SEZIONE ALTRI TEMI PARTECIPANTI

 

 

ELEMENTARI LAVORI INDIVIDUALI:

 

Motto: 90 ANI                               Jessica Colonna

                                                                                                               Classe VI

                                                                              Scuola Elementare Italiana Bernardo Benussi Rovigno

 

DU STURIE DA NU CRIDI

 

LA SCUMSA

 

            Geri sira i giro da ma nuona ca la u satantasite ani, i ga i dumand da cuntme ona sturia ca a sa cuntva cu la gira pecia. La u rabalt i uci ca nu ga vignva gninte inamnto, ma dupo on pu la u tac a cuntme caani fa un ∫vano el gira in spcio cun la suva cunpanea, e doti favalva da ∫bravore  tra on guto da ven e laltro, cuse anca lo el u scumso par parci suldi da ∫ in simitrio da nuto a fa on gero fra li tonbe. Quila stsa sira el ∫ ∫e in simitrio. Intanto i cunpagnni i sa gira sconti l da la puorta e i spatva, i viva anche luri on pu da pagora, li ganbe ga fiva gicomo, a nu sa s mai Stu ∫vano el sa gira intardag ma finamente, bito e cuntento, el stiva par pas la granda purta da fiero quando el su inpign la giachta su la cloca e pansndo ca fuso el divo a tignlo el sa u pis duso, e i cunpagnni ∫ a redi cume i mati. Me i ga crido a ste sturie parch ona vulta i ∫vani i savva fa da sti stranbsi e anche da pi∫o.

 

LA VICIA BABA

 

            El mio maistro el mu cunta ca quando chel gira muri i ∫ughva in Pisa granda a balna scondi squ∫i gni sira. Tra i tanti purtni ca a sa pudva scndase a gira on ca a nu ga pia∫va a nison. I viva doti pagora parch i di∫va ca l ∫ la vicia Baba. Infati sa ti matvi el mo∫ in purtn, a la fen da li scale a gira ona figora ngara ca ta fiva vign el pilvintren, e doti i scanpva vea. A nison ga gira vign inamnte da ∫ a vard da giurno, magri in purasi da luri. A ∫ rast sta stuoria tra i muriedi sensa solusin. Ma in cunfidensa el maistro mu deto ca duopo tanti ani, el ∫ ∫e a vard, a gira nama ca ona macia nira sul mor viecio ca parva ona vira strega.

 


 

 Motto: ARTEP                              Petra Jurman

                                                                                                               Classe V

                                                                              Scuola Elementare Italiana Bernardo Benussi Rovigno

 

A SARU VIRO?

 

EL MURSAGN

 

            On pascadr ma u cunt ca tanto tenpo indreo, ona fmana la ∫ stada mursagda da on can. La fireda ga fiva on mal da mati. Chi la u fato, alra sta fmana, la ga u daspiant al can ona granpa da pi e la sa li u msi sul mursagn e in puochi giurni a ga ∫ pas doto. I nu cradar ma quila fmana da quil giuorno manco on can nu la pudva pion vidi. On giuorno ca la ∫iva a cunpr el lato, la sa u inacurto da strasinse dreo ona schera da cani, la u pruv casli vea, curi, scndase, insuma da doto, ma i ga gira senpro dreoda quil giuorno ningon lu pion vesta. Si vul, cradme, sa nu fi da mieno da cridi.

 

 LUNA PARK

 

On pecio, on vnare 13, el ∫ ∫e a vard on Parco da ∫ioghi, on Luna-park.

El nu gira sul, ma cun mare e pare, epor quil giuorno a gira on giuorno spicile. On gato niro el ga viva travars la cal e a nu ga pia∫va gnanche on pu parch a sa de ca quando on gatoManco fine da pans el sil su fato scoroa gira on pianofuorte ca stiva par ci, e sa el nu sa spusta a la ∫vilta a la dreta, el lu fracgna cume ona palacenca; ma da quila banda a gira i spici e quando ca ∫ cai el piano i su ruti doti, puvari ni, quante da∫grsie, anche el parco u scupi in mele tuochipar furtona, lo cui suovi el su salv. I de ca l, i u fato ca∫e nuve ma ca ∫ crago da fanta∫mi rabidi e furi∫i ca i spita ca revo quil muri par vindicse.

A saru viro? Mi nu ga crido, ma.

                                              

HALLOWEEN

 

            Halloween, la nuoto pion brota e craga da pagora, dabn quista vuolta anche pion da divirse altre. Me e la mia amega Marta i vuliendi pruv el brevido da pas rente el simitrio e magri anche da ∫e tra li tonbe, i nu giro pruoprio dacurdo ma par cuntantla i signemo ∫ide. Ma qualcu∫a nu gira in rgula parch ona tonba la gira vierta, e sobito rente on pasgio sacrto, ma che a varvo deto ca i varvi incuntra el divo in parsna. Don buto da la tonba salta fora on luvo manro ca sensa fadega el ranba vea la mia amega. I vulvo giutla ma la ma u cunvento da scanp. Ancra anci i ma racurdo i uci spa∫amdi da la mia amega Marta, e stu divo cal la ru∫aghva sul culo Si vul, cradme, sa nu f da mieno da cridi, ma gira el divo in parsna.

 


 

                                                                 Motto: DOEL                                Eleonora Dobrović

                                                                                               Classe VI

                                                                Scuola Elementare Italiana Bernardo Benussi Rovigno

 

VADEMECUM DEL FARMACESTA DONA VULTA

 

            Ona vulta a nu gira tante midi∫ene e manco suldi par i dutri, cuse i sa curva cun midigamenti tramanddi da gianarasini.

            Adiso scultme ben chi va dago risite oniche par malatee, mal star, mal da pansa, mal da rcia, mal da denti e semili, cun midigamenti naturli ca nu sa truva in ningona farmacea:

 

MAL DA TISTA: Meti in on caden aqua e carbon ben past. Duopo on pu psate la tista tri vuolte cun sta mistora e vea el dulr da tista.

 

MURSAGNI DA CAN: Sa ta u mursag on can, meti ona granpa da suvi pi  par uto giurni su la fireda ca doto a pasaru, signo e dulr.

 

DULRI DA RICIA: Sa i nu truv rimedio, mat lato da mare ∫vana diretamente in ricia, sa i nu v a dispo∫isin lato frisco alra ciul on cucir da uio

dulea caldo e matlo diretamente su la ricia ca va dol.

 

PUNTORA DA BSPA: Meti la lama don curtil la ca ti i ciap el pun∫n in fen  ca ta pasa la ∫giunfadora e el dulr!

 

PUNTORA DA PUN∫NTI: Sa ti son al bagno e ti ta csi qualco pun∫nto su la pianta del pee o sul calcgno, bigna v ona candla e fa cul la sra

calda e pansaru quista a tir fora el ago; sa a nu ven fora gninte alra  cun lago da co∫i a ga vol fa ona vira e prupia uperasin.

