ML HISTRIA – Medie Superiori – Lavori individuali 

 Categoria “ 1 “

 

     1° PREMIO 

                                                                                                           Sebastian Božič  

 motto BLECHI 

    Classe V  Comunità degli Italiani “Dante Alighieri” Isola d’Istria  

Motivazione: un godibile tema sul bilinguismo ci giunge da Isola d'Istria che ci fa capire la complessità linguistica che deve affrontare oggi chi, oltre al dialetto isolan, deve imparare l'italiano a scuola e lo sloveno, lingua di stato. Un problema che per i più "veci" è causa di stravolgimenti linguistici e d'incomprensioni alle volte umoristiche come ci illustra con arguzia il nostro autore.

Crescere bilingui ,vantaggi e conseguenze " 

PARLAR DO LINGUE, MA... 

Oramai, a Isola, creser bilingui xe squasi normale.

Mi, a casa, de picio, go sempre parlà nel nostro dialeto. Po, man man che son cresù, fora de casa sentivo parlar sloven. Adeso che son grando, i mii amici xe misti: coi amici de scola se parla in italian e poco, o squasi gnente, nel nostro dialeto veneto. Coi amici fora de scola invese se comunica in sloven. Par questo, par noi, pasar de una lingua a quela altra xe praticamente normale. Vivemo in Slovenia e quindi dovemo saver la lingua dela magioransa: servi presempio quando che bisogna andar pai ufici par trovar lavor, dato che oramai xe pochi i impiegati che parla l'italian. Un pochi de più xe quei che lo capisi, ma che i te rispondi in sloven. E alora ti te devi almeno capirlo. Però te devi saverlo e anca ben co te vadi a lavorar... ma anca par abordar le bele fie.  Oramai squasi duti i matrimoni xe misti, come quel de me mama e anca quel de me nona. A casa mia, dato che me papà xe sloven, qualche volta se parla anca intela so lingua. Con me mama invese parlo sempre nel nostro dialeto veneto isolan. A casa de me nona invese se ga sempre parlà nel nostro dialeto e se continua a farlo ancora ogi. E par fortuna xe cusì, parché sintir me nona che parla in sloven xe propio un tormento. No la ghe ne intiva una: la sgambia le parole, la ga una pronuncia imposibile e po duto quel che la disi diventa feminile. Co la parla de mi, nei sui discorsi sloveni divento femena. Ah, xe robe de mati. Po, magari, quando che la parla anca nela so lingua isolana la misia qualche parola slovena, parché no ghe ven più in mente quela giusta, cioè quela dela sua parlada e cusì la finisi per far un misioto che no ve digo.

Me xe capità tante volte de eser presente e de sintir me nona butar fora certi stramboti che no ve digo. Par farse capir par strada, in botega o in qualche altra parte la usa mese parole italiane e mese slovene. Queste ultime naturalmente a modo suo. Par ela sicuro no xe facile viver in un ambiente bilingue. De quando che semo andai a viver in periferia de Isola, po, la question xe diventada ancora pèso. Anca se me nona la xe duta beata parché la sta sempre a fora a impiantar opur a coleser nel nostro orto, de quela volta a Isola, la incontra asai de ciaro le sue amiche che parla in dialeto e cusì la ga scominsià a perder un poche de parole. Nasi alora che la senti più volte certe parole che no ga gnente de far co l'isolan o co l'italian. La le ingruma qua e là a modo suo e la le fraca nel suo dialeto. E alora ocio de soto co capita a trovarne so sorela che vivi a Trieste e che ste parole no la le conosi. A parte el fato che le se vol un ben de mati ma le se contrasta sempre, ga tocà più volte che sti contrasti xe nati per no gaverse capì. Scoltarle xe un grando divertimento e un devi rider par forsa, anca se a no ga voia.

