Premi Speciali

  PREMIO ASS.NE per la CULTURA FIUMANA, ISTRIANA e DALMATA nel LAZIO :

  motto I PIPIDI                                                                             

Classe III  -   Michele Mottica, Gaia Paljuh

                                                            Classe IV -  Matteo Di Lonardo, Antonio Macan, Noel Dellabernardina

           Scuola Elementare Italiana “Bernardo Benussi” sez. perif. Valle d’Istria

      Insegnanti Boris Brussich, Miriana Pauletić

 Motivazione: questo interessante e ben fatto lavoro di gruppo scritto nell’istrioto di Valle, piccolo centro istriano arroccato intorno a Castel Bembo e alla sua campagna, ci fa rivivere al tempo in cui non c'erano né internet né tante diavolerie moderne ed i lavori erano ben più "fadigoxi" anche se, come dicono i nostri bravi moredi, "sarao bel continuà a laorà le vide, i ulii e amà sta tera como che i la jo amada i nustri bisnoni" !!

                                                                          L'ATTIVITA' E IL LAVORO DEI NOSTRI NONNI

                                                                                               'L LAOR DEI NUSTRI NONI

Vale, xe 'n picio centro che 'l se cata fra Pola e Ruvigno. 'N picio diamante bianco, circondà dal verdo dei prà e dei boschi. 'L jo mile persone. 'Na scula bela e moderna ola i moredi i pol xi 'n quela taliana o crovata.
Noi signemo i moredi dela scula taliana e cusì vemo stà 'n serca a scoprì che mestier e laor i feva i nustri bisnoni. Ancoi i nustri genitori i laora 'n fabrica o uficio.
Par savé i laori che feva i nustri bisnoni 'n di jo tochesto xi 'n giro par le caxe a domandaghi ale persone ansiane. ringrasiemo con duto 'l cor: sia Ana Maria Barbieri, barba Bepi Mottica ('l Magnarixi), barba Vili Poropat, barba Piero Poropat ( Tamixer) e barba Silvi Giuseppe (Bepi Bespa).
Vem
o scoperto che 'l laor dei nustri bisnoni 'l jera diverso da quel dei nustri pari. 'L jera più fadigx e meno pagà, però i jera orgogliosi e i lu feva cun amor.
'L laor prinsipal jera laorà 'n tei loghi, j iera orgogliosi e i lu feva cun amor.
'L laor prinsipal jera laorà 'n tei loghi, i jera agricoltori. Duti i laori i vegneva fati a man, cun i manxi, o cun i sameri.

   I veva 'l careto, 'l vergagno e la graspa, poi ancora altri pici arnesi. Ancoi a Vale de manxi se 'n de vedo...nanca un.
   'N autunno se arava e se somenava la biava. 

'N d'istà duta la fameja xeva a sexolà, a caxa restava la femena, jela la preparava 'l dixnà e poi a mixudì la lu portava a 'sti sexoladori.
Con la sexola i sexolava la biava, i'ngrumava le mane e i feva i muciari, ogni muciaro veva tredixe mane. I menava i muciari a Vale par le ere, al laveré. I bateva sta biava cui legni che i ciamava " Le bate".

 

Co i finiva de bati i spetava che vegno ' n po' de bava, poi i lu sventolava prima cun la conca e poi cun 'l cribio, un tamix ola cajeva 'l sporco e restava la biava.
La paja i la portava 'n tele corte ola i feva la meda cun 'n mexo 'n groso pal 'l midil. La biava la se maxinava 'n caxa e cun la farina i feva 'l pan, i lu rustiva 'n tei grandi forni.

 

 

'N altro laor jera 'n tei ulivi. I vegneva aradi, podadi e concimadi cun 'l ledan.
 

 

 

 

 

Se colxeva la ulia a man, se poxava la scala sul tronco e col sacuso 'n torno al colo se colxeva la ulia. La che no se rivava se xbateva le rame e i fioi e le mare le 'ngrumava par tera.

 

I la meteva 'n tei sachi. Cu la jera madura i la portava al torcio par fa l'ujio de ulia, 'l nustro torcio.
 

Lìuio de ulia i lu meteva 'n te le pile de saso che 'l stego sempro fresco, che nol dego de ransido.

 

Par ' n po' i valexi i jo piantà tabaco. I'n grumava le fuje, i le meteva a suga' e poi i ghi le vendeva ala fabrica tabachi de Ruvigno. 'L più importante laor jera quel del vide, quasi duti veva vide. Se podava e sapava. 'N stanverta se gambiava i pai se arava.

 

Ai pai se legava la vida cun i venchi o cun la xenestra. Prima dela vendema se netava le vide dale fujete che no le serviva a gnente. Le vegneva liquidade e solferade cun 'l fol. Par solferale goreva spetà che no sio vento parché se no' i veva duti i oci rosi. Questo se feva par salvà la pianta dale bestie.

 

Prima dele vendemie duti uxava cio' fura dale canoi le boto e daghi 'na netada o 'na slavasada, meti a posto qualco sercio. anca i uxava portà le boto al mar e bagnale cun l'acqua de mar.