 

PUNTORA DA PSO RAGNO: Sa par da∫grsia i va pun∫de cun on piso ragno, alra bigna tuci la fireda in aqua mondo calda fen ca va ∫ el∫ginfo   e anche el mal.

 

PUNTORA DA URTEGHE: La mo midi∫ena, la pion naturle, ∫ quila da fse  ∫ura ona pisda. Mo da doti cun la tuva.

 

BRUNCHETE: Bigna spalm lardo da purco sul pito par dota la nuto e a la mitena ti ta trvi guar.

 

I BROFULI: Tira vea la pili∫ena da ona fia grsa e mtala sui brofuli, cuvir∫i doto cun ona fsa. Lsa lavur par dota la nuto e a la mitena i sa

da∫bda da dota la matiria.

 

I PADCI: Anci sa pol truv tanti shampon, ma ona vulta ca nu gira doti sti midigamenti, a sa un∫va la tista cul pitruoglio, sa inbraghva la tista

cun on fasulto par dota la nuto, e a la mitena ti catvi i padci doti murti. Ma spso ti vadvi anche i fii taidi a bala da bigliardo.

 

VIRMI IN PNSA: Nu ti si cume dastrigte di virmi? Mtate ona culnia da speghi dio intrno al culo par dota la nuto, a sposa parcio ma i de ca ta psa doto.

 

LEVIDI: Sa ti i ciap on culpo, meti ona fia da caposo e spariru i signi blo.

 

RESI SUL LUCIO: Intanto matmo in ciaro ca ∫ doto culpa da v vesto ona fmana grvada, par falo pas bigna fase inpchi da camumela son

luocio.

 

EL GUTO: Favalndo cun Canucil el mu cunt da su nuna Minaga ca la ∫iva a cur i dulri e malni vari cul guto. Sti sint cume ca a sa fa.

Sa Minaga gira ona da quile ca la matva el guto, e la gira anca mondo indafarda parch tante fmane vulva curse in stu mudo. La matva sul posto ca fiva mal, on guto vdo rabalt e drento ona pecia candla inpisda, quando ca la cuvar∫va la candla  cul guto, a sa scunsumva laria e la pil vignva tirda drento el guto dando linprisin ca el dulr vignva ciuci fora dal curpo. Biegna ca funsionva parch ancra anci ∫ qualcodon ca pratichea stu midigamnto miracul∫. Sa funsina o n, me i nu si, ma tante fmane ancra anci a ga crido.

 

                          I son sigora ca i∫esto tanti altri midigamnti ma a saru mo lasli par on altra vulta

 


 

 Motto: TANI                                  Nicolina Tanushi

                                                                                                                   Classe VI

                    Scuola Elementare Italiana Bernardo Benussi Rovigno

 

TRI STUORIE DA MIDIGAMNTI ANTECHI

 

LI  PIATEMARENE

 

            On viecio spasi∫ando rente del mar, el ta vido ona ganga da fii chi fiva el bagno. Lo el li u sobito vi∫di ca ∫ crago da piatemarene da quile ca bica, ma i fii cume fii, i nu ga u cradsto, i pansva cal li ciulso par colo. El viecio el u tir fora on giurnl e l ∫ miso a le∫i bil pulto. El viva cupna scuminsi a le∫i ca on sego u ∫brag laria. Sti fii i curva fora da laqua sigando: -Li piatemarene! Li piatemarene! Alra el viecio gu deto da pis ∫ura la bru∫adora, sta vuolta i gu cradsto e in puoco tenpo ga ∫ pas doto. Bigna scult i vieci midigamenti ca i ∫ froto da tanti ani da esparinsa.

 

EL MAL DA TISTA

 

            Ona sira la viva on tramendo mal da tista ca nu la savva chi fa. La su ciap e la ∫ ∫eda dal dutr. Par la cal la u incuntr on viecio chel sa u sobato inacurto ca la stiva mal par vea di uci da sipa ca la viva, sicme el la cugnusva, el ga u d qualco cunslgio inpar da su nuono ca savva fa tanti midigamenti. El gu deto da meti intona tirena da aqua on pu da carbn, las on pu in mul e dupo passe tri vuolte la tista cun sta aqua. Deto-fato, sta sira, vesto ca a ga dulva ancra la tista, la ∫ ∫eda curndo a ca∫a e la su fato el midigamento a la ltara, cume ca ga viva deto el viecio. Mirculoel mal da tista ∫ dabn pas.

 

 I RESI

 

            On muri el viva on mondo da resi su li man ca ga diva parcio fastedio, ma el nu savva cume dalibarse da stu mal. On giurno cal ∫ughva rente ona bila fighira, su nuna la ga u deto da cighe on pu da feghi, e lo el lu sobato ingrum on, ma el gira masa pecio, el gira da lato ca el sa u spurc la man. Cun la man dota inpatadesa el ∫ mso a ingrumgane ancra e spso el sa bagnva cul lato ca sculva dai feghi pion peci. Matndose quil lato a ga sa sughva i resi, cuse in puchi giurni da midigamnto i ga ∫ par magea sparedi. ∫ sta cuse chel u scupirto on midigamnto sensa ∫e dal dutr.

 


 

 Motto: VALE                                 Valentina Babić

                                                                                                          Classe VI

                                                                                Scuola Elementare Italiana Bernardo Benussi Rovigno

 

ME I NU GA CRIDO MA...

 

LA CA∫A STRIGDA

 

            Turnando a ca∫a, sensa vul, i i sinto ma pare e ma ∫eo chi favalva. A nu ∫ par sav i afri di grandi, ma i i sinto ona brutesima sturia su la nostra ca∫a.

I di∫va ca in sta ca∫a vivva ona fama da puovari chi nu savva chi fa par vadign qualco sulden. Ona sira el fo e la mare i u truv ona ltara del pare e lo el sa gira inpic sul lanpadrio. El feo, chel nu pudva vevi sensa el pare el su mas cul curtil in bagno, e stu bagno a ∫ adiso la miia cmara. Par oltima la muir la u vult la tista da la dasparasin e la u cilto el vann. I di∫ar ca pudarvo bast ma nu la ∫ mega fineda, in cantena ugni ciro da lona a sa sento camin i spriti da sta da∫grasida fama e ancra i va insrca da lavrMe i nu ga crido ma

 

LARMARN DA LA PRINCIPSA SPAREDA

 

            Ona sira i ga i dumand a ma pare da cuntme ona sturia, e lo el u scuminsi a cuntme la sturia da larmarn da la principsa spareda:

A gira ona vulta ona principsa ca la ∫ parteda par on vi∫o in mar cun suvo maren. Da binesio doto a ∫iva ben, ma daspui, u tac a sufi on vento tramendo el mar senpro pion catevo ca la ∫ento scanpva cun li barche da salvatgio pansando ca la barca ∫aru in fondo. E cuse a ∫ sta. Doti ∫ msi in salvo, mino ca la principsa ca la gira rastda incastrda in gabena parch la sa gira insarda in armarn da la pagora e nu la viva pudsto pion vir∫alo. Cuse larmarn, gira davant la suva bara. A sa de ca el su sprito el ∫ ancra insar in armarn el spita ca qualcodon ga vir∫o par pud mori in pa∫. Gnanca a de ca me i nu ga crido ma a nu sa sa mai, gni sturia la u on pu da virit, chi i di∫de vi?

