PREMIO ALLA MEMORIA DI LUCIA SCHER :

 

Amina Dudine, presidente della Comunità degli Italiani “ Dante Alighieri ” di Isola, offre un premio dedicato alla memoria della madre Lucia Scher.

Lucia Scher (1919 - 1998) è stata una delle colonne portanti nel campo culturale dei "rimasti". Nata a Capodistria da genitori isolani (Lucia Delise e Giuseppe Pugliese), fin da piccola sviluppa le sue doti creative raccogliendo attorno a sé stormi di bambini ai quali racconta storie fantasiose, inventate sul momento.Amante della lettura, dalla mente particolarmente fertile, ancora giovanissima compone poesie e racconti. A diciotto anni è già un'ottima attrice filodrammatica e più tardi diventa anche regista. Di professione giornalista prima a Radio e dopo a TV Capodistria, cura con grande successo le trasmissioni per i ragazzi. Nella sua attività di scrittrice, traduttrice e ricercatrice, oltre ad essere autrice di varie commedie, racconti, radiodrammi, testi per canzoni, poesie, ... che le fruttano vari premi e riconoscimenti, dedica pure notevole spazio al folclore di Isola d'Istria, sua cittadina d’origine e dal 1952 anche di residenza.
Per quest'ultima importante attività di mia madre desidero offrire un premio alla sua memoria al concorrente della sezione A del Concorso Mailing List Histria, che saprà sviluppare in una schietta, fiorita e spassosa parlata dialettale, con ricchezza di particolari e riferimenti tradizionali, il tema "Le feste e le tradizioni Popolari e Religiose all'ombra del tuo Campanile".                                                                    Amina Dudine


Motto SCRICCIOLO                                

Martina Čoh  

VIII classe  ottennale

                                                         Comunità degli Italiani “ Dante Alighieri ” di Isola d’Istria

 

 

Motivazione: in questo tema abbiamo visto fluire al meglio la parlata dialettale  nella descrizione serrata  e attenta della festa di una volta dedicata al maiale, festa molto sentita in Istria, evidentemente.
Viene illustrato nei minimi particolari il lavoro di una giornata memorabile che produce da magnar per tutto l'anno anche se "xe più zorni che luganighe."

 


Martina Čoh riceve la targa alla Memoria di Lucia Scher

  

 

XE PIÙ  SORNI CHE LOGANEGHE

  

Mia mama me conta sempre che le sue più bele vacanze iera quele de inverno. Ma questo xe normale parché a duti ne piasi l'inverno: xe la neve, se va a siar, a slitar. Sì, ma no ste miga creder che iera par questo. No, no. A mia mama ghe piaseva l'inverno par via del porco. Iera tradision, e la xe ancora, che de inverno se masa el porco.

Quando che mia mama me conta de quela volta, de quele sue esperiense, ghe torna in testa duti quei bei ricordi. Bei par ela, che se intendemo, miga par el porco! La torna indrio col tempo, in quei ani. La se vedi là, ancora picia, a far lavori forsi più grandi de ela. Ma i sui ricordi xe freschi, neti, con un mucio de particolari, come se quel che la disi saria adeso. La se vedi là, nela cusina dei sui noni, a Abriga, visin Tore, in Istria, e la taca a contar.

 

-         El galo no ga gnanca fini de cantar la sua sveia che noi se trovemo xa duti in cusina. Davanti de ognidun de noi xe una sìcara de cafelate con in smoio pan duro taià a tochetini. Magnemo a la svelta e via a lavorar. Xa duti sà cosa che devi far e indove che devi andar. Le done xe drio el fogoler. Bisogna meter sul fogo el calderon par scaldar l'acqua, tanta acqua, parché dopo sarà de farghe la barba al porco. Po xe de  prontar tece e pignati par cusinar el pranso. Intanto coi omeni andemo in stala. Noi fioi stemo più indrio con le tece in man. Tre omeni va verso el porco, un lo ciapa par le sate davanti, un par quele dadrio, el terso lo sponsi soto el colo con un cortel longo e streto che noi ciamemo baioneta. Ma cosa nasi? El porco xe ancora vivo? Eh, el xe furbo, lu! El sa cosa che volemo farghe. Come che el rugna!!! Come che el se alsa!!! El ne varda e 'l scominsia a corer verso de noi fioi. Oh, mama mia! Cosa far? Dove andar??? Pieni de paura se metemo a sigar. Seremo i oci, molemo le pignate par tera, se stropemo le rece e coremo via. Xa, ma indove volemo andar? La stala xe serada! Se demo do ociade par decider cosa far e intanto vedemo che el porco xe xa morto. Par fortuna! Che paura ara! Ma 'deso no xe tempo de perder. Bisogna cior le tece par far travasar el sangue del porco. Meno mal. El primo nostro lavor xe fato. Duti insieme andemo in corte indove che ne speta una granda tola par pusar el porco. Se tiremo su le maneghe de la camisa e... "a lavorar!"

 

Adeso bisogna sbarbarlo. In poche parole dovemo gratarghe via i pei de duto el corpo. Se 'iutemo con l' acqua calda e coi cortei. Presto! Xe el momento de taiarlo del colo fina  xo, in fondo de la pansa,  par poder cavar col casiol ancora el sangue che xe restà in peto. Gavemo bisogno de duto el sangue parché  dopo le done farà le mùlise.

Ti sa come che se prepara le mùlise?

In una piadena se meti el sangue del porco, farina bianca, farina giala, ua suta e po se meti duto sul spacher a boir. Quando che el paston xe giasà se lo fica nei budei grosi del porco.