 

 

 'L samer 'n tele vide






I xeva a vendemà cun le boto o le castelade e i le meteva sul caro tirà dai manxi o dai sameri. Se vendemava cun le forfixe e la ua la se ghetava 'n tel brentin. Cu'l jera pien i la ghetava 'n tela boto. Co le boto le jera piene de ua se tornava a caxa e se desiudava l'ua, prima 'n tela graspa  la se raspava e i raspi se ghetava via, l'ua finiva 'n tela boto. Qualco volta i moredi xeva 'n tele castelade e i fracava la ua cun le gambe.
No ghi voreva tocalu cu'l jera 'n botà.
'L mosto e le scorse le vegneva presade 'n tel torcio cusì vegneva fura ancora sugo. goreva che fermento 'l mosto par poi diventà vin. Par san Martin se travaxava 'l vin. finì cul vin i feva l'acquavita cul lambico.

 

le boto ' n tela canoa

 

 

I pascolava le pegore de noto e de dì, e poi i feva 'l formajo e la puina. 'L xor: me nona la mi contava che la veva più pignatele che xor quanta jera la fam. I pastori goreva che i stego sempro arento de lore cusì no le podeva xi 'n dagno ( 'n tei loghi a magnaghi duto), o par spagurà i ladri de pegore che quela olta 'n de jera tanti. I smolxeva de sera e de maitina cusì che le nustre none le feva 'l formajo e la puina. I toxava le pegore cu la lana la jera fisa e longa, cun le forfixe. la lana la serviva par fa le maje e anca el materaso anca se lori i durmiva 'n tel pajon fato de fuje de formenton sute. La vaca i la tegneva par fa ' l vedel, poi i lu vendeva par pagà la steora.

I laorava 'n cava, i cavadori, a tajà 'l saso e a laoralu cun la ponta e 'l masiol, 'l scalpelin, la masa, la cugnera, la masa la veva diexe chili e da ' na banda jera la scajadora.

 

 

 

'l laor jera duro, ' l magnà jera poco e goreva laorà diexe ore al dì. Se stacava grosi tochi de saso.
I laorava 'n tela cava de saso che la xe arento Vale.

barba Bepi Bespa

 

ale fontane

Le nostre none le feva altri laori: le feva 'l pan, le feva damagnà, le feva la puina e 'l formajo. Dal distà 'co le xusterne jera oge, sina acqua, le xeva a fa la lisia ale fontane, cun la galeda 'n cao goreva xi a ciò l'acqua e poi portala fina a caxa. jera alargo quaxi finta san Micel.

Noi signemo ancora pici e no savemo ancora che faremo da grandi. 'n di piax pensà a 'n laor meno fadigox de quel che feva i nustri bisnoni.
anca se sarao bel continuà a laorà le vide, i ulii e amà sta tera como che i la jo amada i nustri bisnoni.


PREMIO SPEC. PERIODICO degli ESULI POLESANI EUROPEISTI “ISTRIA-EUROPA”

 motto TRACCIA PREZIOSA                                                                                  
 
Borna Zeljko   

 Classe III a   Liceo Generale Scuola Media Superiore Italiana “Dante Alighieri”

Insegnante Annamaria Lizzul
 

Motivazione: l'autrice offre un approfondito panorama della radicata italianità del luogo in cui vive, esprimendosi con sensibilità e toni appassionati; si augura di vivere in una Europa rispettosa e tollerante in cui ciascuno, pur aperto a nuove conoscenze ed a tradizioni di vita differenti,  possa mantenere la ricchezza ed i valori della propria cultura, soprattutto attraverso il mantenimento della propria lingua. Riesce a mediare con equilibrio il proprio senso di italianità con le istanze di una più complessa convivenza europea.

Tracce di italianità nel territorio in cui vivi

 “Šta smo imali za zadaću iz tedesca?” “Esercizi dva i tri na pagina 237.” „A iz italiano samo parafrasi?“ – Discorsi che sento ogni giorno a scuola. E mi chiedo: Ma è possibile decidersi di parlare una sola lingua, e non mescolarne tante?

Conoscere diverse lingue diventa sempre più importante nella società moderna: si pensi solo alla globalizzazione che vuole tutto il mondo collegato e integrato, oppure ad un qualsiasi lavoro siccome spesso capita di dover interagire con colleghi di altre nazioni. Il tutto risulta molto più semplice conoscendo più lingue.

Ho avuto la fortuna di nascere in una famiglia dove si parla il dialetto, ed imparare così già da piccola pure la lingua italiana, ma, crescendo, anche vedere, purtroppo, come essa stia scomparendo nella comunicazione tra i giovani, tanto che si può veramente parlare ormai di “tracce” di italianità.