 


 

 Motto: PRIMAVERA                     Rea Deghenghi

                                                                                                                    Classe III a

                  Scuola Elementare Italiana Giuseppina Martinuzzi Pola

 

 Non ci credo ma...

(Le superstizioni e i rimedi popolari in Istria)

 

Non mi ero mai accorta di quanto le superstizioni fossero presenti in ogni casa e anche nella mia famiglia fino a quando non   nato il mio fratellino. Appena entrato in casa la nonna gli ha dato  un po' di sale e un uovo per dargli il benvenuto. Ha subito consigliato alla  mamma di indossargli la maglietta di sotto al rovescio e di appuntargli una medaglietta sacra per evitare che le meraviglie nuocessero al piccolo..

 La mamma mi ha spiegato che questa una superstizione ben radicata in quasi tutte le famiglie e che...nessuno lo ammette  ma tutti lo fanno. Si attenuta a queste istruzioni della nonna anche quando sono nata io e pure quando nata  mia sorella e siamo cresciute forti e sane.

La mia bisnonna ha cercato sempre di tenersi lontane sfortuna e  incidenti e dice:Ne di Venere ne di Marte no se sposa e no se parte. Se poi si tratta di venerd 13, allora non c' verso di convincerla di muoversi da casa.

Un giorno ero con la nonna al cimitero dove  abbiamo incontrato un conoscente che si era  fatto male ad un ginocchio proprio in nostra presenza. La nonna per questo si preoccupata assai

insistendo nel dire che quel segno di sfortuna proprio non ci voleva. 

Per non parlare poi di quel giorno quando,involontariamente, ho premuto il pulsante dell'ombrello mentre ero ancora in casa. Tutti mi hanno guardato con disappunto e anch'io mi sono subito ricordata che la mamma mi dice sempre; Non aprire mai l'ombrello in casa perch porta male.

Il pi ridicolo di tutti per mio zio il quale, quando un gatto nero gli attraversa la strada,  ferma immediatamente  l' automobile,esce dal veicolo e fa dei rituali particolari. Infatti fa tre passi indietro e sputa per tre volte, poi risale e riparte.

E' proprio vero,le superstizioni entrano pian piano in ognuno di noi. Come tutti anch'io dico: Non ci credo!.....Per  non vorrei mica rompere uno specchio e ritrovarmi con sette anni di pegola.

 


 

 Motto: EXCALIBUR                      Melania Duras

                                                                                                               Classe VII b

    Scuola Elementare Italiana Giuseppina Martinuzzi Pola

 

Non ci credo ma...

Nella Gallesano di un tempo si dava molta importanza alle superstizioni a cui si crede tutt'ora, per alcune non sono pi tanto attuali. Le pratiche che venivano usate dalle persone erano maggiormente i segni cio cerchi o triangoli per invocare gli spiriti. Le classi sociali che credevano
maggiormente alle superstizioni erano i contadini e gli artigiani che non si potevano permettere delle medicine costose. Il malefcio, l'incantesimo e la stregoneria venivano usati per portare il malocchio a una persona ma anche agli animali. A Gallesano di guaritori ce n'erano parecchi, alcuni generici altri specialisti.

 La Repubblica di Venezia, al tempo in cui regnava nelle nostre regioni, approv la proliferazione dei cosiddetti pseudoguaritori. Ci sono delle testimonianze che attestano l'intervento efficace degli
pseudoguaritori per quanto riguarda i fenomeni meteorologici. Una di queste testimonianze fu riportata da don Giordano Tarticchio, un sacerdote nativo di Gallesano. Parlando della sua infanzia raccont un episodio accaduto in un bell'agosto assolato, mentre si trovava su un colle in compagnia di un vecchio del quale non rivel il nome: guardando a levante notarono che dal
Quarnero stava arrivando un temporale, quasi una tromba d'aria di grosse proporzioni che si era formata dal nulla offrendo a loro uno spettacolo terrificante. In pochi minuti il cielo e il mare erano diventati una sola cosa e la tromba si stava dirigendo nella loro direzione. Il vecchio ad un
tratto impallid e il bambino pens che si fosse spaventato delle conseguenze del fenomeno ma quello che lo colp molto fu che l'anziano si inginocchi: cosa strana perch egli non frequentava le cerimonie ecclesiastiche. Dopo essersi inginocchiato, prese la paladora o roncola che portava sempre appesa alla cintura e con essa tracci nell'aria dei segni particolari che dovevano spezzare il maltempo. Pochi minuti dopo il temporale cess e il bambino pieno di ammirazione e curiosit gli chiese che cosa avesse fatto e lui rispose: "Te lo potrei dire solo alla vigilia di Natale o a quella di San Giovanni Battista. Per ora ti basti sapere che questi segni li pu fare solamente un primogenito, ma deve anche saper fare la croce di Salomone".

 Le superstizioni erano e sono sopravvissute di secolo in secolo fino al giorno d'oggi. Le stelle cadenti e le comete rappresentavano le pi assurde superstizioni. Difatti si diceva che ogni
mortale nasceva sotto gli influssi di una stella che poteva essere buona o cattiva. Le stelle cadenti nella notte del 10 agosto venivano ritenute lacrime dei defunti che si avviavano verso la luce eterna.
I contadini seguivano le fasi lunari per poter seminare e imbottigliare il vino. Se la luna fosse stata sfavorevole si ricorreva alle stregonerie, come leggere il palmo della mano e appendere in casa gli amuleti portafortuna. Per evitare i malefici si ricorreva al gesto delle corna fatto con le dita della mano.
Si diceva che le streghe o strighe avessero la coda mentre gli stregoni dovevano avere un ferro di cavallo tatuato sulla mano.
Anche i sogni avevano i propri significati: sognare la carne significava l'arrivo di malattie. Gli animali come il corvo,il gatto e il pipistrello portavano sfortuna, mentre il millepiedi, il ragno e la rondine venivano considerati animali positivi.
Quando da bambina apparecchiavo la tavola la nonna mi raccomandava di non mettere il pane capovolto e di non incrociare le posate. Poi si diceva che chi aveva il singhiozzo aveva qualcuno che lo pensava, chi perdeva al gioco era fortunato in amore. Le superstizioni venivano considerate pure in chiesa: se il padre durante il battesimo sbagliava il Credo il figlioccio poteva diventare menomato intellettualmente. Per avere una vita felice,  la sposa doveva mettere nel materasso un po' di cera raccolta dal cero pasquale.
A volte anche qualche proverbio metaforicamente conteneva qualche superstizione come ad esempio Ano bisesto, sina manego e sina sesto ( Anno bisestile senza manico e senza cesto).
A Gallesano vivono ancora oggi tante superstizioni che a noi paesani neanche dispiacciono troppo. Non ci crediamo ma!