Eco come che me nona usa el bilinguismo. Ve ne conto una dele ultime. Riva me sia Liviana de Trieste e dopo basi e struconi par saludarse, me nona duta contenta la ghe dir:"Ciò Liviana, te sa che go comprà la SCRINIA nova?" Me sia la varda e la ghe dir: "Cosa te ga comprà?" E me nona quasi ofesa: "La SCRINIA, no! Cosa te son stupida che no te me capisi o te son diventada sorda? Go dito SCRINIA! Go comprà una bela SCRINIA nova!" Alora me sia, squasi ofesa:"No son sorda e tanto meno stupida. La stupida te sarà ti che te me disi parole che no esisti!" E qua la discusion xe andada ancora 'vanti prima che le se spiegasi e lore do le iera sempre più imbilade. Fina che me sia la ghe fa:" Scolta benedeta dona. Mi so che in italian la parola SCRIGNO vol dir un cofaneto indove che se meti i ori, le perle, insoma le robe de valor. Ma no go mai sintì che sto cofaneto se ciamasi SCRINIA. Come xe fata sta roba? A cosa la servi? Cosa te ghe meti dentro? Parché penso che sia qualcosa che servi per meter dentro roba." E me nona: "Ma che ignorante che te son, 'ara. Se capisi che se meti dentro roba. Cosa te vol che meto nela SCRINIA? Più de duto meto carne. Ma anca verdure e altre robe de magnar. Insoma come duti me faso la riserva. Ma ti che te son tanto inteligente, indove te meti a congelar quel che no te magni subito?" Eco finalmente le iera rivade a spiegarse. E alora me sia Liviana la perdi la pasiensa: "Ciò, sempia! No te podevi dirme subito che te ga comprà un novo congelator. Iera propio bisogno che te inventi parole nove." Apena a sto ponto me nona la gà capì de gaver usà una parola che no faseva mai parte del suo vocabolario isolan, ma ma la parola slovena "skrinja". E cusì, no masa volentieri, la ga dovù darghe ragion a so sorela. "Te sa Liviana che no me vigniva la parola in italian. Xe propio vero che se stemo imbastardando. Oramai no so più usar i vocaboli giusti, no so più adoperar la mia lingua, quela che go parlà sempre. Che te savaria quante volte che me toca cusì! E più che me struco i servei, più che me dispero, meno me ricordo come che se dir una data roba. Cosa te vol, no xe facile tignir una parlada quando che duti 'torno de ti ghe ne parla un'altra. Scusime sa, bela!"

Par noi giovini xe più facile acetar questa situasion, anca se in sto modo gavemo perso le nostre radise e anca la nostra lingua, che par noi, oramai, la xe squasi diventada una lingua straniera.

 

2°  PREMIO 

   Valentina Vatovec 

Motto: MI SPREMI E INVENTI NUVOLE

   Classe II  Comunità degli Italiani “Dante Alighieri” Isola d’Istria  

  Motivazione: un volo sulle ali della fantasia ad inseguire le immagini  cangianti  ispirate dalla musica , un tentativo riuscito di comunicare sensazioni ed emozioni e " in Do maggiore eseguo perfettamente la mia esibizione" . E' un testo di ispirazione quasi dannunziana

Chiudo gli occhi e ascolto la musica di… 

Ho pensato a parole d'addio, mentre mi vestivo di perché e danzavo di sogni e chiacchiere, i bisticci della gente, le solite cose. Ogni giorno sapevo chiudermi in un guscio, un muro infallibile e custodivo le mie stelle, guardavo in cielo, con il rischio di rubarle tutte, una per una. Toccandole con un dito, avrei potuto raschiare via il sudore di mancanza di dolcezza. Scusatemi, se ancora alla mia età, faccio fatica a dimostrare i dolori che uccidono.

L'invidia e la collera, i madornali sbagli saccenti, concedetemi la facoltà di non rispondere, è il mio durante che conta. Non penso a conseguenze compromettenti nella mia vita, tanto la mia gioventù è ora, il mio momento è sempre, è anche giusto viverselo.

I pendolari battono, con carnale gioia stuzzicano la mia voglia di ardore, compensandomi talvolta di nebbia e di confusione.

