TEMA PER LE SCUOLE MEDIE SUPERIORI, LAVORI INDIVIDUALI , Categoria 1

Piccolo è bello: tra calli, campi coltivati e incolti (vadurni)… attività artigianali o agro-alimentari da riscoprire e valorizzare.

 

 

1° PREMIO

 

SEBASTIAN BOŽIČ

 

Motto: Sapador par forsa

 

Classe I°

 

Comunità degli Italiani “ Dante Alighieri”

 Isola d’Istria

  

Motivazione: gustosissima avventura del nostro autore che si ritrova a lavorare con fatica la terra per volere della simpatica ma autoritaria nonna, dimostrando amore per la terra d’Istria e curiosità per la storia

 

 CHI FA DA SÉ FA PER TRE

 Oh, sto ano go ‘vansà de grado. Son in prima media superiore e el tema del concorso me par che a me vadi ‘bastansa a penel.

 Dovè saver che co iero picio stavimo nela parte vecia dela cità, cioè tra cali e calete. Po gavemo vindù duto par andar a viver in casa nova, a Saredo, fora de tiro, in meso ai campi, fra tanto verde, fra TROPO VERDE. Xe solo verde, xe! No xe squasi anema viva là ‘torno. Ah, me nona la xe al setimo siel co la campagna che la ga ‘torno la casa. Noi invese, spece mi e me mama, semo ‘sai povareti, parché no ne piasi gnanca un poco lavorar la tera. E me nona se ‘rabia e la me brontola sempre e la me dirdrioman che no go voia de far gnente. Quele poche volte po che vado a far qualcosa in campo, no ghe va gnanca ben e no la fa altro che dir: “Te ga portà drento i ordegni? Indove xe el badil? Te ga meso via el rastel? Vara che te ga lasà de novo fora la sapa. Se te lasi i ordegni soto la piova e soto el sol i se rovina. Quando te impararà a distrigar duto drio de ti?” A sto ponto alora son mi che scominsio a brontolar, parché se fusimo in cità podaria andar e vignir quando che volaria, invese qua, fora del mondo, devi eser sempre qualchidun che me mena co la machina, che me da un pasagio. Stemo tropo lontan par andar a pìe. E quando che scominsiemo a becarse mi e me nona par ste storie, alora ela la se sfoga e la taca a contarme come che se viveva una volta e cosa che la faseva ela quando che la iera picia come mi. Ma che picia come mi! Mi no me sento par gnente picio. Ormai son grando. Ma me nona dir che par ela son sempre picio e che la devo scoltar. E la taca a contar:

 " Quando che mi iero picia, anca se stavimo in cità vecia, no podevimo miga andar fora de casa quando che ne comodava. Dovevimo spetar che arivi dopopranso tardi, quando che iera portai a termine duti i lavori de casa e xa prontada la sena. In quel momento, se pol dir, che iera vignù el momento de andar in strada. Ma no sta miga pensar che andavimo torsiolon, sa. Ciolevimo un scagneto o una caregheta e se metevimo duti de famea davanti al porton de casa. Là se incontravimo co le altre famee de contrada. E sì, parché a quela ora vigniva i fora duti. Adeso se diria che iera vignuda l’ora de socialisar, ma no sicuro de perde tempo. Par questo le done le rivava sempre col cestel dei aghi par cusir o par far la calsa. Le nostre mame e le nostre none le profitava de sto momento par far le papuse. Le taiava tochi de capoti veci che no se podeva più rivoltar parché i iera xa stai voltai e rivoltai tante volte, tocheti de vistiti oramai pasai de fio in fio e no più usabili e con sta roba e col spago le preparava le calsature par duti i fioi e par le femene dela famea. No sta miga crede che una volta noi portavimo le scarpe. Ierimo duti in papuse.

E che contenti che ierimo quando che ciapavimo un pèr novo. Qualche dona faseva el toco de sora in lana. Ma no se tratava miga de lana nova. No, iera lana de maie disfade parché magari le iera piene de busi. E alora le doveva ingropar dute ste vete. Ma le saveva sconder cusì ben i gropi che nusun li vedeva. Po iera altre done che le faseva le calse. Che brave che le iera, ghe vigniva fora dei capolavori, anca se le usava colori de duti i tipi, parché anca in sto caso se tratava de lana  riciclada. Ah, fora in strada iera anca quele che le disfava el vistito dela fia più granda, parché a iera duto smarì e po, coi tochi ancora boni, le ghe preparava qualche cotoleta o vistitin per la fia più picia.

