8° Concorso Letterario ML HISTRIA 2010

Sezione A

Temi premiati

 

ML HISTRIA – Elementari – Lavori individuali  – Categoria “ 1 “ :

 

 

 

1° PREMIO

                       

 

Sara Resanovič Bevitori 

 

   MOTTO CHANEL 2

 

Classe IX novennale

                                                                                         Comunità degli Italiani “Dante Alighieri” Isola d’Istria

 

  Motivazione: una bella invenzione, un tema scritto in un godibile dialetto istriano, quella che ci giunge da Isola d’Istria. Un tema  in cui la nostra “Chanel” fa parlare in prima persona la sua gatta  che da “  picio batuffolo “ sopravvissuto alla cattiveria umana, grazie alle cure e all’amore della sua famiglia, saprà giustificare pienamente il nome Tigre.

 

 

Raccontaci una giornata con il tuo animale preferito

 

OGI FASO DIESE ANI

Ah, che giornada che sarà quela de ogi: importante e impegnativa! Pensè, ogi faso diese ani.

Eh, so, i xe tanti! Oramai son pitosto veciota, go sintì dir che se fusi una dona ghe ne varia sinquantasie de ani e che staria combatendo contro le rughe, pastrociandome con creme e beleti. Sì, ma spetè, me go desmentegà de dirve che mi son un gato, ansi una gata, ancora bela e piacente. Esendo femena son anca mi vanitosa e me lico el pel più volte al giorno. Ogi naturalmente più dei altri, perché voio eser in duto el mio splendor per el mio compleano. Me ciamo Tigre. Ogi so che la mia paronsina, ma anca duta la parentela, me farà una granda festa. Ciò! Diese ani xe un bon traguardo anca per un gato. Però, credeme, anca per noi gate i ani cori 'sai svelti. Ma se penso ala mia triste storia, poco dopo eser nata, alora me sento tanto fortunada.

 

No so indove che son nata, so però che me mama, oltra che mi, la gaveva meso al mondo ancora altri tre mii fradelini. Imaginè che el mio primo paron ne ga ciapà duti quatro, a ne ga fracà dentro de un sacheto de plastica che po a ga serà ben ben e a ne gà butà in scovason. Se digo che a iera un mostro, me par de farghe un complimento. Una siora, portando le scovase in sto scovason la me ga sintì miagolar. E sì! Purtropo miagolavo solo mì, perché i mii fradelini i iera oramai pitosto mal messi. Sta signora, sintindo el mio lamento la ga ciamà David, al fradel dela mia paronsina, che a giogava là visin. Iera un scovason pitosto grando e sto fio, che mi ancora no conosevo, a ga dovù vignir dentro per trovarne e tirarne fora.  Dopo a ne ga portà duti quatro a casa sua e so mama, con tanta pasiensa e delicatesa la ne ga netà. Ma la gaveva paura de no far le robe giuste, cusì la ga ciamà so sorela Nadia per domanarghe come che la ne podeva aiutar. Alora, la sia dela mia paronsina, che se vedi che la iera più esperta, la ghe ga consilià de misiar un fià de late co l'aqua, de cior un contagoce e, strucando la pompeta, tirar su nela fialeta sto late intemperà. Dopo fato sto lavor la mama dela mia paronsina la ne ga ciolto in man e la ne ga meso el contagoce in boca, un dopo de l'altro, come se fusi un ciuceto. Pensè, iero cusì picia che stavo intela palma de una man. Dopo ciucià el late la ne ga sistemà int'una cestela con una covertina, indove che ga trovà posto anca un vecio sveiarin e un corvo de peluche, per darne la sensasion del pel dela mama e del batito del suo cuor. La mia paronsina iera ancora tropo picia e cusì David e so mama i ne dava de magnar. Purtropo però solo mi son restada viva e per questo i me ga giama Tigre. Son cresuda amada, cocolada, visiada, ma dentro el mio cuor no go mai desmentegà el mostro che se ga liberà de noi in un modo cusì tremendo.

