Scuole Elementari individuali concorso 2014

 

1° PREMIO

  MOTTO ROSSO                                Anna Rosso  

Classe VIII Scuola Elementare Italiana “Vincenzo e Diego de Castro” Pirano

                                                                     Insegnante: Marina Dessardo

Motivazione: In un godibile dialetto veneto istriano si descrive l’incontro in cantina della nipote col nonno intento ad una di quelle attività che si tramandano di padre in figlio: costruire dei cesti intrecciando il “venco” o vimini. Da lì mentre la piccola impara l’arte, il nonno le racconta i suoi ricordi di gioventù sino a quando arriva al periodo in cui ad uno ad uno i suoi amici lasciavano tutto per andare via…  uno strappo insanabile, un dolore ancora vivo che il nonno cerca, vanamente, di mascherare agli occhi della nipote accusando un provvidenziale  “moscolin”.  

 I nostri veci ne conta 

Quando se parla de ricordi, va sempre de mezo me nono. E con che piazer e entuziazmo el me conta storie. Sopratuto nei mesi autunali e invernali el tempo che se pasa in casa xe più longo. Un dopopranso, o meio, una sera de febraio, quando faseva za scuro, andando zo per le scale che le porta in giardin, go visto una luce che vigniva fora de una fisura dela porta dela cantina. Me son visinada e go visto che dentro iera qualchidun. 

Alora son entrada. Iera me nono che stava fasendo saine de venchi. Ghe go domandà se podevo anche mi provar a intrecciar le saine. El me ga lasado far, però dopo gaverme dado sugerimenti. Lu el ze de quei pignoli che el vol che le robe le sia fate come se devi. Con nono go imparado tante robe e go pasado tanto tempo con lu quando che iero fiola. Con lu go fato i primi pasi, le prime pedalade sula bici, go imparado a leger le ore del'orologio, disegnar, ecc. 

Zo in cantina se stava propio ben. E come sempre nono ga incominciado a contarme de quando che el iera picio. Quando so papà  faseva le saine lui, come mi, el voleva provar a farle. El risultato xe che ogi lui le sa far. 

La storia però ciapa un altro verso. El me ga contà come de picio el xe restado con pochi amici perchè in quei ani, periodo de esodo, tanta gente de le nostre tere la ze esodada in Italia. Rivava un camion davanti la casa e se cominciava a caregar. Prima l'armeron, dopo el leto, la tavola e le sedie, la vetrina, el spacher, le pignate e po' i ninsioi e tuta la biancheria. Visin, a controlar cossa i caregava iera un polisioto che ficava le man un poco per tuto, per controlar che noi portassi via roba che no se doveva.

Forsi soldi o oro, insoma roba de valor. De un giorno al altro ghe iera sempre meno paesani.. Le case restava zvode, ma per poco. Lu, che abitava in centro de Strugnan, el vedeva 'sto movimento ma nol capiva ben de cossa se tratava, anche perché a quela età, el gaveva undise anni, te basta una bala de strassa e de bisiga de porco che te son contento. Cusì in do ani, sensa acorsese, de amici ghe ne xe restadi propio pochi. 

Dopo l'esodo xe rivadi altri fioi che i xe diventadi presto amici ma no iera lo steso come quei che iera andadi via.

Durante el raconto, me son acorta che nono, in do ocasioni, se ga un poco incogna e anche l'ocio se ghe ga inumidì. Mi ghe go fato capir che me iero acorta, ma nono nol ga voludo ameter, dizendo che ghe iera andado un moscolin in tel'ocio.

 

2° PREMIO

  motto ALBERO 3                           Gabriella Baković  

 Classe VIII  Scuola Elementare Italiana “Gelsi” Fiume

                                                                      Insegnante: Ksenija Benvin Medanić

Motivazione: Il nonno racconta la sua vita da ragazzo nell'Albona appena uscita dalla guerra, avventure piene della voglia che hanno i giovani di divertirsi con poco, il resoconto strappa spontanee risate in chi legge, ma il giovane nipote ci rimette in riga dicendo "Ma i vivi dove sono?" dopo aver segnalato l'attuale stato di degrado di molte case, una volta piene di vita ed ora desolatamente vuote. D'estate si popolano di turisti, d'inverno c'è soltanto il vento che spazza le vie deserte.

I nostri veci ne conta 

El mio nono Luciano de Albona me ga contà:

 "Era tempi duri quei del dopoguera. Non ghe iera la television e el computer e ste robe odierne, ma noi fioi se la spasavimo ben anche se era la fame nera. Con el bel tempo ierimo sempre fori, giogavimo, facevimo dispeti, ma anche dovevimo dar una man ai genitori, far qualche lavorin come spacar e segar legni ai vicini, andar a racoglier pigne per acender el fogo, andar a racoglier trifoglio e erba per i conigli, perché povereti se li mangiava. De altra carne non ghe ne iera che in campagna.

