Scuole  superiori

-        Lavori individuali –

-         Categoria " 1 "

 

Amina Dudine                  

Presidente della Comunità degli Italiani

“ Dante Alighieri “ Isola d’Istria 

riceve il premio per Sebastian Božič

 

1° PREMIO

 

Motto Teki 

Sebastian Božič

 

Classe III  

           Comunità degli Italiani "Dante Alighieri" Isola d'Istria

 

 

Motivazione: nel tema "Storia visuda in prima persona" l'autore esprime in modo spigliato la realtà vissuta direttamente dai famigliari. Amarezze subite che sembrano attualmente solo brutti sogni. Meritevole il linguaggio dialettale che rende il tutto verosimile e nello stesso tempo suscita l'impressione di assistere ad un melodramma.

 

VOI E L’ITALIA

 “L’Italia vista da oltre i confini”

 

STORIA VISUDA IN PRIMA PERSONA

 

Ierimo visin de Nadal del 2007 e par television i mostrava la cerimonia de “la caduta dei confini” tra Italia e Slovenia. Discorsi, festa, brindisi, granda alegria. Ben, go pensà, de un ano ormai no servi più dichiarar quel che se porta oltra frontiera. ‘Deso no servirà mostrar più gnanca la carta de identità o el lasiapasare. Meio cusì. El comento de me nona xe sta: “Iera ora! Finalmente podaremo tornar a quela che iera la vita una volta, quela vita che me contava me mama e me papà, quando che se podeva andar de Isola a Trieste ogni giorno, sensa problemi, sensa file, sensa che nisun posi distruser la dignità de l’omo”. Mi la go lasada sfogarse sensa capir masa. L’unica roba che me iera ciara iera quela che no gavesimo fato più file co’ le machine. Quel sì, specialmente durante la stagion turistica. Ma per el resto... e po, “distruser la dignità de l’omo”... Ma cosa la parla? – go pensà – Indove la ga trovà sta frase per meterla ‘deso intel discorso? Come pol una sbara “distruser la dignità de l’omo”? Intanto che ghe ragionavo su xe rivada a casa nostra me sia, la sorela de me nona, che oramai de tanti ani la vivi a Sistiana. Mi son ‘sai contento co la ‘riva parché tra ela e me nona xe duto un rider. Duto un parlar in isolan patoco. Le se vol un grando ben anca se le se stusiga in continuasion. Insoma sentirle xe propio un grando divertimento. Ghe vado incontro e la saludo. Anca sta volta la gaveva tanti regaleti par duti noi. Ela no la ‘riva mai man scorlando.

Naturalmente el discorso casca subito sula novità del momento: ‘la caduta dei confini’. Me nona ghe fa: “Ben, al confin i te ga mostrà un documento?” E ela ghe rispondi: “Sta bona! Iero là come una tonca, col lasiapasare in man a spetar che rivi qualchidun. Ma nisun me ga dà gnanca un poco de bada. No iera gnanca un polisioto in servisio. I faseva duti fraia. I beveva, i magnava e mi, là, a spetar come una sturla.”

 E me nona: “Ciò, monega, no te sa che in sti giorni i festegia la ‘caduta dei confini’. Ma cosa no te legi i giornai? No te vardi la television? Te devi propio rivar qua de mi a Isola par saver qualcosa? Vara che no te servi più mostrar nisun documento. ‘Deso anca noi semo in Europa a duti i efeti.”

 Volè che ve digo una roba? Me sia che la xe sempre piena de morbin, scoltando ste parole la se ga comoso e la se ga butà intéi  brasi de so sorela e le xe restade strucade par un poco de tempo.

A sto ponto no capivo più gnente. Duta sta comedia par una sbara che no xe più? Ghe faso: “Ma cosa ste la dute incucalide? Varè che cavando la sbara no gavè miga vinto ala loteria, eh?”

 Lore le se ga stacà, le me ga vardà e le me ga dito: “Picio, ti no te pol saver cos’ che gavemo pasà visin de quele sbare. Quanta paura, quanto baticuor, ma anca quanta vergogna, picio mio!” Paura? Baticuor? Vergogna? “Ma no ste esagerar, dai!” ghe faso. E alora, ofese, dopo ver salta sù dute do come do mate, un poco una e un poco l’altra le me ga verto i oci e le me ga contà robe che no varia mai imaginà.