 

Ma lasemo de parte sti ricordi tristi. Ogi xe la mia festa e mi so xà come che andarà le robe. I me versarà la scatoleta più bona, i ghe meterà sora una candela, po i me metarà visin e i me farà un mucio de fotografie. Mama mia che barba. De quando che i ga comprà sta nova machineta che, per giusto la se ciama fotocamera digitale, i no fa altro che fotografarme. Mi digo che in poco tempo i me ne ga fate almeno mile. Prima no iera miga cusì! Prima i me ne faseva solo dò, perché i gaveva paura de sprecar tropi soldi tra rulini e svilupi. Quela volta sì che podevo gustarme la mia scatoleta in santa pase, ma 'deso...

 

Sul più bel dela festa rivarà anca David. O Dio, mi ghe voio un gran ben a sto fio che adeso xe diventà omo. Ciò, a me ga salvà la vita... No xe miga poco, no ve par? Però purtropo a no rivarà solo. E no... Lu a ga un grando can. Ostrega, a xe come un caval. A dir el vero a xe anca bruto. A ga la pele che ghe pica de dute le parte. No so de che rasa strana che a xe e per dir el vero gnanca no me intaresa. Ma son sicura che a xe pien de pulisi, perché i lo porta sempre del dotor, che per noi, no se sa perché, a se ciama veterinario. Sto can a xe grando e groso, ma mi a me rispeta. Ansi, disemo pur che a ga propio paura de mi. E xe anca giusto. A xe lu l'ospite quando che a ven a casa mia! Ah, cosa credè? Mi me go fato rispetar subito. Co se vemo incontrà per la prima volta a voleva vignirme visin. Podè imaginarve. Un can che me ven visin sensa domandarme el permeso! Mai al mondo! Mi ghe go fato capir subito chi che comanda in sta casa e, slongando la mia sata ghe go dà un bon sgrafon sul naso. Ben, a voi ve lo poso anca dir: go reagì cusì perché gavevo un poco de paura. Dopo magari me dispiaseva, ma cusì 'deso almeno el me lasa in pase.

 

Ben, ma basta ciacolar. Xe ora che me lico ancora un poco el mio bel pel lucido e che me preparo per sto grando momento, quando che la mia paronsina tornarà a casa e, con un grando soriso la me dirà: AUGURI TIGRE! TE VOIO TANTO BEN.

 

 

2°  PREMIO

 

Dea Nicoletta Continolo 

  

 motto KEOPE  

Classe VIII Scuola Elementare Italiana “Giuseppina Martinuzzi” Pola  

 

Motivazione: un tema inventivo di una giovane “saggia” che non rimane ingabbiata negli schemi e negli appiattimenti che la società moderna propone in maniera invasiva, avendo come bussola quel contatto umano che nessuna diavoleria tecnologica potrà sostituire: una bella lezione di vita per tutti noi che passiamo troppo tempo tra cellulari, PC, cuffiette e TV

 

Scrivi una lettera ad un amico straniero immaginario e raccontagli quello che ti pare

Cara Ginevra,

da quando ti ho scritto l' ultima volta, nella mia città non ha mai smesso di piovere. E sta piovendo anche adesso. Le previsioni però per i prossimi giorni sono molto rassicuranti... finalmente arriverà qualche temporale! Ecco, mi mancava la pioggia in veste rap e heavy metal!

Mi sembra di vivere a Forks, nella cittadina della Meyer e dei suoi licantropi e vampiri. Magari fossi anch'io circondata da licantropi e vampiri di Forks, che, dopotutto, chi più chi meno, sono anche affascinanti, educati, gentili, intelligenti, stranamente molto „umani", istruiti, con una gran voglia e gioia di vivere.

Nella mia cittadina, tutti i giovani sembrano usciti dallo stesso negozio di calzature e di abbigliamento, tutti hanno la stessa acconciatura, ma ciò che più mi terrorizza... sono tutti tristi, malinconici, apatici. Fanno scherzi e battute insensate, non leggono un quotidiano e mai un libro. Chattano sì e sfornano Facebook in continuazione. Fanno molta fatica a... comunicare, mi parlano a monosillabi tipo: „Io bene, tu?" o „Dopo, ok?"