Ma andemo 'vanti col lavor. Adeso xe el momento de taiar el porco a tochi. Via la testa, via le rece, via la lingua. Ah, me go dismentegà de dirte che xe i omeni che taia el porco a tochi. Noi fioi dovemo portar la testa del porco in cusina, parché le done devi meter sù el brodo par la sena. Prima de tornar del porco dovemo andar a cior frasche e legni par sul fogo. Bisogna sempre gaver acqua calda. Ma tornemo fora in corte che xe cusi bel de veder come che i ghe cava i budei. Meno bel xe svodarli e lavarli. Strensemo i denti e fasemo anche questo lavor e pensemo a le loganeghe che faremo con sti budei. Dovemo star atenti de no romperli. I xe sotili, delicati.

Porca la mastela! Ne se ga roto un budel! Presto! Butilo via che no ne vedi i grandi!... Fato!!! El xe xa sul ludame. Ma cosa nasi? Parché siga ste galine? E el galo? Ma cosa 'l fa? Par che 'l se sofeghi! Duto colpa de quel budel roto e butà sul ludame. Ma lasemoli star. Anca lori ga dirito de far festa. Vardemo de far presto con sti budei, de netarli, lavarli, e de no rovinarghene altri. Si no qua le galine e 'l galo se cavarà i oci par portarse via un tocheto de budel.

Vemo finì. Via presto, tornemo del porco.

Finalmente se taia via el figà, el cuor e denovo noi fioi coremo in cusina a portargheli par far un bon sugo con la polenta nera (fra la farina se meti un poco de sangue de porco), che se magnarà  par pranso.  El porco xe xa taià in do. Adeso bisogna taiar fora i parsuti (le gambe dadrio), le spalete (le gambe davanti) e l' ombolo. Prima de pranso bisogna finir,  meter soto sal e pever questo ben de Dio che ne regala el porco.

Semo rivadi a finir. Adeso podemo andar a magnar el pranso e riposar un ninin. Riposar??? Ma che riposar! Dopo pransà, quando che i omeni no xe visin del porco, noi fioi podemo taiarse un toco de brsiola e meterla a friser sul fogoler.

Ahi, ahi, ahi! I ne ga becà. Fata la xe! Gnente brsiole. Solo sigade e do piade intel dadrio.

Ben, ala, tornemo a lavorar, se no se movemo xe pericolo che ne se ingiasi anca el porco. 

Semo davanti de la tola. Cosa resta ancora de far? Dovemo taiar fora el lardo che saria el graso con la crodega:  do tochi de ogni parte, salarli e meterli picar in sufita, visin dei parsuti, dele spalete e de l'ombolo.

La carne e un  ninin  de graso ne servi par far le loganeghe. Col resto del graso faremo el struto. Le done se ga ciolto el graso par taiarlo in pici tocheti, le lo meti in una pignata a boir sul fogo par scuaiarlo e ciapar el struto. A noi fioi ne resta de taiar in tochetini la carne col graso e ai omeni de taiar in tocheti la crodega col graso. Lori i devi anca salar, impeverar e impegnir i budei par far le loganeghe e i crodeghini e portarli in sufita. In sufita se porta ancora i osi, le coste, la coda e le sate.

 

Ma speta un ninin fia mia! Te devo dir che le crodeghe no se le pol friser come le loganeghe. Eh, no! Le xe tropo dure. Lore le xe bone cusinade intela minestra. Sensa farghe un boio no ti pol magnar la crodega, la xe tropo dura e la te grata zo par la gola.

Oh, indove iero ‘rivada? Ah, sì. Gavemo finido duto. Adeso noi fioi podemo andar a sogar. I omeni devi destrigar la corte, lavar la tola e i cortei. Le done invese devi meter a cusinar i capusi par sena, con rece e lingua de porco par companadego. Ala, presto! Presto! Parché el sol magna le ore. Dovemo far presto, parché  dopo sena sogaremo a la tombola. Questa xe una usansa che no se devi dismentegar. Xe duto distrigà. La cusina xe libera e neta. Adeso i grandi ciol posto drio de la tola, sentadi sule banchele e noi fioi, in giro par la cusina, se sentemo sui scagneti. Se ciolemo la cartela e un pugno de formenton par coverser i numeri ciamadi. El più vecio dela casa tien el sacheto de le bale e el cartelon. Tra una ciacolada e una barseleta se ciama i numeri. Semo xa a mezo sogo: la terna xa fata, la quaterna xe anche andada e la sinquina va adeso. Noi fioi semo stanchi e vardemo el sveiarin che xe sula credensa. Xe duto sito. Se senti solo el sbater dele bale che xe restade nel sacheto. Ma de lontan se senti sigar "Orca malorsega, mi go 'pena verto la  cartela!” No ghe demo bada. Par la terna gavemo ciapà un pugno de nose e par la quaterna i ne ga dà do pugni de nosele. La sinquina ga anche un bel premio: una sìcara piena de fighi suti. Però, mare mia, la tombola! Quel sì che xe un premio. Se beca un toco de loganega de licarse i dei. Eco quel che spetemo noi fioi: la loganega de rostir sul fogoler e poder tociar col pan fato a casa quel bon sugheto che cola xo de ela.   

              A sto punto mia mama se ferma. La vardo e vedo che la pensa. La soridi e la pensa.
              Speto un poco e po ghe domando: “Mama, a cosa ti staghi pensando?” E mia mama taca de novo: 

     Penso che no se pol magnar loganeghe ogni sorno. Bisogna spetar de copar el porco par profitar de l'ocasion e viver sta bela festa e sta 'bondansa. No par gnente i nostri veci diseva sempre:

XE PIÙ  SORNI CHE LOGANEGHE

Questo vol dir che bisogna sparagnar, far ben i conti, star atenti a no sprecar. Solo cusì se pol 'rivar a magnar el porco duto l'ano.