CONCORSO MAILING LIST HISTRIA– Elementari – Lavori individuali  – Categoria “ a “, sottocategoria “ 1 “ ANNO 2013

 

1° PREMIO

 

motto  LA VECIA                               Elen Zukon Kolić   -   Classe VIII - b

                                                      Scuola Elementare Italiana “Giuseppina Martinuzzi” Pola

                                                      Insegnante: Susanna Marsi Svitich

Motivazione: Il racconto dei nonni illustra in uno schizzo quasi color seppia la vita d'altri tempi, faticosa ma felice, impensabile oggi ma sognata come ineguagliabile esempio di comunicazione e comunione di intenti. Il dialetto aggiunge pepe alla descrizione e la nostra Elen dimostra di padroneggiare bene il dialogo e le battute oltre a partecipare con vero interesse al recupero della memoria.

I nostri veci ne conta           
Venerdi prima dele Palme 

Caro diario,

Ogi iera l'ultimo giorno de scola prima de Pasqua. Tuti ancora del Ano Novo i parla de sta roba. Son contenta che no xe scola, però i me ga incarigado de compiti per le vacanse. E quando me riposo mi? Sicome, apunto, presto xe Pasqua, per scola go de far un compito su come i mii noni se divertiva per Pasqua. No go tropa voia de far sta roba perchè lori per contarme i anderia in lungo e in largo e a mi me anderia de una orecia dentro e del altra fora. Ma quel che se devi far, se devi far. Pasiensa. Domani vado dei noni e ghe faso ste domande. Tanto i vivi nel steso quartier come mi.

 Sabato prima dele Palme

 Caro diario,Ogi iero dei noni. Co son rivada de lori, nona me ga porta l'ovo de Pasqua bel grande che lo verzo. Mi ghe go dito che speterò Pasqua perchè no saria la stesa roba. Se no per Pasqua cosa faso? Verzo el Kinder ovo?! Questo po no!  
Li go interogadi per quel compito de talian e go tuto filma sul telefonin. Come nei film. I iera un poco sorpresi che a noi a scola i ne da ste robe de far per compito, ma lo steso i ga deciso de contarme quel che me interesa. Ga comincià nona:      «Sta gioventù de ogi! Ti te lamenti che ti ga ferie tropo curte, ma cosa dovevimo dir noi che restavimo a casa solo due giorni, per Pasqua e Pasqueta? Voi almeno gavè una setimana intiera.»    

«Ma no sta pensar che noi fasevimo una grande festa per Pasqua. Vivevimo in paese e ierimo poveri. Sta roba che te conteremo xe roba de setanta - setantacinque ani fa. No xe miga de ieri, e!» - ga dito nono.        

«Sì, sì, capiso, ma moveve perchè go poco tempo. Devo ancora andar in una botega che i sera presto.»

«Va ben, va ben. La matina de Pasqua i fioi andava tuti bel vestidi in piaza per spetar i parenti. Finchè spetavimo, confrontavimo i ovi de Pasqua che gavemo ciapà. Se lodavimo chi gaveva quei più coloradi o più bel decoradi. Quela volta non iera ovi enormi de ciocolata, con la sorpresa dentro. Per voi fioi de ogi xe impensabile pasar la Pasqua come la pasavimo noi. La gente no iera tanto superficiale come ogi. Quel che contava veramente iera pasar el tempo insieme e de pasarlo el meio posibile, anche solo riposando. Perchè i altri giorni se lavorava, no iera miga scherzi, eh! Se lavorava el dopio de oggi, senza lamentarse, e se guadagnava de meno, circa come ogi nei paesi aretradi. La gente iera contenta, nonostante la vita dificile. Stago parlando de oltre setant'ani fa, picia mia. Dove ti ieri ti quela volta!»       

«E cosa ancora de interesante o divertente fasevi?»

«Ciamilo divertente portar le vache al pascolo e dopo smonserle ...»         

«Come, anche per Pasqua? No ti ga dito che ve riposavi quel giorno?»     

«Iera un giorno de festa, ma no come Nadal. La diferenza iera che se andava, tuta la famiglia insieme, cioè bisnoni, noni, genitori, fioi, zii e cugini, a mesa de mesogiorno. Dopo la mesa tuti insieme tornavimo a casa e le done faseva el pranzo un poco meio del solito.»     

«E cosa le prontava? Pizza? Lasagne col ragù e formagio? Taiatele?»       

«Sì sì, solo ti sogna. Iera qualche patata in più che per i giorni de lavoro opur, se ierimo fortunadi e i veci de casa iera de bona voia, se faseva fora una galina grosa e qualche loganiga bela e grasa. Dopo el pranzo, se gavevimo ancora posto in panza, iera la crostata e la andava a ruba, anche se ierimo pieni del pranzo. Nanche 5 minuti dopo che la vegniva posada sul tavolo la iera sà sparida e tuti i domandava l'inesistente repete ...»      

«E cosa fasevi dopo?»