Pola ha oggi degli asili, una scuola elementare, una media superiore in lingua italiana, corsi universitari in italiano, nonché una Comunità molto attiva, istituzioni che cercano, con l’aiuto dell’Unione Italiana e dell’UPT, di non far dimenticare alla gente che ci sono ancora persone per le quali l’italiano è la madre lingua e che ci tengono a farla rimanere viva anche in questa città. È grazie a loro se in città la segnaletica stradale è bilingue. Molti, ovviamente, dimenticano la storia ed il lungo periodo in cui l’Istria è stata italiana. Non sanno forse che un popolo senza memoria è un popolo senza futuro? Dei semplici numeri possono dimostrare la veridicità di questa affermazione: nel 1916, a Pola c’erano 33 scuole, delle quali 29 italiane e solo quattro croate, mentre nel 1918 il numero di quelle italiane era salito a 31, e quello delle scuole croate era rimasto invariato.
        Innanzi tutto siamo fortunati ad avere un’Unione Italiana che organizza per noi giovani molte gite d’istruzione e di scambio in Italia permettendoci così di conoscere più a fondo la nazione d’origine di molti di noi, di fare molte amicizie e di conoscere la quotidianità dei nostri coetanei; e poi la casa editrice EDIT che, con le sue pubblicazioni quali “La Voce del Popolo”, “Panorama”, “Arcobaleno”, “La Battana” ma soprattutto con la collana dei libri degli autori italiani dell’Istria e del Quarnero - importanti documenti per la storia e la cultura istriana- cerca di curare la “peste del linguaggio” (definizione di Calvino in “Lezioni
americane”), e cioè l’uso del’italiano storpiato che ormai parlano i giovani, che inventano neologismi che, però, non significano nulla, oppure usano un lessico inappropriato. Quante volte ho sentito dire “per me è tutto uno” invece di “è indifferente” (a causa del croato “svejedno”) e quante persone hanno un cugino “del secondo ginocchio” (invece di “secondo grado”), o vogliono gli venga “tornata” (e non restituita) la verifica! Fa ridere, ma dispiace che questa lingua non possa vivere sana a causa delle ferite che le inferiamo usando un lessico scorretto e tendendo “a diluire i significati, a smussare le punte espressive, a spegnere ogni scintilla che sprizzi dallo scontro delle parole con nuove circostanze”, per citare nuovamente Calvino che voleva curare la propria lingua, essendo uno dei pochi che avevano sentito il suo grido d’aiuto. Mi sembra quasi di sentire un suo appello: “Ciao! Sono la lingua italiana e non mi sento troppo bene. Non hai per caso una pastiglia antidolorifica appresso?”.
        Oltre all’editoria in lingua italiana (l’EDIT, da ricordare, cura anche le traduzioni in italiano dei libri di testo croati e che, tra l’altro, noi riceviamo gratuitamente) c’è anche l’attività del Dramma Italiano, la compagnia teatrale della CNI, che mette in scena opere teatrali, recitando in italiano, naturalmente, ed esibendosi anche oltre i confini dell’Istria, e collaborando con enti teatrali europei. Il Dramma ha una grande importanza e bisogna averne cura, essendo l’unico Stabile italiano al di fuori dei confini dell’Italia, una delle più antiche istituzioni della nostra Comunità, nonché uno dei fondatori del Teatro Popolare di Fiume (oggi Teatro Nazionale Ivan de Zajc).
        Pola, pur essendo la città più grande dell’Istria, è quella in cui, secondo me, si sente parlare meno i giovani in lingua italiana. Infatti, ogni volta che ho la possibilità di incontrare coetanei delle scuole italiane del resto dell’Istria, mi sorprendo, anche se dovrebbe essere una cosa normale, nel sentirli chiacchierare tra loro in dialetto o in italiano. La maggior parte degli alunni della mia scuola comunica in croato anche con i compagni, e lo si può facilmente verificare solo ascoltandoli anche quando vengono interrogati e si esprimono male. Pochi leggono regolarmente “Panorama” e “La Voce”, giornali che riceviamo gratis a scuola. Anzi alcuni non li sfogliano nemmeno. Ingratitudine, disinteresse o qualcos’altro? Forse anche etnocentrismo e rifiuto di una cultura diversa. Ed invece dovremmo essere sempre aperti a nuove conoscenze, a tradizioni e stili di vita differenti, per vivere in un’Europa diversa e non “adversa”, come l’aveva definita Abelardo, rettore della Sorbona. C’è bisogno di maggiore sensibilità e tolleranza e si devono assolutamente eliminare gli stereotipi e i pregiudizi, spesso deleteri. Siamo tutti uguali, facciamo parte di un macrocosmo nel quale abbiamo tutti la stessa importanza e non esistono culture superiori alle altre o persone ordinarie e straordinarie, come invece sosteneva
Raskol'nikov.

Vogliamo dimenticare forse le nostre origini e chi siamo? Qualcuno una volta ha detto che tutti noi abbiamo bisogno di specchi per ricordarci chi siamo realmente, ma forse certe persone sono troppo cieche per vedere la propria immagine riflessa, e necessiterebbero piuttosto di qualcuno che aprisse loro gli occhi. Per poter imparare a rispettare la cultura altrui e creare così una società multiculturale e un’Europa più unita, dobbiamo conoscere innanzi tutto le peculiarità, le ricchezze ed i valori della nostra cultura ed aver ben chiara la nostra identità; non dobbiamo permettere che un popolo dimentichi che la propria lingua è il tesoro più prezioso che possiede, perché “Un popolo / diventa povero e servo / quando gli rubano la lingua / ereditata dai padri: / è perso per sempre.” (traduzione di una poesia di Ignazio Buttitta dall’opera “Lingua e dialettu” del 1970).