Insoma, in poche parole, quela iera l’ora dei lavori manuali, disemo,. Nomìga come ‘deso che se te servi qualcose te vadi in botega e te trovi duto pronto. O se no te trovi quel che te vol te vadi dela sarta. Una volta se se ‘rangiava soli come che se podeva e come che se saveva. Duti faseva quel che ghe serviva. Qualchiduna portava anca fora el mastel, la butava drento aqua ‘pena boida e, col savon fato in casa, la profitava par far la lisia ciacolando. Quel davanti al  porton iera el momento più bel dela giornada. Xe più facile lavorar se se xe in bona compania. Naturalmente, qua e là le se sbavasava parlando mal dei altri e cusì se ‘rivava a saver dute le novità. Altro che giornal! Altro che television! Radio babe funsionava propio ben. Le prime a andar in strada iera sempre le done parché i omi i  tornava a casa dela campagna verso l’imbrunir. I rivava con l’aseno che, povareto, a gaveva parte per parte de la pansa do brente careghe de ua o de altre verdure o fruti, ma qualche volta iera drento anca ordegni che bisognava governar. Intanto che le done continuava col so lavor, i omi ghe cavava el basto ai anemai (cusì se ciamava  l’aseno), i ghe tirava xo le brente, i le svodata, i portava l’aseno in stala, i ghe dava de magnar e de bever e i lo serava drento par la note. A sto ponto i cioleva i ordegni che i gaveva portà a casa par governar. I ‘ndava in cantina, indove che i gaveva duto quel che ghe serviva. Se iera el manego roto, alora i cioleva un de quei rami, oramai suti, che i gaveva là e con un cortel ben guà i lo scorsava, i lo lisava, fina che a diventava bon par metelo intéla sapa o intél forcas  roto. Indove che serviva, insoma. Finì sto lavor i controlava brente, caveci e bote par vede se iera duto in ordine. I vardava che i serci no sia laschi e che le dioghe no cedi. Dopo gaver batù serci e dioghe i ghe dava una lavada e una disinfetada ale bote acioché le sia sempre pronte a l’ocorensa.

Come che te vedi i se ‘rangiava duto soli, o al masimo i se ‘iutava in contrada  un co l’altro. Te vol mete ogi? Par ogni roba se ciama un esperto. Ma mi me domando: che rasa de esperti xe quei de ‘deso? Prima de duto te devi spetar un mucio de tempo prima che i ‘rivi a casa tua. Po i scominsia a far i dificili, disendo che quel che te ga de governar saria de butar via parché se trata de roba consumada. Par finir po i governa “a la bona de Dio”, in sinque minuti, e co i soldi che te son costreto a daghe te podaria comprar novo quel che i te ga meso a posto. E ancora te vansasi soldi. Par no parlar dele campagne che qua duto torno sti monti, le iera come tanti ortisei. Curade, nete, piene de prodoti sani e boni. I campagnoi i faseva a gara per gaver le vanese più bele, i pasteni più curai, la tera più sofice e friabile. Ma cos’ te credi che i gaveva machine come ogi? Maché. I faseva duto a man, compresi i ordegni e co le piere che i tirava fora dei campi i costruiva bei mureti par definir la propietà. Fra i filari de le vide creseva la verdura. I alberi de fruto iera in principio dei pasteni. I olivi iera impiantai duto torno dela campagna. Ah, iera un bel vede par i oci. Mi sti campi li rivedo come in sogno e go granda nostalgia de lori.  Te vedi picio? Te sa come che disi quel deto: “Chi fa da se, fa par tre”. E par questo, ale, ven con mi che andemo a far del ben in campagna."

 E cusì ogni volta la me incastra... e la me frega. A sto ponto, come faso a dighe che no me piasi lavorar i campi, che mi andaria pitosto ‘torno coi amici, che...? No se pol, ah! E cusì ale che me toca andar con ela.

Ma cosa volè, xe propio bel sintir me nona co la me conta dute ste robe. El so entusiasmo, el so amor par la so tera. Devo ameter: la scolto asai volentieri e cusì imparo tante robe che no go mai visto e mai sintì. E sicome ala nostra epoca no se ciapa ormai gnente par gnente, dopo devo contentarla e andar a lavorar con ela. Ma no ghe devo dar masa sodisfasion e par questo continuo  sempre a brontolar, parché se la se inacorsi che mi la scolto volentieri la finisi par capir la mia debolesa e portame con ela ogni giorno in campagna e alora... saria propio fregà.