 


 

 Motto:PULCINO                           Ilenia Sudulić

                                                                                                                  Classe V

Scuola Elementare Italiana Giuseppina Martinuzzi Pola

 

LE SUPERSTIZIONI E I RIMEDI POPOLARI


Nel passato, gli abitanti di Gallesano erano molto superstiziosi e in paese non mancavano certo gli ,,stregoni". Ogni contrada ne contava uno e avevano il compito di allontanare il malocchio. Le consultazioni si tenevano di nascosto, di solito dopo il tramonto. Durante le sedute, ,,lo stregone" ripeteva semplici preghiere e riti segreti accompagnati da continui segni della croce.

 

Quali erano le superstizioni pi frequenti tra il popolo gallesanese?
Sicuramente c'era molta diffidenza nei confronti di alcuni giorni nefasti quali il tredici, il diciassette e il ventuno del mese, nonch i marted e i venerd. Da notare che il venerd non era indicato per fidanzarsi o sposarsi n per andare in viaggio. Inoltre non si dovevano tagliare le unghie ai neonati. Pure l'anno bisestile era considerato portatore di disgrazie e non per nulla un proverbio gallesanese dice"Ano bisesto, sina manego e sina sesto" (Anno  bisestile, senza manico e senza cesto, cio anno povero).
Il malocchio era molto conosciuto dalle mamme le quali, per evitare che al loro bambino venisse fatta una fattura, gli facevano indossare qualche indumento messo al rovescio. Inoltre, gli indumenti del piccolino non dovevano asciugarsi all' aperto durante la notte. Quando il bambino veniva portato in chiesa per il battesimo, la persona che lo teneva in braccio non doveva girarsi indietro perch altrimenti il bambino avrebbe avuto problemi alla vista. Cos la superstizione arrivava addirittura in chiesa. Se durante il battesimo il padrino sbagliava recitare il ,,Credo", il bambino avrebbe perso il dono della parola. Se la sposa voleva assicurarsi la fedelt del marito doveva stare attenta a non inciampare in chiesa, n a calpestare il proprio abito da sposa, che doveva venir steso sul pavimento in modo che lo sposo potesse toccarne il lembo con la propria gamba. La novella sposa, per garantirsi la felicit, doveva inoltre mettere nel materasso un po' di cera della candela che era stata accesa per Pasqua.
Una candela spentasi durante la notte di Natale in chiesa significava la morte durante l'anno successivo della persona che operava comunemente vicino all'altare. Pure nel lavoro dei gallesanesi esiste la superstizione. Cos, quando si metteva la chioccia a covare le uova, il numero di queste ultime doveva essere dispari per poter avere pi pulcini di sesso femminile. Quando caricavano in carro con molta legna, prima della partenza si faceva il segno della croce per terra, davanti ai buoi, affinch il carro non si rovesciasse con tutta la legna.
Si attribuivano vicende funeste ad alcuni animali come la civetta, i corvi, i gatti neri, i pipistrelli, i rospi; erano ritenuti benefici gli animali come la rondine,il millepiedi, il ragno, la lucertola.
Il pane capovolto sulla tavola, la polenta tagliata con il coltello, le posate incrociate, lo spazzare il pavimento la sera, erano segni di prossima miseria. Indizi di cattivo augurio erano versare l'olio, il vino bianco e il sale, oppure rompere uno specchio.
Si diceva inoltre che chi avesse il singhiozzo, in quel momento, fosse menzionato da qualcuno; chi perdeva al gioco era fortunato in amore; chi trovava un ferro di cavallo o un quadrifoglio avrebbe avuto fortuna.
Contro la sorte avversa, nei tempi passati, c'erano molti rimedi: farsi leggere le carte, portare vicino al corpo dei portafortuna. Comunque il mezzo pi economico, usato anche oggi, era quello di fare le corna con le dita della mano.
Secondo il popolo gallesanese, un tempo, la maggior parte delle malattie degli uomini e degli animali erano dovute a cause magiche (malefici, incantesimi, spiriti maligni). Comparvero in questa maniera i ,,guaritori" e rare volte ci si rivolgeva al medico.
Il clima mite del territorio nel quale sorge Gallesano ha favorito la crescita di molte piante medicinali usate per curare diverse malattie. Cos, ad esempio la malva veniva usata contro il mal di denti, la camomilla per calmare i nervi e per alleviare i dolori intestinali, la ruta e l'assenzio contro il mal di stomaco, la salvia con il latte bollente veniva adoperata per curare le bronchiti, l'iperico per guarire piaghe e ferite, il succo d'ortica bloccava le emorragie. Inoltre le foglie di barbabietola si adoperavano per le scottature e contro i foruncoli, i carciofi per guarire dal mal di gola, le patate crude contro i dolori di testa e le scottature.

 Per depurare l' organismo le persone bevevano un cucchiaio di olio di ricino, mentre ci si massaggiava con l'acquavite per alleviare i dolori reumatici e per diminuire la febbre.
Molti sono i rimedi che si usano ancor oggi, alcuni dei quali li ho provati sulla mia pelle.Cos per curare il mal di gola si fanno gargarismi con aceto e acqua, per la tosse si beve latte caldo con il miele, per il mal d' orecchio vengono impiegate alcune gocce d' olio d' oliva e degli strofinacci
caldi, per l'indigestione si beve una limonata calda. Devo ammettere che spesso hanno funzionato. Provare per credere!


SEGNI DEN  GRAN MAL

Despoi l'Ave Maria scova
sint la sueta canta
'1 cortel e'1 piron incrosadi
in tredese in banca sentadi.
La polenta col cortel taj
zota 'na scala pas
spanzi oio,vin bianco e sal
e 'ncontra la suora per la cai.
De mardi o venero part
 'l specio in tanti tochi romp
Fasoleti regal
'1 pan col cul per aria pos
'1 gato nero che tresa la cal
xe duti segni de 'n gran mal!

 


 

 Motto: CANARINO                       Sara Perić

                                                                                                                       Classe V

      Scuola Elementare Italiana Giuseppina Martinuzzi Pola

 

NON CI CREDO MA... : LE SUPERSTIZIONI E I RIMEDI POPOLARI

Gallesano un piccolo paesino istriano che sorge vicino a Pola. Nei tempi passati si chiamava Collesano perch sorto su un colle. A Gallesano ci sono molte chiese, la principale quella di San Rocco. Un tempo, quando non c' era l'acqua in casa, le persone andavano a prendere l acqua in piazza dove c' era una piccola fontana o si recavano nel cortile se avevano il pozzo.

In piazza sedevano sempre come pure oggi i vecchietti che chiacchieravano. I bambini, dopo aver pulito la casa, uscivano e giocavano per ore fino all ora di cena.

