PREMI SIMPATIA

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

 

 LAVORI INDIVIDUALI:

 

 

Motto: AERO KICKBOXING                Paola Giorgi

 

Classe II a  

                                                                          Scuola Elementare Italiana “Giuseppina Martinuzzi” Pola

 

„ Non ci credo, ma...“  le superstizioni di una volta...

 

  Mia nona me contava che una volta iera sai piu' superstiziosi che adeso.

La gente per paura, per ignoranza e sicome no iera la television i ghe contava ai fioi tante robe spaurose. Ora i sa tropo con la television e sta' roba moderna ciamada Internet!    Forsi per farli star boni o forse perche' per tante robe noi gaveva spiegazion, po' se incolpava i demoni e le strighe.

  Me dispiasi per la credenza del gato nero che se pasava oltre la strada el portava sfortuna. Mi go' un belisimo gato nero, cusi' bon e nol me ga mai porta' sfortuna, anzi!   L' unica roba che stago sai tenta xe de no romper el specio. Sete ani de disgrazia no me va!

  Povereti, pero', i doveva star atenti de tante robe.   Adeso ve conto cosa che me ga dito mia nona.  La xe vecia e no la se ricorda piu' de tanto.

  Passar soto una scala posada sul muro porta pegola.   Guai fermarse soto un platano ( quei alberi che ghe se scorla sempre le foie) le strighe se rabia.

  Guai fermarse a incroci de strade de sera porta mal o malatia.   Star sai tente delo sguardo cativo specialmente del' ocio sinistro dele strighe, le te buta el malocio.   Ai fioi pici ghe se meteva sempre le robete ala riversa che no li ciapi le strighe.  Aiutava in questo tegnir i fighi, mostrarghe i corni ale strighe, portar la croce, portar un po' de sal in scarsela o spudar tre volte.   Se no se podeva cussi', iera un omo o dona ciamadi „ cavalcanti“ che i faseva la controfatura e i podeva portar via i mali e le strighe dala casa.

 

  Andemo avanti... me ricordo che...

  Guai verzer l' ombrel in casa porta sai sfortuna!   Guai contarse i nei se se ne ga tanti perche' se no i diventa dopi!   Tocarse el calcagno co' pasa una suora.   Co' xe pero' tre o piu' insieme porta mal.   Non se parti ne' de martedi' ne de venerdi'.   Non se va neanche a far visita ai sposi ne' ai pici pena nati de martedi' o  venerdi'.   Al venerdi' non se doveva andar dalle api a cior el miel perche' el giorno dopo non le saria piu' andade a racoglier el netar.

  E me racomando mai farghe el letin ai pici prima che i nasi! El letin fa chi che xe a casa co la mama e el picio xe in ospedal.   Per difender la casa del mal se meteva sule fondamenti un soldo per portafortuna.   L' edera che se rampiga su una casa porta fortuna, no la se devi tirar via.   El sono dei campanei porta via i demoni.   Porta mal andar zo dal leto co' la gamba sinistra, se ciama el diavolo.

  El leto mai sistemarlo con i piedi verso la porta, te porta sai mal.   No scovar la casa all' alba e co xe scuro, porta sai disgrazie! E se la scova toca una che no xe sposada, non la se sposera' mai piu'.   El cuciar, mai tegnirlo colla man sinistra.  Se se impresta aghi e spile se devi tornarle, se no te porta malatie.   Co te casca le forbici, prima de ingrumarle mettighe la gamba sora. Porta ben invese le forbici impicade sul muro.

  Posar un capel sul leto porta mal.   Guai lasciar le scarpe girade, porta ancora piu' mal!   E che no parlemo del pan: guai, guai girado sul tavolo porta dizgrazie grandi. Guai butarlo via, carestia per tuta la famea, e se el casca per tera alzarlo e darghe un bazo.   Se se spandi l'oio porta mal, el pevere se ti spandi te fa far barufa col amico piu' bon.   Spander el sal xe sai sfortuna, xe bon invese butarlo oltre la spala sinistra, ti mandi via le strighe.

  Se te beca la man sinistra ti ciapara' soldi, la destra invese te tochera' sborsarli.   No basar un picio sul colo, nol pol dormir tuta la note.

  Se la civeta cantava o un can ululava piu' forte, in quela casa moriva qualchedun de sicuro.   Co moriva qualche dun bisognava lasar verte tute le finestre, se no' l' anima ghe restava imprigionada.   Per l' Ano Novo se entrava un omo prima in casa se gaveva fortuna tuto  l' Ano, se no no! I ghe savave dar do' centesimi ai muli che i vegni dentro prima in casa.  Per saver come che sara' tuto l' Ano se guardava el tempo dei primi dodici giorni.

  Se la zivola gaveva tanta scorza l' Ano saria sta' tanto fredo.   Guai impiantar fondo el prezemolo, porta mal, bisogna seminarlo leger.

  Portava ben tocar fero o bater tre volte sula tola per portar via le dizgrazie.

 

  Nona me dixi che iera ancora tante, ma tante robe, ma no la se ricorda piu' dato che non le se dopera piu'.

 

  Ma, mi adeso che so tute ste' robe che prima no' savevo, quasi, quasi me convien procurarme un corneto roso de portarme in scarsela.

  E se vedo el spazacamin che vicin ala nostra scuola, perche' semo vicini ai spazacamini e alora li vedemo spesso, me zerco subito el boton e lo giro tra le mani...... No se sa mai...... 

 


 

 Motto: BIRBA                             Greta Stocco  

 

                                                                                                             Classe II a

                                                                         Scuola Elementare Italiana “Giuseppina Martinuzzi” Pola

 

Non ci credo ma…

 

Mio nonno mi ha raccontato che tanti anni fa non usavano creme o tinture comperate in farmacia,

ma se le facevano da soli. Per i neonati, quando avevano la pelle arrossata, mettevano in una ciotolina dell'olio di oliva e acqua fredda; sbattevano il tutto con una forchetta fino a farlo diventare un unguento. Per combattere il mal di denti e calmare le infiammazioni delle gengive grattuggiavano una patata cruda e mettevano questo impasto tra due fogli di carta assorbente. Lo appoggiavano sulla guancia malata legandolo con un fazzoletto attorno al viso.

