PREMI SIMPATIA

 

 TEUTA LUCCHETTO

Motto: Coniglietta

 

Classe II

Scuola Elementare Italiana “Giuseppina Martinuzzi” sezione periferica Gallesano

 

 

LA PUINA DE GALISAN

 

   La ricotta è uno dei formaggi freschi presenti da sempre sulle tavole dei Gallesanesi. Nei tempi passati c’erano molte famiglie che possedevano greggi di pecore, così la produzione dei formaggi e della ricotta era maggiore. Adesso a Gallesano la ”puina” viene prodotta da un numero ristretto di famiglie, nonostante ciò rimane sempre un latticino  molto prelibato della cucina locale.

   La “puina” non è considerata un vero e proprio formaggio, perché si ottiene dal “zor”, cioè dal latte che rimane dopo aver fatto il formaggio.

   Vediamo adesso come viene preparata la “puina de Galisan”:

al “zor” rimasto nella “stagnada” dopo la produzione del formaggio, si aggiunge ¼ o ½ litro di latte ed il tutto viene fatto bollire ad 80° C. Raggiunta questa temperatura si verifica la coagulazione delle  sieroproteine in esso contenute. Quando la temperatura della massa supera gli 80°C le sieroproteine cominciano a separarsi e formano un coagulo inizialmente costituito da piccoli fiocchi. All’apparire della fioritura viene interrotto il mescolamento  e viene sospeso il riscaldamento. Con una schiumarola viene estratta  la  “puina”, che viene messa in un sacchetto di garza bianca dove prenderà la forma ovoidale. La ”puina”  viene lasciata scolare  e viene consumata il giorno dopo.

   Oggi la “puina” viene prodotta  prevalentemente con il latte di mucca, ma la “puina” più buona  è quella preparata con il latte di pecora.

    Tutto questo mi è stato detto dalla mia mamma, perché io sono piccola e queste cose non le so, però mi piace molto la “puina” e da grande vorrei impararla a fare per darla ai miei bambini.

 


 

 MARICHA PIUTTI

Motto: Farfala

 

Classe III

Scuola Elementare Italiana “Bernardo Benussi” sezione periferica Valle d’Istria

 

 SORXI NUDI

 

 Farina, sal, acqua

Preparasion: Ghi vol tamixà la farina sula tola e 'npastala con sal e acqua.Co l'impasto xe pronto ciolemo tochetin per tochin. e sula tola lu rodolemo e lu femo diventà como una coda curta 2 cm. I sorxi nudi xe boni col sugo fato con luganighe, crodeghini e custe de porco.

 

 

FIOCHI

 

 10 ovi, 10 scuxere de sughero, 10 scuxere de ujo de semi , 2 vaniglie, 2 limoni ( solo la scorsa gratada), ‘ n po' de rum, 1\2 kg de farina, ‘n pisigo de sal

Preparasion:'nte na tirina se xbato i ovi con '1 suchero, ujo, vaniglie, scorsa de limon. rum e sal. ‘1 duto se meto ‘nte la farina e se ‘npasta (farina quanto basta) per ben. Toco per toco ghi vol tirà ‘na sfoja sutila e poi tajala per xbiego con 'n tajo ‘n mexo. la ponta ghi vol fala pasà 'n mexo e fa 'n fioco, 'nte ‘na frisora alta metemo tanto ujo, co '1 xe caldo frixemo i fiochi. I fiochi co i diventa xali ghi vol cavali fura da ‘1 ujo e de xora ghi ghetemo suchero fin.

 

 

 MENESTRA DE FAXOI

 

Per na bona pignata de 4 litri:

 

1 scudela de pisiol, 1 scudela de faxoi, 1 toco de lardo (per ‘l pesto), Ajo, presemelo, sal e pever

Preparasion: ‘l dì prima ghi vol meti a mol i faxoi e ‘l pisiol. Co l'acqua la bojo metemo ‘n drento ‘1 pisiol e i faxoi. Sula tola metemo ‘l lardo e lu batemo col cortel grando, ghi metemo ajo e presemelo e continuemo a batilu finta che ‘l pesto ‘l xe diventà cremox, lu ghetemo ‘n pignata. La minestra la se cuxina per 3-4 ore e a pian, parchè piun pian che la se cuxina piun bona la sarò.

