MAILING LIST HISTRIA – Scuole Medie Superiori


CONCORSO 2015
 

Medie Superiori – Lavori individuali  – Categoria “ c “, sottocategoria “ 1 “

 

 

1° PREMIO  MUSHR00M                                       Elen Zukon Kolić 
                                    Classe II – Liceo Generale 
Scuola Media Superiore Italiana “Dante Alighieri” Pola

                                                                        Insegnante: Annamaria Lizzul

Motivazione: “Originale è la scelta dell’autrice di rievocare l’eredità collettiva dialogando con il proprio diario servendosi di una sintassi fluida, di uno stile frizzante, giovanile e del ricco dialetto polesano. Idioma che, grazie ai giovani che ne fanno tesoro, sarà coltivato e salvaguardato. E' emozionante il profondo, dolce, sentito legame tra nonni e nipote: ne nasce un coinvolgente racconto della memoria per la memoria".

I nostri veci ne conta – storie e memorie del vostro passato familiare

Venerdì, 27 marso 2015

 Ciao, diario!

No te go scrito niente zà qualche tempo perché gavevo scola e no gavevo tempo. Invese ogi ga finì sta benedeta scola e finalmente un poco de riposo. Ma dopo che fasso anche tuti i compiti che go ciapà e dopo che me legio quel che me ga dà de croato, dirio che in realtà no xe proprio che gaverò tropo tempo libero. Anzi, no lo gaverò per niente. I mii cari genitori i xe andadi in viagio l'altro giorno per farghe visita a certi parenti e a mi i me ga lasà qua a Pola. Che bel... Va ben ale, de giorno son a casa, ma de sera devo andar dormir dei noni che i vivi una via sora dela mia. E co rivo là devo scoltar i sui discorsi noiosi sula vita prima e su come me xe bel a mi in confronto ala loro infansia e che no son nanche cosiente de come me perdo e bla, bla, bla, bla. Storie de veci. Cosa i sa lori?! Mi go sedici ani, e lori oltra otanta. I tempi ga cambià, ma lori i mantien el proprio parer. Come prima roba, no i me lasa andar fora de sera con i amici. Lori i va in giro per cità e mi resto coi noni a guardar le stupidese turche in television e vado dormir con le galine. Povera mi. Proprio no go fortuna. Come se nanche no saria vacanse per mi.

Ma sa cosa? No go più voia de scriver ogi. Son rabiada. Solo me inervosirò ancor de più e dopo sì che sarà guai e svoderò tuto el frisider e me ingraserò. Se gaverò voia, scriverò doman qualcosa. E sì! Bon che me son ricordada! Deso me scrivo su un foieto che no dimentico: domani devo far un dolse. Speremo che me riesi sensa che bruso la casa. Poderio domandarghe a nona che la me iuti perché ela sì che la sa far dolsi. Ma sicuro no la gaverà voia. No la fa dolsi zà de tanto tempo... Ma riuscirò anche sola, dai! No son tanto sbadada. Forsi.

 Sabato, 28 marso 2015

 Ciao diario!

Ogi son proprio de bona voia!

Iero de matina coi Scout e dopo per le tre, come al solito sti ultimi per de giorni, iero dei noni a pranzo. Ghe go portà che i provi un dolse che go fato a casa perché una mia amica ga 'l compleano. I lo ga molto lodado, anche se so che no iera tanto bon. Penso no iera niente de speciale: solo un per de strati de biscoti, crema e su ciocolata a tochetini. Xe molto semplice de farlo. Va ben, dove me perdo. Manca solo che scrivo qua tuta la riceta. Come se nianche ghe interesseria a qualchedun! Comunque, nona pensava che sto dolse lo go fato perché xe presto Pasqua. Per questo la me ga contado un per de curiosità de cosa la fasseva ela e la sua familia co la iera picia. Lori i gaveva l'usansa de far vari dolsi.

«Le titole iera per i fioi e le pinse iera per i grandi a casa dei mii veci», ga dito nono. E nona me ga comincià descriver come se fasseva e come sembrava sti dolsi. La me ga dito che la titola iera una dresa de pan dolce con un ovo fisado in cima. L'ovo iera ben cusinado o adiritura rostido e el vegniva fisado ala titola con un «spago» fato de impasto prima de rostir el dolSe perché che l'ovo dopo no caschi. Sto spago se meteva a forma de crose. Non solo per comodità, ma anche perché se fasseva una bela croseta che la simbolegiava la Pasqua. Le pinse invese no iera come quele che conoso mi ogi, cioè bele lucide e con le uvete che me piasi scavar fora e rubarghele anche a nono e nona. Le pinse quela volta le iera un semplice pan un poco più dolse del solito e basta. Niente decorasioni e esagerasioni. Bisognava sparagnar. Ga dito nono che forsi quei un poco più richi i podeva meterse anche le uvete dentro. Lori invese nianche no i ghe dava tropo bado a sta roba. Basta che iera bon e che se se podeva almeno un poco più del solito inpinir el stomigo.