 «Dopo el pranzo, noi fioi andavimo fora casa a giogarse e i veci restava in casa, a lamentarse che tuto ghe va storto. Noi però prima de andar fora a papà ghe spilavimo qualche soldin de mesa lira dela scarsela, senza che'l se acorgi, se nò gavesimo becà legnade. Quele si che le faseva mal e no iera de schersar ...»       

«E cosa fasevi dopo con sta moneda?» - go domandado a nono.   

«Uno de noi, el più coragioso, tornava in casa e ghe rubava a nona qualche ovo che ghe serviva per la titola, un dolce che me piaseva più de nesun altro simile. Spetavimo in cortil un poco de tempo che torni el picio che xe andà a procurar i ovi. El picio tornava o tuto contento con i ovi, o con le lagrime perchè la nona lo ga scoperto po el ga ciapà legnade col cinturin de papaci.» - me ga risposto el nono con un semisoriso causado dal ritorno dela dimenticanza veci ricordi credudi persi per sempre.    

Iero tanto curiosa che go continuado a interogar el nono e non me go acorto che fora se stava fasendo scuro e iera tempo de tornar a casa. Iera però qualcosa che me impediva de tornar a casa: la grande curiosità de saver come finiva la giornada de Pasqua, l'incanto che provavo finchè mio nono me racontava dela sua infanzia coi oci lucidi e la nona che ogni tanto agiungeva qualche comento sul tema.  

«E cosa fasevi coi ovi che portava l'amico?»

«Indovina!»

«Ma dai nono, no sta ciorme in giro! Dime, dai. Me interesa.»       

«Vaben, alora te digo: cioghevimo un piatin, se spostavimo un tre metri circa de lui e butavimo sti soldini nel piatin. Chi gaveva più soldi nel piatin, gaveva el dirito de ciorse ala fine più ovi.»

«Voi risciavi tanto de becar legnade e solo questo iera el divertimento? Mah, capirve però ...»   

«Ma no, dopo con sti ovi fasevimo la guera. I iera cusinadi e cusì se li spacavimo uno al altro in testa, senza farse mal. Chi restava con più ovi intieri, gaveva vinto e chi gaveva i cavei più sporchi gaveva la testa più dura perchè ghe se ga roto più ovi in testa.»        

«A nono, nono! Ti disi per mi che son indiavolada e vara cosa fasevi voi co gavevi la mia età. E cosa sucedeva dopo?»           

«A iera xa le sei de sera po iera scuro. Tornavimo in casa e i nostri parenti se saludava. Noi ghe ficavimo le scorze dei ovi che gavemo magnà ale done nele scarsele e imitavimo i veci che se saluda. La casa se svodava e noi fioi ne spetava le ramanzine e le legnade...»       

«Perchè? Cosa gavè fato de mal?!»  

«Ma niente, niente. Monelerie e dispeti vari che adeso no me ricordo.»    

«No ti te ricordi per vero o no ti vol dirme per non darme le idee?»          

«E uno e altro. Te digo che noi ierimo tanto indiavoladi. Riusivimo a divertirse anche senza ste vostre diavolerie che nanche non ghe so el nome. Come se ciama? Conducter e Intermat?»

«Ma no, nono... Computer e Internet, ma non fa niente, non ga importanza. Ti ga ragion che iera meio senza, co ti ieri giovine.» - go concluso con un poco de invidia per la storia de nono. Ala mia generazion, compagnia e amici, non sucederà mai de divertirse in questo modo...     

Pecà che non vado più speso dei noni. Riuscirio a viver con i sui raconti quel che a lori ghe xe capità per vero ...

 

                                                                                                                                                                            2° PREMIO

 

MOTTO   MACACA                                  Miriam Herceg   -   Classe VIII - a

                                                        Scuola Elementare Italiana “Gelsi” Fiume

                                                        Insegnante: Ksenija Benvin Medanić  


Motivazione: Un gruppo di famiglia in cui tutti sono simpatici: la nonna, la nipote, il gatto. Grazie alla eschezza del dialetto, rivive un gustoso quadretto che si potrebbe inserire in una commedia all' italiana! L'autrice rivela una penna felice.

Cara Lola, 

          ogi la nona me ga contà del suo gato.

La lo ga trovà un giorno piovoso, la lo gaveva lasà entrar in porton, prima de andar lavorar. Quando la xe tornà, però, lui era ancora là.  Alora la ga deciso de prenderlo.

  Prima de tuto la xe andà in farmacia prender qualcosa contro i pulesi, i ghe ga dà un spray. Poi la xe andà in lateria comprar pan e late, e sicome lui ghe dormiva in brazo, la ga lasà che la comesa ghe meti la roba in borsa e che la se paghi sola prendendo i soldi dal tacuin de la nona.

Quando i xe ariva a casa, la lo ga sdraià, poi la ghe ga scaldà late e infine la lo ga meso in una scatola de scarpe coperto con straze de flanela. Sicome el era talmente rafredado, invece de miagolar "miao miao", el faceva "mao mao". Così i lo ga ciamà Mao.