NONA: “Tonco, cosa te vol saver ti che te ga ancora el late sui lavri. No te ga pasà quel che vemo pasà noi. Te devi saver che par Isola, ma anca par Capodistria e Piran, Trieste xe sempre stada una cità ‘sai importante. In dute le epoche. Campagnoi e pescadori andava in cità a vender duto quel che i podeva: verdure, oio, ovi, vin, galine, pesi, duto insoma, come che faseva anca to bisnono. Duto int’un boto no solo no se ga podù più far sto comercio, ma xe sta un groso problema anca pasar el confin. Per un periodo, pensa, che no se podeva propio andar a Trieste. Iera serade le frontiere. Ma anca quando che le iera verte iera una disperasion.”

SIA: “Te stemo parlando del periodo del Teritorio Libero de Trieste e de quel dela Jugoslavia. Co te ‘ndavi a Trieste, prima de duto te dovevi pasar la dogana. Se po te gavevi la pegola de trovar una doganiera, tanto pèso. Le done iera più cative. Le rivava de lontan, de solito dela Serbia. Se te ieri dona le te portava int’un sgabusin e là le te tocava duto el corpo, le te faseva anca spoiar, par veder se te gavevi sconto soldi o se te fasevi contrabando. Te devi saver che se podeva portar oltra solo poche jugolire e più tardi pochi dinari. Con quei soldi te rivavi a ciorte un cafè, un panin, o magari qualche gelato e pagarte la coriera de ritorno. Se te gavevi de più e te dichiaravi i te mandava indrio, se no te li dichiaravi i te li portava via.”

NONA: “Ma cónteghe anca de quando che se andava a trovar i parenti par qualche giorno. Quela volta iera ancora pèso. Se andava oltra co’ la valigia e la baba doganiera, ma anca el doganier, davanti dei altri tirava fora dela valigia duto quel che te gavevi drento: maiete, calse, scarpe, ma anca mudande e altre robe personali, tanto che se se vergognava come ladri.”

SIA: “Sì, ma co tornavimo indrio iera ancora peso, perché se gaveva la biancaria sporca e la finiva duta sul banco, davanti de quei che iera in fila prima e dopo de tì”.

A sto ponto ghe domando come che la fila podeva eser dadrio e anca davanti.

NONA: “Picio! Dopo de la dogana iera el polisioto che controlava i documenti. Ma a no se contentava de vardar se i iera validi, sa? A vardava anca quante volte che te ieri xa andà oltra in quel mese, e no doveva eser più de tre, e quanti soldi che te ‘vevi xa portà. Sta operasion i la faseva co’ la santa fiaca. No ghe premeva a lori. Cusì che anca davanti te gavevi una fila longa. Par questa procedura pasava almeno un’ora prima che la coriera vadi ‘vanti. Po’ te pasavi dela parte italiana. Là de solito le robe le andava meio, parché lori i controlava de più i citadini italiani.”

Mi go l’impresion che le me cioghi in giro, anca se le parla serie, sensa schersar come al solito. “Ma cosa parlè?” ghe digo “A mi no me ga tocà mai una roba de sto tipo!”

SIA: “Benedeto, ringrasia Dio che te son nato più tardi e che no te ga tocà le umiliasioni che ga dovù soportar la nostra generasion.”

NONA: “Fio mio, ti te son giovine e ultimamente ste robe, par fortuna, no iera più. Co xe stada la disgregasion dela Jugoslavia, e co l’indipendensa dela Slovenia, el pasagio atraverso le frontiere xe sta sempre più morbido fina a rivar ai giorni nostri che no le xe più. Ma noi no podaremo mai dismentegar quel che gavemo pasà.”

SIA: “Oh, ben, Lilia! Ti te pol propio star bona parché te ga sempre ‘vù un muso de ingenua e la te xe ‘ndada sempre ben. Te se ricordi come che te fasevi, no? Te se vistivi come una strasona, co’ le robe de butar via, le scarpe coi busi e de inverno te ‘ndavi sensa capoto. A Trieste iera duti i nostri parenti che gaveva lasà Isola nel periodo de l’esodo. Lori te ‘iutava a vestirte duta nova e ti, bel che pulito te tornavi a casa sensa che nisuna doganiera se podesi inacorser de gnente. Qualche volta te gavevi anca la facia tosta de meterte do, anca tre maie una sora de l’altra e magari anca do cotole e te tornavi sempre a Isola sensa problemi. Altro che mi. Se me vedeva subito a mi. I me becava in do e do quatro. No go mai savù far come ti, no go mai savù sconder.