PREMIO SPECIALE DEI DALMATI
ALLA MEMORIA DI ALESSANDRO BORIS AMISICH

  motto BOSE                                                                                                            
Alessandro Bose 
 

  Classe VI a  Scuola Elementare Italiana “Galileo Galilei” Umago

Insegnante Cristina Sodomaco
 

Motivazione: interessante elaborato in cui, traendo spunto dal vecchio album di famiglia, si inizia un affascinate percorso a ritroso che porterà il bravo Alessandro a ripercorrere le origini della sua famiglia  che dalla lontana Sardegna raggiungerà nel ‘700 l’istriana cittadina di Umago. Uno splendido esempio di come la nostra piccola penisola abbia saputo accogliere ed integrare genti venute dalle più svariate parti del globo rendendole tutte orgogliosamente istriane.

Guardando l'album di famiglia vedo che anch'io ho una storia da raccontare

 

Un giorno sono andato nel salotto dei miei nonni ed ho aperto il cassetto dove la nonna tiene le fotografie raccolte in tanti album e in una vecchia scatola.

            Ho iniziato a guardare quelle vecchie foto che ritraevano i fratelli del nonno, della nonna, i loro genitori, gli zii e tanti altri parenti che io non ho mai conosciuto perché quando sono nato loro erano già morti.

            Vedendo tutte quelle foto vecchie in bianco e nero, alcune sbiadite dal tempo e ingiallite dalľumidità, mi sono sentito attratto da quel mondo che era appartenuto ai miei antenati e che io volevo conoscere.

            Mi sono reso conto che c'erano tantissime cose della mia famiglia che non conoscevo: volti famigliari ma, allo stesso tempo sconosciuti..             Ho deciso di consultare mio nonno Bruno ed egli mi ha spiegato che la mia famiglia, i Bose, era arrivata probabilmente dalla Sardegna, dal paese chiamato Bosa  alla fine del 1600.

            I primi Bose ad arrivare ad Umago erano stati due fratelli di nome Antonio e Pellegrino che fecero applicare le loro effigi sulla facciata della loro casa.

            Poi  i loro figli costruirono una casa nuova dove fecero incidere sulla facciata della casa „Bose Pellegrino – 1782“ e tutti i loro discendenti hanno sempre chiamato quella casa „Casa Nuova“. I due fratelli erano mercanti e poi comperarono dei terreni dove avevano dei contadini che lavoravano la terra che si trovava nella zona chiamata Manedel.

            Il nonno di mio nonno si chiamava Luigi e si sposò con Elena Sanson. Dalla loro unione nacquero quattro figli : Maria alľinizio del 1900, mio bisnonno Antonio nato nel 1905, Alfredo e Orlando.

            La nonna di mio nonno  morì poco dopo aver dato alla luce il quarto figlio e  il nonno di mio nonno morì durante la prima guerra mondiale  mentre combatteva sui Carpazi.

            I quattro bambini rimasti orfani vennero affidati allo zio Tommaso Bose che era nubile ed aveva un negozio di orologi e biciclette e vissero nella casa con la scritta sulla facciata dove tutt'ora vive mio cugino Luciano Bose.

            Mio bisnonno Antonio si sposò con Elisabetta Sain, nativa di Tribano ed ebbe quattro figli: Luigi Matteo nato nel 1933, Emilia nata nel 1936, Bruno, mio nonno nel 1938 ed Isabella nel 1946. Mio nonno è nato due anni prima della seconda guerra mondiale e ha sposato la nonna, MariaGrazia Fifaco, pure lei di famiglia umaghese.

            Ľinfanzia dei miei nonni , durante la guerra e nel periodo che seguì, è stata molto dura perché erano molto poveri e hanno sofferto la fame.

            Mio nonno mi ha raccontato che dopo la guerra giocando in riva al mare lui ed i suoi amici avevano trovato uno scatolone di cioccolata scaduta che galleggiava portato dalle onde.Loro hanno preso la cioccolata e senza dire niente ai genitori ľhanno nascosta in un fienile dove ogni giono si recavano per mangiarla fino a stare male.

            La via dove viveva mio nonno si chiamava via Pechino perché vi abitavano molti uomini che navigavano e portavano lampade dalla Cina.

            In seguito la famiglia del nonno si trasferì nella zona dove adesso c'è la posta e dopo vicino a dove abito io adesso, alla periferia di Umago.

            Mio nonno e mia nonna hanno avuto due figli: mia mamma Manuela e mio zio Gianni.

            Il fratello del nonno zio Luigi e le sorelle Emilia e Isabella vivono ad Umago e così ho tanti cugini: Luciano e Irene Bose con i figli Dean e Dajana, Moreno e Samanta Bose con Raissa e Chiara, mio zio Gianni e Sara Bose con Nichol e Michel.

            La famiglia è davvero numerosa ed è bello ritrovarsi tutti assieme nelle occasioni festive o per qualche ricorrenza. Mia mamma Manuela e il mio papà Adriano vivono nella casa accanto ai nonni MariaGrazia e Bruno dove viviamo fin dalla nascita mio fratello Daniele, che ha diciotto anni ed io che ne ho dodici. Ora che ho saputo di più sulle mie origini apprezzo ancor di più tutta la mia famiglia e tutti i miei parenti con i quali condivido gli stessi antenati.

