motto  REFOLI                                                  Nik Apollonio, Maks Milovanović

        Classe IV Scuola Elementare Italiana “Pier Paolo Vergerio il Vecchio” Capodistria

                                                                                                                                       Insegnanti: Nicoletta Casagrande, Klara Klarič

"L’attività e il lavoro dei nostri nonni"

EL SALINER

Un pochi de noi muleti dela quarta clase gavemo deciso de adotar come nono il papà dela nostra maestra che el fazeva el saliner, cussì un giorno lo gavemo invità a scola e ghe gavemo fato una bela intervista.

Intervista a Celestino Bonin, salinaro preso le saline de Lera ( Sicciole ).

CELESTINO PRESO LE SALINE DE SICIOLE

 

1. Gavemo savù che voi salinari fazevi festa, xe vero, la ne pol dir qualcosa?

Iera due feste quela de San Dorligo il 4 luglio e il 15 setembre quela de San Giorgio. In ‘sti periodi se serava la campagna. Se finiva de lavorar sul fondi.

2. Cossa xe el lavor del saliner?

El saliner devi preparar i fondi, le verghe, i murari de inverno. Con el 15 de april se cominciava a conzar i cavedini col fango de mar. Dopo se ghe dava acqua che no i se rivi scaldar e se la gambiava ogni 4 giorni. Questo durava sicuro due setimane o fin che el teren vien verde. Co el teren xe verde xe segno che el fango se ga ben tacà per el fondo e no el va più via. Alora se devi lavar tuto con acqua de mar, se neta i canaleti, se cior el fango dela lida che el xe tenero e se lo buta sule verghe.
L’acqua de mar xe oramai pompada in vasca e de qua se ghe da acqua a tuto el fondo. Quando la ga 8 gradi se pompa via dai cavedini e la va finir in seconda. Se fa cussì fin che la riva a quei 10 gradi. Alora se mola via tuto e dopo se suga el fondo. Quando xe tuto suto se mola l’acqua dei secondi cavedini in tei primi perché l’acqua dai 10 ai 18 gradi la deponi gesso sul cavedin. Fina a che la ga 15-16 gradi te la pompi via 2-3 volte per setimana o fin che va su la gradazion. Quando ga l’acqua 10 gradi se comincia far i cavazai e se li bagna con quel acqua. Dai 20 gradi in avanti se cior acqua dela picia che la xe vicin del mar. Dopo se sera el calio e se la pompa de la terza. De 23 gradi in avanti no la magna più el sal ma la va in produzion. Co la ga 25 gradi la va in sal sul primo cavedin. Un giorno o due xe solo i primi quatro e dopo 4 giorni circa xe anche i altri .Dopo xe un cavedin al giorno.

Quando comincia el sal se devi butar el fioreto, levar, far i muceti, menarlo fora e scaricarlo sul piazal. Quando iera el piazal pien vegniva i omeni che lo carigava sul trenin che lo portava fino ala maona e con questa fino el magazin de Portorose. Questo iera un tempo e dopo iera el trator che lo carigava sui cami e questi lo menava in magazin.

3. Dove la fazeva sto lavor?

Mi lavoravo ale saline de Lera, per 15 anni. De fioi ghe iutavo a mio papà in Fontanige. Lui el gaveva la casa e el sal lo portava in casa.

4. La lavorava tuto l’anno?

Sì. De inverno se faceva i fanghi e se prontava i fondi, le verghe. Con el 15 de april ogni saliner se preparava el suo stabile.

5. Iera duro come lavor?

Sì, iera sai duro.

6. Gavevivo ordegni particolari?

Iera il, Gavero per levar el sal, paloto per cior el fango, la cariola prima e dopo carel per menar fora el sal, butazo per cior acqua dala lida. El butazo iera de lamarine tuto altro iera de legno per no rovinar i fondi.

7. Gavemo visto che xe ancora una casa, la sa de chi la iera, ghe ne iera de altre?

La casa iera de un che stava a Buie. Iera tante case. La prima iera dela famiglia Pilato de Piran. Le case iera per dei piranesi che iera in saline solo se mesi al anno. Con la Yugoslavia xe vegnudi altri.

8. Xe qualche anedoto divertente che la se ricorda?

No.

9. Come iera la vita in casa del saliner?

El saliner quando cominciava el sal, a casa rivava far poco. Ma ogni salinaro gaveva el suo campo.

10. Cossa xe un cavedin?

Là dove nassi el sal.

11. Iera anche done che lavorava in saline?

Le done ga sempre iutà in saline. Nele saline invece el saliner no podeva far senza aiuto e chi ghe vegniva iutar iera la moglie. Come operaie le done xe vegnude lavorar in saline con la Yugoslavia.

                               

LA SIORA A SINISTRA IN TUTE E DUE LE FOTO XE LA MOGLIE DE CELESTINO, LA MAMA DELA MAESTRA AL LAVORO NELE SALINE

 

PROVERBI:

El sal se fa d'inverno.

CURIOSITÀ:

El vento che sofia da sud-ovest ghe disevimo bava del carse o el nostro o scirocato come trovo cussì nasso perché iera un vento che non portava piova.

 

 

RUDERE DI UNA CASA DELLE SALINE DI SICCIOLE DISEGNO DI NIK APOLLONIO

 

 

 

 

 

 

 

 

LA NOSTRA MAESTRA QUANDO CHE LA IERA PICIA SU UN MUCIO DE SAL, XE LA MULETA A SINISTRA

 

 

 

 

 

DISEGNI A CARBONCINO DI MAKS MILOVANOVIĆ

UNA BELA IMAGINE DEL LAVOR NELE SALINE DOVE CHE IL SIGNOR CELESTINO LEVA IL SAL CON I TAPERINI AI PIE