I malati venivano curati dai guaritori che praticavano dei segni i quali venivano reputati magici. Lo stesso metodo si usava anche con gli animali. Le persone venivano curate anche con erbe e quelle pi conosciute erano: la camomilla,la naiba, la marigos,la salvia (usata contro la tosse).

Gallesano ha anche le proprie superstizioni e qui di seguito ne elencher alcune: se il gatto si lava il muso e si passa con la zampetta fino a dietro l'orecchio significa che piover. Durante la notte di San Lorenzo. che ricorre il dieci di agosto, le stelle cadenti lasciano una scia di luce nel cielo. Tali scie erano ritenute essere le anime dei defunti che si avviavano verso la luce eterna.
Se il padrino durante il battesimo sbagliava a dire il ,,Credo", il bambino poteva crescere deformato o con malformazioni alla vista.
Quando si incontrava per strada una vecchietta mal vestita le si mostravano le corna, perch si pensava che fosse una strega che porta sfortuna.
Se si andava a trovare un malato, colui il quale entrava per primo nell ambiente si pensava che venisse stregato dal diavolo.
Se per caso il pane veniva deposto rovesciato sulla tavola si pensava che portasse iella.
Incontrando per strada lo spazzacamino era necessario rivoltare per tre volte consecutive un bottone per poter avere fortuna.

Erano numerose anche le dicerie e le credenze. Mi sembra interessante dire che ancor oggi si crede che qualcuno ci pensi e nomini quando si ha il singhiozzo e che gli sfortunati nel gioco abbiano fortuna in amore. Chi poi trovava un ferro di cavallo o un quadrifoglio era convinto di essere stato baciato dalla fortuna.

Gallesano un piccolo paesino tranquillo, con la sua storia, le sue tradizioni le quali con il passare degli anni ci incantano sempre di pi e ci riportano in tempi talmente lontani da sembrarci magici. Chiss se le sue storielle e la sua origine man mano verranno dimenticate?
Speriamo di no, perch perdere un paesino cos allegro e ricco di tradizioni, storia e cultura sarebbe un grande peccato.

 


 

Motto: MARS ATTAK                   Enid Vidacek

                                                                                                                 Classe VII b

   Scuola Elementare Italiana Giuseppina Martinuzzi Pola

 

 

NON CI CREDO MA...

 

Di solito, quando mi metto il pigiama non mi va mai di girarlo dalla parte giusta e mia nonna puntualmente chiede: "Non ti ga paura che te magni le strighe?" Ecco perch un giorno le ho chiesto come mai mi fa sempre queste osservazioni e lei mi ha raccontato che quando viveva con sua nonna tante erano le superstizioni. Ad esempio doveva sempre mettere il coltello nella serratura con la lama rivolta verso l'alto e anche mettere dei pantaloni da uomo sul letto con la parte inferiore rivolta verso la testa : tutto questo era per proteggersi dalle marantighe. Mi ha detto che queste sono streghe che si presentano la notte entrando dalla serratura come un raggio bianco e cercano di soffocare il dormiente durante il sonno. Per scoprire chi la marantiga, un familiare deve tenere il caminetto acceso durante la notte e buttarvi una manciata di sale grosso e con la molletta grattare il sale sulla brace. Dimenticavo! Nel caso il coltello, i pantaloni ecc. non funzionassero, la persona perseguitata dalla marantiga va dal cavalcante che con vari metodi personali riesce a mandarla via.

Oltre alla marantiga mi hanno parlato di altre superstizioni. Ad alcune non ci sono rimedi come ad esempio se fischi la notte chiami il diavolo. E dire che io fischio giorno e notte! !

Quando si zappano le patate i contadini non devono farlo in direzioni opposte ma solo in fila indiana perch altrimenti la moglie potrebbe far nascere un figlio malato.

Se un gufo si fa sentire davanti casa di notte, qualcuno morir e invece se un corvo porta il malocchio.

Se uno sconosciuto entra in una stalla e non fa la croce, gli animali si possono ammalare. Quando un animale si ammala per scoprire se stato un sortilegio si prende l'acqua santa, si butta la brace bollente in quest'acqua dicendo l ' Ave Maria e il Padrenostro e dal modo in cui la brace affonda si capisce se un malocchio.

Grazie alla nonna ho capito che queste superstizioni non che siano, almeno in casa nostra, passate di moda. Non ci crediamo troppo, ma...

 

 


                                                                                                                  

 Motto: CARPE DIEM                   Nicol Verbanac

 

Classe V

Scuola Elementare Italiana Giuseppina Martinuzzi Pola

 

NON CI CREDO MA...


Non credo all'origine di tante cose strane che accadono, per succedono...
Quale sar la spiegazione? Casualit, coincidenza o destino?

Ed ecco l'esperta per tutte le superstizioni contro il malocchio: Maria, la mia bisnonna. Ha sempre le risposte e le spiegazioni per tutto ci che accade. Non passa giorno se non ne senti una nuova...

E' sempre l che nel suo dialetto mi dice: "Picia mia, non sta spandi el sai, ti far barufa con qualche d'un"; oppure "Metite la canotiera ala riversa perch le strighe no te poi far niente"; o ancora "Non sta versi l'ombrela in casa, no ti sar fortunada"; "Sempre fate la crose quando de
matina ti vai fora de casa perch no se sa mai chi che ti incontrer"; "Se qualche d'un te regala un fasoleto ti devi dage un soldo perch se no ti pianzar per tutta la vita".
Ne sa di altre la mia vecchia e cara nonnina ed simpaticissima quando mi dice "Picia, ven presto! Me beca la man sinistra, sicuro ciapar soldi!"
Che bello sarebbe se i soldi arrivassero cos! Chiss se c' qualcosa di vero in tutte queste superstizioni o sono solo aneddoti che si trasmettono da generazioni?
Io non ci credo per...non passo sotto le scale perch la vita si accorcia, sputo tre volte se un gatto nero mi attraversa la strada; mi faccio la croce al mattino quando esco di casa, non fischio di notte perch chiamerei il malocchio, sto attenta a non rompere lo specchio perch sono sette anni di
disgrazia, i letti di casa non sono sistemati con i piedi rivolti verso la porta perch quella la posizione in cui stanno i morti.
Perch lo faccio? Forse perch lo fa la mia bisnonna, mia nonna , mia mamma...e cos forse ci illudiamo di vivere pi tranquilli e sicuri!

 


 

 Motto: FUOCO                             Marin Maurović

                                                                                                            Classe II b

    Scuola Elementare Italiana Giuseppina Martinuzzi Pola

 

Le superstizioni

 

Chi lavora a Capodanno, lavora tutto lanno

Se un quadrifoglio troverai, vieni fortuna, scaccia via i guai.

Se il gatto nero la strada attraversa oggi la fortuna persa.

Se a casa trovi un ragno, non ucciderlo, porta guadagno.

Guai versare lolio o il sale perch porta male.