 


 

 

 

2° PREMIO

 

IVONA BUŠAC

 

                                                                       Motto: La bellezza affascinante dei moretti fiumani e la curiosità per la loro origine

 

Classe I ginnasio Generale SMSI Fiume

 

Motivazione: il tema prende in esame le origini del moretto, l'insediarsi della tradizione in Fiume, taluni aspetti della sua lavorazione, il significato di ieri e di oggi di questo prezioso gioiello. La complessa sfaccettatura del racconto consente di perdonare una piccola svista storica: la citazione del dominio veneziano, che in realtà per Fiume fu un brevissimo episodio cinquecentesco, tale da non poter influire direttamente sull'artigianato locale. 

 

 I MORETTI DI FIUME

 

 Il mondo  sta cambiando.Le industrie si stanno evolvendo e niente più si fa a mano.La manifattura diventa una rarità nel mondo dove dominano le industrie che possono fare il lavoro di mille mani in un giorno.Pochi sono gli artigiani rimasti,specialmente a Fiume.Uno di questi è il signor Gionni Antony.Il signor Gionni ha una piccola manifattura presso la cattedrale di San Vito dove dà vita agli unici e speciali moretti di Fiume.I moretti sono gioielli di un aspetto tipico che,oltre ad essere gioielli,un tempo avevano anche una funzione comunicativa.Ma quando,come,dove nasce il moretto come gioiello?Sembra che nasca nel vicino oriente,portato dalle donne quale ornamento alle orecchie.I continui contatti dei naviganti con le terre d`oriente per i loro commerci hanno contribuito a introdurre,anche a Fiume,gli orecchini dalla testa di moro.Pare che ciò sia avvenuto prima che a Fiume si insediasse la Repubblica di Venezia.Gli orecchini avevano la forma della testa del negretto con il turbante musulmano,in oro e smalto.Solo più tardi vi fu applicata la mezzaluna e la stella che fa riferimento alla dominazione turca.Oggi il moretto ha una testa nera coperta da un turbante di colore bianco con dei puntini neri.Il turbante è caratterizzato poi da un`estremità superiore di colore rosso,mentre gli occhi,la bocca e una parte del torace del moretto sono dorati.I gioielli con la figura dei moretti sono presenti a Fiume già da tre secoli.Questi gioielli venivano portati da donne sposate e da donne in lutto le quali, però,per distinguersi tralasciavano alcuni dettagli nell`incisione dei moretti.

Gli uomini di solito non si ornavano con i moretti,tranne i pescatori,i loro figli unici e i marinai che però portavano il moretto soltanto nell` orecchio destro.Questi portavano i moretti come amuleti.

Appena verso la fine del XIX secolo i moretti vennero accettati come simbolo di Fiume perché la loro produzione veniva effettuata principalmente a Fiume.

Oggi la funzione principale dei moretti è di simboleggiare l`appartenenza a Fiume, di servire come gioiello alle donne e agli uomini e di rappresentare uno dei souvenir di Fiume.

Per  mondo circolano tantissime leggende sull`origine dei moretti e una di queste dice che una contessa italiana aveva una serva negra alla quale era molto affezionata.Un giorno ella decise di liberare la propria serva e in sua memoria  fece fare degli orecchini.

Un`altra leggenda racconta dei croati che sconfissero i turchi sulla piana di Grobnicco.Sembra che dopo la feroce battaglia che vide i turchi sconfitti a Grobnicco nel 1601,ci fosse un gran tagliar di teste dei soccombenti;forse qualcuno,a perenne memoria della vittoria ottenuta,avrà voluto creare la testina di moro quale gioiello.

Altre notizie dicono che,forse,ai tempi lontani,qualche orafo fiumano in visita a Venezia,sia stato colpito dalla bellezza delle statue ornamentali dei mori,scolpite in nero di mogano,e ne abbia tratto ispirazione per creare il famoso gioiello. 

