parlar co un giovinoto se prima lu no gaveva domandà el permeso a qualchidun de casa. Se doveva tornar anca presto a casa. Al più tardi co l’Avemaria. Me mama diseva sempre: “L’Avemaria suonata la puta sia salvata”, e aguai se no iero a casa in tempo. Ben, ma tornando al nostro porto, no, disemo pur che bona parte de la vita de Isola iera propio in riva. Sicome dute le barche faseva aqua, ogni tanto le vigniva portade in tera e impegolade, cioè i ghe dava el catrame per stropar le fale. Ansi te dirò che indove che adeso xe l’inisio del bagno a Punta de Galo, una volta, propio là iera i calafai, che saria le persone che riparava le barche. Te vedi la diferensa con adeso? Xe poco mar e de conseguensa poche barche e pochi pesi. Le rede xe de plastica come del resto anca le casete indove che se meti el pese. In riva no xe più le rede, no xe più la cesa de Sant’Andrea e al posto de quela ostaria che te parlavo xe un bel albergo. A Punta de Galo no xe più i calafai ma adeso là xe una bela spiagia indove che de estate xe pien de turisti. Xe vero che una volta iera miseria, ma de bon iera che andavimo duti d’acordo e po, cosa te vol? Mi iero sovena e co se xe soveni, come che se dir, ‘se salta tre piati svodi per ciapar un pien’ e la vita xe sempre bela.”

Go ringrasià la siora Rita per gaverme contà un toco de storia de la mia citadina e son tornà a casa contento come chi che ciapa un premio.