 

 MACAROI

 

 40 deca de farina, 2 ovi, sal, acqua, doi scuxere de ujo

Preparasion:Ghi vol tamixà la farina sula tola e ‘mpastala coi ovi. l sal e l'acqua, tanta quanta che ‘nde ocoro per fa n  bel ‘npasto. Dividi ‘1 ‘npasto ‘n tochi. Poi ghi vol tirà la sfoja con la cana dele lasagne, sutila e poi tajala a rombi de 4x4 cm. Con ‘n legneto (forma como la biro) la se piega e i se "nsembra (i diventa como le penete).

1 se cuxina ‘nte l'acqua de bojo e salada per ‘n diexe minuti.

 


 

 

 ELENA CUCCURIN

Motto: Rondola

 

Classe III

Scuola Elementare Italiana “Bernardo Benussi”sezione periferica Valle d’Istria

 

 LE FUGASE

 

1 kg de farina bianca, 4 xali de ovo, 1 ovo ‘ntrego, ‘n per de gratade de scorsa de limon e de naranso, 20 deca de suchero, ‘n pisigo de sal,

 per condimento se pol meti ujo o margarina, ‘na ongia de lievito

Preparasion: nte ‘na scudela se meto ‘n po' de lato tiepido. ‘1 lievito,  na scuxereta de suchero e 'na scuxera de farina, se misia duto e se lasa che se levo.

Co se jo leva se ‘npasta con la farina e con duti i consieri.‘1 'npasto se lasa levà ‘n per de ore. Co ‘1 xe levà ‘1 se rimpasta ancora 'na volta e ‘1 se meto a levà ‘n per de ore. Despoti 'l se divido ‘n piun pice agnote, ghi se da la forma e le se meto sul laso de tola e le se spolvera de farina.  

Co le pagnote xe levade ghi se fa ‘1 tajo de la crox e ghi se da ‘na penelada de xalo de ovo. Le metemo 'nte '1 forno a 200 gradi per 45-60 minuti.

Col steso 'npasto se pol fa le pupe como la dresa de cavei con 'n mexo ‘n ovo, per i masceti i ardiciochi con  ‘n mexo ‘n ovo.

 

LE FRITOLE

 

1 kg de farina, 4-5 ovi, ‘na scudela de suchero (quela de café), ‘na scudela de ujo, ‘na scudela de lato,  mexa scudela de acquavita, ‘n pisigo de sal,  'n toco de fesa

‘na scudela de 'ua suta, ‘n per de gratade de scorsa de limon

 Preparasion : Duto questo se 'npasta per ben. L 'npasto ghi vol che sio morbido e poi ‘l se lasa ripoxà per ‘na ora bona. Co 1 ‘npasto xe ben levà, con la scuxera se fa la fritola e la se frixo ‘n te tanto ujo caldo.

 

VERXE SOFIGADE

 

2-3 verxe nostrane, ujo de ulia , sal e pever

Preparasion: Netemo le verxe e le tajemo a fetine sutile, ‘n te na tecia larga metemo ujo, sal e pever a crudo,  ‘n fià de acqua, che se bagno el fondo dela tecia.

Per covercio ‘na scudela che tegneva le verxe fracide.Le se sofegava con poco fogo.

 

 

EL BACALA'

 

Ujo de ulia, ajo. presemelo se se vol, sal quanto che ocoro

Preparasion: Prima de duto lu batemo ben con ‘n majo finta che no  ‘1 ven dreto e tenero. Poi lu metemo a mol 'n acquade sera fina maitina. El se meto a cuxinà ‘ n acqua salada, diremo na mexa ora (dipendo dal bacalà). Despoi, co ‘1 xe coito, lu scolemo e ghi metemo i osi. Co’l xe neto lu xbatemo ‘nte la tirina, metemo subito ujo, ajo e presemelo e lu xbatemo tanto, ujo 'nde metemo ogni tanto fìnta che ‘1 bacalà no 'nde ciama piun.  I veci i dix che piun che ‘1 bacalà bevo '1 ujo piun ‘1 xe bon.

 


 

 

 AGATA VAJENTIĆ

Motto: Krakavice

 

Classe III

Comunità degli Italiani Lussinpiccolo

 

 

Le ricette popolari, i piatti tipici, gli usi e le tradizioni sono lo specchio della cultura di un paese. Durante l'inverno ci sono parecchie festività: Natale, Candelora, Carnevale.In queste occasioni si preparano tanti dolci tipici.
Alla vigilia di Natale si mangiano i pandefighi; un dolce a base di fichi e uvetta che si prepara in settembre. Si macinano i fichi e l'uvetta, si aggiungono alcuni chiodi di garofono e un pò di grappa, poi con le mani bagnate di grappa si da all'impasto la forma di cono. Si serve tagliando a rondelle cominciando  dalla punta, accompagnata da un bicchierino di grappa.
I bambini, per Natale una volta, trovavano soto il cuscino le KRAKAVICE e alcuni fichi secchi.