Per le otiti mettevano nell'orecchio un batuffolo di ovatta bagnato con olio di oliva caldo. Per i geloni (in dialetto venivano chiamati buganse) usavano dell'acqua caldissima, dove si immergevano le dita colpite per trovare sollievo. Per il mal di pancia causato da qualche indigestione, il farmacista consigliava qualche fogliolina di senna per preparare un infuso purgativo. Consigliava un cucchiaio di olio di ricino per gli adulti e per i  piccoli che avevano poco appetito una cura a base di olio di fegato di merluzzo.

Usavano fare certe polentine con farina di granturco ben abbrustolita e riscaldata in un tegame che, poi, versavano in un piccolo sacchetto di flanella. Questi impacchi venivano usati per alleviare i dolori reumatici. I cuscinetti cosi' preparati si applicavano sulla parte dolorante.

Per curare la diarrea facevano bollire le bucce secche della melograna e poi ne bevevano l'infuso. Per eliminare le verruche della pelle usavano il latte di fico che veniva spremuto ripetutamente sulla cute. Penso che i nostri nonni avevano senz'altro la vita piu' complicata, perche' e' piu' facile buttare giu' una  pastiglietta o un cucchiaio di sciroppo che prepararsi tutti questi infusi e impacchi a non finire.

 


 

 Motto: GATTINA                      Romana Radetić

 

                                                                                                            Classe II b

                                                                        Scuola Elementare Italiana “Giuseppina Martinuzzi” Pola

 

 

LE SUPERSTIZIONI

 

                                                             Venerdì tredici, ultimo giorno di scuola, che disdetta, mi mancherà la gioia perfetta!

                                                             Aprire un ombrello in casa porta sfortuna, specialmente se nel cielo brilla la luna.

                                                            Se la strada ti attraversa un gatto nero, fai tre passi indietro, senza nessun brutto pensiero.

                                                            Se rompi uno specchio sono guai, sette anni di disgrazie avrai!

 


 

Motto: POLASTRO                    Anna Čeru 

 

   Classe II

                                                            Scuola Elementare Italiana “Bernardo Benussi“ Sezione Periferica Valle d’Istria

 

 

Non ci redo ma....” Le superstizioni e i rimedi popolari a Valle”

 

Quando ho chiesto a mio nonno di parlarmi delle superstizioni subito mi ha risposto: - Mi a ste robe no ghe credi, ma me mare, co vuldiva la sueta, la scampava ‘n casa e la ‘pirava i cortei drio la porta che no ghi toco a jela de murì o che no ghi vegno de noto la pexarula a sofegala o a roxigala.

-          La pexarula! E che xe sta roba? – ghi je sigà

Me nonu, cun’na vox fina, fina, el mi jo risposto: - La pexarula xe ‘ na bestia, ‘n gato negro, che el riva de noto, cu ti se distirà sul leto, el ti se meto sul peto e el te fraca cusì tanto che el ti ciò el fià.

Mi, cun i oci spalancadi, ghi je domandà: - Nonu, e che se feva per no esi sofegadi?

Lui, cun la voxe grosa, el jo dito: - Ghi voreva sigà “ Va a remengo fiol d’un can”, e cusì el te lasava, el cajeva per tera e se vuldiva ‘n colpo forto.

-          Ti se nonu, che a scula vemo fato le fiabole e la, xe tante strighe e ti, ti le je mai viste?

Me nonu el me jo vardà e el mi jo dito:- Ma che ti voi che esisto le strighe! Però, ‘na olta, el dì de San Xujan, sule croxere i bruxava le strighe, i feva ‘n fogo grando su ogni contrada e ogni croxera e poi i xoveni i saltava oltra el fogo e cusì le strighe le scampava via.

Sen cusì fisada ‘ nte storie, che no je sta drio como pasa svelto el tempo: - Nonu, ciau, ghivol che

veghi via , xe tardi, veghi a casa a pronta’ el rusac perchè me speta le mie amighe, ghivol che xemo ale fontane e su San Micel perchè xe la stanverta e ghivol che ‘ngrumemo i fiori par a scula.

De colpo me nonu el me jo ciapà par braso e el mi jo sigà:- Sta tenta Ana, de no ‘ngruma i Pisa’nleto, quei fiori xali ( dente di leone) parchè se no’ ti pisarè ‘n leto.

Mi cori via ridendo.

Anca se lui, “ A ste robe no ghe credo “ lu je visto mi mostrà i corni co un povero gato negro ghi jo stapasà la cal.

Ma varda ti sti veci.

 


 

 Motto: ANBO                       Antonio Bonassin  

 

                                                                                                       Classe V

                                                                   Scuola Elementare Italiana “Bernardo Benussi“ Rovigno

 

 

“TRI MUDI DA MIDIGÀSE A LA VIÈCIA”

 

 

  EL PUN∫ÒN DA LA BÌSPA

 

            A oûn mièo ameîgo pascadùr i ga iè dumandà chi ∫ì da fa quando ca a ta pòn∫o oûna bìspa e loû el m’uò cunta ca quando ch’el gira peîcio, oûna bìspa lu viva pònto e su mare la vulìva mètaghe la lama del curtièl su’ la fireîda, cuseî di∫ìva i vieci ca pasìva priesto el dulùr e purasiè la ∫giunfadoûra, ma loû el sa uò spagurà e’l sa la uò mucàda veîa pioûn ca da rièba. El uò pruvà a pisàse duòso, ∫bruvàse cun l’aqua calda…ma gnite a gira da fà, alùra el ∫ì turnà muògio-muògio da su mare a fàse el midigamènto a la viecia. Su mare g’uò mìso la lama del curtiel su la fireîda e a ga ∫ì pasà priesto doûto, mal e sgiunfadoûra.