NONA: “Sì, xe vero, a ti la te xe andada sempre sbusa. Mi co pasavo oltra con tanta sicuresa che mai nisun me ga fermà.

SIA: “Ma no iera sempre i parenti che podeva regalarne qualcosa. Tante volte dovevimo ‘rangiarse in altro modo. Me ricordo che volevo comprarme un per de scarpe e invese de gaver con mi do pacheti de sigarete, ghe ne gavevo quatro. I me li ga becai subito e... adio scarpe. Miga come ti che, duta spavalda te andavi la, te ghe svodavi davanti al muso duto quel che te gavevi in borseta. Cusì lori te mandava avanti, sensa vardarte in scarsela, indove che te tignivi le sigarete.”

De novo no capiso gnente. Cosa centrava le sigarete co le scarpe. Ghe domando ridendo: “Sia, ma cosa, se te fumavi de più i te regalava le scarpe?”

NONA: “Ma no! Te gavemo dito che no se podeva portar oltra soldi, però te podevi gaver con ti un chilo de carne, do pacheti de sigarete e magari anca un pacheto de buro. Ma se te gavevi  qualcosa de più i te sequestrava duto. Con sta roba o te andavi drito in botega e, come i povareti, te pagavi coi prodoti, opur te se fermavi davanti al Mercato Coperto, indove che iera sempre un per de strosini pronti a comprar, ma pagandote - come che se dir - un bianco e un nero. Più fortunai iera quei che ghe vendeva diretamente ai parenti. Vendendo carne, buro e sigarete se gavemo comprà anca la prima lavatrice.”

“Cosa, cusì poco la costava?” ghe domando.

SIA: “Maché poco! Se la pagava a rate. Ogni setimana – dato che no se podeva andar a Trieste più de quatro volte al mese – noi do e to nona andavimo a portar diretamente in botega carne, buro e sigarete par pagar una rata. In dodise mesi, cioè 48 rate gavemo saldà el conto. Ma recordete, anca se iera piova, forte bora, sol che spaca le piere o malatie, un pèr de noi doveva par forsa far el viagio fina a Trieste, parché bisognava tignir fede al contrato fato col negosio.”

“Che vita de cani ‘ara” ghe digo. “Ma... no sarà per caso... che voi che schersé sempre, me ste ciolendo in giro e me contè un mucio de bale?”

NONA: “Magari, picio mio. Quei iera tempi duri, anca se duti noi sercavimo de schersarghe sora, par no far pesar tropo sta dificile situasion. Credime che par noi questa iera diventada una spece de preson. In fin dei conti gavevimo duti i parenti fora “dele sbare” e par andarli a trovar dovevimo ciapar el permeso dei “guardiani”. Speremo che sti tempi no torni più e che posi sparir ancora altre frontiere, per render la gente parona de circolar liberamente.”

Vara là! In pochi minuti me nona e me sia, che de solito le schersa e le ridi, le me ga imparà la vita de una volta. Una lesion de storia contada con fati visui. Le xe stade cusì ciare che go capì duto sensa far fadiga. Par noi giovini xe dificile imaginar una roba del genere. No volaria mai dover viver in situasioni de sto tipo. Me auguro che in futuro la parola libertà sia precisa par duti i popoli del mondo e che i governi lavori de più a favor de la popolasion e meno de la politica. Finiso sto mio scrito co le parole che el Papa ga pronuncià propio in sti giorni: “La dignità dell’uomo non va mai messa in discussione”.

 

 

 

2° PREMIO 

motto Cielo 

 

Katia Jančikić

 

Classe II Ginnasio Scientifico - Matematico –

Scuola Media Superiore Italiana Fiume

 

Motivazione: lo scritto evidenzia in maniera chiara e diretta un modo di sentire comune a molti ragazzi e adulti nati e cresciuti in un mondo bilingue, che provano contemporaneamente la ricchezza e l'estraniazione di appartenere a due mondi allo stesso tempo 

 

L' Italia vista da oltre i confini

 

Pensando a come sviluppare questo tema, mi è venuto in mente un episodio di quando ero piccola: ogni tanto la mamma mi diceva di scrivere la lista della spesa perchè l'indomani saremmo andati „oltre“ a fare compere. La lista iniziava con il latte, per continuare con il „sir“, il sapone, i „keksi“, la marmellata e così via, in due lingue, simultaneamente! Andare „oltre“ significava semplicemente andare a Trieste, oltre il confine, in Italia.