Io mi sento sola, molto sola. „Purtroppo" non sono figlia unica, ho due fratelli che, anche se hanno solo due anni meno di me, sembrano dei Pampers kamikaze. Sono in fase di autodistruzione per quante se ne danno e per le loro continue, incessanti, estenuanti stupidaggini, non fanno altro che imitare la violenza assorbita dalla play station. Sembrano usciti dai cartoni animati. Non sanno fare un discorso senza ricorrere agli slogan pubblicitari. Troppa TV cattiva, troppe onde distruttive dai vari giochini e congegni elettronici gli spappolano il povero cervello che hanno. Ci gioco anch' io, ma riesco a dire basta, loro no, finché non riusciranno più a distinguere il mondo reale da quello virtuale.

Io voglio chiacchierare, comunicare con i miei coetanei, scherzare, ridere... ma io non so parlare a monosillabi e nemmeno lo voglio. Ciò che vorrei, cara Ginevra, è pura follia. Vorrei distruggere tutte le case produttrici di PS, gameboy, computer, giochi. Vorrei che il mondo giovane sapesse chiacchierare" di più, senza SMS dai messaggi inquietanti (xké,kiedo,qke..). C é chi scrive così anche nei compiti in classe.

Perché l'uomo, raggiunta una conoscenza, una novità scientifica, non si sa mantenere nei limiti, ma inevitabilmente è fautore di guai irreparabili? Trivellò e scoprì il petrolio? Inquinamento a volontà. Scoprì l' Amazzonia? Cosa c' è di meglio che distruggere una foresta vergine, fonte di ossigeno. Gli aerei volano. Piove cherosene. 

Cellulari, computer, play station,game boy... inquinamento dell' intelletto. Con la speranza di un mondo migliore e più giusto, ti abbraccio

 

 

 

 3°  PREMIO

 

Nicol Verbanac  

 

 motto CICLAMINO

  Classe VIII b Scuola Elementare Italiana “Giuseppina Martinuzzi” Pola    

 

Motivazione: una lettera lunga, ben articolata e scritta con passione all’amica del cuore che tocca le idiosincrasie ed i sogni di una giovane ragazza ancora piena di dubbi e di incertezze ma che sicuramente troverà la sua strada insegnante o ballerina che sia….

 

Lettera ad un'amica

 

 Cara amica mia,

Vedendo questa lettera da parte mia,ti chiederai sicuramente il perché e ti verranno mille dubbi ed incertezze.

Ti spaventerai anche, perché ti conosco moolto bene!!

Con quel tuo caratterino specifico...

Ecco, te lo spiego subito:il mio computer è andato in tilt! Non funziona più!  È una vera tragedia. Sono sicura che di mezzo c'è lo zampino di quella peste di mio fratello, che me ne combina di tutti i colori, ogni santo giorno. Domani verrà un mio amico per vedere dove sta il problema e spero lo risolva al più presto, così potremo finalmente iniziare a ciattare.

La nostra prima "comunicazione a lontananza" è iniziata con una lettera,ma sono sicura che finirà con delle e-mail; perchè, al giorno d'oggi,il computer è il "SOVRANO" delle comunicazioni tra persone: è più veloce, ci sono il Windows live messenger e facebook, amati da noi teen-ager...

Perciò, è destino...ma, lo confesso, però soltanto a te, amica mia, e non dirlo a nessuno, che...scrivere una lettera, come si faceva in passato, è molto più divertente...!

Da quando ti sei trasferita in Italia, mi manchi tantissimo e non vedo l’ora che arrivi l'estate, quando verrai a trovarmi. Andremo ogni giorno al mare e ci divertiremo un mondo.

A scuola va tutto bene, ogni tanto sorgono dei problemini, però uniti, riusciamo sempre a risolvere tutto.

"Squadra che lavora insieme, vince insieme".

Però,qualche problemino più grave e che richiede un tuo aiuto è nato con la danza. Lo sai già che faccio danza da 10 anni e saprai anche che la danza è tutta la mia vita (per adesso !), ovviamente dopo la famiglia, che è la più importante. ...Non ho più quella voglia di andarci e di dare il massimo di me stessa in un qualsiasi esercizio, come era mia vecchia abitudine. L'energia e la mia volontà sono quasi esaurite; sono come un'automobile che, se la benzina si esaurisce, si ferma; allora la macchina deve trovare al più presto una pompa di benzina per fare il pieno, altrimenti non partirà più... Non so se vale la pena continuare a danzare...

