SEZIONE TEMI PREMIATI

CONCORSO LETTERARIO

MAILING LIST HISTRIA 2006  -  Sezione A

TEMA PER LE SCUOLE ELEMENTARI

 LAVORI INDIVIDUALI - Categoria 1

Tema: "Curiosando tra i fornelli de casa… ricette, segreti e prelibatezze"

 

  1° PREMIO

SARA RESANOVIČ BEVITORI

Motto: Golosona

Classe V novennale

Comunità degli Italiani "Dante Alighieri"

Isola d’Istria

Vivissima descrizione delle abitudini culinarie di una volta espressa in un dialetto cantante e carezzevole, anche noi vorremmo essere " col cuciar in man par gratar la crosta intela tecia" e vivere a quei tempi.

 

EL BRODETO DE ME NONO DOMENICO

Oh che bel che xe el titolo de sto ano. Eh, sì! Purtropo mi son una granda magnona e me piasi le robe bone. Me mama me brontola sempre che magno masa e che quel che meto soto i denti xe duto roba poco sana. Ah, ma che savesi come che la magna ela: verdure, fruti e pessi. Ben, qualcosa de sta roba me piasi anca a mi, ma come se fa a no magnar panini, merendine, patatine frite?

Me mama per farme capir che quel che me piasi tanto no xe san, la me comincia a contar de cosa che magnava so nona che la iera povera, cosa che la preparava per pranso, come che se viveva quela volta... So che la fa per el mio ben e che a mi me piasi duto magnari che meti su cicia, ma ve digo la verità che qualche volta son anca stufa de scoltarla. Se quela volta i gaveva fame, ma se pol saver perché che dovesi patir adeso anca mi?

Mi no go conosù mai me nono Domenico, perché a xe morto co iero ‘sai picia, ma mia mama me parla tanto ben de lu. A nono Domenico ghe piaseva far de magnar e drio quel che mama me conta a devi eser sta un bon cogo. Però quando che a faseva de magnar me nona se rabiava perché quando che a se remenava in cusina, iera più pironi fora che dentro del casetin.

A mio nono ghe piaseva asai i pessi e una dele sue specialità iera el brodeto. De matina a andava sempre al porto. Là a gaveva duti i sui amici pescadori e più in bona de duti a iera coi "Bonassa". Questo no xe un cognome ma el soranome de una famea de pescadori isolani che pesca ancora ‘deso. Lori i ghe dava ogni volta pessi ‘pena pescai e me nono iera contento come una Pasqua, perché a saveva che se el pese xe apena pescà a ga più bon gusto. Go savù anca che me mama, che la me brontola sempre che devo magnar pessi, co la iera picia no ghe comodava masa magnarlo. Ma me nono iera cusì ciapà dei pessi che po’ a se gaveva comprà anca una barcheta e de quela volta a andava solo a ciaparse i pessi. Me mama, curiosa de saver come che se se diverti pescando, una note la xe andada con nono Domenico. Ancora adeso la se ricorda come un incubo quela esperiensa fata ale quatro de matina. La gaveva fredo e sono e no la vedeva l’ora de tornar a casa.

De quel che me conta me mama, nono faseva un bonisimo brodeto. A taiava la sivola in grosso, a meteva l’oio de oliva in tecia, a butava dentro la sivola e, co la diventava maronsina, a butava dentro i pessi e el sal che li tegni duri. Mio nono no girava mai i pessi per no romperli e, intanto che i se rosolava, ogni tanto a scasava la tecia coverta. A parte a preparava el sugo con salsa de pomodoro, asedo, vin bianco e un poco de aqua e a misiava duto asai ben. Quando che el pese iera rosolà a lo schisava un poco ala volta col sugheto e po a lasava boir per 10 o 15 minuti a fiama basa. Con sto brodeto se faseva el risoto, ma più speso a vigniva acompagnà con la polenta. Me nona disi: "Che magnade, che taiade de polenta e che licade de dei. Nono iera specialista per sta roba."