Quello che intendo quando dico confine sono i valichi di frontiera tra i due Stati, perchè dal modo nel quale sono stata educata i confini sono per me solamente delle barriere fisiche e non mentali. Da piccola non mi era ben comprensibile il significato di quel famigerato “oltre” poiché là dove andavamo parlavo la stessa lingua che parlavo a casa, e per me non faceva nessuna differenza l’andare a Trieste o, ad esempio, in una qualsiasi altra città croata. Sin da piccola infatti, l’ Italia è sempre stata parte integrante della mia vita: la cultura, la mentalità e soprattutto la lingua sono quelle italiane, sebbene la mia casa e la mia vita siano a Fiume.

Non poche volte mi sono però chiesta perchè i miei genitori mi abbiano parlato in italiano e mi abbiano fatto frequentare una scuola italiana. Si potrebbe dire che avendo due lingue madri e essendo stata educata nello spirito di due culture diverse, io abbia due case, ma la verità è che mi sento diversa sia dagli italiani che dai croati. Ero tormentata dal fatto di sentirmi appartenente all’Italia ma di saper e di dover varcare una soglia per entrarci realmente. Per tante persone è strano il fatto che io parli due lingue, cosa che a me sembra la più naturale, e ciò mi fa sentire veramente diversa dai miei amici di Fiume. Non meno diversa però mi sento dai ragazzi italiani: quando ti senti diversa dagli uni, pensi per forza di essere uguale agli altri, ma le divergenze sono ancora più evidenti. Succede spesso di sentirmi dire “Ma come mai tu parli l’italiano a casa anche se non vivi in Italia?”,  sia dagli amici croati che dai coetanei italiani che ho conosciuto. Infatti, appena dopo aver conosciuto parecchi ragazzi italiani mi sono resa conto di parlare la stessa lingua, ma di vivere in una realtà diversa dalla loro. “Oltre i confini” si parla l’italiano, e non è cosa strana, ma dell’Italia si sente solamente sui telegiornali e alla televisione, e sono pochi i “veri” italiani che conosco.

E allora torno a chiedermi nuovamente, che cos’è l’Italia per me, per una ragazza che vive fuori dai confini del Bel Paese ma parla l’italiano e sente propria la cultura e le tradizioni di quel Paese?

Nell’immaginario collettivo l’Italia è sinonimo di pizza, pasta, moda, musica leggera o, più indietro nella storia, Dante, Boccaccio, arte rinascimentale e Roma imperiale, tanto per fare qualche esempio. Per me l’Italia non significa solo questo, ma molto di più, e cercare di spiegarlo, ma soprattutto capirlo, significa capire la mia stessa essenza.

Quello che sento mancarmi di più è il contatto con la vita quotidiana,  attuale, con la vera vita degli italiani D.O.C., dei ragazzi che vanno a scuola che hanno i loro modi di dire e i loro modi di parlare, i loro temi e i loro dilemmi.   

 L’Italia che io conosco la leggo dai libri e la vedo in televisione, come d’altronde potrebbe fare chiunque avesse acquisito sufficienti conoscenze della lingua, con la differenza che io mi sento molto più partecipe a quello che succede, senza però esserne coinvolta direttamente poiché vivo all’estero.

Gli italiani qui sono come un ragazzo che ha abbandonato la sua vecchia compagnia: si sente parte della nuova perchè ci convive ed è al corrente di tutto ciò che accade, ma si sente diverso. Tuttavia, volente o nolente, appartiene anche alla vecchia banda benché ciò che accade in essa non lo coinvolga direttamente. Ed è proprio questo l’Italia vista da oltre i confini: una compagnia alla quale si sente di appartenere ma la si guarda da lontano, con simpatia, con nostalgia anche, non solo necessariamente come un estraneo o un passante che non viene coinvolto nel vortice dei fatti e dei problemi ma anche come un nuovo possibile membro della sua comunità che ha tutte le porte aperte verso di essa.

Sarà che l’Italia è un paese in crisi, come dicono i giornali, che è sempre più difficile per la famiglia media “sbarcare il lunario” con uno stipendio, che gli italiani sono “così o colì” come vogliono farli apparire ma rimane sempre un gran bel paese, di gente aperta e comunicativa, con uno spiccato senso del bello e con un grandissimo patrimonio culturale e, non da meno, con sessanta e più anni di democrazia alle spalle da cui tutti hanno da imparare. Ed io, nel mio piccolo, guardandola e vivendola da oltre i confini, anzi, fuori dai confini dell’Unione Europea, mi sento confortata di avere acquisito, grazie ai miei geni, almeno una piccolissima parte della sua ricchezza e di poterla concepire come una futura meta dalla quale mi separa solamente un valico di frontiera... 

