PREMIO SPECIALE

 

PERIODICO DEGLI ESULI POLESANI EUROPEISTI "ISTRIA EUROPA":

 

Il periodico degli esuli polesani europeisti "ISTRIA EUROPA", diretto da Lino Vivoda, offre un premio per il saggio che più si avvicina all'ideale europeo che

anima la redazione e i lettori di  " Istria Europa "

 

 

       

 

  

 

 

 

 

                                                Motto: ARON   

 

                                        Sebastian Božič

 

                                  Classe II Media Superiore,

                               Comunità degli Italiani “Dante Alighieri“

                                                    

                                             Isola d’Istria

 

 

 

 

 

 

 

 Motivazione: Il linguaggio è quello delle lettrici e dei lettori di “Istria-Europa” invitati a riflettere, grazie al dialogo immaginario tra nonna e nipote, su un  passato non così lontano, sulle difficoltà del presente e su un sogno futuro. La rappresentazione che ci viene offerta,  vede l’Adriatico come luogo di lavoro e di scambi, un  patrimonio comune da tutelare insieme nella futura Casa europea.

 

 

UN GRANDO PARCO LIQUIDO

 

Ecome qua, son de novo mi coi mii soliti discorsi con me nona. Mi e ela fasemo tante ciacolade, ma anca tante barufe o, se volemo dir più in bel, se contrastemo. Trovemo sempre el modo per meterse a confronto e sicome che gavemo el steso caratere... Savè come che se dir, no? Femo muro contro muro par veder chi che mola prima. Ma semo forti duti do e de solito no mola nisun. Forsi per questo se volemo tanto ben.

 

Mi vegno de una famea de pescadori, anca se adeso, a casa nostra, nisun va a pescar par profesion come che faseva una volta me bisnono e me nono. Par questo xe natural che se parlemo de mar, par noi vol dir parlar de guadagno, esistensa o meio ancora sopravivensa. Par questo, se parlemo de Adriatico, dele do sponde, de quel che ga in comun o le diferense de chi che ghe vivi duto ‘torno, la prima roba che a noi ne pol vignir in mente xe i pesi, el modo de pescar, la vendita, el scarto che resta a casa per i bisogni dela famea, el modo de cusinarli, e cusì ‘vanti.

 

Par dir el vero, se ‘deso saria ancora pescadori in famea se parlasi più che altro dele dificoltà de moverse in sto cadin de aqua che ga a disposision la Slovenia, de l’inquinamento che fa crepar sto ben de Dio che xe ne l’Adriatico. Ma de questo dirò qualcosa in fondo e permeteme de tornar ale ciacole con me nona, anca se, dovè saver che par mi, nipote de grandi pescadori, l’argomento pesi xe un poco un tabù e dover tacar sto argomento con me nona no xe sta facile. Savevo xa che ela, molie e fia de pescadori, che la magnaria pesi per pranso, per sena, par marenda e magari anca forsi col cafè dela matina, la gavaria aprofità par strapasarme un poco. Eh, sì! Parché dovè saver che xe sempre qualche batibeco quando che par pranso o par sena xe pesi. Va ben, sarò delicato, no digo de no, ma a mi me piasi solo caramai e scampi. Cosa volè? Duto el resto xe pien de spini e mi no go né pasiensa né tempo par netarli e cusì finisi sempre che me sponso la boca. Alora ogni volta, versete siel! Me toca scoltar la solita romansina. Forsi dovevo naser prima, quando che iera ancora vivi me nono e me bisnono. Forsi i me gavaria fato capir el valor de ste creature che vivi in mar.

 

Me nona me conta che me nono e me bisnono andava a pescar xo in Istria, in Quarnero, in Dalmasia e co i tornava a casa i gaveva casete piene de scampi, de gransi ancora vivi che i caminava par la cusina. “Quela volta iera pesi a iosa” dir me nona “e te fasevi de quei brodeti che ‘deso no te se li pol gnanca insognar. Par no parlar dei presi che xe adeso!” Po la ghe pensa un atimo e la se meti a rider. Ghe iera vignù inamente un fato suceso quando che ela la iera sovena. Iera un periodo de magra. So papà, che xa lavorava con me nono, a portava poca roba a casa. Una sera, me sia, ga vosù andar con lori a pescar. I altri pescadori de quela barca se ga meso a brontolar parché le done in barca porta pegola. El sior Augusto però ga dito: “Più pegola de cusì no se pol! No gavemo gnente de perder. Ven pur con noi, picia”. E i la ga ciolta in barca. Ben, quela note i xe tornai a casa co la barca tanto carega che le sponde iera a pel de aqua. Me sia, duta orgoliosa, la ga sparso la vose che ela portava fortuna. Me nona, che no la voleva eser de meno, la ga vosù andar anca ela una note in barca. Par dir el vero a ela no ghe interesava veder come che i pesca, ma la andava par i bei oci dei pescadori e specialmente per quei che dopo xe diventà me nono.

 

Ma la sua presensa xe stada un disastro. Le altre barche dela flota iera careghe e quela de lori ga portà a casa una miseria de pesi. El sior Augusto ga vosù taiar subito curto con me nona. “Senti picia, me dispiasi ma ti no te meti più pìe qua dentro, no te vegni mai più con noi. In sta barca ga el permeso de montar solo to sorela. Ela sì che la porta fortuna, altro che ti!” E a ga mantignù la parola. De sera el sior Augusto ghe diseva a me sia: “Picia salta in barca che fasemo carego sta sera”. E iera propio cusì. Co me sia andava con lori, la pescada iera asai rica. Ancora adeso me sia ciol in giro me nona per questo fato.

 

Una volta, soto la Jugoslavia, Isola gaveva una flota de barche de pesca che iera una richesa e tanto mar per andar a pescar. Praticamente duta la costa oriental de l’Adriatico. La parte più pescosa, quela col mar più neto, profondo xa visin ala costa piena de isole e de scoi. Altro che adeso. De quando che la Jugoslavia se ga disfà, ala flota isolana ghe xe restà un fasoleto de mar e a conseguensa de questo, i ga dovù vender quasi dute le barche e tanti pescadori ga gambià mestier.

 

Me nona disi sempre che el mar dovaria eser de duti, sensa confini. L’Adriatico che ghe someia a un lago salà, indove che se specia l’Italia, la Slovenia e la Croasia, dovaria eser un punto de intontro e no de scontro, per eser paroni de un per de biceri de aqua in più. Saria asai più importante invese meter insieme le forse par salvarlo, con legi che lo tuteli e che permeti de andar a pescar solo in certi mesi e no ogni giorno de l’ano. Vietar de scaregarghe dentro dute le porcarie de sto mondo, speso velenose. In sto modo el mar se spopolarà e finirà che sparirà anca certe specie de pesi. Dovemo ricordarse che el mar xe un ben de duti. Me nona spera tanto che quando che anca la Croasia entrarà ne l’Unione Europea el mar Adriatico podarà eser finalmente un posto par svilupar le amicisie tra i popoli che ghe sta intorno, per andar d’acordo, una zona de custodir come un parco nasionale, un grando parco liquido, cioè tratà come un dei più grandi beni de questa parte d’Europa.