Me nona xe de Fiume e, anca se i stava sul mar, co la iera picia, a casa no i podeva permeterse de magnar pesi. I iera tropo poveri. E alora, per sasiarse i magnava asai patate in tecia. Visin de casa i gaveva un ortisel e con quel i se aiutava. Me mama se ricorda che me bisnona, co la faseva le patate in tecia, la cavava i serci del fogoler e la meteva la pignata propio sula fiama per far vignir la crosta. E me mama che la iera picia no la vedeva l’ora che le patate in tecia sia fate. La spetava col cuciar in man per gratar la crosta intela tecia.

Parlando con mama e con nona me par de gaver capì che una volta chi che faseva de magnar ghe meteva più amor nel preparar pransi e sene, che no parlemo po dei dolci. Eco! Son sicura che su l’argomento dolci me trovaria asai d’acordo anca con le ricete de una volta. Son propio golosa e so che i dolci fati in casa xe asai più boni e anca più sani de quei confesionai. Ma ala nostra epoca le mame e anca le none ga poco tempo. Almeno cusì

le disi, ma mi credo che xe anca el fato che xe più comodo e asai meno fadigoso andar in botega a cior un dolce pronto. Per un dolce ben fato ghe vol far tanta fadiga, se perdi un mucio de tempo e po, magari qualcosa va storto e mame e none cori el ris’cio che no ‘l vegni bon. Bisogna anca capirle!

Cosa volè, in fin dei conti anca mi son una femina e fra un pochi de ani sarò una dona. Xe meio che comincio xa ‘deso a difender i mii diriti. No ve par?


2° PREMIO

 

MARTINA SANKOVIĆ

 

Motto: Ciacoleta

Classe VII

Scuola Elementare Italiana  " Dolac " Fiume

 

 

Servendosi del fiuman patoco che rende ancora più schietto ed immediato il suo racconto, l'autrice non si limita a segnalare piatti prelibati, bensì arricchisce la narrazione con piccoli suggerimenti che valgono per qualunque cucina, pur promuovendo quella tipica fiumana.

 

In te la mia famiglia la nona e la mama le cusina el pranzo. Xe molte e svariade le pietanze e i piati gustosi dela cusina fiumana che lore zerte volte le pronta e mi proverò a far un esempio.

A casa mia, quando pranzemo, parlemo sempre tra de noi cussì che zerte volte dimentichemo anche cossa magnemo e non pensemo quanto sia difizile, quanto sudor e impegno servi per prontar un pranzo.

Qualche giorno fa guardavo come la mia mama fa el pranzo e gavevo rimorso per el fato che trovo sempre qualcossa de ridir sul menù e xe sempre qualcossa che non me piaze.

Ma devo dir el vero che, da quando la mia mama me domanda ogni tanto de darghe una man, un picio aiutin in cusina, non proptesto più!

El pranzo scominzia col brodo o con la minestra. No che me piaze tropo sti brodi ma devo dir che go un picolo segreto! Quando la nona e la mama le me mete sul tavolo una de quele minestre de verdura con brocoli, spinaze, cavolfior, carote, patate (e cossa so mi ancora dove le trova tuta sta verdura!), penso fra mi e mi: Bon, anca se go fame poderio saltar el primo piato, e passar subito al secondo

Ma guai se lo digo a voze alta perché scominzia un zigar e urlar ché la mia nona questa storia non la la vol gnanca sentir.

Un giorno, co gavevo finido scola son andada a magnar dala mia nona. Gavevo una fame de lupi e gaverio magnà qualsiasi roba purché la fossi comestibile.

A quanto par pensavo mal perché quando go visto che in tavolo iera la solita minestra me xe subito passà la fame. La mia nona alora me ga deto: A ti non te piaze mai quel che xe san! La verdura fa ben ala salute altro che quei tui sendvich che ti compri in giro Per concluder subito dopo pronta come sempre Finché non ti magni tuto non ti te movi de qua picia!