 


 

PREMIO SPECIALE ALLA MEMORIA DEL CAPITANO ANTONIO (TONCI) NEUMANN

 motto BASTÌA      

                 Jessica Antonac, Rocco Fernetich, Andrea Furlan, Silvia Furlan, Catherine Gasparini, Gabriele Kovačić,

Marco Krevatin,  Cames Križovnik, Elena Marušić, Massimo Pincin, Andrea Savić, Nadin Šker,

Christian Špringer, Oscar Visintin

                                                                                                
     Classe V
- Scuola Elementare Italiana “Edmondo De Amicis” Buie

                                                                                                            Insegnante Sandro Manzin

 Motivazione: eccellente e documentato lavoro di gruppo. I bambini della quinta classe ci spiegano con dovizia di particolari, immagini ed interviste, un aspetto poco conosciuto, ma molto interessante della vita della parte nord occidentale dell’Istria.  In nove pagine molto interessanti, ci portano a scoprire il vecchio mestiere di “battellante” e i riflessi socioeconomici che questo mestiere ha avuto fino agli anni 50 del secolo scorso.

"L’attività e il lavoro dei nostri nonni"

I BATTELLIERI DI CASTAGNA

I bambini intervistano il sig. Romano Biloslavo di Castagna.

1. INTRODUZIONE

Nel corso dei secoli in Istria il trasporto delle merci e dei passeggeri è avvenuto soprattutto per via terrestre e marittima. Soltanto a partire dal secolo scorso si è sviluppato anche il trasporto aereo.

Nel passato molte merci venivano trasportate anche con i battelli lungo il fiume Quieto, il fiume principale della penisola istriana. Questo tipo di trasporto è terminato nel secolo XX, durante la Seconda guerra mondiale.

Il presente lavoro riguarda l’attività dei battellieri di Castagna che per molti secoli, e soprattutto durante il dominio della Serenissima, hanno trasportato con le loro imbarcazioni lungo il Quieto legname, vino, olio, grano, sabbia, generi alimentari, sale principalmente nel tratto Porto Quieto – Ponte Porton (Bastìa).

2.1. IL QUIETO

 

È il più importante fiume dell’Istria. È lungo 53 chilometri e nasce a sud-est di Pinguente, presso Colmo. Dopo Pinguente riceve gli affluenti Brazzana a destra e Bottonega a sinistra. Da Montona verso il mare il piano della valle è assai livellato e il fiume presenta una bassissima pendenza. In tempi remoti veniva chiamato Ningum. I Veneti lo chiamarono Quieto. In epoca romana era navigabile fino a Pinguente, al tempo delle Serenissima era navigabile fino a Ponte Porton-Bastìa (tratto inferiore).

Dopo la caduta dell’Impero romano, per mancanza di manutenzione, il corso del fiume si impaludò. Soltanto nel secolo scorso venne bonificata la valle con la creazione di un canale artificiale e la regolamentazione delle sponde del fiume e dei suoi affluenti.

 

2.2. IL TRASPORTO DELLE MERCI LUNGO IL TRATTO INFERIORE DEL QUIETO

Il tratto che va da Porto Quieto a Ponte Porton (Bastìa) è stato caratterizzato per molti secoli da un intenso traffico di merci che venivano trasportate per mezzo di imbarcazioni fluviali.

Ponte Porton fu per molto tempo sede di un piccolo porto nel quale venivano scaricate, caricate e barattate merci varie. Il porto era chiamato Bastìa (derivato da "bastita" che significa banchina di legno a palizzata). I Veneziani si servirono di questo porto per sfruttare il bosco di San Marco o di Montona, ricco di querce ed olmi. Alla Bastìa, banchina di sbarco e imbarco, si trovava la casa del sorvegliante del bosco; di fronte c’era l’osteria con alloggio dalla quale partivano le strade per Visinada, Buie, Grisignana, Castagna, Piemonte, Levade, Pietrapelosa e Pinguente.

Il traffico più intenso che trafficava per la Bastìa era costituito dal commercio del legname pregiato (querce, roveri, olmi) sia da costruzione che da fuoco, proveniente dal bosco di San Marco e diretto all’Arsenale di Venezia.

Il legname veniva trasportato alla Bastìa in certe giornate del mese, quando il sorvegliante imponeva a tutti coloro che possedevano buoi di trasportare i tronchi dal bosco al porto. Il legname veniva quindi caricato sui burchi e sulle battane ed al mattino, con il vento di levante, scendevano a vela verso il mare.

Il burchio

                           
                                                                                                                        La battana
 

Il tragitto durava 3-4 ore. Poi con il maestrale e, possibilmente con l’alta marea, le imbarcazioni cariche delle merci occorrenti alle popolazioni locali ritornavano a vela risalendo il fiume. Dopo il promontorio di San Dionisio i battellieri dovevano spingere e tirare la barca fino al porto con "forcade" (lunghi pali) e "alzane" (lunghe corde).

I battellieri erano di Castagna e durante i periodi di magra si dedicavano all’agricoltura.