              In quei ani iera i pechi, marangoni, fabri, calzolai, barbieri, muradori, scalpelini e a noi ne piaseva guardar come i lavorava. Ai pechi ghe andavimo prender vin e carne per merenda e così se sfamavimo anche noi e i ne lasava far pan. Al Sior Angelo, el barbier, ghe facevimo dispeti. Con el speceto rifletevimo la luce del sol sul suo specio in bottega e lui non poteva lavorar con el rasoio col faceva la barba ai omini. El ne zigava:"Andè via, vedè che non poso lavorar!", ma noi continuavimo. Un giorno el mio amico Albino xe andà dal Signor Angelo a taiar i cavei e lui se ga vendicà, e el ghe ga fato una riga con la machineta. In metà della testa el xe sta rapado e alora noi per solidarietà se gavemo fato rapar e ierimo come i scolari del convito dela scola croata che poveri i doveva eser rapadi per via dei pedoci.

                  De estate andavimo a far bagno a Rabaz e per tornar a casa a Albona se rangiavimo con i camion che portava le proviste per le boteghe. La roba veniva con el bragozo a Rabaz. Sti camion i portava anche oio in boti de fero senza el tapo e sicome el camion scasava el oio sprizava fori così che un giorno Ucio era tutto sporco de oio.

                  Gavevimo pistole scaciacani e con queste sparavimo le vicine. Andavimo imprestar sal o altro e così la povera Signora Maria quando ghe batevimo ala porta la domandava:"Chi xe?" e noi disevimo:"Son mi, el fio de Siora Lucia, se la me pol imprestar un poco de sal?" "Sì, picio mio, sì", e quando la apriva la porta noi ghe sparavimo e ela la zigava:"Aiuto Piero i me maza!" , e noi via ridendo come mati.

                    Una Domenica dopo la mesa el mio amico Adriano gaveva la giaca e braghe novi. Noi giogavimo in stradon e xe venudi due polizioti croati con un bel can lupo e i ne ga deto in croato:"Fioi chi vol che el can lo trovi deve corer giù fino in fondo dela pineta e arampigarse su un albero". Noi non sapevimo ben el croato e Adriano se ga fato avanti. Lui ga capì de sconderse soto el albero. I "milzioneri" ga molà el can che seguiva le trace e dopo un poco gavemo sentì urlar: "Aiuto, aiuto!". I "milizioneri" se ga spauridi e i xe andadi corendo giù e i ga trovà el can che teniva con i denti Adriano per la giaca e le braghe. Lui non lo ga rosigà, ma sicome Adriano se dimenava morto de paura ghe ga sbregà la giaca e le braghe nove. Potè imaginar che bote che el ga ciapà de sua madre, povero.

                 Là da noi in Albona iera prigioneri tedeschi della II guera mondial, i viveva in case private e i lavorava in miniera. Iera el Friz e un giorno el ga domandà al mio amico Albino un coniglio e el ga deto: "Tu prestare a me un cuniglio, io afere cuniglia e io fare raza".

Un giorno iero prender late con el pignato e i più grandi me ga mandà dal Signor Bobon a prender fiamiferi in "Apalto". Bobon però ghe iera el sopranome, ma mi questo non sapevo e ghe go deto: "Signor Bobon la me dà una scatola de furminanti?" e lui ga incomincià a urlar in modo inarticolado perchè el iera muto e me minaciava con un baston; mi dala paura go lasà per tera al pignato con el late e son vegnudo a casa senza pignato e senza late.

                De sera d'inverno con un fredo cane e con el scuro dovevo andar a prender la cena in mensa per la Signora Tonina. Mi gavevo paura dele strighe perché Nicolino me gaveva contado che là dala spina el gaveva visto done che balava e cantava e con la man lo gaveva ciamà de venir da lore. Mi ero morto de paura e per non andar in mensa me metevo in leto, ma la mama me faceva alzar e dovevo andar perchè iera miseria e la vicina Siora Tonina ne dava qualcosa de mangiar per i servizi che la mama ghe faceva.

               Xe ancora tante de ste storie, ma ve le raconterò un'altra volta, come quela che nele noti de estate prendevimo lenzioi, se avolgevimo e così impaurivimo le done che lore le credeva de veder fantasmi."