 


 

Motto: IL QUINTO ELEMENTO                  Ena Zimolo

                                                                                                                             Classe V b

         Scuola Elementare Italiana Giuseppina Martinuzzi Pola

 

Io non ci credo ma...

 

L'altro sabato son stada a trovar nonna Maria, una mia vizina de casa.
La me ga ofr t e biscotti e la se ga messo a racontarme delle storielle;
pi de storielle la me contava a cosa ancora oggi credi el popolo istrian.
In vero talian se diria  superstizioni.
Tante de queste le avevo z sent, come per esempio che el ragno porta guadagno e non bisogna coparlo perch ci porta fortuna opur nascer in bon de luna, che saia nascer con la luna favorevole.
Anche mi, per dir la verit, a ste robe ghe credo, per que che go sent in avanti me ga fatto spalancar i oci e son restada a bocca verta.
Suo mar el iera un apasionado giogador de carte e non voleva nessun drio le sue spalle, podeva eser una persona amica e lo stesso ghe gaveva porta sfortuna. Quando la carta ghe andava storta, el faceva tre giri tomo la carega.
Adeso ve conto quel che ancora ogi non credo, se trata de robe de streghe.
Come diria nonna Maria, una volta ghe ne iera de pi de desso, forsi perch la gente iera pi  indrio". I parenti se sposava tra de lori per via dei poderi e dele tere cos el sangue non se misiava e i fioi no iera  normali. Ecco perch se diceva che esisti le streghe.
Ma, allora, chi era la strega? Ecco la risposta de nonna Maria: " La strega ze persona che fa del mal, ma non la voleria, no se sa se la vol. No la andava in cesa perch la fava pi mal che ben. Se diceva che la gaveva anche la coda, ma per carit, mi no la g vista e no poso dir niente".
A quel trato el fradel de Maria el ga dito de s, ma el iera abbastanza ubriaco.
Dato che la nonna ze nata a Dignan, conto ancora quel che ga sent le mie orece a proposito de prevenzion contro el malocchio.
 Iera tanti i modi: quando ti ga sospeto che qualche persona che no la te d bon, ti meti la scova drio la porta. Se usava anche portar la sata de coniglio in scarsela.
 In difesa del neonato i ghe meteva le mutandine o la cantiera o la maieta sempre de roversa.
Ai pici ghe se meteva una medaglieta al collo.
Per finir  questo compito no podeva mancar  el morto. I morti bisogna rispetarli e ogni volta che i te se presenta ti li senti anche parlar. Se conta che la nonna de nonna Maria la dormiva sempre al suo posto anche da vedova. Una note per, la ga cambi posto. La ze vegnuda de l che dormiva una volta suo mar. In quel momento la ga sent ste parole: "Ti te son mesa sul mio posto, stasera?"No la ze andada pi su quel posto.
Ve poso dir che a tante robe non ghe credo, per go pas un bel pomeriggio a  ascoltar le fantasie (?) de nonna  Maria.

 


 

 Motto: CREDULONE                   Gabriel Vlakančić          

                                                                                                             Classe VI

                                                                                                Corsi di Lingua Italiana

                                                                                   Comunit degli Italiani Lussinpiccolo

 

Tema: Non ci credo ma ...

 

Tanto tempo fa, qundo la mia nonna era bambina, cerano tante superstizioni e detti. Questi si usavano per tutto lanno e quando si usavano, adesso ve lo dico:

I maritimi quando i andava navigar, mai predner lombrela perche porta pegola!

Al pescador dirghe bona fortuna el ligava la barca e el tornava a casa!

A Lussin non se fazeva el bagno in mar prima de San Giovani. Quel giorno se butava in mar vestidi!

El primo giorno de primavera caldo o fredo, i fioi se meteva i calzini e le braghe curte!

I veci Lussignani iera gente semplice e sparagnosa. I fioi non i gaveva la ombrela, solo i grandi. Quando pioveva e i diseva ala mama Piove!, la ghe rispondeva: Si cori che ti creser!

E poi mia nonna mi ha detto anche questi deti: Aprile-non ti scoprire, maggio-adagio!, Rosso de sera bel tempo se spera, rosso de matin prendi lombrelin!, Nuvole a pecorele, piova a catinele!, Luna colegada-marinai in piedi...

Ed io, anche se non ci credo ma ... forsi i veci Lussignani gaveve anche ragion! Meio crederghe!

 


 

 Motto: LO SPAZZACAMINO        Donatella Sorić   

                                                                                                                   Classe  VIII

                                                                                                      Corsi di Lingua Italiana

                                                                                           Comunit degli Italiani Lussinpiccolo

 

Tema: Non ci credo ma ...

 

Non mi piace quando vado a scuola o a fare una passeggiata e davanti a me passa un gatto nero. Si crede che un gatto nero porti sfortuna. Per e bello incontrare lo spazzacamino, anche tutto nero e sporco, perch si crede che porti fortuna, ma per beccare la fortuna bisogna prendersi per un bottone. Un giorno, dopo tanto tempo, davanti a me passato uno spazzacamino che oggi una rarit. Quasi non si usano pi le stufe e i camini sono solo un ricordo! Ma per la mia sfortuna, non avevo neanche un bottone. Provavo a trovarne uno e non guardavo dove cammino e cos distratta sono inciampata e sono caduta. Che sfortuna! Spero che un altro incontro con lo spazzacamino sar pi fortunato, perch anche se non ci credo, ma ...

 


 

                                                                                     Motto: IL GATTO NERO               Đenis Čepulo

                                                                                                                   Classe  VIII

                                                                                                          Corsi di Lingua Italiana

                                                                                            Comunit degli Italiani Lussinpiccolo

 

 Tema: Non ci credo ma ...

 

Oh mio Dio, non mi ricordo niente! Questo ho detto luned mattina, il giorno il quale dovevo scrivere lesame di matematica. Mi sono alzata e vestita, ho preso la borsa con i libri e la merenda e sono uscita di casa assieme alla mamma. Camminando, davanti a noi passato un gatto nero! Mi sono detta: Guarda che bel gattino. Ho continuato a camminare ed arrivata in classe, la maestra ci ha detto di prendere carta e matita. Abbiamo incominciato a scrivere il test. Mamma mia, non ricordavo pi niente! Ero confusa! Lora era finita ed io sapevo che sicuramente prender un brutto voto. Tornata a casa, ero triste. Ho raccontato tutto alla mamma e lei mi ha detto: Io lo so perch successo! Ti ricordi del gattino, tutto nero? Quando un gatto nero passa davanti a te, questo significa sfortuna! Questo solo una superstizione, il fatto che se studiavi di pi forse il gatto nero ti portava anche fortuna! Si, mamma aveva un po' di ragione, ma la prossima volta quando incontrer un gatto nero, far tre passi indietro, e sicuramente studier di pi!

 


 

 Motto: FANTASIA                         Simona Orlić

                                                                                                                 Classe  VIII

                                                                                                           Corsi di Lingua Italiana

                                                                                            Comunit degli Italiani Lussinpiccolo

 

Tema: Non ci credo ma ...