 

 

 Rarissima foto dei battelli e dei battellieri di Castagna
(Ponte Porton, anni Trenta del XX secolo)

 

 

 

 

 

2.3. I BATTELLIERI DI CASTAGNA

Leggendo il reportage "Sovignacco e Castagna: una storia sulle sponde del Quieto" pubblicato da Mario Schiavato su "La Voce del Popolo" del 13 ottobre 2007, veniamo a sapere dal signor Benito Miani (abitante di Castagna, intervistato dal giornalista) che:

"Dal porto di Bastìa, poco lontano da Ponte Porton, il legname veniva portato alla foce del Quieto con ben otto barche col fondo piatto e a vela. In assenza di vento, venivano spinte con delle pertiche o trainate lungo gli argini con delle funi e a forza di braccia e per tradizione di famiglia, tra i barcarioi vanno ricordati i Filiputti, i Saule, i Miani, i Calcina, gli Antonelli. Ma questi battellieri trasportavano oltre al legname anche vino, olio, grano e al ritorno sabbia, generi alimentari, concimi. Queste merci venivano poi caricate su carri trainati da buoi e arrivavano nelle botteghe di Castagna. Allora ce n’erano. Non come oggi, che non ne abbiamo più, neanche una piccola osteria […]"

Il giorno 17 marzo è venuto a farci visita a scuola il signor Romano Biloslavo, 73 anni, di Castagna. Lo abbiamo intervistato per approfondire le nostre conoscenze sull’attività dei battellieri di Castagna, protrattasi, anche se in maniera molto ridotta, fino alla Seconda guerra mondiale.

D.: Che cosa ci può dire dei battellieri di Castagna? Quali famiglie di Castagna portavano avanti questa attività?

R.: Di questa attività si occupavano i fratelli Antonio ed Ernesto Miani, soprannominati "Milanta", e Giuseppe Saule soprannominato "Macanin". Trasportavano legname, proveniente da Levade, Castagna, bosco San Marco fino ad Antenale del Quieto. La barca carica scendeva verso la foce del Quieto trasportata dalla corrente del fiume, dal vento e, in caso di necessità, tirata dagli uomini che si trovavano sulla riva.
Arrivati ad Antenale, i battellieri scaricavano le merci su una nave e tornavano a Ponte Porton. Partivano alle 11.00-12.00, quando soffiava il maestrale; aspettavano inoltre l’alta marea. Se non c’era vento e c’era la bassa marea era molto più difficile risalire il fiume e ci si doveva nuovamente servire dell’ausilio della gente che in determinati punti tirava la barca con delle funi.

D.: Ci può descrivere le imbarcazioni?

R.: Avevano il fondo piatto, erano lunghe 11-12 metri, avevano la vela. Mi ricordo anche quando queste imbarcazioni non vennero più usate (1944-1945) e quando vennero abbandonate dai proprietari nella valle del Quieto in seguito all’esodo (anni Cinquanta del secolo scorso). Noi pascolavamo le pecore nella valle del Quieto e andavamo su queste barche abbandonate.

D.: I battellieri si occupavano soltanto del trasporto delle merci lungo il Quieto oppure erano dediti anche a qualche altra attività?

R.: Erano sia "battellanti" ( termine dialettale istroveneto) sia contadini.

D.: Che cosa ci può raccontare ancora dell’attività dei battellieri?

R.: Mi ricordo che quando ero bambino a Ponte Porton c’erano ancora i "ferri" dove venivano attraccati i battelli, non solo quelli delle famiglie Miani e Saule ma molti altri perché nel passato il trasporto delle merci lungo il Quieto era molto più intenso e c’erano più imbarcazioni. Il mestiere dei "battellanti" era una tradizione di famiglia dei Miani e dei Saule. Si tramandavano questo mestiere di generazione in generazione.

Sul battello c’erano due persone: il timoniere e un altro che aveva il compito di facilitare la navigazione della barca.

D.: Che fine hanno fatto le barche?

R.: Sono marcite nella valle del Quieto in seguito all’esodo.

3. CONCLUSIONE

Fin dai tempi antichi la via d'acqua era preferita dall'uomo; il trasporto fluviale era considerato comodo e sicuro rispetto alle strade spesso impraticabili per le piogge, il gelo o il brigantaggio. Al tempo della Serenissima Repubblica di Venezia, i fiumi erano considerati delle vere e proprie autostrade d'acqua che rendevano più breve o agevole il trasporto; la grande rete di fiumi rappresentò per le genti venete la fonte primaria di ricchezza.

Il Quieto fu anche una di queste vie di trasporto grazie all’attività dei battellieri di Castagna. Con i loro battelli trasportarono per secoli il pregiato legname del bosco di San Marco (Montona) al Porto Quieto e rifornirono le genti della valle del Quieto delle merci di cui abbisognavano.

 Con lo sviluppo del trasporto terrestre tale interessante attività andò sempre più diminuendo finché si estinse negli anni Quaranta del secolo scorso.

Con questo lavoro di ricerca abbiamo voluto dare un contributo allo studio e alla conoscenza di questa interessante e specifica attività dei nostri avi, una delle tante occupazioni che hanno contribuito, per molti anni, alla sviluppo economico dell’Istria e della Serenissima.

4. BIBLIOGRAFIA

  1. 1. Alberi D., Istria. Storia, arte, cultura, 2001.
  2. 2. Ugussi C., Limoncin Toth L., Moratto Ugussi L., Buie e il suo territorio, 2000.
  3. 3. Schiavato M., Sovignacco e Castagna: una storia sulle sponde del Quieto, in "La Voce del Popolo", 13 ottobre 2007.