In quest'ultimo periodo vado agli allenamenti per stare con le amiche perché si è instaurato un rapporto molto bello e solido tra di noi.

E anche perché tra qualche mesetto ci saranno i campionati mondiali ed europei nelle varie categorie della danza. L'anno scorso quando i campionati si tennero in Spagna,a Barcellona, io ci andai con la mia "squadra" e l'allenatrice. E stato come vivere in un sogno!

Non potevo crederci...io, a Barcellona, a soli 14 anni, pure ai mondiali,senza genitori,7 giorniiii....

Meraviglia delle meraviglie.

E stata anche un'esperienza che mi ha fatto crescere moltissimo.

Quest'anno i mondiali si terranno in Ungheria,ma non chiedermi il nome della città, non la so né pronunciare,e tantomeno scrivere!!

A questo punto chiedo un tuo giudizio (e aiuto,se è possibile) al più presto! ! Pensa,oggi,per la seconda volta in quest’ anno, a Pola cadeva la neve! Mi sono informata un po’ dai miei genitori e nonni, e mi hanno detto che una cosa di questo genere non si era verificata da 50 anni.

In poche parole,è un vero miracolo che a Pola,e specialmente a Pola, cada la neve. I giorni da noi sono molto freddi e soffia un forte vento. Fa un freddo cane...oppure c'è la pioggia che non smette mai di cadere. E io mi chiedo sempre:"ma da dove arriva tutta quest’ acqua?!",e rimango sempre senza risposta. Da te,che tempo fa?? 

Beh,ci sono stati momenti peggiori perché ero anche ammalata e non sono andata a scuola per un'intera settimana. L’influenza l'ho "ricevuta"...DA CHI??... Da mio fratello,è ovvio. Era una noia mortale stare a casa e non fare niente(il computer era rotto,così che non potevo neanche giocare). Era orribile essere consapevoli di non poter aiutare nessuno,soltanto stare al letto, bere tè caldo, mangiare cose calde e "verdurine" varie, che io, per dirla tutta, non posso neanche guardarle,f ìgurati mangiarle,  le VERDURINE. Mi fanno quasi tutte schifo. Lo so cara amica mia che non dovrei dire così, perché sono sane, fanno bene per la salute,per questo,per quello,e BLA BLA BLA, ma che ci posso fare io, è la verità! NON MI PIACCIONO E BASTA! ! !

Per fortuna,!'influenza è passata in 5 giorni.

Però,la cosa che mi faceva paura era "mandare giù" quelle pastiglie,perché ho sempre il terrore che rimarranno "incastrate” , e tu ti mettevi sempre a ridere quando facevo i capricci per una pastiglia. Tu e mio fratello. Begli amici che siete...

Io mi stavo quasi soffocando e voi ridevate come dei pazzi...però poi abbiamo riso tutti assieme. Perché è stato veramente il colmo, quella giornata. Quando ero a letto con la febbre alta mi ricordavo di quei poveri bambini di Haiti...mio Dio,che tristezza. Senza cibo, medicine...tutto è andato perso. Bambini rimasti orfani, molti morti e feriti...un orrore. Soltanto al pensiero mi vengono le lacrime agli occhi, e tu starai già piangendo, perché sei molto più sensibile di me.

Sono felice però che ci sia questo "metodo" di adottare bambini rimasti orfani dal terremoto. Solo al pensiero che da qualche parte su questo nostro piccolo-grande mondo ci sia una famiglia pronta ad amare un bambino non suo, mi riempie di gioia. Così il bambino potrà godersi la sua vita in serenità, pace e molto amore. Vorrei che ognuno di noi potesse aiutare quelle persone, magari anche con un piccolissimo aiuto perché quella situazione nella quale si trovano loro oggi, potremmo trovarci noi, chissà, tra qualche anno, e servirà a noi un aiuto. Sei d'accordo con me?? Dopo tutta quella tristezza,voglio continuare il mio scritto con delle cose più serene e magari divertenti!