Ecco la ricetta:
- un chilogrammo di farina,         - 50 grammi di lievito,         - un cucchiaino di sale

Si mescolava il lievito con due cucchiai di farina e acqua tiepida e si lasciava lievitare. Al composto lievitato si aggiungevano la farina rimasta il sale e l'acqua. Si lasciava lievitare ancora. Si formavano con la pasta dei cilindri di tre centimetri di diametro e lunghi quaranta e, unite le estremità, si dava una forma ovale.

 


 

 GIANNI MOCIBOB

Motto: El taschin

 

Classe IV

Scuola Elementare Italiana Buie



In Istria vivo da un paio d'anni, ma già mi sento a casa mia. La natura è bellissima e tutto quello che mangiamo, quì ha un altro sapore. Per questa ricerca, mi sono fatto aiutare dai miei compagni di classe e dalla maestra che in Istria ci vivono da sempre. Beati loro!L'anno scorso abbiamo trattato questo tema a scuola, e ora lo ho ripreso per proporvelo. Ho scoperto che quì le tradizioni sono ancora molto rispettate. Ma neanch'io mi trovo proprio a digiuno, dato che il nonno di mio padre era nato e cresciuto in Istria. Volevo anche ringraziare tutte le nonne, le zie e mamme che si sono date da fare nel riportarci le ricette in versione originale, cioè antica.

 L'anno scorso hanno anche avuto la gentilezza e la pazienza di raccontarci, nei particolari, come si viveva una volta e... come profumavano le case di ''caratteristico'' durante ognuna di queste feste.

E i sapori sono veramente unici, giacché ricordo ancora, con l'acquolina in bocca, il laboratorio di cucina svolto lo scorso anno, dove zie e mamme ci hanno preparato, con la nostra viva collaborazione, alcuni dei dolci su elencati. Per noi tutti è rimasto il ricordo di un giorno di grande festa.

E così va vissuto tutt'oggi anche nelle case, quando la gente si prepara ad esse (sia che abbiano origini sacre che profane).

Passo ora a presentare la raccolta di ricette date, tipiche di Buie. Mi auguro che la vostra attenzione non si fermi solo a leggerle, per valutarne la loro originalità, ma...in un altro momento, di averle presenti anche sulle Vostre tavole.

 Per iniziare presento uno specchietto dei dolci caratteristici del periodo di:

 

NATALE (NADAL)                 - Le fritole de suca

 

CARNEVALE (CARNEVAL) - I crostoli

 

PASQUA                                ­ El taschin

 

 Ricetta della sign. Maria Bonetti

 

FRITOLE DE SUCA IMBRIAGHELE (Frittelle di zucca)

 INGREDIENTI:

 ¾ di l di vino bianco (malvasia), ¼ di l d'acqua, 1 zucca gialla (di media grandezza), 1 kg di mele acidule, ½ kg di zucchero (di canna), 10 dag di noci (frantumate)

10 dag di mandorle (frantumate), 10 dag di nocciole (frantumate), 10 dag di pinoli (frantumati), 1 zucchero vanigliato (o il bastoncino di una vaniglia bollito nell'acqua, su elencata), un pò di sale, 10 dag di cioccolato amaro (sminuzzato grossolanamente), 10 dag d'uva sultanina, 10 dag di buccia d'arancia candita

1 kg di farina (circa), un pò di noce moscara (gratuggiata), un pò di cannella (in polvere), olio d'oliva extravergine pressato a freddo (per friggere)

 PROCEDIMENTO:

 La zucca va precedentemente arrostita nel forno e poi passata con il passaverdura. Anche la buccia d'arancia si candisce prima.

Si mette a bollire l'acqua, poi si aggiunge il vino e si fa dinuovo levare il bollore. Si aggiunge il sale, lo zucchero, la vaniglia (se invece facciamo bollire nell'acqua il bastoncino di vaniglia lo si leva  e mette da parte). Vi si aggiungono le mele gratuggiate, la polpa di zucca, il cioccolato (sempre mescolando), tutte le spezie e gli aromi restanti.