Macché. Oggi sto zitta, stavolta è tutto chiaro.

Non cambio direzione, la cospicua giravolta che faccio con passione, il serpente ha un po' le mie sembianze: cambia pelle per poi ritrovarsi, straziato da chissà quale equivoco disadorno.

Lei. Si, mi sto rivolgendo a te musica, che mi salvi, eroina dalla magnificenza bugiarda della quotidianità.

Coinvolge, mi strappa di dosso l'attenzione, concentrandomi (per quanto il mio mondo possa permetterlo) solamente su quel »bit«. C'è quell'organo lento, che si compiace di vibrazioni estranee e loquaci, le corde vocali biascicano il perspicace ingegno di note vissute. Intensamente cambia tonalità, il suono, dato che io esisto per inspirare e fare lo stesso processo inverso, è per lei: la Musica in ogni sua modernizzazione.

Che cosa darei per stare al posto suo: di diventare un'ossessione pregiata, una droga da non scartare così facilmente, per non essere usata ''una botta e poi via'', per non morire.

Nulla e niente mai potrà compararsi a te, te ne rendi conto e ti vanti di ingenuità catatoniche, che si voltano a tratti iperenergiche, ad altri ferme da stupore. È pigrizia di un'amore, di ciliegi in primavera, di furore scarlatto, le rughe accenate appena, non invecchi come noi, immortale brezza di violini, è Stradivari durante un concerto in Vaticano di Natale. Si, lo so che si vede che ho pianto. Mi rimane dentro un leggero brusio.

Sinuosamente ti muovi, come ali di colibrì, nel suo nido, nella sua timida iniziazione di un'ardua impresa, di volo liberatorio.

Ho timore. È talmente cronica la fantasia che offri, da farmi chiudere gli occhi e mantenere il fiato, battiti pari a zero, tutto si ferma perché inizi tu. È così che ti porgo le mie piccole mani, di seta disegnate per far capriole insieme, mia compagna di gioco, di sfoghi impenetrabili e combustioni interne.

Non soffri di sonno parziale, continui intransigente a farti conoscere e magicamente si ritorce contro tutto. Scendono le mie lacrime, quelle del ricordo, si vive comunque, il tempo è composto da assenze, ma i ricordi vissuti, allacciati così stretti al collo, mi fanno ricondurre ad un bivio: tra il futuro e il passato ho optato per una via di mezzo.

Ringrazio te, che mi dai emozioni di viscosità unica, intorpidisci le idee, con te l'ispirazione è assicurata e nasce il desiderio di innamorarmi perdutamente fino quasi a non essere all'altezza, fino all'immenso, fino a ciò che non è più concesso.

Caleidoscopio semplice, canto a squarciagola e interrompo limiti di timidezza, in Do maggiore eseguo perfettamente la mia esibizione.

Non ho mai avuto niente, ma tu hai scelto me. Veritiero è il fatto, che hai bisogno del mio cuore e dei neurotrasmettitori. Sono loro, che mandano impulsi ovunque, accendendomi di lampioni paradisiaci.

Lascio cadere la pioggia, che a ticchettii sbatte, diventa ruggine su carta pesta. Il bene che mi doni, prigioniero dentro la mia essenza. Sono sincera a confidarti intimidatorie rubriche della mente, mi consoli e fai di me una persona migliore.

Quasi come una preghiera costante, canto affiancandomi a Mina, all'oltraggiosa certezza di non »smettere« mai di accettarti per come sei, in ogni tua faccia, in ogni singola tua moltiplicità.

Insegnami a non rassegnarmi, io ho detto: »Io farò sognare il mondo con la musica«.

Questo sei tu per me, musica. Un vortice che mette a punto le mie inclinazioni, con le sue percezioni.

Io ti chiedo di consumarmi, non puoi andartene via così, non farmi aspettare. Ancora.