«Ma no sta pensar che noi fioi le titole le magnavimo per Pasqua, eh! Le magnavimo pena el giorno dopo.», ga dito nono. No capivo proprio la logica, sicome mi pena che vedo un dolce o qualcosa per magnar, mi la magno. E no me fasso problemi mi. E nono me ga spiegado che co 'l iera picio, lui e i sui coetanei ghe piaseva per Pasqua lodarse dele titole che i ga, confrontarle e decider chi quel ano gaveva la titola più bela. No iera un gran che de divertimento, ma chi che gaveva sto dolse più bel, cioè la dresa più simetrica o l'ovo più grando se fasseva dopo importante e i altri i se prometeva che l'ano prosimo i gaverà lori la titola più bela. De dir xe però che chi gaveva, per esempio, l'ovo piturado sula titola, iera el vincitor asoluto.

«Ma quela volta i colori per i ovi no iera miga come quei de ogi: quei finti in bustine che ti trovi nela botega soto casa! No! I colori iera tuti naturali. Iera pochi, ma no fava mal. Meo pochi che niente. Per ciapar l'ovo verde se lo cusinava con certe piante o fiori, per ciapar la variante tra arancion e maron se lo cusinava con la sivola. Penso con le scorse dela sivola se podeva ciapar anche rossicio e gialognolo in qualche modo ma me go dimenticado. Sta roba se fasseva setanta ani fa, miga schersi!»

I me ga dito che, però, oltre a sto tipo de podemo dir «competision», i fioi le titole no i le magnava giusto per Pasqua ancora per un motivo: per Pasqua i le scondeva de i altri e cusì quando i adulti i se meteva a magnar le lore pinse, i fioi i vegniva a rufianarse per ciapar un tochetin, che dopo in realtà iera un bel grande toco de pinsa e i se la papolava tuti contenti perché i saveva che la festa dura ancora domani e che i grandi no ga più dolsi, ma che a lori pici furbeti ghe xe restada la titola sconta de qualche parte. Certe volte i la scondeva tanto ben che poveri nanche lori soli no i saveva più dove i la ga mesa e alora iera come se i saria restadi sensa... O magari i la trovava tuta amufida e inspusolida pena fra qualche mese co per caso se meteva a posto la casa se se spetava ospiti. In quel caso i fioi i se doveva acontentar solo del bon pranso che i gaveva per Pasqua. Senza desert el giorno dopo.

«E sì! Ma el pranso per Pasqua iera veramente bon! No ti te licavi solo i diti dopo gaver finì de magnar, ma anche 'l piato! De venerdì prima dele Palme iera bacalà batudo e versa, ma per Pasqua una vera delisia: gavevimo brodo, ma de galina che se capimo. Quela volta brodo de galina per noi in paese iera una roba extra! E come se no bastassi, anche el secondo iera super! Se rostiva l'agnel e se lo magnava cusì bel rosto e colorado insieme a gnochi fati in casa! Uh, mama mia! Deso proprio voleria magnarme de novo un agnel come alora!» diseva nono con una nostalgia molto visibile e pareva che el poderia magnarselo intiero sto agnel in quel momento, anche se 'l gaveva pena finido de pransar. Mi anche me piaseria provar a magnar sto agnel e gnochi per Pasqua e zà che no go bruzà la casa fasendo el dolse, facilmente posibile che, mata come che son, decido de far qualcosa de sti dolsi o forsi l'agnel mi sola!

 Domenica, 29 marso 2015

 Ciao diario!

Stamatina me son alzada zà per le sete anche se xe domenica perché volevo andar a casa per sercar su Internet qualche riceta per far la titola o la pinsa anche se no xe ancora Pasqua, e tuta sta roba far prima de dover partir perché go de andar coi Scout in Bosco Siana. Intanto go trovado un per de ricete che par no tropo complicade e go comprado tuti i ingredienti che me cori. Xe zà le nove e deso devo moverme, però, perché devo rivar in tempo a sta gita coi Scout. Co torno de là me meto a cusinar. Anzi, meo dir impastar e rostir. Se qualcosa anderà storto – pasiensa! Anderà meo una altra volta. E ti diario lo steso tien me i corni che rieso! E più tardi magari scrivo come ga finì ste benedete pinsa e titola.