            Ahi, ahi - a - a ! Una bìspa ma uò ponto da bon…induvinì cuòsa ca i fariè…

 

EL SANTUÒNICO

 

            Ma nuono a ma cuntìva ca quando ca’l gira peîcio, el gira oûn diavo, el nu stiva mài firmo, senpro a stusigà e a fa maròni e quando ca su’ nuono el sa stufìva, el ga fiva oûn tiè da gièrbe “spiciàli” e cuseî el sa calmìva soûbato, ma el nu savìva parchì.

Oûn giuòrno, par ca∫o, favalando cu’oûn viecio pascadùr el g’uò cunta ca i nostri vieci, qualco vuolta par “calmà” i fioi màsa veîvi, i ga ∫untìva al santuònico, oûna gierba nustràna, qualco samènsa da bachièri ca i tigniva senpro int’oûna scudièla su la napa del fugulièr. Geri i iè veîsto oûna viecia ca ingrumìva bachièri bài rùsi, cheî sa cuòsa ca a ga siervaruò, fuorsi nu la pudìva ciapà el suno e…daghe ∫ù santuònico!

 

EL PUN∫ÒN D’EL PÌSO-RAGNO

 

            Ma nuona m’uò cuntà ca oûn suòvo ameîgo pascadùr da la dumènaga, el ∫ì ∫eî a pascà, e el preîmo pìso ch’el teîra soûn a nu gira oûn pìso-ragno? Loû el nu uò capeî soûbato chi pìso ca gìra e’l lu uò brancà in man…ahi, ca dulùri fradài! El ∫ì ∫eî dal dutùr e là, el uò incuntrà oûn viecio pascadùr ca ga uò deîto da curi a ca∫a a meti el dì dulòngo in aqua calda, pioûn calda ca’l pol ra∫eîsti. E cuseî el uò fato par pioûn vuolte fin ca ga uò da ∫ù la ∫gionfadoûra. E adièso el ten i uòci ben vièrti cu’l va a pascà parchì el dulùr ∫ì sta grando e a ga vol pasiènsa a tignì in muòio el dì par ure e ure feîn ca ta sa reîsa doûta la pièl ca a ta par oûna patàta viecia.

 


 

 Motto: TINA                              Tina Braico  

 

                                                                                                               Classe V

                                                                      Scuola Elementare Italiana “Pier Paolo Vergerio il Vecchio“ Capodistria

 

 

 LE SUPERSTIZIONI IN ISTRIA

 

 

 In Istria ci sono delle superstizioni. Alcune di queste sono:

 

 

  1)  Né di vene, né di marte non si sposa e non si parte

( Né di venerdì, né di martedì non ci si sposa e non si parte).

   

 

 

       2)   Non si passa sotto una scala           

 

 

 

 

 

 

 

3)      Se vedi un gatto nero che attraversa la strada gira da un’altra parte.

 

 

        4)   Per un pranzo o una cena non si deve essere in tredici.

 

        5)   Se c’è una festa non ci si veste in viola.

 


 

 Motto: TOPOLINO                        Ema Radonićić 

 

                                                                                                          Classe VII – 1

                                                                  Scuola Elementare “Narodnj Heroj Savo Ilić“ Cattaro – Montenegro

                                                   

                                                                                                      Non ci credo ma...

 

       La superstizione esiste da quando esiste l’uomo e si e’ mantenuta fino ad oggi. Tutti sappiamo che la Terra e’ rotonda, perché e’ scientificamente provato,ma esistono tante credenze che vengono dalla cultura a cui apparteniamo. Ciò significa che ogni cultura ha le sue superstizioni.

       La superstizione e’ cominciata quando l’uomo ha voluto spiegare alcune apparizioni nella natura,per lui oscure. Per esempio:si e’ pensato che l’ombra,che compare quando c’e’ il sole,infatti e’ la recensione dell’anima. Per questo,anche oggi,da noi esiste la credenza che la sfortuna ci seguirà per sette anni se rompiamo lo specchio, perché e’ il nostro riflesso o la nostra ombra. Non ci credo ma faccio il possibile per non romperlo. Così ogni volta sorrido quando vedo un gatto nero. Da noi si crede che ci seguirà la sfortuna se un gatto nero ci attraversa la strada. Non ci credo ma faccio il possibile per attraversarla prima.

       Molta gente,devastata dal proprio dolore,spesso si rivolge agli indovini e ai maghi,per trovare il rimedio per la loro tragedia o disgrazia. Dall’altra parte ci sono molte persone che approfittano del dolore degli altri per guadagnare. Questi cosidetti maghi li dicono di mettere l’aglio in una stanza,o le forbici sotto il letto,per cacciare gli spiriti. Il filo rosso al polso del braccio o della gamba serve per allontanare la sfortuna.

       Resta a noi decidere se credere o no che ci seguirà la fortuna quando vediamo lo spazzacamino o la stella cadente,o ci seguirà la sfortuna quando in casa apriamo l’ombrello. Spesso questi maghi credono di poter guarire le gravi malattie. Cosi’ consigliano alla gente di usare varie erbe e altri rimedi naturali. Penso che non possano guarire gravi malattie dei tempi moderni,ma non possono nuocere. Tanti dottori avvertono al grande uso degli antibiotici,sopratutto di quelli contro i dolori che danneggiano tutto l’organismo. Per questo la gente si gira sempre di più, verso la medicina popolare e usa I rimedi popolari.

       Quando si parla della superstizione possiamo sempre scegliere se credere o no. Io non sono superstiziosa,ma conosco molte persone che lo sono. Lasciamo a loro libera scelta se crederci o no!