Alla fine, mescolando energicamente, si aggiunge la farina e si fa bollire il tutto per un paio di minuti, facendo attenzione che non formi grumi e che non attacchi in fondo alla pentola. Poi si versa bollente su una spiana in legno (panariol), precedentemente cosparso di farina, cercando di lisciare l'impasto ad un'altezza di due dita circa. Si lascia così, per un pò a raffreddare.Intanto l'olio d'oliva deve essere già ben caldo.Con l'aiuto di un cucchiaio infarinato si danno forma alle frittelle che devono essere tutte della stessa grandezza. Si friggono dall'una e dall'altra parte per un paio di minuti, pio si pongono su carta assorbente. Quando sono tiepide si trasportano su un piatto da portata dove (in teoria) possono rimanere anche per più di una settimana, dato che si mantengono bene a lungo.

 

 Ricetta della sign. Giuliana Benvegnù

 I CROSTOLI (I fiocchi)

 

INGREDIENTI:

 20 dag di farina,   1 uovo intero,   1 tuorlo,   2 cucchiai d'olio d'oliva,   5 dag di zucchero,   1 bicchiere di vino bianco (malvasia),  olio d'oliva per friggere,

     zucchero a velo

 PROCEDIMENTO:

 Setacciare la farina. Disporla a fontana. Incorporare gradualmente tutto iniziando dalle uova fino a formare un impasto omogeneo.

Stenderlo con il mattarello in modo uniforme, ma quanto più sottile. Con la rotellina tagliare tante striscie d'impasto lunghe circa 10cm e larghe 2cm. Avvolgerle a forma di fiocco e friggerle brevemente nell'olio caldo fino a farle leggermente cambiar colore. Deporle su un piatto di portata e cospargerle con lo zucchero a velo.

 

Ricetta della sign. Gina Sinković

 

EL TASCHIN (Il taschino) e

LA TITOLA (La colombina o treccia)

 INGREDIENTI:

 40 dag di farina,   4 uova,   4 cucchiai di zucchero,   2 dag di lievito, 15 dag di burro,   uova da mettere nel taschino quante servono (2, 4, 6,...)

 

Preciso subito che con l'impasto restante si prepara anche la ''titola'' e  la pinza (ma aumentando le dosi).

 Si pone la farina setacciata su una spianatoia. Vi si amalgamano le uova, lo zucchero, il lievito e il burro messo precedentemente a bagnomaria. L'impasto, acciocché riesca bene, lo si lavora a lungo. Si lascia poi levare in un posto caldo per un'oretta circa.

Per fare il taschino, si prende un po' d'impasto e lo si stende a forma rettangolare (grossa un dito). Vi si pone nella prima metà un uovo fresco, intero, ben lavato e asciugato. Si chiude la tasca coprendolo con l'altra metà d'impasto, e aggiungendovi sempre con lo stesso un manico da borsetta. Va infornato per mezz'ora a 170 C.  Questo veniva preparato solo per i maschietti. La tradizione spiega che, al bambino al quale va in dono il taschino, si desidera un futuro ricco, con una borsa piena di soldi in conclusione di buoni affari. Le femmine ricevono allo stesso modo la '' titola'', intrecciata dalla testa dove si pone l'uovo, a forma di bambola, per augurar loro di diventar delle brave donne di casa. Comunque, a differenza della ''titola'' che si trova anche nelle altre zone, il ''taschin'' è invece un dolce esclusivamente dei buiesi, che ne vanno fieri.

Spero che le buone tradizioni a tavola non vadano dimenticate e che tutte le case nei giorni di festa continuino a profumare di ''buono''.

 


 

 MARCO OPŠIVAČ

Motto: Colone

 

Classe IV

Scuola Elementare Italiana ''Bernardo Benussi“ sezione periferica Valle d'Istria

 

 

POLENTA E CIOCHE

'N di', me mare e me pare goreva che i vego 'n viaxo e i mi jo dito che fra doi ore goraro'che veghi a magna' la de me nona Antonia. Mi xe vignu' amento che duta la maitina la se misiava 'n cuxina e cusi' je sta a vedi e la je vista duta 'ntenta a cuxina' tante robe bone de co la jera xovena.

Ghi je domanda' :-Che ti feghi ancoi?