 

 2° PREMIO  DUE BAULI                                                Alba Bukša 
                                                               Classe I – m  Ginnasio Scientifico – Matematico

                                                                                Scuola Media Superiore Italiana Fiume

                                                          Insegnante: Gianna Mazzieri Sanković

Motivazione: "C' è la storia di tutto un popolo racchiusa in quei due bauli, scrigni della memoria, del dolore, dell’appartenenza, dell’orgoglio della propria identità. Ne è custode la nonna, che tramanda una pagina dell’esodo, ma lo è anche la nipote, che con uno stile ricco e sicuro tratteggia l’eredità spirituale lasciata in dono da chi quella storia l’ha vissuta. "

I NONNI RACCONTANO
Due bauli, una storia fiumana

In casa di mia nonna bambina per alcuni anni hanno troneggiato, sotto alle finestre della camera da letto, due grandi bauli di legno chiaro muniti di capaci lucchetti. Da piccola aveva creduto facessero parte dell’arredo anche se aveva notato che non venivano mai aperti né usati. Di quei bauli in famiglia non si parlava mai. La curiosità della nonna su che cosa contenessero era naturalmente grande e un giorno volle sentire la consistenza delle serrature e con sua meraviglia il lucchetto di uno dei bauli era malamente accostato sicché riuscì ad aprire il coperchio. Dentro c’erano dei libri, una scatola con delle fotografie, qualche vestito fuori moda, uno scialle, altre cose per lei di scarso interesse. Le fotografie erano invece un vero tesoro; persone sconosciute sorridevano da cartoncini in bianco e nero, la nonna piccolissima in braccio a una zia, tutte le vecchie signore della casa dove abitava ritratte nell’orto e la sua nonna in mezzo a loro. Dopo la prima volta nonna spesso riapriva il baule, si agghindava con lo scialle e ad ogni fotografia dava una sua interpretazione, ne fantasticava sopra ed era un passatempo piacevolissimo. Poi un giorno i bauli erano misteriosamente spariti senza che nessuno in famiglia avesse dato una spiegazione né d’altra parte poteva essere diversamente in quanto i bambini erano tenuti all’oscuro delle “cose dei grandi”.

Solamente diventata adulta nonna aveva scoperto che quei bauli erano destinati ad accogliere le cose di casa che la sua famiglia aveva intenzione di portare con sé nel viaggio, mai avvenuto, verso l’espatrio in Italia.

Con il tempo nonna aveva dimenticato la storia dei bauli e non ne avrebbe parlato se un giorno che le facevo compagnia mentre riordinava un armadio io non avessi adocchiato su uno stipo un vecchio contenitore di documenti e non avessi chiesto spiegazioni su quei fogli ingialliti dal tempo e a me incomprensibili.
Erano i documenti che la sua mamma aveva custodito dai tempi in cui avevano optato e nello spiegarmeli nonna mi ha illustrato una parte della storia di una famiglia, la sua e dunque anche mia, che aveva cercato inutilmente e con grande sofferenza di ottenere lo svincolo dalla cittadinanza jugoslava per riparare in Italia. I fogli ingialliti, battuti a macchina o addirittura in ciclostile, portano una sola dicitura: respinto.

Erano i duri anni successivi alla Seconda guerra mondiale, anni difficili, carichi di tensione per i fiumani. La gente viveva nella paura, soprattutto gli optanti. Erano esposti a molte angherie, malvisti sul lavoro e per strada. Gli alunni delle scuole italiane erano presi di mira dai coetanei della maggioranza e indicati con lo spregiativo epiteto di “fascisti” quando, come nei primi anni Cinquanta, non venivano presi a sassate
Dopo che la prima volta le era stata respinta l’opzione con la motivazione che il cognome di famiglia terminava in “ich” e dunque non era italiano, la mia bisnonna aveva inoltrato ricorso ma la risposta era sempre una sola: respinto. E così di seguito fino ai tardi anni Cinquanta quando ormai la nonna aveva preso a frequentare la scuola, la bisnonna aveva un lavoro e lasciare una vita anche se irta di mille difficoltà, comunque certa, per intraprendere la strada dell’esilio era diventato un sogno irrealizzabile.