 

3° PREMIO 

  Martina Ivančić  

motto WONDERING6     

   Classe III   Liceo Scientifico - Matematico  Scuola Media Superiore Italiana Rovigno 

Motivazione: un vero saggio sul bilinguismo  che illustra chiaramente la situazione attuale dell'italiano e del dialetto in un ambiente naturalmente bilingue come Rovigno, degno di essere pubblicato e reso noto negli ambienti scolastici italiani, spesso ignari di questa realtà .

„Crescere bilingui, vantaggi e conseguenze“

Il bilinguismo, sia sociale che amministrativo, è una parte fondamentale della società e in cui vivo, ma anche del mio stesso nucleo familiare. Sin da piccina mi è stato insegnato a dire sia buongiorno che dobar dan, e ne è risultata una conseguente abitudine a pensare, parlare e perfino sognare in due lingue differenti. Il bilinguismo è secondo me un vero e proprio stile di vita che considero preziosissimo nell'opera di salvaguardia della nostra cultura, dei dialetti e della minoranza italiana vera e propria. Sono stati in molti gli italiani dell'Istria che hanno lottato, e continuano a lottare, per l'uguaglianza sociale e linguistica nelle nostre città. È dunque indispensabile che le nuove generazioni, bilingui e non, si rendano conto dell'importanza dell'uguaglianza di questi diritti. A volte purtroppo si parla troppo poco della storia e di tali questioni, o forse il problema sta nell'atteggiamento disinteressato dei giovani, che non sono ancora maturi abbastanza da prendersi a cuore problemi storici, culturali e sociali.

„Ma tu pensi in croato o in italiano?“ è una delle domande che mi rivolgono spesso gli amici. „Parli perfettamente sia l'italiano che il croato e li usi a pari merito, come fai a coordinarti e a essere grammaticalmente esatta?!“ Ne risulta quindi, che quello che io considero una routine a cui nemmeno faccio caso, agli altri suscita stupore quasi fosse un'impresa inconcepibile. Parlare due lingue per me è normale come respirare e bere un bicchier d'acqua. Non ho bisogno di pensare per tradurre simultaneamente da una lingua all'altra quello che dico. Penso in italiano quando parlo in italiano, e viceversa in croato; ed è per questo che padroneggio entrambi le lingue. In più, sono una conformista, perché mi adatto sempre alla persona che ho di fronte, e pertanto dimostro di avere un bagaglio culturale ricco e una mente logica. Tengo in allenamento la materia grigia, sono in grado di comunicare con più facilità in viaggio e parto con una marcia in più all'iscrizione ad una facoltà. Non solo, ma sono stati fatti varii studi psicologici sul bilinguismo che sostengono che lo stesso, se sviluppato fin dalla più tenera età, permette ai bambini di sviluppare meglio le capacità cognitive, logiche e ovviamente linguistiche fino all'ottenimento di risultati notevoli.

Noi giovani, ma anche molti dei nostri genitori e nonni, non siamo solamente bilingui, ma anche trilingui o addirittura di più. Parliamo uno o più dialetti, che possono essere puramente italiani, come l'istroveneto, o italiani originari dell'Istria, come il mio dialetto: il rovignese. Anche se viene usato sempre meno, il rovignese viene comunque tramandato da generazione in generazione per evitare che vada perduto nel tempo. Dimenticare la lingua dei nostri avi vorrebbe dire non solo perdere un pezzo di storia e di cultura, ma anche un pezzo di noi stessi. Lo stesso vale per il dialetto istriano croato, il čakavo, che viene anch'esso parlato da noi giovani, perché molti di noi sono figli di matrimoni misti. Per non menzionare inoltre le lingue straniere che impariamo a scuola, quali l'inglese, il tedesco, lo spagnolo ed altre, che arricchiscono ulteriormente il nostro bagaglio linguistico.