Il signor Gionni ci racconta la propria manifattura: questa richiede un`ottima vista,una calmissima mano e tanta pazienza.La base del moretto viene incisa nell`osso della salpa,poi la base viene riempita d`oro e quello che esce,la base quindi, viene colorata a mano e pitturata.L`estremità rossa del turbante bianco viene fatta dal corallo rosso proveniente dal nostro Adriatico.Un segreto che il signor Gionni mi rivela è che i moretti originali fatti,in modo tradizionale,se infiammati non devono bruciare,specialmente l`estremità del turbante che dovrebbe essere di corallo mentre oggi,spesso,viene solamente colorata con colori di bassa qualità.

Il signor Gionni ha bisogno di un mese per fare un paio di orecchini e ogni orecchino è diverso dall`altro,ogni orecchino è unico. 

La piccola manifattura del signor Gionni certamente non può rispondere alle esigenze del mercato che cercano il “sempre di più in sempre meno tempo”.Le industrie stanno distruggendo le piccole manifatture,l`originalità e la bellezza degli oggetti fatti a mano. 

 Ogni moretto che il signor Gionni fa è speciale,unico,diverso perchè il signor Gionni da tutto se stesso mentre incide,colora e dipinge i gioielli. Quindi,bisogna conservare e aiutare la manifattura di questo artigiano affinché questa bellissima tradizione non venga persa e affinché un piccolo pezzettino del passato fiumano venga tramandato alle generaziono future.

 


 

 

3° PREMIO

 

INGRID IKANOVIĆ

 

Motto: La vita è bella

 

Classe III Ginnasio Generale

 

Scuola Media superiore Italiana Fiuma

 

 

Motivazione: interessante excursus sulla storia del latte e del formaggio che ci presenta le curiosità locali e i segreti di questa produzione dell’Istria interna, antica ma sempre attuale.

 

La storia del latte e dei latticini è legata alla storia dell’uomo da tempi remotissimi, da quando l’uomo ha iniziato ad addomesticare gli animali ed in seguito ad allevarli. Le scoperte archeologiche confermano dunque che gli antichi consumavano sia il latte che il formaggio, ma non è tuttora chiaro in che modo l’uomo sia riuscito a scoprire la cagliata e, di conseguenza, a produrre formaggio.  Il formaggio, a differenza di altri prodotti, non è stato inventato ma è stato scoperto casualmente.
Nell'antichità la caccia per l'uomo era fonte di grande sostentamento. Cacciava anche animali ancora lattanti e, aprendo il loro stomaco, si accorse che il latte contenuto non aveva la consistenza che lui conosceva: non era liquido, ma solido ed aveva un buon sapore (per l'epoca!).
Con la curiosità che contraddistingue la nostra specie, cercò di riprodurre questo cambiamento e, con grande intuizione, mise un pezzetto di stomaco di un animale lattante dentro ad un recipiente con del latte, creando così il formaggio. Il formaggio non ha sempre goduto dell'importanza che merita: pur essendo stato sempre presente nella vita dell'uomo (troviamo conferma nei papiri egizi risalenti al terzo millennio a.C., nella mitologia greca, sulle tavole dell'antica Roma) per diverso tempo venne considerato come mangiare dei poveri; le donne non potevano neanche assaggiarlo perché ritenuto volgare e quindi sarebbero state mal giudicate!
Oggidì in Croazia la produzione del formaggio si è limitata a solamente un paio di zone:la Slavonia,alcune isole dalmate(Brazza,Pago,Cherso,Veglia),Lika e l'Istria.

L'Istria centrale è ancora ricca di boschi e prati: inospitale per l'allevamento dei bovini, ma ideale per le più piccole, umili pecore, che per duemila anni sono state l'unica fonte di latte e carne per la gente. È stata per secoli la meta finale per i pastori che d'inverno si calavano dagli altopiani del Monte Maggiore, sferzati dalla bora, alla ricerca di pascolo sotto gli ulivi. Erano i Cici, una popolazione di origine rumena, fuggiti secoli prima davanti all'incalzare dei turchi, che parlavano una lingua di origine dacia incomprensibile anche ai croati, facevano i pastori e i carbonai, e del mare non sapevano nulla: tant'è che ancora oggi a Trieste, per dire di uno che non sa fare una cosa, si dice che "Cicio non xe per barca".