 

Da sempre luomo era superstizioso. Cos da generazione a generazione e con tanta fantasia si raccontavano varie strane storie che sono arrivate fino ai nostri giorni.

Per esempio: quando si partiva e un gatto nero attraversava la strada, si tornava a casa perch questo portava sfortuna.

Quando incontriamo uno spazzacamino bisogna prendersi per il bottone della camicia, perch porta fortuna.

Quando i pescatori andavano a pescare, se incontravano un prete o una suora dicevano che portano sfortuna e cos ritornavano subito a casa.

Quando si incontra una persona con la gobba bisogna toccare la gobba perch porta fortuna.

La prima persona alla quale si augura lanno nuovo, se uomo, tutto lanno sar gioioso, ma se invece una donna sar sfortunato.

Ci sono molte altre credenze e fantasie alle quali ancora oggi molti credono. Per me tutto ci ridicolo ma divertente, cos si pu scherzare con gli amici.

 


 

 Motto: IL MAGO                           Ljubica Basorović  

                                                                                                      Classe  VII - 1          

                                                                         Scuola Elementare Njego Cattaro Montenegro

 

NON CI CREDO MA...le superstizioni e i rimedi popolari in Montenegro

 

       Da quando esiste il mondo, la gente ha creduto in tante cose poich non hanno potuto spiegare tanti fenomeni naturali. Cosi hanno creduto in esistenza delle creature extraterrestri e vari dei che hanno governato la vita.

      Con sviluppo di scienza e tecnologia siamo riusciti a trovare le risposte a tante nostre domande, per ci sono ancora molte cose che non sappiamo. Naturalmente, non tutte le persone hanno lo stesso livello di educazione e non capiscono ugualmente tutto e cos anche oggi esistono le persone che credono che ci sia qualcuno che governa la nostra vita e che alcune situazioni sono influenziate da sopra.

       Per queste persone diciamo che sono superstiziose. La superstizione naturalmente dipende dalla cultura di certa gente e cosi troviamo varie credenze nei paesi europei che nei paesi degli altri continenti.

       Io ho sentito di alcune superstizioni. Mia nonna sempre dice che non dovrei uccidere il serpente nella casa. A scuola la maestra non permette ai ragazzi di aprire lombrello dentro la classe. Per il Natale i rifiuti non devono uscire fuori di casa pero per il Capodanno si portano di casa perch si crede che con questi si buttano tutte le cose brutte dellanno passato e si fa posto per le cose nuove.

       Io sempre dico a mio padre che non si deve passare sotto le scale aperte perch creano il triangolo della vita che non si deve rompere.

       La collana doro rotta non si deve tenere a casa.

       Se il gatto nero ti attraversa la strada devi tornare indietro tre passi e sputare tre volte.

       Quando si versa lolio si deve subito bagnare con il vino bianco.

       La ragazza non si deve sedere allangolo del tavolo perch non si sposer mai o si sposer due volte.

       La donna incinta non deve andare al cimitero.

       Se rompi lo specchio devi lasciarlo la unora finch lo spirito cattivo non esce fuori.

       Il seme lo devi sementare primo tu e poi darlo allamico, perch diversamente non si radichi.

       Il bambino piccolo non deve specchiarsi perch non cresca.

       Ci sono ancora molte superstizioni in Montenegro. Tanta gente visita i maghi e indovini che gli predicano la vita e gli avvenimenti. Cos si nascono molte superstizioni. Gli danno diversi pozioni e amuleti contro gli incantesimi o per attirare la fortuna, la ricchezza o anche le persone che gli piacciono.

 


 

 Motto: ROCK                                Sara Spičanović  

                                                                                                       Classe  VII - 3

                                                                                Scuola Elementare Njego Cattaro Montenegro

 

NON  CI  CREDO, MA..

LE SUPERSTIZIONI E  I  RIMEDI  POPOLARI  IN  MONTENEGRO

 

       I popoli antichi non hanno avuto le conoscenze del mondo e dei fenomeni naturali come noi oggi. Tante cose non hanno potuto spiegare in un modo ragionevole e cosi hanno cominciato a credere che cerano alcuni potenze fuori mondo che dirigevano la vita.

       Come tutti gli altri popoli, anche la gente delle Bocche di Cattaro ha creduto e crede ancora oggi in tante cose. Di questo parliamo come della superstizione. A causa di avvenimenti enigmatici che non possono capire gli uomini soni pronti a credere che c qualcuno o qualcosa che fa tutte queste cose. Naturalmente, di solito abbiamo paura dello sconosciuto e per questo proviamo a difendersi. Cosi si sono sviluppati certi rimedi contro le cose strane. I pi popolari superstizioni e i rimedi sono i riti legati al vino e la vita dei pescatori.
       La pesca nelle Bocche di Cattaro un lavoro antichissimo. Tanti abitanti di questo golfo vivono dalla pesca. Nello statuto dal XIV secolo la pesca si ricorda come il lavoro principale. Le famiglie dei pescatori sono state povere, dipendevano dalla caccia e vendita di pesce. Certi gesti, apparenze e incontri hanno stimolato la superstizione e la credenza nei segni buoni o cattivi.

       Cerano spesso le situazioni quando un intero gruppo di pescatori ha deciso di non andare a pesca perch hanno visto una donna cattiva o strega e questo lhanno ritenuto

un segno brutto che significa che non saranno fortunati quel giorno.

       Le parole in bocca al lupo non si dicono al pescatore che si prepara per andare al mare.

       Se il pescatore ha le scarpe con i merletti, non li mette perch si crede che la caccia sar povera.

       Si credeva per tanto tempo che quando la donna incinta passa attraverso la rete che la situazione si cambier e la pesca sar pi ricca.

       Quando capita che la caccia non buona pi volte si deve rubare tre ocche di rete dal pescatore che ha pi fortuna e  cucire alla sua propria rete.

       Si crede che si caccia pi pesce se il padrone veste la sua giacca rovescio.

       Nella barca peschereccia vietato pronunciare le parole gatto,coniglio e prete.

       Se un gatto entra nella barca prima di andare a pesca si rinuncia al lavoro.

       Le nozze, la nascita e la morte sono tre eventi importantissimi della vita di un uomo.

Durante questi eventi si fanno diversi riti e tutti sono legati al vino.

       La nascita sempre stata una grande preoccupazione di tutta la famiglia, perch succedeva spesso che la madre o il figlio morivano. Per questa ragione si facevano alcuni riti per evitare gli avvenimenti svoluti. Cos, la madre e il figlio si bagnano con lacqua sacra o il vino che ha portato il prete.Il vino si usa anche nel rito del battesimo perch il padrino fa il brindisi al figlioccio con il bicchiere di vino mentre pronuncia il nome di Dio e il figlioccio.