PREMIO SPECIALE
 Riservato alle scuole situate nel territorio della penisola istriana - MUGGIA e SAN DORLIGO DELLA VALLE/DOLINA –
APPARTENENTE ALLA REPUBBLICA ITALIANA

 NON ASSEGNATO


                                 

PREMIO SPECIALE LIBERO COMUNE DI FIUME IN ESILIO

Elementari 

motto LA PARISIENNE                                                                            

 Petra Butorac  

  Classe VII
Scuola Elementare Italiana “Belvedere” Fiume
                                                                                                       
Insegnante Roberto Nacinovich
 

Motivazione: attraverso il racconto l’autrice riesce ad esprimere ragionamenti che dimostrano una maturità precoce ed una spiccata sensibilità. E’ come se nello sfogliare l’album ci si rendesse conto dello scorrere del tempo e dell’alternarsi delle generazioni addentrandosi in pensieri filosofici sull’esistenza umana.

Sfogliando l'album di famiglia, vedo i bisnonni, i nonni, i miei genitori e sento che anch'io ho una storia da raccontare

 

Era un giorno come tanti altri quando il professore d'italiano ci disse di scrivere un temino intitolato "Sfogliando l'album di famiglia, vedo i bisnonni, i nonni, i miei genitori e sento che anch'io ho una storia da raccontare". A dire il vero, questo titolo mi spinse a dare un'occhiata al vecchio album della mia famiglia, cosi,' appena arrivata a casa, buttai il mio povero zaino tutto stropicciato e strapieno di buchi per terra e mi recai in camera in cerca dello scaffale dove credevo si trovasse l'album. Fortunatamente, era nello stesso posto dove l'avevo lasciato due anni fa ( e' la triste verità' che ormai nessuno guarda le vecchie foto di famiglia). La copertina bianca era quasi diventata grigia dalla polvere. Insomma, per rendervi l'idea e per fare come in quei film americani, soffiai sulla copertina per sbarazzarla della polvere che si era accumulata, e dopo un paio di starnuti e cinque minuti di tosse, l'ho finalmente aperto. La prima cosa che vidi era la foto dei miei nonni con un bebé' (che sarebbe mia madre). Guardai i nonni per un bel po' di tempo e mi accorsi che mi sforzavo ad immaginarli cosi' giovani! Li vedevo pieni di allegria, come se tutta la vita fosse davanti a loro (e lo era! ) Mi vennero in mente come sono oggi: i loro visi pallidi, le loro figure smunte, come se la vita li avesse ridotti cosi'. La nonna parla già' della sua morte, ma a guardarla in quella foto, mi sembrava avesse ancora mille anni da vivere! II suo sguardo emanava coraggio, potenza e risolutezza, mentre ora mi sembra cosi' sfuggente e affaticato...

Mio nonno invece, aveva sempre uno sguardo vivace, proprio come anche il suo spirito. Tutta la vita era pazzerello e sempre pronto a scherzare. Mia nonna lo trova poco serio, ma io penso che sia simpaticissimo; non ci sono tanti anziani giocherelloni in questi giorni.

Voltata la pagina, ci sono un'infinita' di fotografie di mia madre da piccola e di suo fratello. Quando ero bambina lei mi raccontava sempre delle storielle, mi leggeva i libri e giocavamo insieme. Oggi avverto un vuoto tra di noi, come se questa connessione fosse sparita, niente più' giochi insieme, bisogna continuamente studiare, lavorare, esercitarsi. Lei, essendo una professoressa, pensa sempre ai miei voti, vuole assicurarsi che io abbia un futuro, che riesca ad iscrivermi ad una buona facoltà', eccetera, eccetera . Non mi chiede se sono stressata, o se c'e' troppa pressione a scuola o con le attività' libere. Lo so, lo so, e' tutto per il mio bene, ma quando e' troppo, e' troppo!

Pero', a guardarla in queste foto, non sembra una professoressa severa, ma piuttosto una bimba giocherellona! Più' la guardo giocare a pallone, con in mano una bambola, oppure a mangiare biscotti, più' sono convinta che se e' preoccupata per i miei voti, lo e' solo per una causa buona! Quando sono arrabbiata con lei, perche' non mi lascia uscire con gli amici a causa della verifica di matematica del giorno seguente, mi devo ricordare che anche lei era un'adolescente e che ha più' esperienza di me e che, tutto sommato ( anche se per me sarà' difficile essendo un osso duro), la devo ascoltare.

Ogni foto in quell'album racconta una storia, e anch'io vorrei raccontare delle storie ai miei bambini. Sfogliandolo quel giorno mi sono resa conto che pure io in un futuro avrò' una storia da raccontare ai miei figli e nipoti, devo solo avere pazienza.

Io sono appassionata di storia, e il fatto che anch'io un giorno ne faro' parte, mi sembra straordinario, ... mi rattrista solo il pensiero che non sapro' molte cose che sapranno le persone nate dopo di me, molte cose anche rivoluzionarie per il nostro pianeta e per l'umanità'. Fortunatamente, ci saranno i miei discendenti a vivere quella vita, sapere le cose che io non sapro' mai... e raccontarle ai loro bambini.

Praticamente, la vita e' una storia da raccontare, e sono felicissima che anch'io, un giorno, racconterò' la mia.

 

Medie superiori

motto PICCOLA CANTANTE                                                                                 

Andrea Legac

 
Classe I m  Ginnasio Scientifico - Matematico  Scuola Media Superiore Italiana Fiume

                                                                                                                                Insegnante Gianna Mazzieri Sanković
 

Motivazione: l’elaborato con prosa vivace entra nel dettaglio e ci spiega cosa vuol dire essere italiani a Fiume e vivere in un contesto in cui l’altro, la “maggioranza” ha un peso schiacciante. Nonostante l’attivismo delle varie istituzioni comunitarie, per l’autrice il futuro ha tinte grigie e la massima responsabilità pare essere della minoranza stessa che non ha la voglia o forse solo la forza di resistere.