El Mao, come la nona me ga deto, el gaveva le orece come una lince, apuntide ma con peleti sula punta. El gaveva colori interesanti. Almeno secondo mi; grigio, bianco e nero misiadi.  Le zatine ghe era bianche e sul peto el gaveva una macia bianca che sembrava un bavaiol.  Un vero figurin, insoma.

Comunque, la nona me parlava del fato che ‘sto gato, non magnava pesi crudi. Ti se pol imaginar, Lola? Un gato che non magna pesi crudi.. non esiste! I lo doveva pregar per farlo magnar un peseto, che poi doveva eser frito e senza el spin. Però  ghe piaxeva capuzi garbi.

Ma non xe l’unica straneza de ‘sto gato, dixe la nona.

Dala sua storia go capì che el Mao, quando el andava fori in balcon, invece de divertirse a farghe ciapar paura ai ucei, lui li incitava a volar. Per non parlar dela pasta.  Niente pasta senza formagio gratado de su. E poi la pasta doveva gaver molto sugo. Per ciamarli, lui cercava de parlar. Se el dixeva a-à, voleva dir papà. Se invece el faceva a-a, era mama. Dopo i sui dieci ani circa, el ga comincià ciamar la nona ma-ca-ca.

 Ela ghe dixeva sempre: "Ti ti son l’unico che me dixe in viso cos’ che son."

El nono invece me ga deto che ogni volta che lui entrava in casa, el Mao, puntualmente, ghe saltava adoso. Una volta el xe anche cascà, ma el gato non ghe ga dà peso, el ga preferì continuarghe lecar el viso.

Ghe piaxeva tanto ‘gratarse’ le unge sule braghe de jeans. Quando la nona andava lavorar, el Mao entrava in stanza de la mama e de la zia e el ghe se meteva dormir sui piedi, infondo del leto. De sera, co se guardava la television, lui era sempre presente, e se era qualcosa de balo, lui se meteva saltar per tuta la camera.

Sta bestia che doveva restar con lori un paio de giorni per riprenderse, la xe rimasta ben quatordici ani.

Ti sa, Lola, anche se non lo conosevo, sto benedeto gato, credo che el me saria sta abastanza simpatico. 

           Me sa che ghe domanderò ala nona de contarme qualche altra storia.

Credo che la mia nona sia nata per scriver e contar storie. Pecà che non la se ga dedicà a questo campo.  

Adeso te laso, me xe vegnù voia de un pomo.  

Ciao Lola, a presto.

 

3° PREMIO

 

motto  CHIOMA RED                       Anna Rosso   -   Classe VII

                                        Scuola Elementare Italiana “Vincenzo e Diego de Castro” Pirano

                                                    Insegnanti: Marina Dessardo - Romina Križman

Motivazione: In un dialetto godibilissimo si rievocano i tempi belli in cui le saline di Strugnano erano pulite, ben frequentate e godute dai ragazzini scalzi. Vengono evidenziati episodi curiosi degni di una novella con Calandrino e Buffalmacco che generano una sonora risata nel lettore. Vivaddio.

NOSTRI VECI NE CONTA           

Xe tante le storie che nono me conta sempre. El conta de quando el iera picio e el stava visin le saline de Strugnan. Le saline iera el suo logo più bel per zogar. Insieme ai sui amici el andava a ciapar masinete (granzi de saline) che dopo so mama la faseva sguaseto (sugo) per tociar la polenta per sena. Dele volte invese el andava per la roja a ciapar con le man guati zali, paserie e bisati. El conta che ai sui tempi se podeva caminar discalsi anche per la roja, perché no xe come deso che xe tuto pien de vetri e strafanici che te taja le gambe.     

Una volta che el xe andà a pescar insieme a so fradel el me ga dito che el ga visto un pesecan che se visinava ala barca. So fradel ga ciapà i remi in man e el ga comincià a vogar verso el pesecan, mio nono invese el ga ciolto l'ancora tacada ala resita (corda) pensando de tirarghela al pesecan, ma rivadi visin, tuti do, vedendo 'sta bestia cusì granda, i ga ciapà paura, i se ga sconto in barca e i se la ga fata quasi in braghe.      

La storia più interesante che me xe restada impressa xe el raconto de un fato capitado in saline. D'estade, quando le maone (barche) vigniva a carigar el sal, iera come una festa. Iera un monte de gente che lavorava, che caregava i vagonsini de sal con i muci ingrumadi tuta l'estade. I vagonsini careghi i vigniva sburtadi per l'arsine fina la maona e po' svodadi dentro. La mularia de Strugnan ghe piaseva saltar su e zo dele maone. Un de 'sti qua, che no iera gnanca tanto picio , el gavarà vudo sui disoto ani, saltando de qua e de là per la barca, el ga falà un paso e el se ga trovà in stiva sora el sal. Un poco imatonì, el se ga alsà e vedendo che i sui amici lo vardava e i rideva el ga dito: «Ma varda ti, che ghe gavesi tocado a un mona, ma propio a mi!»