       Le nozze sono di solito la festa pi grande, perch rappresentano la creazione di un istituzione in cui si prosegue la specie umana. Linvito dei cortei e lintroduzione nelle nozze. Linvito si fa con il vino e anche i cortei lo portano quando vengono. obbligatorio vuotare il bicchiere con il vino in cui c una moneta prima di accompagnare la sposa dalla sua casa. Per entrare nella casa del futuro marito la sposa porta alla suocera il pane e il vino che poi divide con il marito. Si crede che questo porta la fertilit agli sposi.

       La morte il pi grande indovinello della vita e anche un avvenimento tristissimo. Si crede che senza certi riti lanima del defunto non potr trovare la pace eterna. Secondo credenze, lanima continua a vivere per 40 giorni dopo la morte e poi va nel paradiso, per prima deve passare il ponte attraverso un abisso e un ponte stretto. Se lanima buona (cio, se luomo stato buono), il ponte si allarga, e essa va nel paradiso. Al contrario lanima cade nellabisso dove si pulisce per sette anni e poi sale sul cielo. Il vino si versa sopra il corpo morto perch si crede che nellaltro mondo non c niente da bere e si pu anche mettere nella camera dove si tiene il corpo prima del funerale, un bicchiere di vino e un bicchiere dacqua accanto al croce.

       Tutti questi riti e usanze hanno radici nella superstizione e le credenze dei nostri antenati e si sono tramandati fino ai nostri giorni. Oggi, naturalmente meno gente crede in tutto questo perch la scienza ha dato le spiegazioni logiche per tanti avvenimenti, pero ci sono ancora quelli che vogliono credere..

 


 

 Motto: LA STELLINA                  Marija Pera

                                                                                                                 Classe  VII - 1

                                                                                        Scuola Elementare Njego Cattaro Montenegro

 

NON  CI  CREDO, MA..

 

       Fino dai tempi remoti, cio da quando nata la vita sulla terra e da quando sono nati i primi uomini, la gente crede che esistono alcune forze superiori che regolano la nostra vita e tutto quello che succede. Ancora nell antica Grecia e Roma si diceva che non si dive passare sotto le scale addossate sul muro perch questo rappresenta il triangolo della vita e se si passa sotto di questo pu capitare una grande disgrazia perch cos si disturba il ciclo della vita.

       Da loro trae lorigine anche la credenza che si deve bussare nel legno se vogliamo tenere lontano il male. Una volta la gente credeva che i Dei vivevano dentro gli alberi. Cosi loro sono venuti a pregare i dei per qualcosa e il rito dice che si deve prima toccare lalbero. Se il desiderio viene fatto, si deve tornare e bussare nellalbero di nuovo per dire un grazie a Dio.

       Si crede anche che intorno agli alberi vivono e volano i cattivi spiriti e che bussare nellalbero gli impedisce sentire cosa noi vogliamo dai Dei, perch se ci sentono possono farci male.

       Mia nonna dice che non si deve aprire lombrello dentro la casa o qualsiasi spazio chiuso, perch pu morire qualcuno. E ancora peggio rompere lo specchio, questo porta sette anni di disgrazia.Mi hanno detto che se succede questo, esiste un rimedio contro questa disgrazia. Lo specchio non si deve toccare per unora, mentre non escono gli spiriti cattivi di esso.

       Tanta gente crede che non si deve sedere al bordo del tavolo. Alcuni dicono che questo significa che non si sposerai mai o se sei gi sposato che ti sposerai unaltra volta. Durante il pranzo non si deve canticchiare con la bocca chiusa perch il tuo futuro fidanzato o fidanzata sar muto.

       Ci sono tantissime superstizioni legate alle donne incinte. Per esempio, se incinta, la donna non deve passare attraverso uno spago perch il bambino avr il cordone ombelicale intorno al collo.

       Quando si nasce il bambino, la mamma gli mette un filo rosso sulla mano per proteggerlo e i bambini piccolissimi non si devono specchiare perch non crescano.

       Qualcuno pu dire che tutto che questo non vero, che solo il frutto della fantasia, per ci sono tanti che ci credono. Io non ci credo, per..con il passo dei giorni, mi sembra che cambier lopinione..

 


 

 Motto: MATTIA                   Mattia Sponza

                                                                                                                Classe  V

                                                                  Scuola Elementare Italiana Pier Paolo Vergerio il Vecchio Capodistria

 

 

SUPERSTIZIONI DI CASA NOSTRA

 

La mia nonna che di Rovigno, mi ha raccontato che non bisogna mai girare il pane alla rovescia, perch porta sfortuna, cos come versare il sale per terra. 

La mia bisnonna Fanci invece, appena si chinava su un po derba trovava sempre dei quadrifogli che regalava puntualmente alla mamma e a me perch ci portassero fortuna. 

Nonna Vlasta mi ha raccontato che se si versa dellolio ( e ci porta sfortuna)  bisogna gettarsi alle spalle del sale per evitare disgrazie: insomma un antidoto

 


 

Motto: CHIARA                   Chiara Cimador  

                                                                                                            Classe V

                                                                      Scuola Elementare Italiana Pier Paolo Vergerio il Vecchio Capodistria

 

 

IL CAMPANILE DI BUIE 

 

A Buie, con grandi sacrifici, avevano edificato una grande e bella chiesa, il Duomo. Il campanile al suo fianco per stentava a crescere in quanto mancavano i mezzi per pagare le maestranze e per i materiali. Ma dopo qualche anno, in quattro e quattro otto, il campanile fu eretto, grande, alto e imponente, lo si scorgeva da molto lontano. Nei paesi vicini la gente si interrogava come erano riusciti i buiesi a reperire il danaro per portare a termine lopera. Certe malelingue andavano dicendo che i buiesi avevano rubato i soldi, altre ancora che avevano rubato addirittura il campanile stesso. 

Ai buiesi le ciarle maligne non piacevano proprio e allora per tappare la bocca alle malelingue posero alla base del campanile una targa in pietra, con incisa la seguente scritta: 

  Questo campanile stato costruito qui

 

LE SUPERSTIZIONI ISTRIANE  

  1. Se un gatto nero ci attraversa la strada, dobbiamo fermarci ed attendere che qualcun altro ci preceda, oppure cambiamo strada, poich il gatto nero porta sfortuna.
  1. Rompere uno specchio comporta sette anni di disgrazia.
  1. Sognare un grappolo di uva bianca mentre si dorme porta sovente lacrime.
  1. Se ti prudono le mani hai buone possibilit di ricevere danari.
  1. Una giovane nubile deve evitare di farsi spazzare i piedi, altrimenti rischia di rimanere zitella.
  1. In casa mai aprire lombrello, porta jella.
  1. Colui che a tavola sta seduto ad uno degli angoli poi non si sposa.
  1. Sognare i denti mentre si dorme comporta la perdita di qualche parente.
  1. Se ci si reca in visita da qualcuno, bisogna star seduti almeno per cinque minuti, altrimenti il padrone di casa quella notte non riuscir a prender sonno.