C’è una parentesi in questo gioco di corsi e ricorsi che mi ha lasciato particolarmente esterrefatta e si riferisce alle mille angosce che i richiedenti dello svincolo incontravano al momento di presentare richieste e ricorsi. L’ ufficio competente veniva spostato a sorpresa da un posto all’altro, gli orari di apertura slittavano con facilità e le file della gente in attesa erano talmente lunghe che in quelle poche ore d’apertura l’ufficio chiudeva prima che la persona riuscisse ad entrarvi. Per chi lavorava era ancora più complicato perchè l’orario dell’ ufficio competente coincideva con quello del lavoro. Succedeva che un parente o un amico si mettesse in fila di buon’ora e l’interessato lo raggiungesse più tardi. Erano situazioni classificate dai fiumani, che non perdono mai l’innato senso dell’arguzia, come “i salti mortali”.

Le autorità avevano messo in pratica un sistema di dura selezione per cui succedeva che alcuni membri di una stessa famiglia ottenessero il diritto all’opzione e altri no. Famiglie sfasciate, parenti perduti, genitori rimasti senza figli. L’esodo è stato terribile. Un immenso dolore per chi partiva e per chi restava. Prima una folla di parenti e amici, poi sempre meno gente era rimasta ad accompagnare alla stazione ferroviaria i fiumani che partivano.
Di questa situazione nonna si era resa conto solo crescendo, afferrando qua e là qualche frase, parlandone con i compagni allorché ogni tanto qualche alunno spariva improvvisamente da scuola e si diceva “el xe andà profugo”. Poi vennero gli anni in cui i parenti profughi tornarono ogni estate a trascorrere le vacanze nella città abbandonata e in casa, malgrado il gran caldo, la facevano da padrone gli odori della “pasta e fasoi”, della “jota”, delle “luganighe cragnoline” tipici dell’inverno, perchè dicevano loro “solo a Fiume se pol trovar capuzi garbi e aio come che Dio comanda” trovando conforto alla loro nostalgia nei cibi tipici della cucina fiumana.

Questa è una storia comune a tante altre famiglie fiumane che orgogliosamente ancora oggi rispettano e difendono la loro identità di cittadini di madre lingua italiana che hanno saputo salvaguardare la loro cultura, le tradizioni, la scuola, la stampa e il loro teatro.

 

  

3° PREMIO  NEL MEZZO DEL CAMMIN…                        Gabriella Baković 
                                                                        Classe I – m Ginnasio Scientifico – Matematico

                                                                                           Scuola Media Superiore Italiana Fiume

                                                                            Insegnante: Gianna Mazzieri Sanković

Motivazione: Per aver elaborato il concetto di identità attraverso la scoperta dell'opera dantesca e della vita di altre personalità delle nostre terre. La riflessione è stata corredata di citazioni che hanno plasmato il pensiero dell'autore e lo hanno reso più maturo. 

Si dice che Augusto, Dante e Petrarca abbiano passeggiato dalle tue parti ... chissà quante personalità della storia e della letteratura hanno visto il tuo stesso paesaggio ...

 Il Mare Adriatico, il Golfo del Quarnero, il Monte Maggiore, Fiume e le altre città che vi si affacciano sono il mio paesaggio. Sono molto legata ad esso. Mi reputo una persona semplice, senza eccessive considerazioni, ma se qualcuno mi chiedesse di autodefinirmi direi che questa è la mia identità.

               Quest'anno abbiamo iniziato a studiare Dante e leggere la Divina Commedia. A scuola, per ora, abbiamo per ora letto solo il I canto. Mi sono meravigliata che non era affatto noioso. Sono stata presa dalla fantasia del Poeta, dalle sue immagini e dalla bellezza del linguaggio poetico che scorre senza intoppi e incatena la curiosità e ammirazione del lettore. Sono di madrelingua italiana anche se usando l'Italiano faccio parecchi sbagli e i versi di Dante in un Italiano così perfetto e unico li sentivo belli e vicini. Non possiedo ancora molte nozioni culturali per poter trattare la storia della terra alla quale sento di appartenere, e il fatto che anche Dante forse abbia visitato la nostra regione mi ha stupito e interessato, mi sembrava quasi impossibile. Ho cliccato quindi in Internet, inserendo la voce Dante in Istria e ne sono uscite tante ville e pensioni turistiche. Non mi sono arresa e ho continuato finché non ho notato un titolo quasi timido, Dante, la Divina Commedia e l'Istria... a cura di Donatella Schürzel. La Schürzel si pone la domanda in questa relazione del motivo "per cui tanta importanza è stata attribuita, ..., dalle genti dell'Istria e più propriamente della Venezia Giulia, a Dante". Innanzitutto pare che Dante avesse conosciuto per esperienza diretta i luoghi. L'autrice cita il passo del canto IX dell'Inferno e nomina come anche nel De vulgari eloquentia si menzionino dette terre. Nel canto IX si legge:

com’io fui dentro, l’occhio intorno invio;

e veggio ad ogne man grande campagna,

piena di duolo e di tormento rio.