 


 

 Motto: ESTATE                                    Katia Jančekić

 

                                                                                      Classe I Ginnasio Scientifico – Matematico

                                                                                          Scuola Media Superiore Italiana Fiume

 

Adriatico: legami e differenze tra le due sponde,  ieri, oggi e domani

 

 

     L' Adriatico, un canale rispetto alle immense distese degli oceani ma un canale ricco di comunicazioni tra le due sponde. Come un ponte che unisce due culture, due mondi completamente diversi che ancor' oggi rispecchiano le influenze di secoli di storia passati attraverso questa distesa d'acqua salata.

Da una parte c'è l’ Italia: una terra divisa dalle colossali differenze tra il nord e il sud ma pur sempre unita dal mare. Partendo da nord troviamo Trieste, sbocco austriaco sul mare durante l’Impero Austro-Ungarico, poi Venezia, la più potente delle Repubbliche Marinare di un tempo. Poi ancora Ravenna, Ancona, Pescara, Bari e tante altre città sull’ Adriatico.

Dall’altra parte si affacciano ad esso più stati: la Slovenia, la Bosnia ed Erzegovina, il Montenegro, l’Albania e la Grecia; ma la maggior parte di costa è occupata dalla Croazia con innumerevoli isole, isolette, scogli, paesi e paesini, ma anche importanti porti come Pola, Fiume-porto ungherese dell’epoca austro ungherese, Buccari, Segna - sede degli Uscocchi, temibili pirati dell’Adriatico, e poi ancora più in giù  Zara, Spalato,Traù e Ragusa.

 

Sin dai tempi più antichi l’Adriatico è stato un mare di storia: si sono combattute battaglie, si sono scambiati prodotti; si sono uniti, scontrati e mescolati due mondi.

Ai tempi dell’ Impero Romano, l’imperatore Diocleziano fu esterrefatto dalla bellezza di Spalato e ci fece costruire la sua dimora estiva. L’imponente palazzo di Diocleziano ancor’oggi costituisce il nucleo storico della Cittavecchia spalatina.

            Una delle città che maggiormente sfruttò l’Adriatico fu Venezia, interamente costruita sulla legna del Velebit, una catena montuosa  che ricade a strapiombo nel mare creando uno spettacolo visivo unico: il canale della Morlacca, dove la bora infuria con forza immensa.

Il dominio veneziano si protese su tutto l’Adriatico portando e trapiantando la propria cultura in tutti i territori conquistati: non è infatti un’ anomalia trovare ancor’ oggi similitudini architettoniche e culturali nella Dalmazia.

Anche i dialetti si assomigliano: come un veneziano potrebbe affermare che a Fiume si parli in dialetto veneziano, così un fiumano potrebbe dire che a Venezia si parli fiumano!

 

Nei tempi passati uno dei maggiori e certamente il più determinante dei conflitti per la storia successiva, fu la Battaglia di Lepanto, in Grecia. Uno scontro tra due forze potentissime, tra Oriente e Occidente; una sanguinosa battaglia navale tra cristiani e musulmani per il dominio su quel mare strategicamente importantissimo. Fu combattuta dai Turchi, che volevano allargare il proprio dominio sull’Adriatico, sull’Europa,  e l’Alleanza Cristiana  che sconfisse la flotta Turca con l’aiuto decisivo delle galere veneziane. Un vero scontro tra civiltà mai visto fino ad allora.

 

Molte altre battaglie furono combattute, prima e dopo. I fondali di questo mare sono pieni di relitti che parlano di guerre ma anche di commercio, di vita ... L’Adriatico ha assorbito tutto e non è diventato una barriera bensì un invito all’attraversamento e al contatto con gli abitanti dell’altra sponda.

 

Innumerevoli sono infatti gli esempi di legami culturali, commerciali e sociali tra le due sponde: dalle tecniche di costruzione delle navi agli usi e ai costumi a tavola, tanto per farne qualcuno.

 

Oggi si viaggia in Adriatico per altre ragioni: da tutto il mondo i turisti vengono in Croazia per conoscere la sua meravigliosa costa, i traghetti collegano Spalato, Ragusa  e altre città croate con  Ravenna, Ancona, Bari ... Si viaggia anche per lavoro o per conoscere le meravigliose città d’arte italiane ed in tal modo si ripete la millenaria storia di scambi tra popoli.

 

Cresce fortunatamente anche la coscienza che questo braccio d’acqua debba essere protetto ed è per questa ragione che gli uomini politici dei Paesi che vi si affacciano hanno creato varie associazioni per impedire che le sue bellezze vengano distrutte con l’inquinamento o con lo sfruttamento eccessivo e che in tal modo  scompaiano secoli di storia.

E’ difficile prevedere il futuro ma mi auguro che l’Adriatico rimanga un mare di pace e di prosperità che dia sicurezza a tutti i popoli che vi si affacciano.

 

E per finire una curiosità: lo sapevate che nelle giornate limpide dal Monte Maggiore dicono si possa vedere la laguna di Venezia?  

 


 

 

 LAVORI DI GRUPPO:

 

 

 

 Motto: LUNI                   

Classe  IV : Alissa Markežič, Barbara Zlatič, Sabrina Curavič, Vita Dobroshi, Serena Vegliach, Serena Protič

                                                                                     

                                                                                            Classe  V : Naska Kvarantan

                                      

Scuola Elementare Italiana “Vincenzo de Castro“ Pirano Sezione Lucia

 

 

Semo un ciapo de putele che zoghemo la Tombola ciamada co’ i modi de dì in piranese e altri zoghi de una volta. 