Ancora nel 1940, si contavano ottomila pecore di razza istriana, un ceppo di origine siriana selezionatosi geneticamente nel corso dei secoli: bestia tuttofare, da lana, da carne e da latte. Ogni pecora portava un campanaccio  e aveva un nome: Zelenka, Pika, Skaba, Roska... Non poteva mancare il cane, un "sarplaninac" dal pelo giallognolo, di taglia bassa e le orecchie pendule. Un altro frutto della selezione millenaria, di cui è andata persa ogni traccia: del resto dei seimila "Cici" censiti fra le due guerre ne sono rimasti sì e no 700, con un'età media di 65 anni. Ecco perchè il pecorino istriano è diventato una rarità che però, per fortuna, qualche volonteroso e lungimirante allevatore produce ancora, senza bisogno di condurre la vita nomade del pastore di un secolo fa.

Il pecorino viene prodotto dai primi di febbraio a ottobre. Non si va oltre per non sfruttare troppo le amate pecore e le si lascia in pace nell'ovile, a prepararsi per il parto primaverile. In tutto,si tratta di 9 mesi di produzione. Il  pecorino,inoltre, si fa  col caglio e il sale. E se tutto va come dovrebbe, il risultato è unico: un formaggio che si scioglie in bocca sviluppando tutti i profumi del pascolo istriano, ricco di piante e erbe aromatiche, specialmente se a giugno si riesce a trovare il pecorino prodotto col latte munto in aprile, il più profumato. La produzione del pecorino è piuttosto un lavoraccio che si fa più per passione che per guadagno.

Un "cugno" di pecorino istriano, formaggio dolce, si accosta per contrasto molto bene col vino Terrano con alto grado di acidità, ma vanno altrettanto bene la Malvasia istriana. Se poi al formaggio viene abbinato pane di campagna, non più fresco, che abbia maturato una punta di acido, i contrasti tra i singoli cibi e le bevande faranno reciprocamente risaltare le loro rispettive principali caratteristiche. Insomma, sentirete in bocca i profumi della campagna istriana, gli stessi di un secolo fa! Il formaggio è frutto di una lunga e laboriosa preparazione.
Dopo la mungitura, il latte viene trasportato nei luoghi di lavorazione, filtrato per togliere le eventuali impurità e lasciato riposare per sviluppare la flora microbatterica.
Successivamente il latte (tranne per la preparazione dei formaggi a latte crudo) viene messo in grandi caldaie e portato alla temperatura desiderata.
Quindi al latte, crudo o pastorizzato, intero o scremato (parzialmente o totalmente) viene aggiunto il caglio: questa sostanza naturale può essere di origine animale – cioè i succhi gastrici degli stomaci (abomasi) dei mammiferi lattanti (bovini, ovini, caprini) – oppure vegetale – cioè il succo o lattice di alcune piante (cardo, fico, carciofo). Il caglio provoca un’acidificazione, il coagulamento del latte che prende il nome di cagliata e, per fare in modo che sia uniforme, il latte viene sempre tenuto in movimento mescolandolo con una speciale pala detta rotella. Trascorso il tempo necessario si passa alla rottura della cagliata cioè della massa compatta che si è formata in superficie, prima con un grosso coltello e poi con due strumenti: lo spino o la lira.
La cagliata continua ad essere rotta fino ad ottenere dei granelli di grandezze diverse a seconda del tipo di formaggio che si vuole produrre.
La cagliata così ottenuta viene raccolta in teli per darle una porzionatura iniziale, fatta scolare dal siero in eccesso e messa negli stampi o fascere.
Questi stampi vengono posti su piani leggermente inclinati per favorire l’eliminazione del siero. Si passa poi alla salatura delle forme così ottenute, dopodichè il formaggio viene posto a maturare in luoghi idonei. Qui le forme vengono quotidianamente controllate e girate e, quando è giunto il momento, posto in commercio.

Prodotti caseari contengono in parte gli stessi principi nutritivi del latte. Un altro minerale abbondantemente contenuto nei formaggi è il fosforo importante per la formazione delle ossa e dei denti. Vi sono poi contenuti altri minerali e oligoelementi importanti tra cui magnesio e zinco.

 

Sfogliatine al formaggio

Preparate della pasta sfoglia senza zucchero; stendetela col mattarello a sfoglia di 4-5 millimetri di spessore; ritagliatene delle fasce larghe 10 cm.; stendete sulla superficie, con la lama di un coltello, uno strato di besciamella ben densa, alla quale avrete aggiunto del formaggio reggiano grattugiato; spolveratele ancora con formaggio grattugiato; tagliate le fasce a liste larghe un dito, accomodatele sopra una placca inumidita e cuocetele al forno per 12-15 minuti.