 La mi jo risposto :-Ancoi femo, picio mejo,'n pranso completo el primo, el segondo e anca el dolso.La jo meso el brodo de galina e col jera coitola jo gheta' i fedelini.
Mi je visto le cioche e ghi je domanda' :-Nona, ma che ti fare' con le cioche? Jela la mi jo risposto: Fare' la roba piu' bona del mondo polenta e cioche.
E mi ghi je domanda':-Como se fa el sugo de cioche? -"N te I' ujo de ulia se desfrituleja la saola, se gheta le cioche ( dute nete) con sal e pever.Ogni tanto se gheta 'n po' de acqua, poi se meto un goto de vin.Co xe duto ben cuxina" se meto i pomideori e se cuxina ananti."Ntel bronxineto meti l' acqua che bojo,co la jo scomensa' a buii gheti la farina xala e col polenter la misi.
Co vedi che la polenta la se staca dal bronxineto vuldi' che la xe coita. La polenta la se magna con el sugo de cioche. Justo ala una ora la banca jera consada.

Nona me jo ciama'.Me sen lava’ le man e me je senta' . -Nona podemo scomensa' a magna?- mi je domanda' -Siguro che si' !- mi jo dito nona.
-Mmm! Non vi dighi che bon che jera la polenta e cioche. Una volta anca con poco se magnava ben.

INGREDIENTI :Sugo con le cioche-( per quattro persone )
-    1 saola, -    2 spighi de ajo, -    I dc de ujo de ulia, -    500 gr. de salsa de pomideoro, -    750 gr. de cioche nete, -    2 gr. de presemolo, -    2 litri de acqua,
-    500 gr.de farina xala

 



SERENA BUREMI

Motto: Mamola

 

Classe VI

Scuola Elementare Italiana “Pier Paolo Vergerio il Vecchio” Capodistria

 

 

Menu quotidiano » de un saliner de Piran «

prima della seconda guerra

 

Mio nonno si chiama Mario Petronio, è nato e vissuto a Pirano ed  ha lavorato per la maggior parte della sua vita nelle saline di Sicciole, ha prodotto il sale d'estate, d' inverno invece con la sua barca, un trabiccolo che in piranese si chiama » maona« , trasportava  merci varie come sabbia , farina ecc…, da Pirano a Trieste, S.Giorgio del Nogaro, Grado oppure faceva trasporti fino a Rovigno.   Mio nonno è molto anziano, ha vissuto e lavorato prima della seconda guerra mondiale e un giorno gli ho chiesto quale era l'alimentazione in quei tempi. D'estate quando si trasferiva con la famiglia nella casa delle saline di Sicciole che cosa mangiavano di solito? Al mattino si svegliavano presto  »col levar del sol«: la prima colazione,  se si  era fortunati, era a base di caffè di orzo e latte con  un po' di pane, oppure polenta rimasta dal giorno prima, se la gallina aveva fatto l'uovo veniva fritto e un pò tutta la famiglia »tocciava nel'ovo un tocheto de pan«.    

Tutta la famiglia lavorava »in saline«, poco prima dell'ora »de pranso« la mamma o la moglie andava a casa  a preparare da mangiare.

Si mangiava spesso riso perchè a quell'epoca almeno a Pirano la pasta costava molto e non se ne trovava.

 

Ricetta del risotto di patate: si soffriggeva una cipolla, due pomodori se c'erano, un paio di patate a tocchetti e poi si cuoceva il riso.  Questo era il pranzo.

 

Per la cena bisognava arrangiarsi: solitamente, mio nonno  con suo fratello, verso il tardo pomeriggio, andavano a pescare, per fortuna il pesce abbondava, quindi per cena pesce fritto, spesso »spari«, con polenta e »radicio«. Se non c'era il radicchio, nel bagnoasciuga delle saline negli angoli degli argini si raccoglievano i cosidetti sburioni. Una verdurina succulenta.

 

   

The image “http://waste.ideal.es/fotos/salicornia11.jpg” cannot be displayed, because it contains errors.Insalata di »sburioni«

 

Sburioni (lat. Salicornia fruticosa), un vegetale carnoso, che cresce naturalmente nei campi

 

delle saline, della valle di Sicciole,  vicino alle case,sulla battigia. Ottimo da mangiare come

 

contorno, nei mesi di giugno e luglio. I salineri ne erano molto ghiotti.

Sburioni olio e limone

Si lavano le piantine in abbondante acqua e si mettono a lavare per circa una quindicina di minuti.

Dalle piantine si sfila lo stecco, che gettiamo, mentre in una terrina condiamo la parte carnosa

della pianta con olio d'oliva e limone a piacere.