 

Co zogo la Tombola vinso squasi sempre l’Anbo. Ogi go  vinto do bonboni co’ i lumari:

 

30 = El formaio xe bon co’ la polenta,

44 = caracacà

 

۞

 

Mi co zogo a Tombola vinso el Terno. Ogi go vinto una pena co’ i lumari:

 

5 = la manina de Puskin

11 = i pali de Sessa

40 = la patata

 

۞

 

Anca mi zogo senpre la Tombola e ogi go vinto la Quaderna co’ i lumari:

 

10 = turso co’ el buso

24 = vizilia de Nadal

56 = Filumena in gondola

80 = nona Lussia

El premio gera una bala zala.

 

۞

 

Mi zogo oni Luni a Tombola. Ogi go vinto una pupeta co’ la Sinquina.

I mii lumari gera:

15 = quindizina a i marineri

48 = morto che parla

66 = sposi noveli

50 = la corona

60 = se salta co se bala

 

۞

 

Zogo la Tombola e ogi go vinto la Tombola co’ i lumari:

7 = la pipa del podestà

45 = metà de novanta

55 = le bisasse dei contadini

77 = le ganbe de le donete

90 = el più vecio

5 = la manina de Puskin

19 = porta late

12 = dozena de mussi

52 = la sbafada

18 = l’asta col subioto

11 = i pali de Sessa

29 = San Piero

17 = bisi sechi

70 = la mantellina

38 = la monega

 

۞

 

Anca mi me piase zogà la Tombola e qualche volta vinso el Tombolin: tre bonboni e un fiorelin.

28 = lola in brodo

1 = picio mondin

33 = i ani de Cristo

47 = el morto

13 = porta fortuna

14 = Coleta mata

6 = sei belo

8 = ocio che el ven

9 = no ven nessun

21 = primavera

2 = duelo

20 = roba zovena

36 = Menego trentasie

39 = la forca

89 = i veci bacuchi

 

۞

 

Tanti xe anca i lumari che no ga el moto e alora noi ne vemo inventado qualchedun:

64 = le savate de me nono

79 = i pulisini

23 = le rode del caro

53 = i bacoli

68 = el tram

84 = i babessi

67 = la galina canta

 

 

۞۞۞۞

 

Zoghemo anca:

 

El Frate Barabate ga perso le savate

El lumaro Do le ga trovade

Do: Chi mi?

Frate: ti si!

Do: mi no!

Frate: Chi po?

Do: el lumaro Sinque

 

Sinque: Chi mi?

Do: ti si!

Sinque: mi no!

Do: Chi po?

……….

Al Frate bisogna daghe del LEI.

 

El zogo xe divertente e chi

sbaglia paga un pegno.

 

۞

 

Altro zogo:

Un limon mezo limon, do limoni.

 

Semo sie mamole e oni d’una ga un lumaro: un, do tre quatro, sinque, sie.

Se devi ripeti sensa sbaglià:

Un limon mezo limon, do limoni.

Chi ga el lumaro do devi dì:

Do limoni, mezo limon, sie limoni.

Sie limoni, mezo limon, tre limoni.

Tre limoni, mezo limon, un limon.

…….

Chi sbaglia paga pegno.

 

۞

 

Zoghemo anca el zogo:

La pierisela

 

Co la conta se selgi el capo e l’indovina:

Soto la pergola nassi l’ua

Prima zerva po madura

Pesse can

Pesse canela

Salta fora la più bela.

 

Una de noi xe  el capo, un’altra l’indovina. El capo meti ne le nostre man giunte una pierisela e l’indovina devi dì  dove la xe sconta. Se no la indovina la paga un pegno.

 

۞

 

Zoghemo anca:

El telefono sensa fili

 

In recia se disi una parola, per passà la parola se ne taca un'altra, e ancora una… cussì che l’ultima dela fila devi dì quel che la ga capido.

Xe proprio de ridi.

 

۞

 

                                    Zogo co’ el spago.

            Se ciò un spago de un metro se fa un gropo e se

                                 lo intorgola su le man.

                Ne le fotografie se vedi come zoghemo.

 

 

 

 


 

Motto: ARI

 

 

       Classe I :Michele Lakošeljac

  Classe  IV : Oskar Orzan, Luca Cappellari

                                                    

                                                              Scuola Elementare Italiana Buie Sezione Periferica Verteneglio

 

 

I GIOCHI DI UNA VOLTA

 

 

 DIN, DIN CHI XE?


OGNI BAMBINO SI SCEGLIEVA IL NOME DEL COLORE  CHE GLI PIACEVA. UN
BAMBINO ERA L' ANGELO, UN ALTRO IL DIAVOLO.
I BAMBINI DICEVANO: «DIN, DIN, CHI XE?»
L' ANGELO RISPONDEVA: «L' ANGIOLIN!»
BAMBINI:» COSSA 'L VOL?»
ANGELO:»UN COLOR!»
BAMBINI:» CHE COLOR?»
ANGELO:» ROSSO!»



TRA TUTTI I BAMBINI, IL RAGAZZO CHE RAPPRESENTAVA IL COLORE ROSSO SI ALZAVA E ANDAVA DIETRO ALL' ANGELO.


SEGUIVA IL DIAVOLO


BAMBINI:» DIN, DON, CHI XE?»

DIAVOLO:»'L  DIAVOLON!»

BAMBINI:» COSSA 'L VOL?»

DIAVOLO:» UN COLOR!»

 BAMBINI:» CHE COLOR?»

 DIAVOLO:» VERDE!»


IL RAGAZZO CHE RAPPRESENTAVA IL COLORE VERDE SI METTEVA DIETRO AL DIAVOLO.


VINCEVA IL GIOCO CHI AVEVA PIÙ COLORI ( BAMBINI).

 



LE BELLE STATUINE SONO PRONTE?