TRACCE DI ITALIANITÀ NEL TERRITORIO IN CUI VIVI

 

Consultando varie pagine Internet, libri e riviste, alla domanda „Che cos'è per voi l'italianità?“ ho trovato delle risposte davvero interessanti. Eccone alcune:

- L'italianità parte da ciò che è in noi. Parla di noi, di ciò che siamo e, con forza al mondo intero, esprime i nostri valori e ideali. Tra questi spiccano l'amor patrio, il rispetto e, soprattutto, l'orgoglio di essere italiani.

- L’italianità è il rispetto per il proprio paese, per le istituzioni che lo governano, per le leggi che lo regolano.

- L'italianità è avvalorarsi della storia d'Italia riscoprendo e perpetuando la cultura e le tradizioni.

- L'italianità è un valore. Essere legati alla propria terra, alle proprie tradizioni ed è un valore da custidire e tramandare.

    A Fiume l' italianità si sente e si vede ancora molto bene. Ci sono molti fiumani che portano l'Italia  nel cuore. Quando passeggi per il Corso, ascoltando la gente anziana che ti passa accanto, senti anche la lingua della città, cioè il fiumano. La maggior parte di questa gente è nata qua.

    Io sono di nazionalità italiana e ne vado davvero fiera. I miei parenti  hanno pure la cittadinanza italiana ed ho tanti parenti in Italia. Il nonno abita con noi, è nato in Croazia però ai tempi quando Fiume era sotto l'Italia. Quasi tutta la sua famiglia nel 1948 ha optato ed è andata a vivere in Italia.

     Qui a Fiume ci sono molte istituzioni in lingua italiana, tra cui distinguiamo le scuole elementari in cui vengono iscritti i bambini i cui genitori parlano italiano, ma non solo. Si iscrivono bambini che non hanno la padronanza della lingua italiana (come neppure i loro genitori), però hanno il desiderio di imparare la lingua e la cultura italiana. A Fiume opera anche  una scuola media superiore italiana, chiamata più comunemente Liceo frequentata da ragazzi che hanno finito le ottennali italiane e che vogliono proseguire gli studi in italiano. Esiste anche la possibilità che un ragazzo/ragazza che abbia finito le elementari croate voglia iscriversi al Liceo. E' molto raro ma nella storia del Liceo ci sono stati vari casi. Di solito si tratta di ragazzi che parlano il dialetto fiumano a casa, ma per varie ragioni sono finiti nelle scuole croate.

         Però non finisce qui. Fiume ha anche la Comunità degli Italiani, detta comunemente Circolo, fondata l' 11 novembre 1946 nella sede prescelta di Palazzo Modello. Oggi la Comunità degli Italiani viene gestita da un'Assemblea di 28 e da una Giunta esecutiva di 7 membri. È attiva da oltre sessant'anni ed ha provveduto, grazie a mezzi stanziati dal Governo italiano, alla manutenzione e a scrupolosi restauri dei vani.

           A Fiume c'è anche il Dramma Italiano, fondato nel 1946. E' questa la compagnia di prosa di lingua italiana del Teatro Nazionale Croato Ivan Zajc. Innumerevoli sono i riconoscimenti ottenuti, tra cui il Premio dell'Associazione dei Critici di Teatro Italiani e quello dell'Associazione degli Operatori Teatrali della Croazia.

             La cattedrale di San Vito è l’unica cattedrale a Fiume che fa la messa anche in italiano per la gente che vive qua ed il croato non lo parla, ma sono credenti e vanno in chiesa. San Vito è considerato il patrono della Città di Fiume festeggiato il quindici giugno. In passato, San Vito era impresso nei cuori della gente e sui timbri e sigilli municipali. Le navi battevano la sua bandiera, i portoni delle case erano abbelliti con la sua immagine.

Nell’epoca medievale la chiesa di San Vito era di piccole dimensioni, ad una navata, mentre nell’epoca romanica l’abside era posta dietro l’altare e c’era una loggia antistante al portone. Con l’arrivo dei Gesuiti a Fiume, questa divenne la loro chiesa. Nel 1925 Fiume divenne sede vescovile e nel 1969 fu anche sede dell’arcivescovo e metropolita. La Chiesa dei Gesuiti, ovvero quella di San Vito divenne poi la cattedrale fiumana.

           Infine vorrei anche dire che l’italiano a Fiume si sente sempre di meno perché la gente che lo parla  non lo tramanda ai propri figli. Ci sono molti matrimoni misti e perciò va a finire che i figli parlano la lingua della maggioranza. Purtroppo andrà a finire che nei prossimi decenni le scuole italiane avranno sempre meno alunni, e ho paura che il fiumano con l’andare degli anni si sentirà sempre meno per le strade e nelle scuole.

     Conclusione?

Voi che parlate l’italiano e soprattutto il fiumano come me tramandatelo ai propri figli. Io sono certa che lo faro: sono nata fiumana, fiumana resterò per sempre e la mia cultura e tradizione dei miei avi la tramanderò ai miei figli.