A quanto par dovevo magnar a tuti i costi sta minestra. Alora me xe vignù un’ iluminazion! Noi de solito in frigo gavemo sempre el parmegiano col quale condimo la pasta. Non sapevo se la idea me era bona, non sapevo cossa saria stado se ghe gaverio agiunto parmegian ala minestra, ma ghe valeva la pena provar.

Ghe go messo un’ abondante quantità de formagio ( era più parmegian che altro!) e ala fine go assagià.

UAUUU!!! Che delizia! Me son veramente meravigliada. La minestra de brocoli gaveva tuto un altro sapor, a tal punto gaverio podudo persino dir che la era squisita!

Ma vedemo avanti! Dopo le "torture" vien sempre el mejo.

Per secondo zerte volte gavemo i gnochi. Forse penserè che se trata de quei gnochi jazadi, compradi, pieni de conservanti. Niente afato! A casa mia se magna solo i gnochi e cibi sani! E i gnochi de patate che fa mia nona xe de licarse i bafi anche se xe un grande lavoraz farli a casa.

Per scominziar la nona mete a boir le patate (1 kg dixe la riceta ma mi so co semo tuti a casa sua che tuti questi ingredienti se triplica perché noi ciapemo sempre indigestion de gnochi!) e dopo, ancora bolenti, co le patate xe fate, la le spela. La continua passandole e fraccandole e la le lassa un poco sferdar. La le mete in cercio e la ghe mete ¼ de farina (col passin), due ovi , oio e sal. La impasta tuto e la li taja a tochetini fazendo salsicete che la taia a tocchi (mejo dir cubeti). Infine la li buta in acqua bolente e salada.

Deto cussì par fazile ma credeme non xe gnanca un poco semplize.

Dopo gaver cusinado i gnochi vien el bel , perché… se li magna!

Noi de solito li condimo con gulasch o con burro ( e parmigian) ma comunque sia xe bonissimi!

Per finir in beleza el terzo, un bon dolzeto.

La mia mama e mi savemo cusinar tanti dolzi sopratuto per Nadal, fine ano e Pasqua. Tra quei che se pol far durante tuto l’ ano xe i pomi i camiseta. I pomi in camiseta i xe semplizissimi de far e bonissimi de magnar.

Se taja a fete tonde un pomo (dopo gaverlo spelà e gaverghe cavè le semenze de dentro) de modo che ghe assomiglia a una roda col buso in meso. Se fa una pastela de farina, zucaro, sal, ovi e late (la pastela ghe assomilia a quela dele palacinke, solo che la xe più fissa) e, infine, se buta le fete dopo gaverle tocià in tela pastela in oio bolente.

Far atenzion con l’ oio!

Mi una volta, perché ero ciampala, me son scotada con l’ oio. Per fortuna non iera grave e me xe passà presto, con creme e cremine, ma podevo finir mal! E per questo son sigura che sia chi fa pranzi fiumani che australiani, americani o africani deve star sempre atento al oio, al fogo, insoma al fornel!

Questa era un curta storia e descrizion de un pranzo fiuman che se magna a casa mia.

Un tempo, me conta la mama, se magnava sempre ala stessa ora, ogi xe impossibile perché vegnimo ogi ale due, domani ale quatro, qualche volta ale sei e ogni dun ga scola, lavor, riunion, musica, calcio, ecc.

Ma sia come sia, a casa mia se continua a magnar tuti insieme (magari se se speta fin le sei!) e in compagnia. Se scherza, se ride, se ziga e una roba non cambia mai: resta sul tavolo el tipico piato fiuman!


 

 

3° PREMIO

SERENA DELCARO

Motto: Polenta e cioche

Classe II°

Scuola Elementare Italiana

" Giuseppina Martinuzzi"Pola

 

Un buon esercizio in dialetto che descrive oltre al classico piatto istriano, i non meno classici biscotti e le frittole , piatti antichi ma sempre attuali. Quanto sono utili i quadernetti delle nonne, in ogni caso non dimenticate il bicchiere di malvasia....