 

UN BAMBINO STAVA SOTTO, CON LA FACCIA VERSO IL MURO. I BAMBINI SI METTEVANO D' ACCORDO SUL TEMA DA RAPPRESENTARE E SI METTEVANO « IN POSA». OGNI TANTO, CHI STAVA SOTTO CHIEDEVA:» LE BELLE STATUINE SONO PRONTE?»  SE LA RISPOSTA ERA « SI' » SI VOLTAVA E CERCAVA DI INDOVINARE  IL TEMA CHE I BAMBINI RAPPRESENTAVANO. LE STATUINE DOVEVANO RIMANERE FERME.
SE INDOVINAVA VENIVA SOSTITUITO DA UN ALTRO BAMBINO. SE NON INDOVINAVA DOVEVA STAR SOTTO NUOVAMENTE.



GIOCARE A « SCONDERSE»


I RAGAZZI SI NASCONDEVANO E QUELLO CHE STAVA SOTTO  DOVEVA TROVARLI. QUANDO LI TROVAVA DICEVA  IL NOME DEL RAGAZZO SCOPERTO E BATTEVA  TRE VOLTE LA MANO SUL MURO.

SE UNO DEI RAGAZZI NASCOSTI , SENZA FARSI VEDERE, RIUSCIVA A RAGGIUNGERE IL MURO E TOCCARLO PER TRE VOLTE CON LA MANO DICENDO: UN, DUE, TRE PER ME, DAVA AI RAGAZZI SCOPERTI IL DIRITTO DI NASCONDERSI NUOVAMENTE.

LO STESSO RAGAZZO DOVEVA STAR SOTTO UN' ALTRA VOLTA.


IL CARRETTO CON «LE BALINIERE»


LE BALINIERE SONO I CUSCINETTI A SFERA. CON UN PEZZO DI LEGNO E QUATTRO»BALINIERE» PER RUOTE  SI COSTRUIVA IL CARRETTINO. SI CERCAVA LA DISCESA PIÙ RIPIDA E PIÙ LUNGA  PERCHE' SI ANDAVA PIÙ VELOCI. SI FRENAVA METTENDO I PIEDI A TERRA.


TIRO CON L' ARCO


SI PIEGAVA UN GIUNCO (VENCO) LEGANDO LE DUE ESTREMITÀ CON UNO SPAGO. CON UNA CANNA AFFILATA SI FACEVA LA FRECCIA. SUL TRONCO DELL' ALBERO SI METTEVA UNO STRACCIO BIANCO E SI  SEGNAVA IL CENTRO. I RAGAZZI DOVEVANO COLPIRE IL CENTRO.


LA CAVALLINA


SI GIOCAVA COSI': PIÙ RAGAZZI C ERANO, MEGLIO ERA.

I RAGAZZI SI APPOSTAVANO UNO DIETRO L' ALTRO, DISTANTI TRA LORO. METTEVANO LE MANI SULLE GINOCCHIA E IL PRIMO  SALTAVA SOPRA GLI ALTRI, POI SALTAVA IL SECONDO ,IL TERZO , IL QUARTO, POI TUTTI GLI ALTRI, ALL' INFINITO. CHE DIVERTIMENTO!

 


 

 Motto: LO SCRIGNO DEI GIOCHI         

 

Tina Braico, Alessia Hrvatin, Katja Kovačič, Larissa Muzica, Leda Petra Pitamic

                                                               

Classe V

                                          

Scuola Elementare Italiana “Pier Paolo Vergerio il Vecchio“ Capodistria

 

 

 

 

 

I GIOCHI D’ISTRIA

 

 

Nel passato i giochi d’Istria erano moltissimi come: la partia, le pulci e guardie e ladri:

 

 

La partia ( la partita)

 

In questo gioco si può giocare da due a più ragazzi. Per terra si disegna uno schema a dieci caselle e nelle caselle si scrivono i numeri da 1 a 10. Lanciando una pietra si saltella sulle caselle con una gamba. Si raccoglie la pietra e si continua il percorso.

Se un ragazzo cade o sbaglia, è squalificato; se invece completa il percorso senza sbagliare, ha vinto.

 

Guardie e ladri

 

Anche qui si gioca in più ragazzi. Ci sono delle guardie e dei ladri.

Le guardie sono uno o due, mentre i ladri sono di più. Quando le guardie contano, i ladri si nascondono nelle piazzette o nelle contrade. Le guardie devono cercare i ladri: l’ultimo ladro trovato fa la guardia.

 

Le pulci

 

Per terra si disegna un cerchietto. Il giocatore, schiacciando con una pedina ( gettone ) sopra il bordo di un’altra, deve farla arrivare dentro il cerchietto. Vince chi fa più centri.

 

                                                                                   Tina Braico

 

 

 

 I GIOCHI DI UNA VOLTA...

 

Oggi noi ragazzi passiamo molte ore al computer. abbiamo diverse attività che assorbono tutto il nostro tempo libero. Si gioca poco all’aperto perchè i nostri genitori hanno paura che ci succeda qualcosa.

Abbiamo bisogno di gioia come la pianta di luce. E qual’è la gioia più grande se non di partecipare ad un gioco ed assaporare il gusto di vincere?

Il gioco è occasione di socializzare e di apprendere. E’ formazione ed educazione. Il gioco stimola l’inventiva, la curiosità, l’ingegno, la manualità, la creatività, abitua alla competizione, alla riflessione e al rispetto delle regole. Attraverso il gioco potenziamo le nostre abilità fisiche e motorie. Contribuisce a formare la mente, rappresenta inoltre un vero e proprio allenamento che compiamo inconsapevolmente per avvicinarci ed adattarci alla società degli adulti dei nostri genitori. E’ una soddisfazione riuscire a vincere gli ostacoli riuscendo a godere sensazioni piacevoli e gratificanti.

I miei nonni mi raccontavano che una volta l’infanzia era molto più serena, con più libertà, anche se c’era la povertà e fame e dovevano dare una mano ai genitori che lavoravano la terra. Però erano molto più uniti e siccome non c’era la televisione d’inverno si raccontavano delle storielle accanto alla stufa che riscaldava la stanza, si rideva e si cantava e d’estate si correva lungo i prati. Oggi ognuno sta per conto proprio badando al proprio tornaconto, a detta di mia nonna.