 

 LUCIA UGRIN

Motto: Lusa

 

Classe VI

Scuola Elementare Italiana “Bernardo Benussi” Rovigno

 

 Cari amici o amiche che in questo momento mi state leggendo, quante volte, vi chiedo io, vi sarà capitato, rimanendo soli in casa, di aver voglia di preparare un bel pranzetto o un bel dolce o qualcosa di simile? Migliaia! (Almeno nel mio caso!) Per esempio che cosa c'è di meglio di un compleanno alle porte per preparare una torta? Laviamoci le mani e leghiamoci quel grembiulone più grande attorno alla vita e al collo (attenti a non strozzarvi!)

Procuratevi un laboratorio – cucina, armatevi di un mestolo, invitate uno scienziato pazzo – una nonna – per aiutarvi a preparare i pezzi di un «Frankenstain» di cioccolato e crema! Ricordatevi che anche in una cucina piccola e stretta come la mia due persone e una torta ci stanno, ma solo se non manca il buon umore e poi ...  «una nonna sprint» (come la mia!) è proprio quello che ci vuole! Sempre pronta a correre di qua e di là per evitare che l'acqua trabocchi dall'acquaio o che il forno esploda! (Auguratevi che non succeda, soppratutto se non siete assicurati!)

Sapete qual è il momento migliore, aspettando il domani, per il fatidico taglio della prima fetta di torta ? Io lo so! Ficcare un dito nella cioccolata fusa  rimasta nel pentolino, senza che nessuno se ne accorga ... e poi leccarsi i baffi!

(n.d.a. Cosa che probabilmente fanno tutti!)

 Non è solo la mia nonna Annamaria Ugrin ad essere una maga ai fornelli, anche la mia bisnonna di Dignano, Lucia Pinzan, con i suoi dolci di casa, sa essere un genio dei pranzi e delle feste.Io da brava nipote non sono da meno e vi svelerò i segreti più segreti delle nostre ricette familiari:

 

Pronti! Attenti! Via! Tutti in cucina!!!

(Preparatevi, poi, ad andare in palestra per smaltire le calorie!)

 

Comincerò con la famosa ...

 

TORTA DI COMPLEANNO

 

 

Ingredienti per il pan di Spagna scuro:   5 uova, 25 dag di mandorle,  25 dag di zucchero, 1 cucchiaio di farina,  1 bustina di lievito per dolci

 Preparazione: Mescolare i 5 tuorli con lo zucchero. Aggiungere le mandorle macinate, la farina ed il lievito. Amalgamare bene il tutto con i 5 albumi montati a neve. Versare nello stampo per torte ben imburrato ed infornare a 170° per 45 minuti.

 

Ingredienti per il pan di Spagna chiaro:  5 uova, 10 dag di zucchero, 10 dag di farina, 1 bustina di lievito per dolci, 1 bustina di zucchero vanigliato

 Preparazione: Mescolare tutti gli ingredienti come per la parte scura ed infornare (a forno caldo) a  170° per 35 minuti.

 

Quando le due torte si saranno raffreddate tagliarle a metà. Si ottterranno così 4 dischi uguali (due chiari più  due scuri). Inserire la crema fra ogni disco.

 

Ingredienti per la crema: 1 l di latte, 4 cucchiai di farina , 4 cucchiai di fecola di patate, 8 cucchiai di zucchero, 4 bustine di zucchero vanigliato

 Preparazione: Mescolare tutti gli ingredienti, per ultimo il latte caldo. Cuocere a bagnomaria .Raffreddare la crema ed aggiungere 25 dag di burro.

 

Ricoprire la torta con la glassa al cioccolato: 3 cucchiai di latte, 3 cucchiai di zucchero, 10 dag di cioccolato fondente e 8 dag di burro (il tutto sciolto a fuoco basso in una padellina).

 

               Alle nostre feste, non mancano mai i tradizionali ...

 BISCOTTI CASALINGHI

 

Ingredienti : 1 kg di farina, 3 uova, 40 dag di zucchero, 125 dag di margarina, 1 cucchiaio di strutto, 1 bustina di vaniglia, 1bustina di lievito, 3 dag di ammoniaca per dolci , 1 scorza  di limone

Preparazione :Scaldate il latte assieme all'ammoniaca. Aggiungete, sempre mescolando, tutti gli ingredienti fino a far  rapprendere un po' la pasta.