Sì come ad Arli, ove Rodano stagna,

sì com’a Pola, presso del Carnaro

ch’Italia chiude e suoi termini bagna,

 L'Istria e le acque del Quarnero o meglio del Carnaro (termine che conoscevo già da una lapide dannunziana che sta capovolta nel cortile del museo d'Albona, la cui retorica altisonante era oggetto di "studio" da parte di noi bambini quando riuscivamo a scavalcare il recinto e giocarvi  per un po') segnavano dunque il naturale confine dell'Italia. Nella relazione si legge poi come "gli adriatici"  fossero stati sin dal Medioevo soggetti a "invasioni straniere spesso brutali e continue insidie alla loro integrità nazionale" per cui "il nome e l'opera di Dante  divennero ben presto il simbolo supremo della Patria..." A tal punto però mi ponevo la domanda di che cosa potrebbe significare per me ed altri miei coetanei un termine così altisonante.

          Tantissimi studiosi dell'area adriatica hanno rivolto la loro attenzione a questa problematica, se cioè Dante avesse effettivamente visitato l'Istria negli anni del suo pelegrinare. Ho incontrato a tal punto nomi per me nuovi di umanisti, studiosi e scrittori: l'umanista Pier Paolo Vergerio il Vecchio di Capodistria, il dalmata Giovanni Francesco Fortunio, il letterato e umanista che ha dato vita alla prima grammatica stampata dal titolo Regole grammaticali della volgar lingua e Nicolò Tommaseo che scrisse il famoso commento alla Divina Commedia. Ho appreso che anche Tommaseo era in esilio per ragioni politiche e di appartenenza nazionale mentre scriveva le sue opere, che si era cioè messo in contrasto con il governo dell'Austro-Ungheria poiché si impegnava per l'italianità della Repubblica di Venezia e delle terre che per secoli erano state sotto il suo dominio. Tommaseo era nato a Sebenicco in Dalmazia ed è soprattutto conosciuto per aver scritto il primo dizionario della lingua italiana. La statua del signor Tommaseo l'avevo vista in una piazza di Venezia, durante una gita scolastica, detta dai veneziani, secondo le parole della nostra guida, il "Cagalibri". L'autrice nomina inoltre come dalla Venezia Giulia partirono sempre associazioni dantesche per Firenze o altre città, dove si svolgevano cerimonie in onore di Dante per i diversi centenari. Nel 1865 in occasione del secentenario, questo non fu possibile perché proibito dall'autorità austro-ungarica a causa delle agitazioni irredentistiche. Comunque poi, l'anniversario fu celebrato in diverse città e a Trieste, assumendo dimensioni di protesta.

                     La Schürzel nomina anche la tematica dell'esilio, quale il motivo più profondo dell'attaccamento all'immagine di Dante da parte dei Giuliani. "L'esilio genera in chi lo vive, la consapevolezza del torto subito e nel contempo l'orgoglio di una propria elevazione morale. Dante ha nel corso della propria esistenza la duplice coscienza dell'ingiustizia patita e allo stesso tempo della superiorità morale." Viene citata poi la profezia che Cacciaguida, antenato di Dante, fa al poeta:

  Tu lascerai ogni cosa diletta

più caramente; e questo è quello strale

che dall’arco de lo esilio pria saetta.

Tu proverai sì come sa di sale

lo pane altrui, e come è duro calle

lo scendere e ‘l salire per l’altrui scale.

 E quel che più ti graverà le spalle,

sarà la compagnia malvagia e scempia

con la qual tu cadrai in questa valle :

Paradiso, Canto XVII, vv.55-63

 Versi che sono chiarissimi, la sensazione di un male che  non si può evitare e poi, secondo la  Schürzel, la speranza che la storia e gloria postuma meritata renderanno giustizia a tanta sofferenza.

 Questo tuo grido farà come vento,

che le più alte cime più percuote;

e ciò non fa d’onor poco argomento.

Paradiso, Canto XVII vv. 133-135

 

 

 MAILING LIST HISTRIA – Medie Superiori – Lavori di gruppo  – Categoria “ c “, sottocategoria “ 2 “ :

 

1°   NON ASSEGNATO

2°   NON ASSEGNATO

3°   NON ASSEGNATO