Se faccio un paragone con i giochi che conosceva mia mamma, io o mia nonna devo ammettere che la nonna ne sa una più di noi due. Mi ha spiegato un sacco di giochi dei quali me ne ricordo tre: škrobola, batuni e kafe.

 

 

Volete sapere come giocavano?

 Škrobola

 

I giocatori dovevano trovare una “ škrobola “ ( un pezzo di legno tagliato). Questo pezzo veniva posato per terra e doveva stare dritto. Sopra questa škrobola venivano messi dei soldici ( šoldići ) con la croce della moneta all’insù.

Prima si doveva definire chi doveva puntare per primo la škrobola. Ognuno lanciava la sua mone-tina dalla distanza di 3-4 m. Secondo la posizione che assumeva la monetina nei confronti della škrobola si determinava l’ordine dei giocatori. Il primo era colui di cui la moneta riusciva a rotolarsi ilpiù vicino alla škrobola. Il giocatore che lanciava questa moneta giocava per primo. Questi doveva lanciare una pietra rotonda e mirare la škrobola dove stavano i soldini.

Se riusciva a colpirla le monetine cadevano  per terra e se il lancio della moneta dava la croce le monetine venivano raccolte. Se invece dava la testa al giocatore doveva lasciare un turno agli altri giocatori. Si giocava così fino a che c’erano monetine a disposizione. Vinceva colui che riusciva a guadagnarsi il maggior numero di monetine.

 

 Batuni

 

Questo gioco è simile alla škrobola. Bisogna dire che ai tempi di mia nonna i bottoni ( batuni ) erano rari e perciò molto preziosi. E lo erano anche per i bambini che con un falcetto li toglievano dai pantaloni e dalle camice stese all’aria aperta. Naturalmente si rischiava il castigo dei genitori e di andare a letto senza cena o magari di rimanere inginocchiati sul granturco ( formenton ), ma siccome ci prendevano gusto non ci pensavano più essendo coinvolti intensamente nel gioco.

Dunque, invece dei soldini i giocatori usavano i bottoni, i famosi “ butuni “ come si diceva in dialetto. Si giocava in cinque o in sei. Sulla “ škarola “ o sulla terra si tracciavano quattro quadrati a forma di finestra a quattro vetri che misuravano 60 cm x 60 cm. Poi bisognava decidere chi doveva gettare i bottoni per primo Avevano una pietra che la mettevano per terra e con i passi veniva misurata la distanza ( 3, 4 m ). Così veniva tracciata una linea dalla quale si lanciavano i bottoni verso la pietra. Colui che aveva la fortuna ed era più abile o furbo raccoglieva da ogni partecipante un bottone mettendo tutti quanti in un palmo della mano gettandoli in un quadrato delimitato.

Molte volte i ragazzi si azzuffavano e finivano a fare “ barufa “. Se si riusciva a far centro in uno dei quattro quadri , i bottoni erano subito suoi.

Se invece il bottone finiva fuori dal quadrato doveva lanciare il bottone in uno dei quattro quadrati della “ finestra “. Se invece il bottone cadeva molto più lontano dal quadro veniva lanciato verso la finestra da tutti i giocatori secondo l’ordine definito dalla selezione. Quando l’ultimo giocatore stimava che il bottone era abbastanza vicino lo lanciava nel quadrato. Se ci riusciva il bottone era suo. Continuavano a giocare così fino a che i bottoni non c’erano più. Chi riusciva a raccogliere il maggior numero di bottoni era il vincitore.

 

 Kafe

 

Con uno specifico procedimento si sceglieva la “ vittima “ con una filastrocca come questa:

 

“ Engele, bengele, cuka di me, fame, fame, domine, eks puk, tramatije, vani, vani, raus! “

 

La vittima stava in piedi con le gambe divaricate. Con il palmo destro e le dita della mano questi si coprì il viso in modo da non poter vedere coloro che prendevano parte al gioco ovvero che battevano il suo palmo della mano sinistra che era largamente aperto dietro il gomito del braccio. Coloro che stavano alle sue spalle battevano molto forte il palmo. A volte riuscivano addirittura a far cadere la vittima.

A colui che toccava l’ultima parola della filastrocca veniva scelto. Uno batteva il palmo della mano ed un altro dei giocatori esclamava in fretta: “ Kafe! “

La vittima poi doveva girarsi, guardare i giocatori ed indovinare chi gli aveva battuto il palmo della mano. Se non ci riusciva continuava ad essere il capro espiatorio e doveva di nuovo allungare la mano sinistra. Se invece indovinava, colui che gli aveva battuto il palmo della mano diventava attaccante e quest’ultimo diventava la vittima. Colui che veniva salvato gli diceva: E ‘deso te ciaperà el cafè! 

Oggigiorno molti usi e costumi della realtà contadina dei nostri nonni sono andati perduti ed hanno perso il significato più profondo e originale. Perciò dobbiamo cercare di riscoprire i loro tempi andati. Vi siete mai chiesti perchè? Perchè non possiamo essere tagliati dal nostro passato se vogliamo sapere veramente chi siamo ed avere la nostra identità. 

I nostri nonni rappresentano le radici, i nostri genitori rappresentano il tronco e noi invece rappresentiamo i rami di un albero.

Se vogliamo che germoglino le foglie dobbiamo andare alla ricerca delle nostre radici e riscoprire le nostre vecchie tradizioni popolari, quelle dei nostri nonni ovvero conoscere come ballavano, cantavano quand’erano giovani, quand’erano ragazzi come noi.

                                                                                                                                                     Larissa Muzica

 

QUANDO CHE NONA JOLE E NONA NIKI LE SE GIOGAVA

 

Una volta i gioghi de mia nona Jole jera: giogar con le bambole fate de straze e de robe vece, circolo ( girotondo ), giogar sull’altalena fata de spago e ligada sull’albero, gioghi con le piere, a nascondin e a carte, che jera cartoline che se ciapava con sora scriti i numeri.