E non come una destinazione irraggiungibile. 

 

 

3° PREMIO

motto Primola

 

Ana Đorđević    

 

Classe  I a 

Scuola Media Superiore Italiana Fiume

 

Motivazione: la candidata, con finissima sensibilità, è riuscita perfettamente a descrivere i suoi sentimenti nei confronti dell'Italia e della cultura italiana, inserendo la sua Fiume nel più ampio contesto linguistico della Penisola confinante che ha avuto modo di visitare ed apprezzare. 

 

“COS’È L’ITALIA PER ME?  L’IMPORTANZA DI CONOSCERE L’ITALIANO” 

 

Con questo tema davanti mi viene spontaneo meditare sul tempo trascorso a Padova. Si risvegliano allora in me i più cari ricordi della mia infanzia che provocano profonde emozioni per la città e il paese in cui ho vissuto.

Durante il mio soggiorno percorsi tutta l’Italia in lungo e in largo, conobbi molta gente meravigliosa con cuore grande ed aperto, acquistai molti amici ed amicizie permanenti.

L’Italia e tutti i suoi abitanti mi offrirono il calore della nuova dimora e così mitigarono la mia angoscia per Fiume, la mia città natia.

Questo paese incantevole ha eccitato in me non solo l’amore verso il popolo, ma anche l’amore verso la cultura, l’arte, la musica e la letteratura italiane.

Quando tornai nella mia città amata, con la malinconia per Padova nel cuore, cresceva in me il bisogno di visitare l’Italia ogni anno.

Nel crescere, mi entusiasmavo dei suggestivi resti di una civiltà millenaria e ogni volta ripeto a Sara, la mia amica di cuore, di come l’Italia sia in ogni angolo della sua terra piena di storia e di arte, culla della civiltà di gran parte dei popoli moderni con i suoi monumenti culturali, i palazzi, le chiese ornate da pennelli della mano dei vecchi pittori italiani, i musei, i dipinti, le sculture, gli edifici di una mirabile bellezza e altre numerosissime opere d’arte inimitabili. L’antico s’intreccia con il moderno in un costante connubio che dona fascino particolare e unico.

Tutto ciò mi spinse a gustare, studiare e conoscere l’arte plastica e pittorica di sommi artisti italiani.

Le città italiane, inoltre, sono percorsi ideali per ritrovare il cammino dell’uomo nel campo della scienza, della tecnica, della creatività.

L’Italia è il ponte internazionale dell’Europa verso l’Africa e l’Oriente. L’antica arte degli italiani, la volontà di lavorare e di produrre in pace e armonia con gli altri popoli, li porta in tutte le parti del mondo dove sono ben accettati e rispettati.

Grazie al mio bisnonno, nella nostra famiglia si parla la lingua italiana.

Per dipingere è indispensabile conoscere i colori; per suonare, le note; per scrivere, le parole. La tavolozza dei miei pensieri e la tastiera delle mie idee è proprio l’italiano. Ogni parola, essendo lo specchio di una cosa, riflette una storia dell’uomo, una conquista del suo pensiero. Dunque, è la lingua che determina il nostro modo di vivere, il nostro modo di pensare e tutte le altre attività mentali.

Il mio amore per la città di Fiume ha determinato anche la mia vita perché mi fa felice sentire la gente che, passeggiando per la città, parla in italiano, una lingua dolce e musicale.

Quando ho finito la scuola media inferiore, non avevo dubbi. Sapevo di voler continuare a frequentare una scuola italiana, come oggi so di voler continuare a studiare in una delle università italiane.

Bisogna curare l’italiano perché determina colui che lo conosce, la sua storia e cultura, la mente, lo sviluppo spirituale e mentale. È la magia che ci permette non solo la comunicazione, cioè lo scambio di informazioni, bensì l’interazione sociale, i rapporti tra persone.

Infine, sono d’accordo coi miei nonni che da sempre mi ripetono le parole del famoso scrittore polacco Sienkiewick: “Ogni uomo ha due patrie – la sua e l’Italia”.

Il mio cuore batte con lo stesso ardore per entrambe le mie patrie e perciò devo cercare di prendere la strada giusta, aspettare in silenzio, ascoltare il cuore e andare dove mi porta.