 

I gusti del magna xe per dute le età , i paesi e i tenpi.

A me nona ghe pias tanto cusinà. Vardendo el so vecio quaderno de risete, je selto i biscoti, le fritole e la polenta e cioche. Duto questo, ansi sempro quando che la cusina, ela la cusina con tanta pasion e tanto amor.

Me nona me conteva che quando che la feva i biscoti o qualche torta, me papa e i so fradei no vedeva 1' ora che la finiso '1 paston e che la lo meto rostì per via de licà la tecia e la scosera. dopo che i veva finì de licà no ocoreva lavali.

Polenta e cioche (per 4 de lori)

Ocorensa: un chilo de cioche, na savola, doi decimi de vin bianco, mezo decimo de oio de olia, un spigo de aio, un cuciar de conserva, un cuciar de farina, seleno, basigol, salvia, pevero e sal.

Prima de duto bisogna lasa' le cioche ta 'na casseta de legno o ta 'na sesta per via che le spurga. Poi begna lavale e fale boi' per diese minuti, 'nta 1' acqua salada e ase'. Dopo begna cavaghe la caseta (guscio).

Begna brustola' sul oio caldo la savola taiada fina fina e zonta' 1' aio, la conserva,'1 seleno e 'n ultima la farina. Lasa' che cusina pochi minuti e meti 'ndrento le cioche.

Begna sala', metighe pevero e '1 vin. Dopo meza ora che le se cusina pian su poco fogo, misiendo ogni tanto le cioche ze pronte. Zonta' tre foie de salvia e una de basigol.

Servi' con la polenta e con un bon bicier de malvasia.

 

Le fritole de me nona

Ocorensa: farina quanto che basta, uva suta, do pomi grandi, un naranso e un limon, un pisigo de sal e un cuciar de oio, suchero, fesa, pignoi, fighe seche e oio par frizi

1) Meti 'ta na pignata la farina, la uva suta, un pisigo de sal e '1 suchero, zonta' i pomi e le scurse de limon e de naranso gratadi, i pignoi e le fighe seche masinade e misia' a suto. Fa' 'buso 'tala farina, meti '1 cuciar de oio e 'pò de acqua tiepida e squaia' la fesa drento.Misia' 'cora na volta e dopo 'pò mpasta con acqua boienta. 'L paston no devo esi masa duro. Lasalo che ‘l se leva e dopo che '1 se jo leva' daghe na bona misiada.

2) Ta na pignata scalda' l'oio par frizi le fritole. A cuciarade grampa' 'lpaston e calalo 'tal oio caldo e cusi' vanti fina che no se finiso tuto 'lpaston. 'L paston begna misia' tuto '1 tempo.

3) Quando che le se tira fora del oio, le fritole se meto 'n piadina ma sula carta par via che la sorbo l'oio.

Sule fritole iase se buta suchero mazina'.

 

I biscoti de me nona

Ocorensa: 1 kg de farina, 4 ovi, 35 deca de suchero, 35 deca de buro, una bustina de fesa 'n polvero, una bustina de vaniglia, 1/2 bicer de vin bianco, un limon e un pisigo de sal.

'Ntala farina misia' '1 buro tajusa', zonta' '1 suchero, la vaniglia, la fesa 'n polvere la scursa de limon gratada e un pisigo de sal. Slarga' la farina, fa' un buso e spaca' i ovi drento, zonta' ‘l vin e 'mpasta' ben, ben. Se servo se pol zonta' 'cora vin. Co la cana dele lasagne fa' la sfoia no più' grosa de un de, e dopo col bicier fa le forme 'tala sfoia tondi, mezelune e cusi' via. Meti 'n forno rosti' a 180 gradi.

Sparnisa' de suchero mazina' i biscoti quando che i xe iasi.

Cusì jera 'na volta, i dolsi se li feva solo per le feste grande e se se contenteva anche solo de licà la scosera e la tecia.