Formate con le dita dei biscottini lunghi e disponeteli in una pirofila imburrata ed infarinata in forno caldo a170˚  per pochi minuti, fino a quando non iniziano a dorare.

Per concludere, ecco una ricetta della mia arzilla bisnonna di Dignano che ogni due volte alla settimana va a giocare a carte con le amiche.

 

A  Dignano non ci si sposa senza gli

 AMARETTI

Ingredienti : ½  kg di mandorle macinate, 15 mandorle amare , 4 albumi, 40 dag di zucchero, 1 limone, 1 bicchierino di rum, 1 cucchiaino di cioccolata in polvere

 Preparazione:Mescolate tutti gli ingredienti in una pasta omogenea e formate delle piccole palline.Disponetele in una pirofila imburrata ed infarinata e poi in forno (caldo – 170°) per 10-15 minuti.

 


 

 DANIELE ČIKADA

Motto: Filosofo '94

 

Classe VI

Scuola Elementare Italiana Galileo Galilei Umago

 

 

Il brodetto istriano

 

Anche oggi, come tutte le altre domeniche sono andato a trovare  mia nonna. Spesso, quando mi presento a casa sua è molto felice di vedermi e mi prepara la solita cena, ma questa volta entrando in casa sentii un profumino nuovo, quasi speciale: il brodetto istriano. Mangiai tutto il piatto in fretta e  chiesi subito di riceverne ancora. Mi piaceva cosi` tanto che chiesi alla nonna se mi potesse dare la ricetta in modo che mia madre me lo possa preparare più spesso anche a casa. Allora presi un pezzo di carta e scrissi ciò che ia nonna mi dettava

 

Ingredienti: cipolla , aglio , prezzemolo , pepe e sale, salsa, calamari e seppie, scampi, scarpene, e per finire 3 cucchiai d'olio.

 Preparazione: si mette in una pentola l'olio d'oliva, si aggiunge la cipolla grattuggiata e un pizzicco di aglio,un po' di prezzemolo , un pò di pane grattuggiato , e poi si aggiunge la salsa di pomodoro. Sopra di tutto cio` si mettono i calamari, le seppie, i scampi, le scarpene e sopra dei pesci il pepe ed il sale, e si copre con un pò d'acqua fredda. Si porta all'ebolizione per circa 30min ed e` pronto per servirlo nel piatto. Consiglio a tutti quelli che vengono a trovarci qui in Istria di assaggiare questa prelibatezza.

 


NENSI TONCICH

Motto: Neni '94

 

Classe VI

Scuola Elementare Italiana Galileo Galilei Umago

 

 Un giorno vidi in cucina mia madre tutta indaffarata. Andava a destra a sinistra,avanti e indietro. Taglia di qua taglia di lá. Non si fermava mai. Appena aprivo bocca lei diceva: « non ora Nensi». Anche chiudendo la porta si sentiva quel buon odore.Un' odore che dovevo andare a vedere. Prima che io aprissi la porta si sentì mia madre che urlando disse: « venite tutti a tavola». Negli altri giorni io facevo sempre tardi a tavola ma quel giorno fui la prima. La prima cosa che feci era sedermi a tavola e la seconda... « mamma cosa ci hai preparato di nuovo?».Aprendo la pentola disse: « indovina». Subito capì cos' era. E diedi subito un bacio a mia madre.

Era il brodetto. Subito le chiesi la ricetta e cominciai a scrivere per poi poter far lo da grande. Lei mi disse:

«Tritare insieme una cipolla, qualche spigo d' olio e prezzemolo. Rosolare il tutto in una casservuola con l'olio di oliva. Aggiungere quindi le seppie taglite a pezzetti: e rosoarlo. Poi non bisogna farle attaccare, aggiungere l'acqua finché le seppie inteneriscono. Poi aggiungono le cannocchie e in fine i vari tipi di pesce che avevate pulito precedentemente. Lasciare a cuocere aggiungendo acqua e passata di pomodoro per circa 30 min. Per rendere il sugo piừ denso si

aggiunge un po' di farina e in fine la spremuta di limone. Poi si serve caldo con la polenta.» Mamma mia che piatto prelibato!