L'altro giorno,a casa mia,è andata via la corrente. A me è venuta la pazza idea di giocare a nascondino in casa.  Mio fratello,che dice sempre di non aver paura di niente,è un vero fifone...aveva paura di venirmi a cercare nella mia cameretta perché c'era molto buio. Non si vedeva niente;neanche il palmo della mano. hahahahahah!!

 Che risate ci sono state!

Abbiamo giocato assieme per più di 2 ore,e poi è tornata, sfortunatamente, la luce. Però, è stato indimenticabile.

Un gioco che a volte sembra noioso o anche un po' stupido da giocare in casa, perché non c'è posto dove nascondersi per bene,questa volta si è dimostrato bellissimo,divertente e misterioso. Questo fatto dimostra che ci si può divertire anche senza computer, videogiochi, TV: diventa tutto più "MAGICO". In questo periodo nel quale non ci siamo viste, sono successe molte cose che hanno risvegliato in me molte emozioni: dalla tristezza, e quei momenti dove ho pianto, alla gioia e serenità in cui ho riso e mi sono divertita al massimo , momenti che mi hanno stupita o fatta arrabbiare al punto da mordere qualcuno; e poi ci sono stati, purtroppo, anche momenti, a scuola, che mi hanno fatto piangere e stare molto male, però per fortuna accanto a me c'erano i miei amici. In particolare,un solo AMICO...Lui sa sempre come farmi tornare il buon umore, farmi divertire e "rimettermi" il sorriso sulle labbra.

Poi però,ci sono state anche delle giornate di riflessione dove pensavo al mio futuro e a quale scuola media frequentare finita quest'ottava. Prima avevo una mezza idea di frequentare il liceo linguistico, ma dopo aver riflettuto a lungo, ho capito che non è per me. Allora, adesso ho cambiato idea, e vorrei frequentare il liceo generale. Si, ne sono sicura! Ho fatto la scelta giusta, anche perché in un futuro vorrei fare o

 l insegnante di lingua italiana oppure l’investigatrice. Quello linguistico calzerebbe a pennello a te, perché sei amante dell’inglese, francese, tedesco, italiano e di recente t'interessa anche il greco. Ma io non ho ancora capito come fai ad interessarti al grecooo??

Con tutti quei nomi strambi e quelle lettere...per "disegnare" una sola lettera mi servirebbero 2 ore,o forse anche di più! Mamma mia! Vabbè...tua la scelta!! L'insegnante di lingua italiana vorrei farla per 3 motivi:

l. mi piace l'italiano come lingua e la letteratura italiana in generale

2. poi perché non è molto difficile, e a scuola è proprio questa una delle mie materie preferite

3. ed infine mi piacerebbe essere un'insegnante proprio perché quest'idea di insegnare ad altri ragazzi in un lontano futuro mi diverte molto.

Vorrei provare quest' “emozione" di interrogare qualcuno, spiegargli qualcosa d'importante, mettere voti nel registro, dare consigli ai miei alunni, come adesso fa la nostra professoressa d'italiano con noi, e cose del genere. Beh, diciamo allora che questo mestiere mi attira molto!

E poi, vorrei fare anche l’investigatrice:

1 .perché mi piacciono molto i misteri, le sorprese e le cose misteriose. E tu, cara amica, sai benissimo che sono moltoo curiosa io...

2.è molto interessante investigare e fare la spia; amo molto anche i film di misteri e quelli dove le vicende si "intrecciano"

3.credo che sia molto divertente anche cercare delle prove per incriminare qualcuno e fare domande ai sospettati... E tu, che cosa vorresti fare da grande??!

Io devo ancora prendere una decisione definitiva, e quando la prenderò ti avviserò! Tu sarai la prima! Non preoccuparti...

E adesso, cara amica mia, devo concludere il mio scritto, anche se con tristezza, perché inizia a farmi male la mano e non ho più neanche l'inchiostro nella penna! Deve andare a "fare il pieno" anche lei.  Free-Schmaili - insert from 210 free smileys into your e-mails - free download at www.schmaili.com

Ma non preoccuparti, ci sentiremo molto presto. Tanti cari baci e abbracci da Pola!

P.S.-voglio tue notizie al più presto.

 

LA TUA AMICA DEL CUORE