El giogo che ghe piazeva de più, jera giogar con le piere, perchè se le trovava dapertuto, ma anche a nascondin i se giogava spese volte.

I gioghi dela mia altra nona Niki ( Nicoletta ) xe: a sconderse, giogar con le pupe fate de panocie, i cavei ghe se li faceva con i cavei dela panocia e i vestiti con le foie. Con le canele i faseva i fiscioti ( pifferi).

I se divertiva anche corendoghe drio la rioda dela bici sburtandola con un baston, con i patini de legno fati de papà, con l’aquilon de carta, con le piere, con bachete de venchi. I se zingolava anche con l’altalena fata de corda e de una tavoleta de legno o un saco. De sera i balava e suo papà sonava l’armonica. El giogo che ghe piaseva de più, jera balar de sera perchè i stava insieme con tuta la fameja, invece el giogo più divertente jera nascondin perchè se coreva per ciapar el “ pik “

                                                                                                                                                          Alessia Hrvativ,Katja Kovačič,Leda Petra Pitamic

 

 

Giochi con la palla contro il muro;

 

Rinoceronte che passa

soto el ponte,

che salta

che balla,

che gioga la bala

che fa i complimenti

che disi buongiorno

girandose torno,

gira e rigira,

la testa me gira,

che no ghe posso più,

la bala casca zò,

e mi no zogo più.

 

Le conte:

 

Penpedin san valentin

Farina bianca duecenticinquanta

Più un, più do, più tre, più quatro,

più cinque, più sie,

più sete, più oto,

cavaloto,

pesca moresca

meti in fora

incava questa.

 

 

Din din

chi è?

L’angiolin

Cossa el vol?

Un color

Che color?

Viola

 

Ed esce colui al quale è stato assegnato in precedenza questo colore

 

Din Don

Chi è?

Il diavolon

Cossa el vol?

Un color

Che color?

Rosa

 

Ed esce colui al quale è stato assegnato in precedenza questo colore.

 

 

IL PANDOLO

 

Il pandolo è un gioco semplice; c’è bisogno di una mazza di circa cinquanta centimetri e un pezzo di legno appuntito, che è il pandolo.

Il gioco ha inizio con tre giocatori che stanno al centro mentre un quarto serve. Bisogna battere la punta del pandolo in modo da farlo volare oltre dodici mazze; il giocatore che sta in campo deve prenderlo, se invece viene intercettato dal giocatore della squadra avversaria, questo viene eliminato. Si devono fare più punti possibili.

Ancora oggi a Capodistria si disputa il torneo del pandolo. Il nostro papà porta avanti quest’antica tradizione.

Il torneo ha luogo in Piazza Tito, il giorno dedicato al Patrono, San Nazario; lo scopo è quello di riscoprire il gioco dei nostri nonni ed è un modo per riavvicinare i capodistriani a coloro che non lo conoscono o l’hanno dimenticato.

Questo gioco faceva parte delle tradizioni religiose, quando san Nazario già non si festeggiava più.

Ora si cerca di dare un contributo all’identità di Capodistria.

Alvin e David Testen

 


 

 

                               Motto: FIORE                            

          Mario Živković, Vito Benvin, Aldo Mavrović, Goran Gledić

                                                           

             Classe VIII – Scuola Elementare a Neresine

                                                                                Corsi di Lingua Italiana,      Comunità degli Italiani Lussinpiccolo

 

  I GIOCHI DI UNA VOLTA

 

 

LA DOMENICA DEI FIORI

 

La domenica dei fiori, usanza tipica di Neresine, Lussingrande ., centri in cui essendo sviluppata l'attività agricola, si era più sensibili alle fasi stagionali e più portati a festeggiare l'arrivo della primavera.

 

I giovani del paese tagliavano nel bosco un grande albero, un frassino, e lo ponevano nella piazza davanti alla chiesa. Ad esso attaccavano, come ornamento, i fazzoletti prestati dalle fidanzate, dalle madri e dalle sorelle. Erano scialli e fazzoletti multicolori, preziosi ed esotici, che le donne ricevevano in dono dai familiari imbarcati sui mercantili, come "souvenir" dei lontani porti toccati durante la navigazione. Nottetempo i ragazzi di leva prendevano poi dal giardino delle ragazze dei vasi di fiori, che ponevano tutt'intorno all'albero.

 

Al mattino ogni ragazza avrebbe congetturato quale dei giovani del paese avesse "rubato il suo fiore" dimostrandole così il suo interessamento e la sua simpatia. Spezzavano invece rami di fico e li attaccavano alla porte delle ragazze che avevano più di 25 anni, e che perciò venivano considerate zittelle, alludendo che ormai erano mature per riscontrare matrimonio. Anche una barca veniva trascinata e posta sotto l'albero, e ciò rappresentava una bravata in più, una prova di forza per stupire i paesani. Alla domenica attorno all'albero si svolgevano balli e canti.

 

Nel periodo estivo la zona del porto era teatro di attività festive che coinvolgevano tutti i giovani del paese. Essi erano impegnati in gare di nuoto, corse con i sacchi sulla riva e nella versione marinara dell'albero della cuccagna, dove però il palo, reso scivoloso con sego, veniva disposto orizzontalmente in modo da sporgere dalla banchina del porto, così che il concorrente scivolando cadeva in acqua. L'abilità dimostrata in questo gioco era una dimostrazione di quel particolare equiliubrio, detto piede marino, che permette al provetto marinaio di muoversi con disinvoltura anche su una tolda scivolosa e scossa dalle onde.

 

L'usanza di questi giochi, tipica delle aree marinare del Mediterraneo, mostra come i giovani di questi luoghi fossero condizionati da quell'elemento, che caratterizzerà tutta la loro vita.