 


MAJA OKOVIĆ

Motto: *Bep*

 

Classe VI

Scuola Elementare Italiana Galileo Galilei Umago

 

 Un pomeriggio, dopo aver finito di scrivere tutti i compiti, chiesi a mia madre di insegnarmi a preparare le frittelle e i crostoli (bugie) perché questi dolci li aveva già preparati alcune volte per le feste o per qualche altro avvenimento. Dato che mi piacciono molto, volevo imparare a prepararli, così la prossima volta che li avrebbe preparati l'avrei aiutata. Mia mamma mi spiegò:«Ti servono 4 mele e queste mele le devi gratuggiare in una scodella. Poi nella scodella con le mele  metti 4 cucchiai di zucchero, uno yogurt, 10 (circa) cucchiai  di farina e 1 lievito per dolci. Se si vuole si può mettere anche dell'uva passa. Il tutto devi mescolare finché non diventa morbido. Dopo, in un'altra pentola devi scaldare dell'olio finché non diventa abbastanza caldo e con un piccolo cucchiaio metti dentro la massa e friggi. Poi, quando hai finito di friggere, puoi mettere qualcosa su queste frittelle. E questo è tutto per la frittelle.» E dopo io e lei mangiammò delle buone frittelle fatte in casa.

«Per preparare i crostoli  ti serve una scodella. Dentro devi mettere 4 uova (1 intero e 3 bianchi), 2 cucchiai di zucchero, 4 di olio, 4 di vino bianco, un pò di sale e della farina quanto serve (quanto basta) e il tutto devi impastare finché non diventa un pò duro. E dopo, per impastare meglio la pasta, la devi mettere su una tavola. Quando diventa abbastanza dura devi fare le forme dei crostoli, devi prendere un'altra pentola, mettere dell'olio dentro e aspettare finché non diventa caldo. Poi devi friggere i crostoli e dopo sono pronti.» Mi spiegò mia madre.

Quel giorno io e mia madre mangiammo  solo le frittelle, ma però lei mi spiegò lostesso la ricetta dei crostoli.

           

RICETTA PER LE FRITTELLE:

 4 mele, 4 cucchiai di zucchero, 1 yogurt, 10 cucchiai di farina(circa), 1 lievito per dolci, uva passa

 

RICETTA PER LE BUGIE:

 4 ouva (1 intero e 3 tuorli), 2 cucchiai di zucchero, 4 cucchiai di olio, 4 cucchiai di vino bianco, un pò di sale, farina quanto basta

 


 

ERIK FAKIN

Motto: Favoletta

 

Classe V

Scuola Elementare Italiana Cittanova

 

 In cucina con la nonna

 

Un giorno la nonna mi chiamò in cucina per darmi qualche consiglio utile.Stava proprio impastando i "fusi" e spiegandomi la ricetta mi disse: " Devi fare un buon sugo

affinchè i "fusi" siano buoni e gustosi. In una pentola devi mettere 1' olio con la cipolla tritata finemente che devi imbiondire a fuoco lento. Poi ci metti la carne e le spezie, rosmarino, salvia, sale e pepe. Dopo averla rosolata per un po' aggiungi un bel cucchiaione di concentrato di pomodoro e il tutto fai bollire lentamente aggiungendo di quando in quando dell' acqua." La nonna parlava e parlava, non si rendeva nemmeno conto che i "fusi" sotto le sue mani spuntavano come i fiori a primavera. Quel giorno a pranzo ci leccammo tutti le dita.

 


MORENO STELCO

Motto: Rio Bo

 

Classe V

Scuola Elementare Italiana Cittanova

 

 In cucina con la nonna

 

Sotto le feste di Natale la nonna prepara sempre dei buonissimi dolci. Siccome, durante le festività natalizie, sono a casa, mi sono ritrovato per caso assieme a lei in cucina a preparare "le frittole". È un dolce tipico del mio paese e la nonna vuole essere da sola quando lo prepara. A me vuole molto bene, perciò quel giorno mi ha dato il permesso di assistere alla preparazione delle "frittole". Ha preso della farina, alcune uova e delle belle mele rosse che ha finemente grattugiato; amalgamando il tutto molto bene ha aggiunto le nocciole arroste e tritate finemente, inoltre non ha dimenticato una manciata di uva passa.

L' impasto viene lasciato a riposare per un paio d' ore, poi vengono formate delle palline quasi tutte uguali rotolandole con le mani. Alla fine vengono fritte nell' olio bollente. Quando sono tutte fritte si dispongono sul vassoio e si spruzzano con lo zucchero a velo. Sono molto ghiotto di "frittole", quindi la nonna ne lascia da parte qualcuna in più per me perché spariscono subito.