Vado molto fiera del bilinguismo nella mia città, e ritengo inoltre che ne caratterizzi la singolarità e la renda ancora più pittoresca. Nella mia Rovigno la segnaletica è scritta rigorosamente sia in croato che in italiano. Le manifestazioni vengono tenute in tutte e due le lingue, e quasi dappertutto ci si può rivolgere in entrambi. La maggiorparte della popolazione, di qualunque nazionalità, parla o perlomeno capisce l'italiano. Il nome della mia città è ufficialmente Rovinj – Rovigno, visibile su qualunque depliant turistico. È davvero ilare il fatto che a volte sono proprio gli italiani che vengono in vacanza da noi a stupirsi della nostra padronanza della lingua. Ciò succede in quanto dopo la guerra sono pochi gli italiani che hanno conservato la memoria o hanno avuto la possibilità di conoscere la storia dei nostri territori. Noi italiani dell'Istria però sappiamo bene chi siamo, e andiamo fieri delle nostre radici e della nostra lingua.

Ciononostante, a volte succede che da noi le persone che parlano l'italiano vengano guardate di sott'ecchi, derise o addirittura discriminate. Questo sentimento purtroppo risulta reciproco di tanto in tanto, in quanto anche alcuni italiani non amano le altre nazionalità presenti sul territorio. Il problema sta nel fatto che la recente guerra ha lasciato profondi rancori impressi nella memoria delle genti, sia dei vincitori che dei vinti, che creano attriti. Inoltre, ritengo sia alquanto determinante anche il fenomeno sociologico dell'etnocentrismo, secondo il quale le persone di una data società tendono a ritenere la propria cultura come la migliore, e a giudicare le altre secondo propri criteri specifici. Tale approccio può risultare positivo in quanto rafforza l'unità della popolazione, ma può anche trasformarsi in una totale intolleranza verso le altre genti, se troppo accentuato.

Ne deduco quindi, che persone di nazionalità diverse si lasciano a volte manovrare da pregiudizi e astii del passato. Molto spesso invece, anche se differenti, condividono le stesse pene e le stesse sorti, e non comprendono che dovrebbero provare sentimenti di fratellanza e uguaglianza invece della stizza che c'è a volte fra loro. Basterebbe che prendano esempio da noi giovani, che non facciamo caso alla lingua e alla nazionalità, e coltiviamo sentimenti di amore e amicizia con tutti. I miei coeatanei mi ammirano per le mie capacità linguistiche, e non hanno pregiudizi perche' sono italiana. Io, da parte mia, rispetto italiani, croati, tedeschi, giapponesi e africani allo stesso modo, e con tutti posso instaurare un rapporto. È questo uno degli effetti positivi del bilinguismo: la tendenza al rispetto e alla simpatia verso le altre genti.

Per concludere, è importante definire il fatto che il bilinguismo si articola nei nostri territori in due situazioni parallele. Da una parte, ci sono i figli di matrimoni misti, come me, che hanno nel sangue entrambe le culture. In queste famiglie vige un sentimento di stima proprio perché vivono la realtà del bilinguismo e del multiculturalismo nella propria casa. D'altra parte ci sono le persone di madrelingua e cultura completamente italiana o croata, che usano la lingua dell'altra nazionalità nei normali rapporti sociali. È vitale che soprattutto quest'ultima categoria sia bilingue e abbia la volontà di interagire con il diverso. Ritengo quindi che essere bilingui sia molto più della semplice capacità di adoperare in modo corretto due lingue. Credo che questo comprenda anche l'abitudine ad essere integrati in due culture diverse, riuscendo a vivere in armonia con ambedue. Il vero e proprio vantaggio sta nell'essere coscienti che due culture possono convivere in modo che l'una accetti e completi l'altra. È dunque questo il messaggio di tolleranza e rispetto che il bilinguismo dovrebbe promuovere nella nostra società, secondo me. Questi sono i valori che mi sono stati tramandati, e sono gli stessi che spero vengano trasmessi anche alle persone di nazionalità diversa dalla mia. Per questo motivo ritengo che siamo tutti egualmente importanti e aventi il diritto al rispetto, e che il bilinguismo possa essere un metodo per avvicinare tutte le persone a questa filosofia di vita.