               Trascorro l'estate ad Albona nella casa della "non vecia", cioè la mia bisnonna da parte materna. È la casa nella quale è cresciuto mio nonno Luciano con sua sorella Gianna. Ascoltando e raccontando questi ricordi sembra quasi impossibile che soltanto una sessantina di anni fa la città vecchia di Albona fosse stata così animata e piena di vita. Le calli e le case, molte delle quali purtroppo crollate, sono oggidì quasi vuote. D'estate si popolano di turisti, ma d'inverno vi regna il vuoto e la solitudine, c'è soltanto il vento che spazza le vie deserte.   

             Mi ricordo di un sogno che mi ha raccontato mia madre. La casa della nonna era vuota, troppo vuota e c'era la poltrona nuova di mia mamma, vuota. C'erano gli inquilini di una volta che vi riposavano, voci che si chiedevano: "Ma i vivi dove sono?"

 

3° PREMIO

   MOTTO EL MULO FIUMAN              Lucas Skerbec  

  Classe V Scuola Elementare Italiana “Belvedere” Fiume

                                                 Insegnante: Roberto Nacinovich

Motivazione: Intrigante lo svolgimento reso a dialogo tra il nonno e il papà del nostro “El Mulo Fiuman”, battute frizzanti snodano la vita divertita di un simpaticissimo nonno che, da picio e in gioventù, ne ha combinate di tutti i colori e, che ora, con quella saggezza guadagnata nel tempo, rivolgendosi ai nipoti, può rendersi maestro di morale nel ricordare che “non convien dir buzie”.

 I nostri veci ne conta

            I miei nonni a ottobre festeggiano il loro compleanno. In tale occasione si riunisce la nostra numerosa famiglia e mentre pranziamo, i miei genitori e i nonni parlano delle varie storie che sono accadute tanti anni fa e noi nipoti curiosoni ascoltiamo con attenzione di cosa parlano. Mi ricordo di una parte del discorso dell’anno scorso tra il nonno e il papà che si svolse così:  

il nonno: - “Ma ti eri birichin quando ti eri picio, ti me combinavi sempre qualche  guaio! Dovevo star atento de ogni passo che ti fazevi! 

il papa’ : -“Mi birichin? Mi ero un angelo! Invece ti de picio, quando i bombardava Fiume durante la guera, ti scampavi sempre dal rifugio e ti guardavi come casca le bombe dal ziel! Ti eri una furia!”  

il nonno: -“Ma chi te ga deto questo?” 

il papa’:  -“Miga go inventado la storia. Me ga tuto deto la nona! Ma xe altro! La me ga deto anche che quando ti eri mulo, Nereo, Renato e ti scampavi in moto de un polizioto che ve voleva fermar a Preluca e che con una camisa gavevi nascosto la targa che non ve possi scoprir!”

 il nonno: - “Ma lassa star, era bei tempi. A Fiume, subito dopo la guera era poche moto, e el mio amico Nereo era un bravo mecanico che xe riuscido a riparar una vecia moto dei tedeschi, gia' butada in scovaze. Ma non erimo miga cativi. Forsi un poco vivaci.”

 Il papa’:- “Invece conta dai nipoti quando ti ga dimenticado de scriver el compito e che ti gavevi inventado la scusa dela storia del cucal che xe passado e che te ga sporcado proprio la pagina dove ti gavevi scrito el compito e che per salvar el quaderno ti dovevi butar la pagina con  el compito.”

 Il nonno: - “Eco bambini, spero che gave 'capido che non convien dir buzie, che prima o dopo se scopre chi le dize.”

 Mi ricordo anche che mio nonno scherzava, parlando della via Laginjina in Belvedere, dove una volta viveva mio bisnonno, gia' Via della salute, anche se con la salute non aveva nulla in comune, perché’ non era asfaltata, e quando passavano i carri si alzava tanta di quella polvere, che i pedoni non potevano nemmeno respirare e i vestiti erano tutti grigi e pieni di polvere. Diceva scherzosamente che dovevano chiamarla Via della polvere.

 Ma non tutte le storie che ho sentito erano allegre. Un racconto molto triste del quale si parlava a pranzo e del quale mi ricorderò sempre, aveva come protagonista il mio bisnonno, la prima volta che mangiò un vero pasto,era appena a diciotto anni,quando finì in Marina militare italiana, perché’ da piccolissimo, come ragazzino, era rimasto senza padre, e la sua piccola famiglia senza soldi, povera e abbandonata. Per pranzo, molto spesso il bisnonno, ancora ragazzino come me, per poter mangiare un pasto, era costretto cercare sulle spiagge di Pecine le alghe, le conchiglie e i frutti di mare .

 Le storie che i nostri veci ne conta zerte volte xe interesanti ma tante volte anche noiose. Quasi sempre le comincia con me ricordo e le finisse con che bei tempi che era una volta. Un giorno, tra qualche ano, anche noi raconteremo storie simili.